L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 29 marzo 2022

Non esistono le coincidenze. Biden fa affari con i biolaboratori impiantati in Ucraina per creare armi di distruzioni di massa, l'altro Biden lancia parole degne di un uomo in preda a demenza senile se non fosse il Presidente degli Stati Uniti e allora PER DISTOGLIERE L'ATTENZIONE un giornalucolo statunitense si inventa di un sospetto avvelenamento di un oligarca russo, molto vicino a Zelensky tant'è che questo ha pregato l'Occidente di non fargli sanzioni, FORSE è successo qualche settimana fa. E il clero televisivo, il Circo mediatico, come un branco di cani bavosi e affamati si lanciano dietro a questa notarella, ci costruiscono trasmissioni su trasmissioni, trattando la notizia come se fosse vera e nessuno, ma solo per caso, che prova a verificare da quali fonti provenga. Uno spettacolo penoso indegno del set cinematografico che Hollywood spesso e volentieri ci propina

Wsj, sintomi avvelenamento Abramovich e negoziatori Kiev
'Forse attacco da chi a Mosca voleva sabotare le trattative'


Redazione ANSANEW YORK
28 marzo 202217:28NEWS

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAR - L'oligarca russo Roman Abramovich e i negoziatori ucraini hanno sofferto sintomi di sospetto avvelenamento dopo un incontro a Kiev all'inizio del mese.

Lo riporta il Wall Street Journal citando alcune fonti, secondo le quali il sospetto attacco potrebbe essere stato commesso da alcuni a Mosca che volevano sabotare le trattative per mettere fine alla guerra.

Nessun commento:

Posta un commento