L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 6 febbraio 2022

La Russia non da mai schiaffi ma li riceve, certamente poi, li restituisce senza pietà, questa volta è toccato ai tedeschi

Vladimir Putin, guerra fredda in tv. Schiaffo alla Germania, la Russia chiude Deutsche Tv
05 febbraio 2022

La portavoce del ministero russo degli Affari Esteri Maria Zakharova dice che la Russia aspetta la risposta della Germania sulla chiusura degli uffici dell'emittente pubblica internazionale tedesca Deutsche Welle a Mosca, avvenuta in segno di rappresaglia per la chiusura dell'emittente pro-Cremlino Russia Today in Germania. "Se la Germania va verso l'escalation, noi reagiremo di conseguenza. Se la Germania va verso una normalizzazione della situazione, noi reagiremo alla stessa maniera".

"Ancora questa settimana... Di fatto, ogni giorno, assistiamo alla campagna di informazione e politica in corso in Occidente che punta a costruire la leggenda di una certa minaccia russa, di un prossimo attacco del nostro paese, di piani di Mosca etc. Non ripeteremo tutte le assurdità che potete leggere da soli presso i nostri partner occidentali", ha aggiunto la portavoce, in riferimento alle tensioni in corso tra Russia e Occidente sull'Ucraina.

Nessun commento:

Posta un commento