L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 11 marzo 2022

JPMorgan costretto a salvare il gigante cinese per evitare lo tsunami mondiale. Troppo grande per fallire l'esperienza Lehman ha insegnato che le regole sono fatte per essere infrante

JPMorgan salva il gigante cinese del nichel di fronte a miliardi di perdite da una richiesta di margine record

Tyler Durden's Photo
DI TYLER DURDEN
GIOVEDÌ 10 MARZO 2022 - 02:44

Due giorni fa abbiamo riferito che mentre i produttori di materie prime "plain vanilla" come il gigante del carbone Peabody non avevano altra scelta che pagare le loro richieste di margine sulle materie prime (che hanno finanziato con una costosa linea di credito Goldman dell'11%), altri come i giganti cinesi erano magicamente esenti da pagamenti obbligatori in miliardi.

Estendendo la nostra osservazione all'inizio di questa settimana che l'impennata record delle materie prime, come il nichel, paralizzerebbe - ironicamente - i produttori che, nonostante siano lunghe materie prime fisiche nel mercato spot, sono anche corte nel mercato dei futures come copertura, e sono queste coperture che stanno causando cascate senza precedenti di squeeze a cascata in questo momento mentre i produttori si affannano per trovare il denaro per soddisfare i margini di variazione ...

... all'inizio di questa settimana abbiamo appreso che il titano cinese del nichel Tsingshan Holding Group, il più grande produttore mondiale di metallo, controllato da Xiang Guangda - noto come "Big Shot", o è quel "Big Short" - ha affrontato miliardi di dollari in perdite commerciali dopo che la guerra della Russia in Ucraina ha innescato un aumento senza precedenti del prezzo del nichel e che è salito di un record del 250% in due giorni.

Xiang Guangda

Come ulteriormente dettagliato ieri, la perdita di carta si è attestata a $ 8 miliardi lunedì - il risultato di partecipazioni di circa 100.000 tonnellate di nichel sul LME - prima che una violenta corsa al rialzo dei prezzi del nichel portasse il London Metal Exchange a sospendere le negoziazioni del metallo martedì dopo aver raggiunto il record di $ 101.365 per tonnellata metrica rispetto ai $ 20.175 di gennaio. Da allora lo scambio ha detto che prevede che il trading non riprenderà prima di venerdì (per ulteriori informazioni, vedere "Un membro LME è inadempiente su miliardi di richieste di margine, ma l'LME non vuole dichiarare default")

Secondo il WSJ, il fondatore di Tsingshan, Xiang Guangda, ha detto a un media cinese che "ci sono state alcune mosse da parte di stranieri" e che è in trattative attive con le parti interessate, senza specificare chi fossero e cosa fosse negoziato.

Xiang è stato anche citato dicendo che "i dipartimenti e i leader governativi competenti sono tutti molto favorevoli a Tsingshan. Tsingshan è una solida impresa cinese e le nostre posizioni e operazioni non hanno problemi", secondo il rapporto di Yicai, un organo di informazione finanziaria.

Inutile dire che il fatto che l'LME sia ora di proprietà di Hong Kong Exchanges and Clearing, il cui maggiore azionista è il governo di Hong Kong che negli ultimi due anni è stato un burattino della Cina, non ha danneggiato Xiang, il cui impero sarebbe andato in bancarotta se l'LME lo avesse costretto a effettuare il pagamento sulla sua margin call. Nientemeno che l'amministratore delegato uscente di LME Matt Chamberlain lo ha ammesso.

Per farla breve: se sei un piccolo nessuno e la tua richiesta di margine spazzerà via solo te, nessuno ci penserà due volte a marginarti; d'altra parte se sei un magnate cinese il cui default rovinerà non solo lui, ma porterà a enormi perdite per tutti i membri LME e trascinerà anche più di un broker nel processo (come Russell Clark ha spiegato in precedenza), beh allora ... le regole possono certamente essere piegate.

E abbastanza sicuro, mercoledì mattina, due giorni dopo che Xiang avrebbe dovuto essere in default sepolto da miliardi di richieste di margine, Bloomberg riferisce di aver ottenuto con successo "un pacchetto di prestiti da banche locali e internazionali per aiutarlo a soddisfare un'ondata di richieste di margine".

Secondo il rapporto, Tsingshan Holding ha ottenuto promesse di credito da - rullo di tamburi - nientemeno che JPMorgan Chase, e una delle più grandi banche cinesi, China Construction Bank, in riunioni che si sono svolte nelle ore prima dell'alba di mercoledì mattinaAlcuni dei termini, come la quantità di garanzie extra che Tsingshan deve impegnare, sono ancora in discussione, hanno detto fonti di Bloomberg.

Poiché l'assistenza di JPMorgan da sola non era sufficiente, le autorità cinesi hanno anche ordinato alle banche nazionali di Tsingshan di offrire più linee di credito alla società, con la maggior parte del nuovo capitale destinato a soddisfare le richieste di margine sulle sue posizioni esistenti sul London Metal Exchange.

Quindi cosa ottengono le banche in cambio dei loro generosi prestiti di salvataggio?

Bene, con grandi impianti di produzione di nichel in Indonesia e Cina, insieme all'aumento dei prezzi e alla forte domanda, il proprietario dell'azienda, Xiang Guangda, ha detto ai banchieri durante le riunioni che è fiducioso che la sua azienda possa soddisfare i suoi obblighi. Sta anche rivedendo la sua strategia di copertura e sta considerando di uscire dalle scommesse contro il nichel, che alla luce del risultato catastrofico probabilmente non è una cattiva idea.

Come riportato in precedenza, lunedì CCBI Global Markets, uno dei broker di Tsingshan, non è riuscito a pagare centinaia di milioni di dollari in richieste di margine sulle sue posizioni di nichel. L'LME si è astenuto dal metterlo in default, dandogli più tempo per pagare. Il broker è stato in grado di risolvere le richieste di margine martedì dopo che diversi clienti, tra cui Tsingshan, hanno ottenuto prestiti per coprire le loro posizioni.

Per quanto riguarda Tsingshan stesso, ora aspettiamo fino a venerdì quando l'LME riprenderà il commercio di nichel per vedere se la generosità di Jamie Dimon ha impedito il crollo di uno dei pilastri dell'impero cinese delle materie prime. Se è così, aspettati che il prezzo crolli. In caso contrario, tutte le scommesse potrebbero essere disattivate e lo "scenario peggiore" di Pozsar sarà in gioco.

https://www.zerohedge.com/commodities/jpmorgan-bails-out-chinese-nickel-giant-facing-billions-losses-record-margin-call?utm_source=&utm_medium=email&utm_campaign=532

Nessun commento:

Posta un commento