L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 24 aprile 2022

La NUOVA NAZIFICAZIONE dell'Occidente procede a tappe forzate che non disdegna di creare false flag da parte degli anglostatunitensi/NATO. Ci dobbiamo aspettare di tutto già hanno seminato in abbondanza con bombe ucraine su stazioni, su ospedali che hanno ingaggiato attrici, sui morti di Bucha comparsi al quarto giorno sulle strade, su presunte bombe lasciate nelle lavatrici

La Russia avverte di false flag “nucleari” o “chimiche” in Ucraina

Newsweek:

Un ufficiale militare russo ha detto che gli Stati Uniti stanno preparando “provocazioni” per poter accusare Mosca di usare armi di distruzione di massa .

L’agenzia di stampa Tass ha riferito che Igor Kirillov ha affermato che il presunto piano americano era in risposta ai “successi” ottenuti dalle truppe russe nell’invasione dell’Ucraina.

“Il ministero della Difesa russo ha informazioni sulla preparazione da parte degli Stati Uniti di provocazioni per accusare le forze armate russe di utilizzare armi nucleari chimiche, biologiche o tattiche”, ha affermato.

“solo nel 2022, su richiesta del Ministero della Salute ucraino, sono state consegnate dagli Stati Uniti più di 220.000 fiale con atropina [piccole fiale di medicinale]”.

L’atropina è usata per   curare alcuni tipi di agenti nervini e avvelenamenti da pesticidi. Non è chiaro dove fossero andate le consegne.

Ha detto che gli Stati Uniti hanno sviluppato almeno tre scenari [false flag] per accusare la Russia, con provocazioni molto probabilmente a Kharkiv, Kiev e Zaporizhzhia , dove c’è una centrale nucleare, ha riferito il notiziario statale Sputnik.

Il Dipartimento di Stato americano aveva già stabilito come si sarebbe svolta un’indagine sull’uso delle armi di distruzione di massa, ha aggiunto.

Kirillov, che è a capo delle forze di difesa dalle radiazioni, chimiche e biologiche dell’esercito russo, ha affermato che dall’inizio della guerra in Ucraina, i leader occidentali “fanno regolarmente dichiarazioni provocatorie sulla possibilità che la Russia utilizzi armi di distruzione di massa”.

Ha poi fatto riferimento ai commenti che la Rappresentante Permanente degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, Linda Thomas-Greenfield , aveva fatto il 27 febbraio secondo cui la Russia stava progettando di utilizzare armi chimiche e biologiche in un attacco ” falsa bandiera ” in Ucraina.

Aveva risposto alle affermazioni russe secondo cui gli Stati Uniti avrebbero finanziato la ricerca sulle armi biologiche in Ucraina che coinvolgeva le pericolose infezioni dovute all’uso di uccelli migratori.

Le affermazioni avanzate dalla sua controparte russa all’ONU, Vasily Nebenzya, sono state respinte a livello internazionale e da esperti.

Ma Kirillov ha detto che gli Stati Uniti stavano attingendo da un playbook utilizzato nella guerra in Iraq nel 2003 quando l’allora Segretario di Stato Colin Powell ha prodotto “una provetta con detersivo in polvere”. Ha detto che questo è stato usato come “un pretesto per l’invasione dell’Iraq e la morte di quasi mezzo milione di cittadini”.

Kirillov ha anche fatto affermazioni sugli attacchi sarin utilizzati nel conflitto siriano nel 2017 che Damasco e Mosca hanno pesantemente contestato, ma hanno portato ad attacchi missilistici statunitensi all’aeroporto di Sharyat.

“Nessuno è stato ritenuto responsabile di queste provocazioni”, ha detto Kirrillov.

L’Ucraina ha precedentemente affermato che la Russia ha accusato di operazioni false flag che sono una proiezione di ciò che Mosca vuole fare. A marzo, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato: “Se vuoi sapere quali sono i piani della Russia, guarda di cosa la Russia accusa gli altri”.

I commenti di Kirillov arrivano dopo che la Russia è stata accusata di aver usato armi chimiche nella città sudorientale di Mariupol l’11 aprile. Il reggimento Azov, un’unità della Guardia nazionale ucraina, ha affermato che le sostanze chimiche erano state sganciate tramite un veicolo aereo senza pilota. Newsweek non ha potuto verificare in modo indipendente le affermazioni.

Newsweek ha contattato il Dipartimento di Stato americano e il ministero degli Esteri ucraino per un commento.

Post Scriptum:

Usciamo dal patetico e dalla retorica.Nella guerra in Ucraina non sono in gioco il Bene ed il Male, il   dispotismo   e  la libertà, ma le materie prime, che, una volta finite in mano russa, determinerebbero danni   esiziali  all’economia statunitense. Nel Donbass, ci sono riserve di carbone e lignite, per circa  40  miliardi   di tonnellate, come a dire quanto basterebbe per 5 secoli di utilizzo. Inoltre, c’è  il prezioso litio, nonché tantalio, niobio, berillio, mercurio, ferro, oro e zirconio,   oltre   a gas   e   petrolio. Più della metà del gas neon impiegato nel mondo proviene dall’Ucraina. E il 90% viene utilizzato dalle industrie statunitensi dei semiconduttori.
Apple,   Facebook,   Google chiuderebbero i battenti senza il neon ucraino. Di qui, la guerra, cominciata da Putin e resa infinita da Biden, sulla pelle degli ucraini e – diciamolo – anche a danno di noi abitanti del Vecchio Continente.

fonte : Giancarlo  Lehner ( Roma, 6 dicembre 1943 )  giornalista, scrittore e storico italiano.

https://www.maurizioblondet.it/la-russia-avverte-di-false-flag-nucleari-o-chimiche-in-ucraina/

Nessun commento:

Posta un commento