L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 1 febbraio 2022

Disobbedienza civile, non ci vuole molto per attuarla, respingere le schedature di massa si inizia da lì per arrivare agli ... Auschwitz. Ignorare le lettere dell'Agenzia delle Entrate senza reticenze, sono loro che devono spiegare a noi e non viceversa

La multa ai No-Vax. Come funziona.

Claudio Free mind💥🧘‍♂️, [31 Gen 2022 alle 21:54]
Il Sole di oggi spiega l’iter per la sanzione di 100 euro, che avevo già indicato dalla lettura del DL. A partire dal 1 febbraio, la sanzione scatta per tutti gli over 50 che non sono vaccinati, prima dose o seconda o booster. Al ricevimento dell’avvio della procedura, che il Sole ipotizza difficile da farsi in tempi brevi, il cittadino ha a disposizione 10 gg per pagare e/o dare comunicazioni del perchè non si è vaccinato. Trascorsi altri 10 gg, la ASL comunicherà all’Ag. delle Entrate se la sanzione dovrà essere comminata o meno. In caso positivo, entro 180 gg verrà emesso l’avviso di addebito, con 60 gg per pagare o 30 per fare ricorso, chiedendo la sospensione fino a decisione del Giudice. Il ricorso al Giudice di Pace costerà 43 euro di contributi unificati e si potrà presentare senza avvocato. In caso di sentenza contraria, gli verranno addebitate le spese di lite, e la sentenza potrà essere appellata. Ecco spiegato il motivo dei 100€ che non rendono conveniente il ricorso. Una patrimoniale.

Molly Ann McGinnis, [31/01/2022 22:17]
Claudio Free mind💥🧘‍♂️, [31 Gen 2022 alle 21:54]
Mi è stato chiesto e rispondo. Il ricorso alla sanzione si dovrà fare singolarmente, ma certo sarà possibile utilizzare gli stessi argomenti. Vedremo quando dovremo organizzarci. E’ vero che il ricorso costa 43 euro di contributi unificati, e che ci può essere la possibilità di perderlo, con eventuale condanna al pagamento delle spese di lite, che comunque devono per legge essere proporzionali agli importi contestati (per 100 euro di sanzione, per intenderci, non ci potrà essere condanna a migliaia di euro). Ma è anche vero che, in caso di vittoria, non solo ci sarà il rigetto della sanzione e si dovrà valutare a questo punto se resta una cosa fine a se stessa, ma ci sarà anche la condanna alle spese per l’opponente, ovvero l’Agenzia delle Entrate o il Ministero della Salute, a seconda del soggetto chiamato in causa. Non solo. Il ricorso alla sanzione permette di sollevare la questione di incostituzionalità della norma, e quindi non è da sottovalutare. Noi cittadini non possiamo adire la Consulta direttamente, ma un Giudice può farlo in via incidentale, se la questione a lui sottoposta è necessaria per la decisione di merito. Ergo, prepariamoci, a tempo debito occorrerà agire nel modo più preciso ed opportuno possibile.

multa

 

Nessun commento:

Posta un commento