L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 18 marzo 2022

Il clero televisivo, il Circo mediatico fanno di tutto ma proprio tutto per vendere il prodotto ordinato da loro dal Council on Foreign Relations

17 Marzo 2022 16:45
La Russia sempre più isolata?
La Redazione de l'AntiDiplomatico


Oggi gli Emirati Arabi Uniti e la Russia hanno discusso dell'importanza di mercati energetici stabili, ha affermato il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Abdullah bin Zayed, durante una visita a Mosca.

"Abbiamo discusso delle forniture energetiche globali e dei mercati dei beni essenziali, nonché dell'importanza della stabilità energetica e alimentare per l'economia globale", ha spiegato dopo aver incontrato il suo omologo Sergei Lavrov. Gli Emirati Arabi Uniti e la Russia fanno entrambi parte dell'alleanza OPEC+.

Proprio tre gironi fa il giornalista Alberto Negri durante la trasmissione Piazzapulita in onda su La7 aveva dichiarato: "Una grande fascia del mondo - dall'Asia, al Nord Africa, al Medio Oriente - tifa Putin, perché dopo vent'anni di fallimenti americani a chi vuoi che credano? Purtroppo credono alla Russia di Putin".


Nessun commento:

Posta un commento