L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 17 febbraio 2022

Mentre l'Europa, la penisola di Eurasia, paga gli aumenti vertiginosi delle bollette, grazie alla stolta politica degli Stati Uniti sulla Nato, il continente eurasiatico è sempre più interconnesso anche sul piano energetico

Febbraio 15, 2022
Cina e Russia: vincoli energetici sempre più stretti, mentre l’Europa si fa spennare


Più o meno nello stesso periodo in cui il presidente russo, Vladimir Putin, ha avuto il suo primo incontro di persona con il suo omologo cinese, Xi Jinping, in quasi due anni – all’apertura della cerimonia delle Olimpiadi invernali a Pechino – una serie di nuovi enormi accordi di cooperazione nei settori del petrolio e del gas e oltre sono stati annunciati dalle agenzie di stampa di entrambe le parti.

I due paesi hanno lavorato negli ultimi anni in maniera sempre più coordinata in molteplici spazi operativi, il tutto con l’obiettivo centrale di indebolire la posizione di potere globale dominante degli Stati Uniti, per poi soppiantarli in questo ruolo. In nessun luogo questa strategia coordinata è stata più ovvia in termini di affari nel settore petrolifero e del gas che in Medio Oriente. Dopo il ritiro unilaterale degli Stati Uniti dal Piano d’azione globale congiunto (PACG) con l’Iran nel maggio 2018, il ritiro dall’Afghanistan nel 11 settembre 2021, e poi la “missione di fine combattimento” in Iraq nel dicembre 2021, l’asse Russia-Cina ritiene di poter riuscire in questo risultato facilmente. I paesi del Medio Oriente hanno scelto di scusare il modo in cui la Cina affronti le culture musulmane al proprio interno e non si rendono comunque conto che si tratta di un gioco a somma zero: alla fine non avranno dal blocco orientale più di quello che potrebbero avere da quello occidentale.

Attualmente il grosso degli investimenti bilaterali sta avvenendo proprio nel Medio Oriente. La Cina si è recentemente concentrata sulla firma di molteplici accordi con l’Iraq, alcuni per sviluppi sul campo che hanno conquistato i titoli dei giornali, ma molti altri utilizzano il modello più nascosto di assegnazioni individuali “solo appalto” alle aziende cinesi di cui poche persone hanno mai sentito parlare, ma tutte interamente sostenute dallo Stato e finanziate dallo Stato (ogni singola azienda in Cina opera come parte dell’apparato statale). Un modello che un tempo era seguito anche da alcuni paesi europei, come l’Italia, che però ora sono completamente fuori gioco.

Pechino può permettersi di concentrarsi sull’Iraq ora, dato che già considera l’Iran – attraverso il suo accordo omnicomprensivo di 25 anni con Teheran – come “uno stato satellite de facto”, come confermato informalmente perfino da figure del governo persiano. Con l’obiettivo di utilizzare l’ambiguità politica sempre più mostrata da diversi stati del Medio Oriente che in precedenza avrebbero potuto essere inequivocabilmente definiti alleati degli Stati Uniti, la Cina sta organizzando accordi nei quali questi paesi vengono vincolati strettamente attraverso il debito, anche con gli investimenti “One Belt, one road”. Questi legami sono così stretti che, anche se domani ci fosse un cambiamento politico a Teheran, questa non sarebbe in grado di abbandonare gli accordi con la Cina. Anche se gli europei potenzialmente pagherebbero il petrolio meglio.

La scorsa settimana il colosso petrolifero statale di Mosca, Rosneft, ha firmato un accordo decennale da 80 miliardi di dollari per fornire alla China National Petroleum Corporation (CNPC) 100 milioni di tonnellate di petrolio nel periodo (poco più di 200.000 barili al giorno), spedite dal Kazakistan agli impianti di raffinazione nel nord-ovest della Cina. Ciò avverrà insieme alle altre esportazioni di greggio russo in Cina e nel 2021 le spedizioni di greggio russo tramite oleodotti in Cina sono state di 40 milioni di tonnellate (poco più di 800.000 barili al giorno), secondo l’operatore di oleodotti russo Transneft. Niente di tutto ciò influenzerà il flusso continuo della principale rotta russa di esportazione di petrolio greggio verso la Cina: gli 80 milioni di tonnellate all’anno (circa 1,6 milioni e 1,6 milioni di barili al giorno) dell’oleodotto Siberia orientale-Oceano Pacifico che trasporta il petrolio direttamente in Cina, così come come attraverso il porto di Kozmino.

Questo aumento dei volumi e dei meccanismi di consegna del petrolio greggio alla Cina fa parte di una strategia ad ampio raggio per aggirare il più possibile gli effetti delle sanzioni internazionali contro la Russia. Altro elemento di questa strategia è il rapido sviluppo da parte di Rosneft della rotta del Mare del Nord (NSR), che consente consegne relativamente senza ostacoli alla Cina. Rosneft sta inoltre promuovendo lo sviluppo del progetto Vostok Oil nell’estremo nord della Russia che include il cluster Vankor, il blocco Zapadno-Irkinsky, il gruppo di giacimenti Payakhskaya e il cluster East Taimyr. L’amministratore delegato di Rosneft e amico intimo e consigliere di Putin, Igor Sechin, ha anche promesso che il progetto Vostok Oil e la costruzione del corollario della NSR comporterebbe la creazione di una “nuova provincia del petrolio e del gas” nella penisola siberiana di Taymyr, con il progetto completo che rappresenta un investimento totale di 10.000 miliardi di RUB (135 miliardi di dollari USA), inclusi due aeroporti e 15 “città industriali”. inviato dall’Artico lungo la NSR solo da qui al 2024. Soldi impegnati per assicurare le forniture energetiche a Pechino.

Nel settore del gas, l’annuncio principale della scorsa settimana è stato che il colosso statale russo del gas, Gazprom, ha firmato un accordo da 10 miliardi di metri cubi all’anno (bcm/anno) per la fornitura di gas alla CNPC, aggiungendosi a un altro contratto di fornitura tra le due società firmato nel 2014 – un accordo trentennale per 38 miliardi di metri cubi all’anno per andare dalla Russia alla Cina. Questo, a sua volta, fa parte, ma aumenta, il progetto dell’oleodotto “Power of Siberia” – gestito da parte russa da Gazprom e da parte cinese da CNPC – lanciato a dicembre 2019. Secondo i commenti dell’azienda, Gazprom è sviluppando anche “Power of Siberia 2”, attraverso la Mongolia, che aumenterà la fornitura di gas alla Cina di ulteriori 50 miliardi di metri cubi all’anno. Questi sviluppi seguono l’aumento del 50,5% su base annua (anno su anno) nel 2021 delle esportazioni di gas dalla Russia alla Cina, con il volume di quanto consegnato tramite gasdotto durante quel periodo in aumento del 154,2% su base annua, a 7,54 milioni di tonnellate, secondo a gennaio i dati dell’amministrazione generale delle dogane cinese. Tutto questo gas prima arrivava in Europa. Ora la Cina si può perfino permettere di liquefare questo gas e rivendercelo a prezzi maggiorati. Siamo diventati il pollo mondiale da spennare.

Questi investimenti da un lato permettono alla Russia di continuare a produrre anche nel caso di rottura del sistema SWIFT, estrema ratio presentata dagli USA per escludere Mosca dal sistema finanziario globale. Nello stesso tempo la Cina si assicura una stabilità energetica a lungo termine che gli europei e gli occidentali non riescono più ad assicurarsi, ormai abbagliati dal miraggio “Green” e depauperati da politiche energetiche sbagliate. Si tratta di una competizione nei confronti, soprattutto, degli altri competitori orientali, come India, Giappone e Sud Est Asiatico. Noi siamo completamente tagliati fuori.

Nessun commento:

Posta un commento