L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 7 gennaio 2022

Abbiamo un governo delle multinazionali del farmaco

06 Gennaio 2022 17:52
Andrea Zhok - "O il processo viene arrestato subito, oppure non ne usciremo più"
Andrea Zhok


La situazione è la seguente.

Sul piano sanitario l'attuale diffusione di una variante virale paucisintomatica, assai contagiosa e capace di creare protezione trasversale sarebbe una benedizione, consentendo un'endemizzazione rapida e indolore.

Se il governo, invece che angariare gli italiani sul tema, avesse fatto vacanza, con questi tassi diffusivi tra un mese avremmo raggiunto l'immunità di gregge (non ottenibile via inoculazione), saremmo usciti dalla pandemia e potremmo tornare ad una vita normale.

Ma questo non è nell'interesse del governo. Il suo interesse primario, per legittimare a posteriori quanto fatto, sta nel tenere ferma fino in fondo la narrazione su cui ha scommesso tutto, per cui l'inoculazione, e solo essa, è La Soluzione.

L'intento del governo è dunque quello di agire in modo da intestarsi il merito del miglioramento che avverrà comunque a primavera, attribuendolo alla "fermezza" con cui ha proceduto nel costringere alle inoculazioni.

Se questa narrazione, integralmente campata in aria dal punto di vista delle basi scientifiche, avrà successo (e con i media a gettone che abbiamo le possibilità sono alte), questo sarà il chiodo definitivo sulla bara delle nostre libertà future.

Questo perché con un virus che comunque continuerà a circolare e mutare, come l'influenza, l'estate prossima potrà ripartire la medesima carovana della scorsa estate. Avremo un preallarme, che chiederà di "non abbassare la guardia" in vista dell'inverno (l'attesa dell'emergenza è essa stessa emergenza) e si insisterà sull'inoculazione compulsiva (intanto Pfizer produrrà un qualche 'aggiornamento', che verrà pompato come la nuova "soluzione").

E così avanti all'infinito, tenendo la popolazione a catena corta con una certificazione d'accesso ai propri diritti, estendibile o revocabile a piacimento.

Arrivati a questo punto, o il processo viene arrestato subito, oppure non ne usciremo più.

Con grande sofferenza, avendo sempre nutrito un profondo senso dello stato, sono giunto alla conclusione che ora solo atti di (pacifica) disobbedienza civile potranno porre un argine al processo in corso.

Deve certamente avviarsi un progetto politico (nel medio termine sarà essenziale), ma deve innanzitutto e subito essere posto un limite all'attuale regno dell'arbitrio incarnato dal governo, e ciò può avvenire solo non accondiscendendo.

Nessun commento:

Posta un commento