L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 12 marzo 2022

Eurasia ha sempre più consapevolezza di essere

CDC INCONTRA – AVV. SCALFATI: L’OCCIDENTE ATTACCA IL “CUORE DELLA TERRA”
Talassocrazia vs Tellurocrazia: Le antiche cause di un conflitto inevitabile

By Massimo Cascone On 11 Marzo 2022 4,655


AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.


In questa nuova puntata di ComeDonChisciotte Incontra, ospitiamo l’avvocato amministrativista Massimo Scalfati, questa sera in veste di esperto di geopolitica e geofilosofia.

Tramite le qualificate parole dell’avvocato, analizzeremo le cause antiche dello scontro tra mondo Occidentale e mondo euroasiatico, guardandolo con un ottica diversa, quella del secolare scontro tra Tellurocrazie e Talassocrazie.

Quella che oggi stiamo vivendo, secondo l’avvocato, è soltanto l’ennesima fase di una strategia di guerra che la talassocrazia occidentale (USA/NATO) sta attuando per accerchiare “Heartland”, il Cuore della Terra, unica vera tellurocrazia dai tempi degli zar.



La strategia prevede la conquista dei paesi dell’anello più esterno, al fine di costringere sempre più la super potenza a ritirare la propria influenza nei pressi dei confini. Solo così, come teorizzato fin dall’inizio del ‘900, si potrà sferrare l’attacco definitivo al Cuore della Terra per spaccarlo definitivamente.

Tutti gli ambiti d’analisi sono colpiti trasversalmente dal conflitto, secondo l’avvocato anche quello prettamente filosofico, siamo di fronte infatti allo scontro tra la cultura orientale fatta di ordine e spiritualità e quella occidentale caratterizzata per materialismo e competitività.

La speranza, nata anche guardando alla presa di posizione di alcune nazioni durante l’Assemblea Generale dell’ONU, è che i popoli dell’Asia e dell’Africa possano opporsi al globalismo anglosassone che tutto omologa, prendendo finalmente posto nel mondo multipolare del futuro.

Conduce Massimo Cascone, regia e montaggio Giulio Bona.

Buona visione!



Massimo A. Cascone, 10.03.2022

Nessun commento:

Posta un commento