L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 14 marzo 2022

I dodici missili, parrebbe erano diretti verso i generali sionisti che si trovavano a Erbil. Il Mossad è di casa in Iraq

Iran: 9 generali israeliani uccisi nell’attacco a Erbil

L’attacco missilistico dell’esercito iraniano, tra cui 12 missili balistici Fateh-110, ha permesso a Teheran di eliminare 9 generali del Mossad, il cui quartier generale era situato a Erbil (Iraq).

Secondo fonti iraniane, nove generali israeliani che in quel momento stavano tenendo un incontro presso il quartier generale sono stati uccisi.

“Nove generali del Mossad sono stati uccisi in un attacco missilistico alla base di Erbil: Adam Butler, Mathis Datris, Melissa Robert, Gabriel Tucker, Mark Zall, Smith, Connie, Minuses, Saul “, riferisce il giornalista iraniano Khayal Muazzin.

Queste informazioni differiscono dai dati del quotidiano israeliano Haaretz, i cui giornalisti riportano la morte di 4 alti ufficiali e il ferimento di altri sette.

“Domenica, 12 razzi sono stati lanciati contro il consolato degli Stati Uniti a Erbil, nel nord dell’Iraq”, hanno detto i funzionari della sicurezza irachena. Più tardi domenica, il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche ha rilasciato una dichiarazione in cui rivendicava la responsabilità degli attacchi missilistici contro i “centri strategici” israeliani a Erbil. Missili balistici sono stati lanciati contro il quartier generale del Mossad a Erbil e si presume che quattro ufficiali israeliani siano stati uccisi e sette feriti nell’attacco. Menziona anche che gli agenti dell’intelligence iraniana hanno distrutto una rete di spionaggio israeliana che operava nel paese nel tentativo di reclutare agenti locali “, afferma il rapporto.

Nonostante gli Stati Uniti neghino la presenza di vittime da parte loro, letteralmente a poche ore dagli scioperi, un’ambulanza dell’aeronautica americana è volata verso Erbil, il che indica il fatto che la parte americana ha vittime, e probabilmente vittime.

Подробнее на: https://avia.pro/news/iran-unichtozhil-raketnym-udarom-9-izrailskih-generalov

Sarebbero 180 i mercenari stranieri uccisi a Leopoli

mercenari-lviv

Le forze russe hanno attaccato il “Centro internazionale per la pace e la sicurezza” (non c’è nome più orwelliano) che di fatto nasconde un centro di addestramento delle forze armate ucraine a Starychi e il campo di addestramento militare Yavorovsky nella regione di Leopoli in Ucraina, a pochi chilometri dal confine polacco. Questo centro è noto per addestrare battaglioni neonazisti e mercenari stranieri che arrivano in Ucraina, e gli istruttori sono ucraini ovviamente ma anche… americani e britannici. Qualcuno di loro è tra le vittime? Nessuno lo sa al momento.

Thiago Rossi, un mercenario brasiliano andato in Ucraina, ha detto che la maggior parte della sua unità è stata spazzata via nell’ultimo attacco aereo e lui e ciò che era rimasto stavano ora fuggendo in Polonia. Rossi in precedenza aveva detto in un’intervista che “avrebbe sparato a qualsiasi invasore e non aveva paura della guerra”.

https://www.maurizioblondet.it/iran-9-generali-israeliani-uccisi-nell-attacco-a-erbil/

Nessun commento:

Posta un commento