L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 15 marzo 2022

Demilitarizzazione, denazificazione, imporre il principio dell'indivisibilità della sicurezza. Il clero televisivo, il Circo mediatico italiano non si sofferma su obiettivi chiari e trasparenti ma ogni giorno ci indottrina facendo leva sulle emozioni, gettando in questa maniera benzina sul fuoco ucraino, allarga la faglia che si è creata, spinge verso la guerra mondiale obbligatoriamente atomica, utilizza sapientemente i suoi mezzi per creare odio, ci conduce verso la morte. I decisori politici imbambolati da una parte nati servi degli Stati Uniti e dall'altra presa da questa spirale creata ad arte dagli media che non rispondono a loro ma al Council on Foreign Relationes

Le ragioni esistenziali della Russia per intervenire in Ucraina
Maurizio Blondet 14 Marzo 2022

F. William Engdahl

La decisione del presidente russo di ordinare un’azione militare nella vicina Ucraina a partire dal 24 febbraio 2022 ha scioccato molti, me compreso. La domanda a questo punto dopo quasi due settimane dall’azione militare da parte della Russia e di altre forze all’interno dell’Ucraina, è cosa abbia spinto la Russia in quella che i media occidentali descrivono come una guerra di aggressione unilaterale e ingiustificata. Una minaccia pubblica del presidente e comico ucraino Volodymyr Zelenskyy il 19 febbraio, durante gli incontri con alti funzionari della NATO e altri durante la Conferenza annuale sulla sicurezza di Monaco, fornisce un indizio in gran parte ignorato sulle azioni di Mosca. Inoltre, rapporti più recenti di numerosi laboratori di armi biologiche del Pentagono degli Stati Uniti in tutta l’Ucraina si aggiungono alle minacce di fondo. Mosca credeva che la Russia affrontasse una realtà letterale?

Un po’ di storia essenziale

L’attuale conflitto in Ucraina ha i suoi semi negli anni ’90 e nel crollo dell’Unione Sovietica sostenuto dagli Stati Uniti. Durante i colloqui di alto livello sul Trattato Due più quattro relativi alla riunificazione della Germania nel 1990, i colloqui tra il Segretario di Stato americano James Baker III e l’allora leader sovietico Mikhail Gorbachev, insieme a Francia, Regno Unito e governo della Germania occidentale, sull’unificazione della Germania, Baker ha promesso verbalmente che la NATO non si sarebbe spostata “di un pollice” a est per minacciare i territori dell’ex Unione Sovietica, in cambio dell’URSS che avrebbe consentito la riunificazione tedesca all’interno della NATO.

Per anni Washington ha mentito sullo scambio, spostandosi uno dopo l’altro gli ex paesi del Patto di Varsavia, tra cui Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Ungheria, Stati baltici nella NATO e più vicini alla Russia. Di recente Putin ha citato l’accordo Baker del 1990 per giustificare le richieste russe che la NATO e Washington forniscano assicurazioni legali vincolanti che l’Ucraina non sarebbe mai stata ammessa nell’alleanza NATO. Washington fino ad ora ha rifiutato categoricamente di farlo.

Il discorso di Putin a Monaco del 2007

Alla Conferenza annuale sulla sicurezza di Monaco del 2007, poiché l’amministrazione Bush-Cheney aveva annunciato l’intenzione di installare sistemi di difesa missilistica statunitensi in Polonia, Romania e Repubblica Ceca per “proteggersi da stati canaglia come la Corea del Nord o l’Iran”, Il russo Putin ha espresso una feroce critica alle bugie degli Stati Uniti e alla violazione delle loro assicurazioni del 1990 sulla NATO. A quel punto 10 ex stati comunisti dell’Est erano stati ammessi alla NATO nonostante le promesse degli Stati Uniti del 1990.Inoltre, sia l’Ucraina che la Georgia erano candidate ad aderire alla NATO dopo le Rivoluzioni Colorate guidate dagli Stati Uniti in entrambi i paesi nel 2003-4. Putin ha giustamente sostenuto che i missili statunitensi erano diretti alla Russia, non alla Corea del Nord o all’Iran.

Nelle sue osservazioni a Monaco del 2007, Putin ha detto al suo pubblico occidentale: “Si scopre che la NATO ha messo le sue forze in prima linea ai nostri confini e continuiamo ad adempiere rigorosamente agli obblighi del trattato e non reagiamo affatto a queste azioni. Penso che sia ovvio che l’allargamento della NATO non ha alcun rapporto con la modernizzazione dell’Alleanza stessa, né con la sicurezza in Europa, anzi, rappresenta una seria provocazione che riduce il livello di fiducia reciproca e abbiamo il diritto di chiedere: contro chi è prevista questa espansione?E che fine hanno fatto le assicurazioni fatte dai nostri partner occidentali dopo lo scioglimento del Patto di Varsavia? Dove sono oggi quelle dichiarazioni? Nessuno li ricorda nemmeno”. Putin ha aggiunto: “Ma mi permetterò di ricordare a questo pubblico ciò che è stato detto. Vorrei citare il discorso del Segretario generale della NATO, sig. Woerner, a Bruxelles il 17 maggio 1990. All’epoca egli disse che: “il fatto che siamo pronti a non collocare un esercito della NATO fuori dal territorio tedesco dà all’Unione Sovietica una ferma convinzione garanzia di sicurezza”. Dove sono queste garanzie? “Sono passati 15 anni.

Il colpo di stato di Maidan del 2014

Entro novembre 2013 un’Ucraina economicamente corrotta e in difficoltà è stata eletta e anche molto corrottaIl presidente Viktor Yanukovich, ha annunciato che, piuttosto che accettare un’associazione “speciale” con l’UE, l’Ucraina avrebbe accettato un’offerta molto più generosa da Mosca per entrare a far parte dell’Unione economica eurasiatica guidata da Mosca . La Russia aveva accettato di ridurre del 30% il prezzo del gas russo all’Ucraina e di acquistare 15 miliardi di dollari di obbligazioni ucraine per alleviare la crisi finanziaria di Kiev.

A quel punto, il 21 novembre, Arseniy Yatsenyuk, l’uomo selezionato da Victoria Nuland di Washington e dall’ambasciatore di Kiev Geoffrey Pyatt, insieme all’allora vicepresidente Joe Biden, hanno lanciato quelle che furono chiamate proteste di piazza Maidan contro il regime di Yanukovich sostenuto dalle ONG statunitensi. Il 20 febbraio 2014, dopo che cecchini organizzati dalla CIA, secondo quanto riferito reclutati dalla vicina Georgia, hanno ucciso dozzine di manifestanti studenteschi e anche la polizia, portando Yanukovich a fuggire,Yatsenyuk è diventato Primo Ministro in un regime guidato dagli Stati Uniti, scelto con cura da Nuland e Biden, tra gli altri .

Più tardi, nel dicembre 2014, in un’intervista con un quotidiano russo, George Friedman di Stratfor, una società privata di consulenza al Pentagono e alla CIA, tra gli altri, ha detto del cambio di regime di Kiev guidato dagli Stati Uniti nel febbraio 2014, “la Russia chiama gli eventi che hanno avuto luogo a l’inizio di quest’anno un colpo di stato organizzato dagli Stati Uniti. Ed è stato davvero il colpo di stato più clamoroso della storia ” . Si è vantato nell’intervista.

Quel regime di colpo di stato di Kiev ha proseguito dopo il 22 febbraio 2014 per condurre una guerra di sterminio e pulizia etnica dei russofoni nell’Ucraina orientale, guidata in larga misura da un esercito privato di neonazisti letterali del Settore Destro, gli stessi che guidavano sicurezza in piazza Maidan e ha lanciato un regno di terrore contro gli ucraini di lingua russa. I battaglioni erano formati da mercenari neonazisti. Hanno ricevuto lo status ufficiale di stato come soldati della “Guardia nazionale ucraina”, il Battaglione Azov, finanziato dal boss della mafia ucraina e oligarca miliardario, Ihor Kolomoisky, il finanziatore di Zelenskyy come presidente.I soldati Azov sfoggiano persino rune SS aperte come logo. Nel 2016, l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR) ha accusato il battaglione Azov, ufficialmente aggiornato a reggimento nel gennaio 2015, di aver commesso crimini di guerra come saccheggi di massa, detenzione illegale e tortura.

Oggi Nuland è il Sottosegretario di Stato per gli Affari Politici di Biden, responsabile degli affari dell’Ucraina e della Russia. Lei sa bene chi sono i Battaglione Azov.

Zelenskyy e Monaco di Baviera 2022

Il 19 febbraio a Monaco di Baviera, il presidente ucraino Zelenskyy ha minacciato di schierare armi nucleari sul territorio ucraino. Ha espresso questo come la sua revoca unilaterale del Memorandum di Budapest del 1994, sebbene l’Ucraina non fosse uno dei firmatari dell’accordo. Due giorni dopo, la sera del 21 febbraio, Putin ha pronunciato il suo discorso riconoscendo l’indipendenza sovrana delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Ha fatto esplicito riferimento alla promessa di Zelenskyy sulle armi nucleari di Monaco: “Questa non è una vana spavalderia”, ha sottolineato Putin nel suo discorso.

Il 6 marzo l’agenzia di stampa statale di Mosca, RIA Novosti, ha citato un’importante fonte russa dell’intelligence straniera SVR con i dettagli su un progetto segreto in Ucraina, secondo quanto riferito con il vitale supporto segreto occidentale,per costruire una capacità missilistica nucleare ucraina e una bomba atomica ucraina in sfacciata violazione del Trattato di non proliferazione nucleare. Secondo il rapporto, gli scienziati nucleari ucraini stavano mascherando gli sviluppi localizzandoli vicino agli alti livelli di radiazioni del sito del reattore nucleare di Chernobyl, una spiegazione per le rapide mosse russe per proteggere Chernobyl.“Era lì, a giudicare dalle informazioni disponibili, che erano in corso lavori sia sulla fabbricazione di una bomba “sporca” che sulla separazione del plutonio”, cita la fonte RIA Novosti. La principale struttura di ricerca sulle bombe si trovava presso il National Scientific Center, “Kharkov Institute of Physics and Technology”. Al momento della stesura di questo articolo, i rapporti di aspri combattimenti in corso tra le forze russe e i combattenti neonazisti ucraini Azov che secondo quanto riferito stanno pianificando di far saltare in aria il sito del reattore di ricerca e incolpare la Russia. Apparentemente anche la battaglia per il controllo della grande centrale nucleare di Zaporizhzhia fa parte del tentativo di nascondere il progetto illegale di bombe ucraine.

Ora inizia a diventare più chiaro che Putin aveva seri motivi per reagire alla minaccia nucleare ucraina. Un missile nucleare ucraino entro sei minuti da Mosca presenterebbe un pericolo esistenziale indipendentemente dal fatto che l’Ucraina fosse nella NATO o meno.

Enorme accumulo militare – Guerra biologica?

C’era di più. La stampa ucraina ha riferito un anno fa di nuove basi navali NATO de facto costruite in Occidente a Ochakov e Berdyansk come “moderne infrastrutture in grado di ricevere navi di ogni tipo, equipaggiate secondo gli standard NATO e costruite con i soldi dei paesi dell’alleanza ” . I media si vantavano: “In tre anni saremo in grado di colpire le navi russe nel Mar Nero con la nostra flotta di zanzare.E se ci uniamo alla Georgia e alla Turchia, la Federazione Russa sarà bloccata”, si vantavano gli esperti militari ucraini . “

Inoltre, il Pentagono statunitense aveva non meno di otto, forse fino a 30 laboratori di ricerca sulle armi biologiche top-secret in tutta l’Ucraina. DNA di circa 4.000 volontari militari . Una volta che i soldati russi si sono mossi per mettere al sicuro le prove, l’ambasciata statunitense a Kiev ha cancellato la precedente menzione dei siti dal suo sito web e, secondo quanto riferito, gli ucraini si sono trasferiti per distruggere le prove di laboratorio. I laboratori ucraini a Kharkiv e altrove stavano operando in collaborazione con gli Stati Uniti, scorte di tali armi venivano segretamente immagazzinate in diretta violazione delle convenzioni internazionali.

Un mese intero prima dell’azione militare russa del 24 febbraio in Ucraina, la ricercatrice indipendente sulla guerra biologica, Dilyana Gaytandzhieva, ha ottenuto documenti che descrivono in dettaglio ” esperimenti biologici del Pentagono statunitense con un esito potenzialmente letale su 4.400 soldati in Ucraina e 1.000 soldati in Georgia. Secondo i documenti trapelati , tutti i decessi di volontari dovrebbero essere segnalati entro 24 ore (in Ucraina) e 48 ore (in Georgia).” Descrive in dettaglio gli esperimenti umani, che includono test per gli anticorpi contro circa 14 agenti patogeni tra cui la febbre emorragica della Crimea-Congo, le specie Borrelia (malattia di Lyme) e altri. Secondo i documenti, i laboratori in Ucraina e Georgia fanno parte di un programma di impegno biologico da 2,5 miliardi di dollari della Defense Threat Reduction Agency (DTRA) del Pentagono che include la ricerca su agenti biologici,virus e batteri resistenti agli

antibiotici “ . che componenti di armi biologiche venivano sviluppate in Ucraina, in prossimità del territorio russo. Ha osservato: “Nel corso di un’operazione militare speciale, sono stati scoperti i fatti di una pulizia di emergenza da parte del regime di Kiev delle tracce di un programma biologico militare in corso in Ucraina, finanziato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti “.

In aggiunta a questa prova del posizionamento di armi nucleari e biologiche all’interno dell’Ucraina negli ultimi anni, i paesi membri della NATO occidentale hanno versato miliardi di dollari di equipaggiamento militare, comprese armi anticarro ed esplosivi in ​​Ucraina mentre Zelenskyy, secondo l’opposizione, si sarebbe nascosto in l’ambasciata americana a Varsavia, chiede ripetutamente una “No-Fly zone” della NATO sull’Ucraina, un atto che sarebbe un diretto casus belli di guerra tra Russia e NATO , una guerra che potrebbe rapidamente diventare nucleare o oltre.

La domanda è se questa provocazione lunga anni da parte di Washington e della NATO della sicurezza nazionale russa attraverso l’Ucraina mira a distruggere la vitalità della Russia come nazione sovrana e potenza militare. È una mossa calcolata utilizzare le sanzioni contro la Russia per causare il collasso globale e le crisi energetiche, la carenza di cibo e peggio, tutto per portare avanti l’agenda del Grande Reset di Davos 2030? Dare la colpa al “malvagio Putin” e alla Russia mentre BlackRock e le potenze finanziarie riorganizzano il mondo? È troppo presto per dirlo, ma quello che è certo è che qualunque cosa abbia spinto l’azione della Russia il 24 febbraio 2022 doveva essere molto più grave di quanto ci dicono la CNN o altri media occidentali controllati .

Informazioni sull’autore

F. William Engdahl è consulente per il rischio strategico e docente, è laureato in politica all’Università di Princeton ed è un autore di best seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook” .

Nessun commento:

Posta un commento