L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 16 marzo 2022

Ieri Tsingshan Holding Group, oggi Trafigura, e la Russia gongola, le materie prime dettano legge e spargono dolori al sistema finanziario, essenzialmente statunitense ma non solo, che annaspa in cerca di liquidità. Le riserve di soldi richieste dalle stanze di compensazioni aumentano, e non di poco e questo impone alle finanziarie di vendere attività, anche in perdita, per far fronte al bisogno di denaro e parliamo di miliardi e miliardi, il sistema è in fibrillazione. Knock out arriva anche dalla velocità di richiesta di contanti che mettono in difficoltà le banche procacciatrici di soldi.

La previsione di Pozsar "Margin Call Doom Loop" si avvera mentre Trafigura affronta miliardi di chiamate a margine

Tyler Durden's Photo
DI TYLER DURDEN
MERCOLEDÌ 16 MAR 2022 - 09:40

Mentre ci sono state storie occasionali di esplosioni di hedge fund (in particolare quelli che negoziano azioni cinesi) in mezzo alla recente volatilità del mercato, finora non abbiamo ancora sentito parlare di una banca o di qualsiasi altro partecipante al mercato "sistematicamente importante" che si imbatte in una crisi di solvibilità o liquidità o che ha bisogno di un salvataggio, e ancora uno sguardo a uno degli indicatori più tangibili del mercato dei finanziamenti - il FRA / OIS - è stato scambiato a livelli molto elevati nelle ultime settimane, suggerendo che ci sono effettivamente alcuni problemi di finanziamento sotto la superficie.

Ma se non sono le banche a cercare liquidità, allora chi?

Ricordiamo ciò che Zoltan Pozsar ha avvertito due settimane fa, quando ha detto che "potremmo guardare alle prime fasi di una classica crisi di liquidità" - secondo l'ex guru della liquidità della Fed di New York, nientemeno che gli stessi trader di materie prime, e le loro borse e stanze di compensazione associate, saranno il drenaggio di liquidità durante questo periodo di volatilità delle materie prime senza precedenti, aggiungendo che "Se vuoi esprimere tutto questo nello spazio del credito, guarda cosa spread di CDS su alcuni trader di materie prime più grandi hanno fatto nelle ultime settimane".

Abbastanza sicuro, l'inedita compressione dei margini LME della scorsa settimana, in cui un aumento del 250% durante la notte dei prezzi del nichel ha quasi mandato in bancarotta il magnate cinese Xiang Guangda il cui Tsingshan Holding Group, il più grande produttore di acciaio inossidabile, deteneva un massiccio corto di nichel di 150.000 tonnellate e che ha portato a $ 8 miliardi di margin call che tuttavia anche le controparti collezioniste (una delle quali era JPMorgan) non volevano raccogliere sapendo che avrebbero fatto default a Tsingshan, non raccogliere nulla e potenzialmente spingere l'LME stesso in insolvenza.

Un altro esempio, più tangibile, viene da uno dei principali trader mondiali di petrolio e metalli, che oggi apprendiamo ha cercato finanziamenti al di là del suo tradizionale gruppo di banche private, avvicinandosi anche agli investitori azionari, sperando di ottenere da $ 2 a $ 3 miliardi di liquidità fresca per soddisfare ciò che Bloomberg ha descritto come "richieste di margine in miliardi di dollari" mentre i prezzi del petrolio sono saliti a $ 139 al barile e il nichel è salito del 250% in poco più di 24 ore. Proprio come aveva previsto Zoltan di Credit Suisse.

Ora, un'altra banca è sulle tracce della fonte di crisi di liquidità osservata nei mercati di finanziamento non garantiti.

In una nota pubblicata durante la notte, lo stratega di Barclays Joseph Abate decostruisce l'osservazione chiave di Zoltan e chiede "le richieste di margine nei mercati delle materie prime potrebbero causare un aumento dei tassi di finanziamento non garantiti mentre le banche e gli investitori si affannano per soddisfare le richieste di garanzie in contanti?"

Facendo un passo indietro, Abate osserva innanzitutto che, a suo avviso, la pressione nella pressione sui finanziamenti non garantiti è guidata principalmente da due fattori: "un accumulo precauzionale di liquidità da parte delle banche che sono incerte sulle prospettive geopolitiche e l'accumulo di scadenze del CP in vista della riunione del FOMC di questa settimana".

Detto questo, e forse osservando l'enorme influenza che le opinioni settimanali di Zoltan ottengono, Abate scrive che "ogni settimana porta una nuova spiegazione e una nuova causa di preoccupazione nei mercati dei finanziamenti. In primo luogo è stato il de-SWIFTing delle banche russe. Poi c'erano i timori di una spirale "simile a Lehman" di default secondari legati a finanziamenti non osservabili e collegamenti di prestito. L'ultima iterazione lega il forte aumento dei prezzi delle materie prime ai mercati di finanziamento attraverso le richieste di margine."

Il punto principale del reverse engineering di Pozsar, Abate osserva che l'ultima preoccupazione tra i mercati è che "le società commerciali che sono lunghe sulle materie prime fisiche e sui derivati corti come copertura stanno vivendo forti richieste di margine dalle loro borse" e infatti, due stanze di compensazione della controparte centrale (CCP) hanno già aumentato i loro margini sui contratti energetici nell'ultima settimana. Per soddisfare le loro esigenze, spiega Abate, queste aziende devono prendere in prestito grandi quantità di denaro con un preavviso molto breve, il che mette a dura prova i loro istituti di credito. E al fine di raccogliere la liquidità necessaria per prestare alle società commerciali, le loro banche stanno sfruttando il mercato CP e spingendo i tassi di finanziamento non garantiti più in alto e gli spread più ampi.

Sì, Abate potrebbe non volerlo ammettere - dopo tutto banali, le spiegazioni noiose sono molto più appetibili per gli strateghi istituzionali sellside che preferirebbero di gran lunga non fare ondate (solo per favore spiega ai tuoi lettori perché la tua banca ha appena deciso di sospendere la creazione di azioni e farsi beffe del suo ETN VXX se non c'è nulla di sbagliato nel mercato), ma Zoltan aveva di nuovo ragione.

* * *

Un piccolo retroscena qui: le CCP raccolgono margini o garanzie extra per proteggere se stessi e i loro membri da potenziali perdite in caso di inadempienza. Il margine iniziale (IM) protegge dal rischio che la controparte del trade non soddisfi i suoi futuri obblighi contrattuali. Le CCP impongono requisiti di im a livello di prodotto, nonché a livello di portafoglio o di impresa. I membri possono soddisfare i loro requisiti di messaggistica istantanea con contanti o debito pubblico, anche se nella maggior parte dei casi i partecipanti utilizzano contanti. Le CCP sono tenute a disporre di risorse prefinanziate sufficienti per essere in grado di sopravvivere al default del loro membro più grande. I requisiti di messaggistica istantanea sono basati su modelli utilizzando dati storici sulla volatilità del mercato e sono regolarmente sottoposti a stress test. Un sondaggio globale sulle maggiori CCP indica che detenevano poco meno di $ 600 miliardi di margine iniziale alla fine di settembre 2021.2 Di questo importo, circa $ 100 miliardi sono al di sopra del minimo richiesto.

Con l'aumento dei volumi di trading o l'aumento della volatilità del mercato, le CCP richiedono più IM dai loro membri. Poiché la maggior parte dei membri utilizza il contante per soddisfare i propri requisiti di messaggistica istantanea, ciò aumenta la domanda di liquidità. Al contrario, il margine di variazione – che aumenta anche con la volatilità del mercato – ridistribuisce la liquidità del margine da quelli con posizioni subacquee a quelli con posizioni apprezzabili

A marzo, i requisiti di margine sono aumentati bruscamente poiché la prima ondata della pandemia ha causato una significativa volatilità del mercato. All'epoca, gli spread bid-ask sui Treasury off-the-run erano 30 volte superiori ai livelli pre-pandemia e, sebbene i volumi di trading dei Treasury aumentassero, la liquidità del mercato era estremamente scarsa. Le CCP si sono mosse rapidamente per proteggere se stesse e i loro membri dalle impostazioni predefinite aumentando i requisiti di messaggistica istantanea. L'aumento della messaggistica istantanea ha creato richieste agli hedge fund e ad altri investitori che hanno esacerbato la "corsa al contante" e hanno contribuito all'aumento degli spread di finanziamento.

Diversi studi hanno esaminato la connessione tra le richieste di margine e lo stress del mercato, e la maggior parte si è concentrata su un "doom loop" di margin call in cui requisiti di margine più elevati costringono le vendite di fuoco in un mercato già illiquido in cui i prezzi erano più bassi, il che a sua volta ha innescato più richieste di margine e così via. Allo stesso tempo, queste attività diventano più difficili da finanziare in pronti contro termine e, con meno accesso ai finanziamenti, gli investitori sono costretti a vendere attività, il che a sua volta aumenta la dislocazione del mercato, riattivando il prezzo degli asset e i cicli di finanziamento.

In assenza di un "circuit breaker" di iniezione di liquidità della banca centrale, un tale ciclo di destino auto-rinforzante potrebbe avere risultati catastrofici.

* * *

Che dire del denaro raccolto dalle CCP?

Secondo Abate, il margine di liquidità raccolto dal PCC non rimane inattivo, e invece - proprio come i petrodollari usati dagli esportatori di petrolio - viene riciclato sotto forma di investimenti in attività a breve termine e depositi bancari (come mostrato nel grafico sopra, questi saldi riciclati sono piuttosto grandi e ben oltre mezzo trilione di dollari). A livello globale, l'IM in contanti viene in genere investito in pronti contro termine, depositi bancari o presso la banca centrale

Pertanto, il margine di liquidità raccolto dagli investitori non lascia completamente l'ecosistema di finanziamento. Invece, ritorna sul mercato sotto forma di pronti contro termine e depositi bancari. È solo quando le CCP depositano il margine in contanti presso la banca centrale che lasciano l'ecosistema di finanziamento.

Dall'inizio della pandemia, la porzione di IM che viene riciclata a livello globale nei mercati di finanziamento è diminuita poiché la quota detenuta presso le banche centrali è salita al 62%. Questo è vero anche negli Stati Uniti.

Come parte di Dodd-Frank (2010), le utility del mercato finanziario (SIFMU) di importanza sistemica sono state in grado di depositare i loro margini in contanti presso la loro filiale locale della Federal Reserve. Questi saldi sono pagati IORB. Mentre la Fed non suddivide i depositi del proprietario separatamente nel suo bilancio, la nostra sensazione basata sulle SIFMU partecipanti è che la maggior parte di questo denaro è detenuto presso la Fed di Chicago. Alcuni saldi sono detenuti presso la Fed di New York, ma la Fed raggruppa questi saldi con i saldi non remunerati che i GSE usano per erogare il loro capitale e i pagamenti di interessi. Come i dati globali, l'aumento degli altri depositi della Fed di Chicago suggerisce che più liquidità a margine è fluita sul bilancio della Fed dal "dash for cash" di marzo 2020.

Quali sono le implicazioni? Secondo Abate, finora "le prove della pressione sui margini sui tassi di finanziamento sono piuttosto deboli" e sottolinea l'aumento di $ 15 miliardi dei saldi dei depositi presso la Fed di Chicago nelle ultime due settimane, il che suggerisce che l'avversione al rischio delle CCP non è salita al punto in cui non stanno più riciclando liquidità a margine.

Tuttavia, questo potrebbe essere solo un indicatore in ritardo, perché man mano che più casi di richieste di margine multimiliardarie da parte di artisti del calibro di Trafigura - che i suoi banchieri sperano diligentemente saranno contenuti senza innescare una più ampia stretta di finanziamento, simile a quella accaduta a Tsingshan - diventeranno pubblici, i CCP si troveranno presto a lottare per contenere dozzine di piccoli incendi che alla fine si fonderanno tutti in uno gigante, e dove solo la Fed può intervenire e fermarlo.

Nel frattempo, da un punto di vista geopolitico, si può sostenere che è proprio questo margine chiamato "doom loop" che Putin spera di innescare e propagare in tutto il sistema finanziario ora che praticamente tutto - dal cibo, all'energia, alla finanza, all'economia - è stato armato ... per non parlare del fatto che la Cina ora spera anche di inaugurare il petroyuan mentre cerca di sostituire il petrodollaro dalla circolazione globale. E dal momento che ora siamo in uno stato di guerra finanziaria, in assenza di un cessate il fuoco in Ucraina, ci aspettiamo molta più volatilità delle materie prime e molte più richieste di margine multi-miliardo, fino a quando alla fine non viene innescato il grande, uno che porta a un quasi default non del LME ma di una stanza di compensazione molto più grande, un argomento che nientemeno che il più grande hedge fund del mondo (ex) più grande del mondo sopporta, Russell Clark ha passato notte e giorno a discutere sul suo blog nelle ultime settimane.

https://www.zerohedge.com/markets/trafigura-faces-billions-margin-calls-pozsars-margin-call-doom-loop-prediction-comes-true?utm_source=&utm_medium=email&utm_campaign=544

Nessun commento:

Posta un commento