L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 9 marzo 2022

I migliori diplomatici e funzionari statunitensi che hanno supervisionato i negoziati post-sovietici con la Russia sull'ordine di sicurezza dell'Europa nel 1990 sapevano benissimo che se la NATO si fosse mai espansa fino ai confini della Russia, sarebbe un suicidio

Una spiegazione sorprendente dell'invasione russa da parte di un ex funzionario della CIA di alto livello

Tyler Durden's Photo
DI TYLER DURDEN
MARTEDÌ 8 MARZO 2022 - 03:00

Un sorprendente editoriale su MSNBC che sosteneva che l'invasione russa dell'Ucraina era probabilmente "prevenibile" se gli Stati Uniti e la NATO avessero semplicemente cercato di intraprendere un percorso di diplomazia muscolare e potenziale compromesso sembra essere sfuggito ai censori e ai guardiani dei media mainstream.

Dall'inizio dell'invasione di giovedì 24 febbraio, la narrativa prevalente riguardante le motivazioni della Russia è stata in gran parte limitata a una storia hollywoodiana ultra-semplicistica che va più o meno così: un giorno un grande bullo e mostro di nome Putin ha deciso che voleva invadere e uccidere le persone in un paese vicino, e che vuole ulteriormente "resuscitare la vecchia Unione Sovietica".

Ma in un editoriale piacevolmente realista, l'editorialista politico della MSNBC Zeeshan Aleem ha esposto la narrativa egoistica di Washington che era destinata più al consumo delle masse come falsa. Aleem indica una realtà molto più complessa e sfumata, ricordando al pubblico ciò che dovrebbe essere ovvio per qualsiasi studente di storia - che i migliori diplomatici e funzionari statunitensi che hanno supervisionato i negoziati post-sovietici con la Russia sull'ordine di sicurezza dell'Europa nel 1990 sapevano benissimo che se la NATO si fosse mai espansa fino ai confini della Russia, sarebbe un suicidioEra stato previsto decenni fa che la guerra sarebbe stata innescata in un tale scenario.

AFP via Getty Images

Come ha detto il professore di relazioni politiche e studioso John Mearsheimer nel 2015, "Quello che sta succedendo qui è che l'Occidente sta guidando l'Ucraina lungo il sentiero della primula, e il risultato finale è che l'Ucraina sta per essere distrutta".

Basandosi su alcuni di questi studiosi del passato e statisti statunitensi, il recente articolo di MSNBC descrive una guerra che avrebbe potuto essere facilmente evitata

Il fatto che la questione dello status della NATO non sia stata messa sul tavolo mentre Putin segnalava che era serio riguardo a un'invasione – così chiaramente che il governo degli Stati Uniti lo stava spiegando con aggiornamenti quotidiani – è stato un errore e potenzialmente catastroficoPuò sembrare crudele suggerire che all'Ucraina potrebbe essere impedito, temporaneamente o permanentemente, di entrare in un'alleanza militare in cui vuole essere. Ma ciò che è più crudele è che gli ucraini potrebbero pagare con la vita per il flirt sconsiderato degli Stati Uniti con l'Ucraina come futuro membro della NATO senza mai impegnarsi nella sua difesa.

Dopotutto, sottolinea l'editorialista, era estremamente improbabile che l'Ucraina sarebbe mai diventata un membro della NATO per molti anni a venire, dato che l'articolo 5 richiede che qualsiasi potenziale membro debba avere il controllo sui propri confini. Naturalmente, dato il conflitto del Donbass che infuria dal 2014, questo da solo precluderebbe l'ingresso di Kiev.

Ma né Bruxelles né Washington erano interessate a "perdere la faccia" o a fare alcun livello di concessioni a Mosca, e ora gli ucraini stanno soffrendo immensamente dopo che per anni è stato promesso loro un "percorso" verso la NATO.:

Ma per l'Occidente offrire un compromesso sul futuro ingresso dell'Ucraina nella NATO sarebbe stato necessario ammettere i limiti del potere occidentale.

"Era il desiderio dei governi occidentali di non perdere la faccia compromettendo con la Russia", Mi ha detto Anatol Lieven, ricercatore senior su Russia ed Europa presso il Quincy Institute for Responsible Statecraft e autore di "Ucraina e Russia: una rivalità fraterna". "Ma era anche la vigliaccheria morale di tanti commentatori, funzionari ed ex funzionari occidentali che non volevano uscire in pubblico e ammettere che questo non era più un progetto praticabile".

..."Vigliaccheria" che era senza dubbio legata al clima di accuse di "tutti sono agenti russi!" se non si allineano alla narrativa dominante degli ultimi cinque anni da quando le affermazioni Trump-Russiagate.

L'editoriale di MSNC include inoltre alcuni commenti sbalorditivi di un ex analista della CIA di alto livello

"La scelta che abbiamo affrontato in Ucraina – e sto usando il passato intenzionalmente – è stata se la Russia esercitasse un veto sul coinvolgimento della NATO in Ucraina sul tavolo dei negoziati o sul campo di battaglia", ha detto George Beebe, ex direttore dell'analisi della Russia presso la CIA e consigliere speciale sulla Russia dell'ex vicepresidente Dick Cheney.

Sotto: la conferenza completa di John J. Mearsheimer dell'Università di Chicago, che ora sta diventando virale ...

Beebe della CIA segue questa linea quasi incredibile:

"E abbiamo scelto di assicurarci che il veto fosse esercitato sul campo di battaglia, sperando che Putin gli tenesse la mano o che l'operazione militare fallisse".

Ancora una volta questo illustra perfettamente la precedente previsione di Mearsheimer: "... l'Occidente sta conducendo l'Ucraina lungo il sentiero della primula, e il risultato finale è che l'Ucraina sta per naufragare".

Il pezzo di MSNBC cita inoltre Peter Beinart:

George Kennan, la leggenda vivente che aveva generato la politica americana di contenimento contro l'Unione Sovietica, definì l'espansione della NATO "un errore strategico di proporzioni potenzialmente epiche". Thomas Friedman, il più importante editorialista di politica estera d'America, lo ha dichiarato il "progetto più mal concepito dell'era post-Guerra Fredda". Daniel Patrick Moynihan, ampiamente considerato il membro più erudito del Senato degli Stati Uniti, ha avvertito: "Non abbiamo idea di cosa stiamo entrando". John Lewis Gaddis, il decano degli storici americani della Guerra Fredda, ha osservato che "gli storici – normalmente così controversi – sono d'accordo insoliti: con pochissime eccezioni, vedono l'allargamento della NATO come mal concepito, inopportuno e soprattutto inadatto alle realtà del mondo post-Guerra Fredda".

E ora tragicamente il mondo sta assistendo al contraccolpo, sofferto più intensamente e immediatamente dallo stesso popolo ucraino che le potenze della NATO hanno affermato di voler proteggere.

https://www.zerohedge.com/geopolitical/stunning-admission-ukraine-former-top-level-cia-official?utm_source=&utm_medium=email&utm_campaign=527

Nessun commento:

Posta un commento