L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 23 gennaio 2022

Il British Medical Journal (BMJ) ha chiesto il rilascio completo e immediato di tutti i dati relativi ai vaccini sperimentali e ai trattamenti COVID-19, affermando che è nell'interesse del pubblico farlo.

Il British Medical Journal chiede il rilascio immediato di tutti i vaccini COVID-19, i dati di trattamento

Tyler Durden's Photo
DI TYLER DURDEN
SABATO 22 GENNAIO 2022 - 08:10

Scritto da Katabella Roberts tramite The Epoch Times,

Il British Medical Journal (BMJ) ha chiesto il rilascio completo e immediato di tutti i dati relativi ai vaccini e ai trattamenti COVID-19, affermando che è nell'interesse del pubblico farlo.

BMJ, una rivista settimanale di settore medico peer-reviewed pubblicata dal sindacato British Medical Association, ha chiesto il rilascio dei dati in un editoriale pubblicato mercoledì.

"Oggi, nonostante il lancio globale di vaccini e trattamenti COVID-19, i dati anonimi a livello di partecipante alla base degli studi per questi nuovi prodotti rimangono inaccessibili a medici, ricercatori e pubblico e probabilmente rimarranno tali per gli anni a venire", ha affermato BMJ.

"Questo è moralmente indifendibile per tutti gli studi, ma soprattutto per quelli che coinvolgono importanti interventi di salute pubblica".

BMJ ha anche accusato le aziende farmaceutiche di "raccogliere enormi profitti senza un adeguato controllo indipendente delle loro affermazioni scientifiche", indicando Pfizer, la cui sperimentazione del vaccino COVID è stata "finanziata dalla società e progettata, gestita, analizzata e scritta dai dipendenti Pfizer".

Pfizer, con sede a New York, detiene ancora i dati dello studio e ha indicato che non inizierà a prendere in considerazione le richieste di tali dati fino a maggio 2025, 24 mesi dopo la data di completamento dello studio primario del 15 maggio 2023, che è elencata su ClinicalTrials.gov.

Nel frattempo, la Food and Drug Administration (FDA) aveva chiesto a un giudice di dargli 75 anni per produrre tutti i dati riguardanti il vaccino Pfizer e BioNTech.

Tuttavia, un giudice all'inizio di questo mese ha ordinato che la FDA renda pubbliche 12.000 pagine dei dati utilizzati per prendere decisioni in merito alle approvazioni per il vaccino Pfizer / BioNTech COVID-19 entro la fine del mese. La FDA deve anche rilasciare i dati sui vaccini di Pfizer ad un ritmo di 55.000 pagine al mese fino a quando tutte le pagine richieste sono pubbliche.

BMJ ha anche osservato che AstraZeneca ha indicato che potrebbe essere pronta a soddisfare le richieste di dati da una serie di studi di fase III. Tuttavia, la società con sede a Cambridge afferma che la tempistica per tali dati può "variare in base alla richiesta e può richiedere fino a un anno dopo la presentazione completa della richiesta di analisi, decisione, anonimizzazione e condivisione dei dati o dei documenti richiesti".

Epoch Times ha contattato i portavoce di Pfizer e AstraZeneca per un commento.

"Ci rimangono pubblicazioni ma nessun accesso ai dati sottostanti su richiesta ragionevole", BMJ ha detto.

Questo è preoccupante per i partecipanti allo studio, i ricercatori, i medici, gli editori di riviste, i responsabili politici e il pubblico. Le riviste che hanno pubblicato questi studi primari potrebbero sostenere di aver affrontato un dilemma imbarazzante, intrappolati tra rendere rapidamente disponibili i risultati di sintesi e sostenere i migliori valori etici che supportano l'accesso tempestivo ai dati sottostanti. A nostro avviso, non vi è alcun dilemma; i dati anonimi dei singoli partecipanti provenienti da studi clinici devono essere resi disponibili per un esame indipendente."

BMJ ha aggiunto che i regolatori non sono lì per "ballare sulle note delle ricche società globali e arricchirle ulteriormente", ma per proteggere la salute del pubblico in generale e per questo motivo, hanno detto, abbiamo bisogno di "completa trasparenza dei dati per tutti gli studi, ne abbiamo bisogno nell'interesse pubblico e ne abbiamo bisogno ora".

A dicembre, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) sono stati anche citati in giudizio dall'Informed Consent Action Network (ICAN) per le affermazioni secondo cui stanno trattenendo impropriamente i dati sulla sicurezza del vaccino COVID-19 al pubblico americano.

ICAN chiede al CDC di fornire dati di sicurezza post-licenza de-identificati per i vaccini COVID-19 nel sistema v-safe del CDC in modo da garantire la trasparenza con il pubblico in generale in merito alle affermazioni sia del CDC che dell'amministrazione Biden secondo cui i vaccini COVID-19 sono "sicuri ed efficaci".

Il British Medical Journal è una delle più antiche riviste mediche generali del mondo, essendo stata fondata nel 1840 e ha la libertà editoriale dalla British Medical Association.

https://www.zerohedge.com/covid-19/british-medical-journal-demands-immediate-release-all-covid-19-vaccine-treatment-data?utm_source=&utm_medium=email&utm_campaign=434

Nessun commento:

Posta un commento