L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 17 febbraio 2022

C'è una resistenza che non si riescono a spiegare eppure le provane tutte

MARTEDÌ 15 FEBBRAIO 2022
In Nuova Zelanda hanno cercato di disperdere i no vax con la “Macarena”

Le autorità pensavano di sfinire i manifestanti davanti al Parlamento mandando in loop canzoni fastidiose, ma non è andata così bene

(Hagen Hopkins/ Getty Images)

Le autorità di Wellington, la capitale della Nuova Zelanda, hanno utilizzato un metodo piuttosto creativo per cercare di disperdere i manifestanti che da circa una settimana hanno occupato la zona attorno al Parlamento per protestare contro le restrizioni imposte per la pandemia da coronavirus. Dopo aver cercato di convincerli ad andare via con gli appelli, con gli idranti e con gli arresti, sabato ci hanno provato con la ripetizione in loop della “Macarena” e di altre canzoni ad alto volume, con l’obiettivo di sfinirli: questa strategia non sembra però aver avuto un grande successo.

Le proteste a Wellington erano iniziate martedì scorso ed erano apertamente ispirate alla mobilitazione dei camionisti canadesi a Ottawa, che avevano lo scopo di bloccare le strade e i servizi in città per protesta contro le restrizioni per la pandemia in Canada. Giovedì i manifestanti davanti al Parlamento neozelandese si erano ormai ridotti a poche centinaia di persone, ma nonostante l’arresto di più di 120 persone molte erano comunque rimaste a protestare, anche con il vento e sotto la pioggia.

Sabato, al quinto giorno di proteste, lo speaker della Camera dei deputati Trevor Mallard aveva quindi dato ordine di iniziare quella che Radio New Zealand ha definito «una battaglia degli altoparlanti», facendo suonare in rotazione a tutte le ore del giorno le canzoni del cantante pop americano Barry Manilow e la famosissima “Macarena” dei Los del Río, ma anche una versione stonata di “My Heart Will Go On” di Céline Dion, assieme a messaggi promozionali in favore della vaccinazione contro il coronavirus. Il sito neozelandese Stuff ha scritto che le canzoni riprodotte sono state scelte da una playlist delle 25 più detestate di sempre: tra le altre sono state trasmesse anche “You’re Beautiful” di James Blunt, che si era offerto di far suonare le sue «se la cosa non avesse funzionato», e l’appiccicosissima “Baby Shark”.

Il tentativo di infastidire i manifestanti con la musica ha avuto esiti discutibili.

La maggior parte dei manifestanti ha accolto le canzoni con fischi e proteste, ma non se n’è andata: alcuni hanno fatto partire dalle proprie casse l’energica “We’re Not Gonna Take It” (che si può tradurre con qualcosa come “non lo accetteremo”) del gruppo heavy metal degli anni Settanta e Ottanta Twisted Sister, mentre altri si sono messi a ballare a ritmo della “Macarena” o a cantare le canzoni di Blunt. Alcuni politici di opposizione inoltre hanno criticato l’iniziativa sostenendo che fosse una cosa infantile e che avrebbe solo convinto i manifestanti a restare.

Nessun commento:

Posta un commento