L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 24 febbraio 2022

L'accordo di Minsk dopo otto anni nulla di fatto, l'Ucraina ha fatto gli orecchi da mercante. Oggi piangono per una unità che loro non hanno voluto rispettare

Baerbock: Putin ha “frantumato” l’accordo di Minsk – o no?

a proposito di “euforia  di onnipotenza accompagnata da mancanza di cultura generale”

Il ministro degli Esteri Annalena Baerbock ha accusato il presidente russo Vladimir Putin di aver gettato in mare l’accordo di Minsk a causa dell’escalation della crisi con l’Ucraina. L’accordo di Minsk, che era la questione nel formato Normandia, “è stato infranto unilateralmente dal presidente russo”, ha affermato Baerbock. Putin ha firmato l’accordo di Minsk, “ora la carta non vale niente”.

Tuttavia, ha sottolineato: “Anche nella peggiore crisi, dobbiamo sempre tenere la finestra aperta per i colloqui. Vogliamo prevenire la guerra”. Spetta ora alla Russia invertire i suoi passi di escalation. Baerbock ha detto che Putin ha deciso di agire completamente contro e ignorare il diritto internazionale. “La comunità internazionale non accetterà questa violazione del diritto internazionale”.

Le Drian ha parlato di sanzioni molto gravi e dolorose contro la Russia. Tuttavia, ha anche sottolineato che il formato Normandia dei negoziati tra Russia e Ucraina mediati da Francia e Germania non sarà abbandonato. Questo spazio di discussione deve rimanere aperto in modo che i lavori possano proseguire per una soluzione pacifica della crisi ucraina.

Qual è la responsabilità dell’Ucraina?

 

Altri commenti mostrano quanto diversa possa essere la percezione. Di conseguenza, la responsabilità del fallimento dell’accordo di Minsk spetta non da ultimo all’Ucraina – e anche al governo federale:

Tobias Riegel scrive nelle pagine di riflessione:

Putin ha “seppellito” gli accordi di Minsk, come si dice ora? No: questo accordo è stato rifiutato dalla parte ucraina per anni. In “Freitag”, ad esempio, Lutz Herden descrive “che la dirigenza di Kiev non voleva rispettare un solo briciolo dell’accordo di Minsk II concluso nel febbraio 2015, a parte lo scambio di prigionieri”. E Thomas Röper spiega anche che non è stata la Russia a “seppellire” l’accordo di Minsk II, ma l’Ucraina rifiutandolo – e indirettamente l’UE, perché non ha insistito sull’attuazione.

Detto Thomas Röper ha già scritto nel novembre 2021:

Nell’accordo di Minsk del febbraio 2015 è stato concordato un percorso in realtà abbastanza semplice per una soluzione pacifica del conflitto nel Donbass. Poiché i russi etnici che vivevano nel Donbass avevano paura del governo nazionalista radicale Maidan, fu convenuto che Kiev avrebbe concesso al Donbass una certa autonomia in un emendamento costituzionale, denominato nell’accordo uno status speciale.

Si è anche convenuto che Kiev avrebbe emesso un’amnistia generale, perché la guerra non può finire se una parte teme di essere punita dopo aver deposto le armi. L’essenza dell’accordo era che Kiev avrebbe dovuto avviare un dialogo diretto con i rappresentanti del Donbass e negoziare le modalità per nuove elezioni. Dopo l’attuazione di tutti questi punti, dovrebbero tenersi le elezioni, dopo le quali Kiev dovrebbe riprendere immediatamente il controllo del Donbass e anche del confine con la Russia. Tutto questo doveva essere completato entro l’autunno 2015, cosa che, come è noto, non è avvenuta.

Inoltre, vi erano altri punti dell’accordo che riguardavano questioni sociali ed economiche. Il testo dell’accordo può essere trovato qui.

Tuttavia, Kiev ha rifiutato di attuare l’accordo su tutti i punti sin dal primo giorno, anche se l’allora presidente Poroshenko lo ha firmato. Kiev rifiuta un dialogo con il Donbass, l’emendamento costituzionale non è mai stato attuato, Kiev non vuole certo sentire parlare di amnistia, e così via. Nonostante ciò, i politici e i media occidentali hanno accusato la Russia di aver violato l’accordo e non hanno affatto criticato Kiev. L’opinione pubblica in Occidente non è consapevole del fatto che la Russia non è affatto menzionata nell’accordo e che l’accordo non fa alcuna richiesta alla Russia che potrebbe violare.

Che le accuse contro la Russia siano pura finzione e propaganda è diventato particolarmente chiaro quando un giornalista ha chiesto al portavoce del governo Seibert quale dei 13 punti dell’accordo di Minsk la Russia stesse violando. Seibert non conosceva la risposta. Non ero completamente estraneo a questa farsa rivelatrice e imbarazzante, puoi trovare l’articolo qui (purtroppo, i video nell’articolo sono da allora vittime della censura di YouTube).

L’ultimo incontro in formato Normandia si è svolto a dicembre 2019 e in quel momento il presidente ucraino Zelensky ha chiarito di voler riscrivere l’accordo o, idealmente, annullarlo del tutto. E solo pochi giorni dopo l’incontro, l’inganno è ricominciato a Kiev, perché anche l’attuazione dei modesti passi verso la pace nel Donbass, decisi durante l’incontro, Kiev ha poi respinto di nuovo.

Tuttavia, la Russia ha chiarito di non essere pronta per ulteriori incontri fino a quando gli accordi raggiunti finora non saranno stati attuati. Ma Kiev non ci sta pensando in alcun modo, anzi.

L’agenzia di stampa tedesca delinea lo sviluppo dell’accordo come segue:

I soldati del governo combattono i separatisti sostenuti dalla Russia nell’Ucraina orientale dall’aprile 2014. Cinque mesi dopo l’inizio dei combattimenti, a Minsk (Bielorussia) è stato firmato un primo cessate il fuoco con un piano di pace per la regione intorno alle città di Luhansk e Donetsk. L’accordo avrebbe dovuto calmare la situazione, ma ci sono problemi con l’attuazione.

Trattative sotto la mediazione franco-tedesca

Dopo che i combattimenti sono divampati di nuovo a gennaio e febbraio 2015 e le truppe ucraine hanno perso più territorio intorno allo snodo dei trasporti di Debaltseve, questo piano è stato ampliato da 12 a 13 punti e perfezionato.

All’epoca, il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese François Hollande hanno mediato nei negoziati di un’ora tra il presidente russo Vladimir Putin e il suo collega ucraino Petro Poroshenko. La Russia sottolinea ancora oggi di essere un mediatore e non una parte nei negoziati.

violazioni dell’accordo

Centinaia di prigionieri sono stati scambiati più volte nell’ambito del piano di pace. Tuttavia, anche osservatori dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) rilevano quotidianamente violazioni da entrambe le parti. Il ritiro concordato delle armi pesanti dalla prima linea, ad esempio, è stato attuato solo in parte. Inoltre, entrambe le parti utilizzano droni da ricognizione nonostante il divieto di volo.

Contrariamente agli accordi, non è avvenuto il completo ripristino dei rapporti socio-economici, compreso il pagamento delle pensioni. Dal 2017 le aree separatiste sono soggette a un blocco economico completo da parte di Kiev, dal quale sono esentati solo gli aiuti umanitari.

L’autonomia prevista per la regione separatista dell’Ucraina orientale non è stata ancora attuata e non è stata inclusa nella costituzione ucraina. L’autonomia prevederebbe per le aree separatiste nel Donbass, ad esempio, la propria polizia e giurisdizione, nonché l’autodeterminazione della lingua e un’amnistia per i combattenti separatisti.

Un punto controverso: prima il confine o prima le elezioni?

Kiev insiste affinché le venga concesso il controllo del tratto di confine di circa 400 chilometri con la Russia perso dai separatisti prima che si tengano le elezioni nel Donbass. Tuttavia, il piano di pace prevede in realtà prima le elezioni e poi un graduale ritorno al controllo della sezione di confine. Un’altra condizione per le elezioni a Kiev è il completo ritiro preventivo di tutti i combattenti stranieri che sostengono i separatisti e il disarmo degli insorti.

Parigi 2019: più accordi e più problemi

Gli accordi che vanno oltre il piano di pace 2015 sono stati negoziati a Parigi nel dicembre 2019. Ad esempio, si decise di proseguire con il graduale disimpegno militare lungo il fronte. Ma ciò accade solo lentamente o per niente. Entrambe le parti si incolpano a vicenda per la precedente mancata apertura di due nuovi punti di passaggio tra l’area di governo e la regione separatista.

Anche la cosiddetta formula Steinmeier non è stata ancora inclusa nel diritto ucraino: durante il suo periodo come ministro degli Esteri, il presidente federale Frank-Walter Steinmeier aveva proposto che lo status speciale del Donbass si applicasse dal giorno delle elezioni locali nella regione. A causa dei molti punti controversi, molti osservatori non vedono più la possibilità di attuare il piano di pace nella sua forma attuale.

https://www.maurizioblondet.it/baerbock-putin-ha-frantumato-laccordo-di-minsk-o-no/

Nessun commento:

Posta un commento