L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 25 gennaio 2022

Non può votare perché non ha il Passaporto dei vaccini sperimentali _ Democrazia scoppiata

Quale articolo della Costituzione, precisamente, vieta il voto agli eletti dal popolo se non sono vaccinati?

Italia, elezione Presidente. Deputato vaccinato e col passaporto sanitario, positivo Covid, portato con l’ambulanza per votare. Deputata non vaccinata, non positiva Covid, respinta dalla polizia. Non può votare perché senza passaporto sanitario.

Sara Cunial: “Nel tardo pomeriggio siamo finalmente riusciti ad ottenere un’assunzione responsabilità di chi ha vietato a un parlamentare democraticamente eletto e sano, l’accesso al seggio elettorale. C’è la firma del Presidente Roberto Fico su questo oltraggio alla democrazia e alla Costituzione, non solo nei miei confronti, ma nei confronti di tutta quella parte di popolo italiano che non si piega a umiliare la propria intelligenza e dignità sottoscrivendo un’inutile e insensata tessera di regime. Domani saremo di nuovo lì, a chiedere che siano rispettati i diritti di milioni di cittadini. Questa è una battaglia di tutti e per tutti”.

MB: In quale articolo della Costituzione precisamente è scritto che a un parlamentare, votato dal popolo, dunque incarnazione della sovranità popolare, è vietato partecipare ai lavori d’aula se non ha un certificato di vaccinazione? E che il divieto di votare al presidente della repubblica gli viene comminato  da poliziotti?

Dagospia, persino:
MAI SI ERA VISTA UNA TALE SCORRETTEZZA ISTITUZIONALE CHE VEDE DRAGHI IMPEGNATO A FARE UN GIRO DI CONSULTAZIONI CON I LEADER DEI PARTITI PER IL FUTURO GOVERNO, COME SE MARIOPIO FOSSE GIÀ CAPO DELLO STATO

https://www.maurizioblondet.it/quale-articolo-della-costituzione-precisamente-vieta-il-voto-agli-eletti-dal-popolo-se-non-sono-vaccinati/

Nessun commento:

Posta un commento