L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 22 gennaio 2022

Ma Mosca non ha nessuna intenzione di farsi carico di quel cancro che rappresenta oggi l'Ucraina a differenza del Donbas a cui riconosce lo statuto di stato autonomo ed indipendente

Come risposta, Mosca riconoscerà l’indipendenza delle “Repubbliche di Luhansk e Donetsk”.
Maurizio Blondet 21 Gennaio 2022

E’ l’intenzione della Duma russa, secondo Reuters

Ci sono preoccupazioni per la sicurezza dei russi che vivono lì, afferma il presidente della Duma Vyacheslav Volodin. Pertanto, è stata accolta una richiesta per affrontare la questione. In primo luogo, i leader del partito ne avrebbero discusso.

Il parlamento russo esaminerà quindi proposte per riconoscere due aree separatiste filo-russe nell’Ucraina orientale come stati indipendenti la prossima settimana. Si tratta della “Repubblica popolare di Donetsk” e della “Repubblica popolare di Luhansk”,
Il portavoce dell’autoproclamata “Repubblica popolare di Donetsk”, Eduard Bassurin , ha annunciato pochi minuti fa alla televisione in lingua russa di avere informazioni che il governo di Kiev sta preparando un attacco false flag con sostanze chimiche sul fronte del Donbass.

Si prevede che un’unità speciale russa sarà presentata al pubblico mondiale come l’autore dell’attacco. Per corroborare questa accusa, Kiev vuole presentare ai media un presunto “difetto” che dovrebbe apparire come un testimone chiave contro la Russia. Secondo Bassurin, la situazione è molto grave.

Il governo di Washington aveva precedentemente accusato la Russia di sforzi sotto falsa bandiera. “Abbiamo informazioni che indicano che la Russia ha già istituito un gruppo di agenti per condurre un’operazione sotto falsa bandiera nell’Ucraina orientale”, ha affermato la portavoce del Dipartimento di Stato americano Jen Psaki, citata dalla FAZ .

Il quotidiano testualmente: “Psaki ha presentato le scoperte americane con dettagli insoliti: gli agenti russi sono stati addestrati alla ‘guerra urbana’ e all'uso di esplosivi per compiere atti di sabotaggio contro rappresentanti della Russia. Le informazioni indicavano che avrebbero anche iniziato a “fabbricare provocazioni” sullo stato e sui social media per giustificare l’intervento russo e seminare divisioni in Ucraina”.

Il ministero degli Esteri russo ha chiesto alla NATO di ritirare le truppe dalla Romania e dalla Bulgaria.
Il ministero degli Affari esteri russo ha chiesto alla NATO e agli Stati Uniti di ritirare le truppe dal territorio di Romania e Bulgaria: questo è uno dei punti importanti dell’accordo sulla fornitura di garanzie di sicurezza alla Russia. Per ovvi motivi, i paesi dell’Alleanza Nord atlantica non intraprenderanno tali azioni, poiché Bulgaria e Romania sono già membri della NATO e il ritiro delle truppe dal territorio di questi stati non può effettivamente essere effettuato.

“Quello dei pilastri delle nostre iniziative che lei ha citato è volutamente formulato in modo molto chiaro e non ammette interpretazioni ambigue. Si tratta del ritiro delle forze straniere, dell’equipaggiamento e delle armi e di altre misure per tornare alla configurazione del 1997 sul territorio di paesi che non erano membri della NATO alla data specificata. Questi includono sia la Bulgaria che la Romania “, ha affermato il ministero degli Esteri russo in una nota.

Tali richieste ovviamente non soddisfacevano la NATO e gli Stati Uniti. A questo proposito, ulteriori negoziati sulla fornitura di garanzie di sicurezza alla Russia si sono rivelati frustrati.

Tuttavia, la parte russa intende garantire la propria sicurezza se la NATO e gli Stati Uniti saboteranno i negoziati con la parte russa, ad esempio schierando truppe sul territorio della vicina Bielorussia, schierando armi missilistiche al confine dei paesi occidentali, eccetera.


Nessun commento:

Posta un commento