L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 15 aprile 2022

L'Oracolo Zoltan Pozsar fallisce. Oppure no? Unipolarismo o Multipolarismo. Moneta di carta straccia o moneta legata alle materie prime, prima di tutte l'oro? Il mondo perde di fiducia nelle monete che si possono sequestrare (derubare) in ogni momento secondo i capricci degli Stati Uniti. Hollywood continua a perdere il suo potere inconscio culturale. Occidente 66%, gli altri il 33%, mondi contrapposti. Nel discorso prettamente economicistico non si tiene conto della guerra che ha creato fratture insanabili che anche dopo la pace, se si raggiungerà, determinerà una situazione diversa molto diversa da quella precedente, NIENTE ILLUSIONI

"Bella narrativa" Ma no: perché uno stratega pensa che "Bretton Woods 3" di Zoltan Pozsar non accadrà mai

Tyler Durden's Photo
DI TYLER DURDEN
GIOVEDÌ 14 APRILE 2022 - 11:45

Da quando Zoltan Pozsar ha iniziato a fare eco a Zero Hedge intorno al 2010, e in nota dopo la nota febbrilmente redatta, l'ex guru dei pronti contro termine della Fed di New York ha scritto di una rivoluzione monetaria in arrivo in cui le valute garantite da materie prime come lo yuan diventano dominanti e gradualmente sostituiscono la valuta di riserva mondiale - il dollaro USA - che lentamente svanisce nell'irrilevanza in un mondo in cui le materie prime sono l'asset fulcro e dove la ricchezza cartacea è sempre più priva di significato, ci sono state tre reazioni: i) quelli che non hanno idea di cosa stia scrivendo Zoltan (che sarebbe circa il 98%), ii) quelli che sono d'accordo con tutto il cuore e credono che l'USD dovrebbe essere detronizzato come valuta di riserva ieri, e iii) quelli che sono solo un po '"dispiaciuti" di tutta l'attenzione che lo stratega (che ha correttamente definito ogni grande crisi e punto di svolta nei mercati nell'ultimo decennio) sta ricevendo e sono cominciando a scagliarsi contro il suo flusso di coscienza.

Michael Every di Rabobank, lui stesso uno scettico dello status quo geopolitico ma chiaramente disallineato con Zoltan su ciò che accadrà dopo (e in realtà un credente che il sistema rotto che abbiamo ora sarà il sistema rotto che abbiamo per molto, molto tempo a venire), è nel gruppo tre, e dopo una manciata di colpi "subtweet" attraverso l'arco di Zoltan (che si sono appena registrati nei media finanziari, soprattutto Bloomberg, che Every continuamente deride ma legge religiosamente) lo stratega di Rabobank ha (coraggiosamente) scritto la cosa più vicina a una confutazione di Pozsar che abbiamo visto.

Ha ragione, o è solo insoddisfatto di quanta attenzione Pozsar sta ricevendo? Lasciamo decidere ai lettori e ripubblichiamo la sua ultima nota, "Perché "Bretton Woods 3" non funzionerà" nella sua interezza qui sotto.

Perché 'Bretton Woods 3' non funzionerà

Bella narrazione: ma è solo 'mercantilismo'

Sommario

  • Le sanzioni contro la Russia sono viste come un'accelerazione di un drammatico spostamento verso una nuova architettura globale incentrata sulle materie prime "Bretton Woods 3"

  • Tuttavia, questo è in realtà un argomento economico molto vecchio: il mercantilismo

  • La storia, la logica, i dati commerciali e la geografia economica mostrano che gli Stati Uniti possono fare bene in quel tipo di ambiente di realpolitik

  • Al contrario, l'opportunità di spostare i flussi commerciali globali dall'USD ad altri è limitata: fondamentalmente, né il CNY né le valute delle materie prime sono impostati per rivaleggiare con l'USD a livello globale.

  • L'USD manterrà quindi il suo ruolo globale nonostante l'hype di "Bretton Woods 3"

Molti sequel cattivi

Il mondo sta vivendo cambiamenti drammatici nella sua architettura di sicurezza, politica, economica e finanziaria. In effetti, accanto alla guerra in Ucraina vediamo titoli su "Guerra Fredda 2", "Bretton Woods 3" e persino La 3a Guerra Mondiale.

Non commenteremo i rischi della 3a guerra mondiale, come segnalato da russi come Karaganov, dato che è impossibile commerciare.

Tuttavia, Cina e Russia stanno apertamente cercando di costruire un nuovo ordine mondiale, cosa che abbiamo sostenuto sarebbe accaduta nel 2017: questo rapporto si concentra sulla fattibilità di un remake dell'architettura FX globale di un cosiddetto "Bretton Woods 3" (BW3).

Noi sosteniamo che:

  • BW3 ha una narrativa accattivante e siamo d'accordo con molti dei suoi argomenti principali. Tuttavia, non è affatto un concetto nuovo, ma uno vecchio: il mercantilismo.

  • Questo è un ambiente che si adatta ancora agli Stati Uniti e agli alleati.

  • Come tale, possiamo guardare alla storia, alla logica, ai dati commerciali e alla geoeconomia per vedere che BW3 non funzionerà come venduto.

  • Potremmo vedere alcuni scambi in USD spostarsi verso CNY tramite offset o baratto. Tuttavia, il massimo che questo coprirebbe è solo il 3,3% del commercio globale, rispetto all'attuale quota del 2,6% di CNY delle riserve valutarie globali. Il cambiamento più probabile è solo l'1% del commercio globale.

  • Con gran parte di questo compensato, l'impatto sui mercati FX globali giornalieri di $ 6,6 trilioni sarebbe trascurabile.

  • Nel complesso, l'USD manterrà il suo ruolo globale nonostante l'affermazione di BW3 di una nuova architettura in futuro.

La piazzola

Esaminiamo prima gli argomenti chiave fatti per B3W:

  • (i) L'elevata inflazione e gli ingorghi della catena di approvvigionamento significano che le banche centrali e le economie occidentali non possono più fare affidamento sul quantitative easing (QE) come stampella politica: non è possibile stampare materie prime. Più QE ora significa solo più inflazione e svalutazione della valuta.

  • (ii) Gli Stati hanno invece bisogno del controllo delle materie prime chiave e delle catene di approvvigionamento, compresa la logistica marittima, con la potenza militare necessaria per garantirle.

  • (iii) Le sanzioni contro la Russia e le possibili sanzioni secondarie contro altri hanno "armato" l'USD, l'euro (EUR) e lo yen (JPY). Meno paesi vorranno detenere tali riserve se possono essere congelate o appropriate, come è successo con la Russia e l'Afghanistan. Queste tendenze stanno accelerando un passaggio globale a FX alternativi, sistemi di pagamento e modelli di trading.

  • (iv) Vedremo una nuova architettura FX basata su materie prime e supply chain sostituire il sistema incentrato sull'USD: la Russia ha appena chiesto ai paesi BRIC di creare esattamente un nuovo sistema FX.

  • (v) Le valute delle materie prime e il renminbi cinese (CNY) sono visti come i principali vincitori in questo nuovo ordine.

Una buona narrazione non è sufficiente

I mercati amano una buona narrativa.

BW3 ha un dato: 

  1. alta inflazione e prezzi delle materie prime; 
  2. impotenza della banca centrale; 
  3. preoccupazioni per l'imminente ritiro del QE statunitense 
  4. – e timori su cosa significherebbe doverlo riavviare; 
  5. e parlare di riallineamenti e fratture geopolitiche e geoeconomiche.

Inoltre, BW3 non richiede al pubblico di sospendere molta incredulità. La relativa forza politica, economica, finanziaria e militare degli Stati Uniti è diminuita negli ultimi decenni.

Anche il soft power statunitense sta svanendo: e il botteghino cinematografico cinese è stato più grande degli Stati Uniti dal 2018, dominato dai film locali. La famosa frase "Sunset Boulevard" di una star del cinema in via di estinzione è: "I Am Big. Sono le immagini che sono diventate piccole". Gli Stati Uniti sono ancora grandi, ma altri non sono più relativamente piccoli come lo erano.

Tuttavia, BW3 non è nuovo. In effetti, ci porta quasi a chiudere il cerchio nel tempo e nella struttura FX (Figura 1).

Insomma:

Il sistema originale di Bretton Woods post-WW2 aveva l'USD legato all'oro in un'economia mondiale della Guerra Fredda divisa con rigorosi controlli sui capitali.

  • Ciò è durato 26 anni prima di crollare a causa del paradosso di Triffin (su cui torneremo più tardi) e del passaggio al fiat USD nel 1970.

  • Poi abbiamo visto l'evoluzione verso il riciclaggio dei cosiddetti "petrodollari" quando i prezzi del petrolio sono aumentati dopo la guerra dello Yom Kippur del 1973.

  • La fine della Guerra Fredda ha visto la globalizzazione e maggiori flussi di capitali in USD verso i mercati emergenti... e la conseguente crisi messicana (1995) e poi asiatica (1997-98)

  • Ciò ha portato di fatto all'accumulo e al riciclaggio delle riserve valutarie in USD2, poiché i mercati emergenti hanno optato per registrare ampi surplus delle partite correnti piuttosto che deficit.

  • L'iper-globalizzazione degli Stati Uniti degli anni 2000 ha visto un boom di finanziamenti nell'Eurodollaro vecchio di cinque decenni, attraverso i canali bancari e delle banche ombra.

  • La crisi finanziaria globale (GFC) e il successivo crollo della crescita occidentale hanno visto un passaggio a lungo termine alla dipendenza dal QE delle banche centrali per cercare di stabilizzare i mercati e le economie.

  • Questo approccio "new normal" è stato messo fine dal malcontento populista per la disuguaglianza che guida e dalla risposta fiscale al Covid: tuttavia il Covid ha anche dimostrato che le politiche fiscali reflazionistiche non sono possibili senza il controllo nazionale delle materie prime e delle catene di approvvigionamento.

  • La guerra in Ucraina ci sta spingendo nella Guerra Fredda 2 - e le "valute di riserva" non USD sostenute da materie prime.

In breve, BW3 non è avanti, ma guardando indietro. Ne abbiamo già visto molti elementi. Eppure i tentativi passati di costruire framework BW3 hanno creato enormi problemi!

Il periodo di bretton woods del dopoguerra lo esclude, ma si potrebbe guardare alla frammentazione dell'ordine monetario globale e del sistema commerciale nel 1930, per un parallelo chiave - e preoccupante -: tuttavia, che ha visto la fine del gold standard, non un movimento verso uno.

In effetti, abbiamo da tempo adottato una visione storica e strutturale dei mercati che ci porta a concordare sulla visione BW3 dell'inefficacia del QE; l'importanza geopolitica della logisticala necessità di controllare le catene di approvvigionamento e il commercio per mantenere il potere valutarioe della frammentazione in corso dell'economia globaleAbbiamo anche collegato tutto questo alle strutture FX nel 2015. Inoltre, siamo d'accordo che ci stiamo dirigendo non solo verso la Guerra Fredda, ma verso le lotte globali delle Grandi Potenze in cui il commercio e la valuta giocheranno un ruolo chiave.

Tuttavia, prendendo questo tipo di visione, diventa chiaro che BW3 funzionerà ancora più a favore dell'USD che per qualsiasi valuta rivale propagandata.

Esamineremo ora le ragioni storiche, logiche, strutturali, commerciali e geoeconomiche per riassumere brevemente perché B3W non funzionerà (WBW3WW).

WBW3WW 1: storia

L'economia globale ha visto le basi delle materie prime in passato. Il più ovvio era il gold standard dentro e fuori 1815-1971, e nella sua forma più pura dal 1815-1913. Ci sono molte lezioni chiave che possiamo trarre da questo periodo per i sostenitori di BW3.

L'Argentina ha visto una maggiore stabilità FX sotto di essa che ha da allora (Figura 2): e l'Argentina è ancora oggi un produttore di materie prime che potrebbe guardare a BW3.

Tuttavia, l'inflazione è stata in media ben contenuta solo dalla deflazione regolare (Figura 3). Non è chiaro se un'economia moderna vorrebbe vedere tali oscillazioni dei prezzi start-stop.

Inoltre, uno standard sulle materie prime limita l'eccessiva crescita del credito da parte del governo o del settore bancario. Mentre un caso positivo per entrambi può essere fatto, qualsiasi economia vorrebbe abbracciare quell'approccio da camicia da capelli?

Dal lato del governo, la moda attuale è per più, non meno spesa statale in nome della sicurezza nazionale: e per più, non meno assistenza sociale per ridurre i divari di reddito. Senza quest'ultimo, il gold standard non fermò i molti tentativi di rivoluzioni del 1848 o del 1870 in Europa: piuttosto li incoraggiò. Ci si potrebbe aspettare lo stesso sotto BW3.

La Russia, che gestisce una politica fiscale conservatrice, potrebbe essere pronta ad abbracciare questo approccio. Tuttavia, la Cina non può. Dal lato privato, la Cina ha visto un'esplosione del debito dal 2008: legarsi a uno standard di materie prime FX significherebbe deflazione implosiva dei prezzi degli asset cinesi se i nuovi prestiti fossero limitati. Inoltre, il debito totale del settore pubblico cinese, compresi i governi locali, è già quello di uno stato europeo, e il FMI afferma che il suo deficit fiscale aumentato è stato uno sbalorditivo -16,5% del PIL nel 2021.

Geopoliticamente, il gold standard era a somma zero. Con uno stock (per lo più) fisso di oro, gli stati guadagnavano il metallo attraverso il commercio, che era anche a somma zero, o la guerra. Il libero scambio fu tentato per volere britannico, ma l'Europa imparò rapidamente che il segreto del successo britannico era in realtà il mercantilismo e l'imperialismo. Ha seguito la suite, con un ritardo – e così ha fatto WW1 (Figura 5). In effetti, "Debito: i primi 5.000 anni" (Graeber, 2011) fa eco a Polanyi (1944) nel sostenere che i periodi storici passati di denaro esogeno, come l'oro, hanno visto più guerra
rispetto ai periodi di espansione endogeni, fiat/debito-based.

Naturalmente, quando le espansioni basate sul debito finiscono possono sorgere problemi simili, come vediamo oggi: tuttavia abbracciare uno standard globale di valuta delle materie prime garantirebbe tale risultato fin dall'inizio.

WBW3WW 2: logica

Le quattro funzioni logiche che una valuta di riserva FX globale deve soddisfare sono: (i) riserva di valore; ii) metodo di contabilità; iii) mezzi di scambio; e (iv) superare il Paradosso di Triffin. Tutti questi favoriscono ancora l'USD rispetto a qualsiasi rivale.

Riserva di valore

Le valute delle materie prime sono ancorate all'USD, in cui le materie prime sono prezzate, o sono altamente volatili (Figura 6). A meno che le materie prime globali non perdano definitivamente quella volatilità, e la volatilità stia effettivamente aumentando in molte di esse, allora anche le valute delle materie prime non perderanno le loro.

Nessuna valuta globale rivale offre la fiducia dei mercati statunitensiSì, USD (EUR, JPY, ecc.) sono ora "armati" per Afghanistan, Russia, Bielorussia e chiunque sostenga l'invasione dell'Ucraina. Tuttavia, il CNY è altamente politicizzato, così come il RUB, e i mercati cinesi hanno visto deflussi netti di capitali dall'inizio della guerra in Ucraina. Ci sono potenziali valute BW3 che ispirano un'ampia fiducia globale o solo nelle tasche?

L'elevata inflazione statunitense difficilmente sostiene l'USDTuttavia, la Fed sta segnalando rialzi dei tassi fino a 325 punti base quest'anno e un quantitative tightening (QT). Questo scenario sosterrà l'USD: e questo è vero se quel livello di tassi può essere sostenuto, o se non può, e l'economia statunitense (e mondiale) cade in recessione – portando con sé i prezzi delle materie prime. Solo se gli Stati Uniti riabbracciassero il QE nonostante l'elevata inflazione, la riserva di valore dell'USD sarebbe compromessa.

Siamo d'accordo sul fatto che il potere militare alla fine è alla base delle valute di riserva globali. Su questo fronte, sebbene sovraccarichi, gli Stati Uniti detengono ancora il primato e i loro alleati in Europa, Australia e Giappone si stanno riarmando rapidamente. Al contrario, l'abilità marziale della Russia è stata messa in discussione in Ucraina, e la Cina rimane del tutto non testata, nonostante l'incredibile tasso di crescita delle sue forze armate.

Metodo di contabilità

Nessun'altra valuta globale offre la scala dei mercati statunitensi o il suo "effetto rete". Prova a parlare delle tendenze del PIL globale senza usare l'USD come denominatore comune. In una logica riflessiva, più persone usano una valuta, più la valuta viene utilizzata.

Ciò è particolarmente vero in termini di Eurodollari (prestiti offshore in USD). La vastità – quindi il potere – del debito dell'eurodollaro significa che creare un'alternativa è un compito scoraggianteanche la Cina aveva $ 2,7 trilioni di debito FX alla fine del Q4 2021.

In effetti, se si presume che l'USD sarà messo da parte, si sta logicamente sostenendo che un sacco di debito in eurodollaro andrà in default, poiché pochi saranno in grado di guadagnare abbastanza USD per ripagarlo. Ciò significherebbe il caos del mercato globale.

Mezzi di scambio

L'USD è accolto con favore a livello globale e la sua elevata liquidità significa bassi costi di transazione. Lo stesso non vale per altre potenziali valute alternative.

In effetti, la Cina non ha un conto capitale aperto, il che significa che CNY non è libero o liberamente scambiato. Questa è una scelta di politica economica da parte della Cina che limita enormemente l'attrattiva globale del CNY.

Paradosso di Triffin

Il paradosso di Triffin è che la domanda globale di una valuta di riserva costringe il paese che la possiede a gestire deficit commerciali. Per l'USD fiat ciò significa anche delocalizzare l'industria (cioè attraverso le esportazioni nette estere verso gli Stati Uniti) e, come vediamo ora, aumentare la disuguaglianza interna. C'è un crescente respingimento contro questo negli Stati Uniti, ma nessuna idea di come mantenere lo status di riserva dell'USD mentre lo si fa.

Qualsiasi valuta BW3 che cerchi di mettere da parte l'USD dovrebbe essere disposta a gestire anche ampi deficit commerciali. Tuttavia, se i prezzi delle materie prime sono elevati, i principali produttori di materie prime registrano surplus commerciali, fermando lo spread della loro valuta; e se i prezzi delle materie prime crollano, anche la loro valuta lo fa, limitando nuovamente la sua attrattiva globale.

La Cina ha anche un ampio surplus commerciale di merci (anche se ha anche un enorme deficit di materie prime) al fine di sostenere l'occupazione industriale, nonché di garantire la stabilità del CNY attraverso la bilancia dei pagamenti. Combinato con i controlli sui capitali, questo limita ulteriormente qualsiasi ruolo di riserva globale che la valuta potrebbe mai sperare di svolgere.

Come si guadagna CNY? In che modo CNY entra nel sistema globale all'interno di BW3?

WBW3WW 3: struttura

Fondamentalmente, BW3 non funziona a causa della struttura dell'economia globale. La natura essenziale delle materie prime è stata messa a nudo dalla guerra in Ucraina, ma il commercio globale totale di esse è ancora molto più piccolo di altri beni messi insieme (Figura 7). Questo è un soffitto molto basso, o una base stretta, su cui costruire un nuovo ordine mondiale.

Forse se tutti gli esportatori di materie prime fossero uniti potrebbe essere possibile, ma non lo sono.

In effetti, solo pochi importanti esportatori alimentari sono pro-BW3 (Tabella 1). Si possono eliminare i produttori occidentali: Australia, Canada, UE, Nuova Zelanda e Stati Uniti.

In termini di energia, ci sono di nuovo grandi produttori occidentali - Australia, Canada e Stati Uniti - ma la maggior parte si trova in Medio Oriente. Gli Stati Uniti sono l'egemone tradizionale anche lì. È vero, questa situazione potrebbe cambiare mentre gli Stati Uniti cercano di ruotare verso l'Asia e vengono trascinati di nuovo in Europa dalla Russia – ma è un enorme divario geopolitico da colmare per la Cina, anche presumendo che gli Stati Uniti non tornino indietro.

Inoltre, i mercati petroliferi globali hanno bisogno di una valuta di base che sia: liquida, che CNY non è; liberamente negoziabile, che CNY non è; e stabile, che CNY è solo perché non soddisfa gli altri due criteri, e perché è soft ancorato all'USD!

Anche un passaggio al petrolio prezzato in un paniere di valute è estremamente complesso da mantenere in tutti i partner dell'OPEC, motivo per cui non è ancora accaduto. Quindi i produttori di energia sono visti come "fluttuanti" nella migliore delle ipotesi, ma difficilmente sono pronti a correre a cambiare l'USD per CNY (Tabella 2).

In termini di esportatori di minerali, ci sono un gran numero di paesi galleggianti e lo stesso cluster generale nei campi pro-Occidente e pro-BW3.

Il semplice messaggio è che BW3 ha una significativa tranche di materie prime globali alle spalle, ma principalmente a causa della Russia; l'Occidente ha lo stesso, ma a causa di una gamma più ampia di economie ricche di risorse; la maggior parte dei produttori mondiali sta guardando alla prospettiva di una biforcazione globale con estremo disagio.

In breve, BW3 non ha ancora il buy-in nemmeno dalla maggior parte delle economie che sono presumibilmente i principali beneficiari di esso.

WBW3WW 4: più struttura

Come appena accennato sul petrolio, abbiamo un altro problema: quale valuta dominerà il trading BW3? Una cosa è dire "valute delle materie prime". È un altro per spiegare come funzionerebbe il BW3 se BRL, ARS, AUD, RUB, IRR, ecc., Fossero tutte le valute di prezzo delle materie prime contemporaneamente. Chi lo cancellerebbe? A quale tasso di cambio? In quale sistema?

Fino a quando ciò non sarà risolto, l'USD deve rimanere la valuta in cui le materie prime sono prezzate, anche se vediamo alcune transazioni BW3 di compensazione nel FX locale.

In effetti, il proto-BW3 sta tentando di mantenere l'attuale architettura globale mentre cerca di tagliare alcuni USD da alcune operazioni, o di inserire un'altra valuta dove erano precedentemente assenti. Per fare tre esempi chiave:

Vendite di petrolio CNY arabia saudita-cinese: L'Arabia Saudita potrebbe esportare un po' di petrolio in Cina ed essere pagata in CNY per la prima volta. Ha esportato $ 56 miliardi di energia nel 2019- ma questa è una frazione del mercato petrolifero globale scambiato da $ 2,6 trilioni.

Poiché la valuta dei sauditi è ancorata all'USD, si aprirebbe alla volatilità FX utilizzando il CNY. In quanto tale, l'Arabia Saudita prezzerebbe il petrolio in USD e consentirebbe (alcuni) pagamenti in CNY; quindi i sauditi rivenderebbero il CNY per USD.

Ci sono limiti a ciò che l'Arabia Saudita venderebbe in CNY, tuttavia, per evitare di accumulare CNY di nessuna utilità per loro a meno che tutti gli altri non facciano lo stesso turno.

Commercio INR Russia-India: Il commercio fluttuante tra Russia e India per evitare l'USD avrà anche un prezzo in USD e negoziato in INR. Un conto bancario sarà aperto in India per la Russia, e quando le materie prime (e le armi) russe arriveranno in India, l'INR verrà accreditato ad esso: poiché la Russia acquista merci dall'India, il conto verrà addebitato.

Questo è di fatto un baratto bilaterale, tecnicamente in INR, e lascia la Russia con la necessità di acquistare più di quanto ha bisogno dall'India, o di accumulare crediti INR che non può utilmente trasferire altrove.

Commercio RUB Europa-Russia: la Russia ha chiesto di essere pagata in RUB per il suo gas, e forse tutte le materie prime, e l'Europa si è rifiutata di farlo. Eppure è stata trovata una soluzione che salva la faccia. L'Europa paga ancora per il gas russo in EUR o USD, ma la Russia insiste affinché Gazprombank li venda per RUB a un'entità russa prima che entrambi vengano poi rimessi in Russia.

Nel frattempo, l'Europa sembra intenzionata - lentamente - a disaccoppiarsi completamente dall'energia russa (qui casca l'asino, i tempi sono fondamentali).

Dovrebbe essere chiaro che dovrebbe essere trovata una valuta FX /clearing FX di ancoraggio BW3.

Anche se la Cina è un enorme importatore di materie prime, non un esportatore, il che è in contrasto con l'intero concetto di BW3, CNY è l'ovvio candidato come ancora BW3: solo la Cina ha la scala economica.

Come già mostrato, il CNY non soddisfa i criteri per essere una valuta di riserva globale a causa del suo conto capitale chiuso e dei surplus commerciali. Tuttavia, per i produttori di materie prime BW3 con cui la Cina ha un deficit, CNY potrebbe essere in grado di svolgere un ruolo più importante. (Figura 8.)

Tuttavia, poiché il CNY non sarà ancora una vera alternativa globale all'USD per ragioni strutturali, ci sono ancora limiti rigidi su quanto commercio bilaterale Cina-BW3 potremmo effettivamente vedere cambiare, come mostreremo ora.

WBW3WW 5: dati commerciali

I numeri non si sommano per BW3 e CNY – almeno non come un punto di svolta globale.

Le esportazioni e le importazioni globali totali sono state di $ 38 trilioni nel 2019 (Figura 10) per rimuovere le distorsioni Covid / post-Covid. Gli Stati Uniti hanno rappresentato $ 4.2trn; Canada, Regno Unito, Australia e Giappone - tutti alleati geopolitici di 5-Eyes, o sotto l'ombrello della difesa degli Stati Uniti - $ 4,0 trilioni; l'Eurozona $ 5.2trn internamente e altri $ 4.0trn esternamente; Cina $ 4.6trn; e il resto del mondo $ 16.2trn, la maggior parte dei quali in USD. (NB i dati sono disponibili solo in USD!)

In sintesi, la Cina rappresentava il 12% del commercio globale contro solo il 2,6% delle riserve delle banche centrali alla fine del 2021 (Figura 11). In superficie, questo sembra un argomento molto rialzista per la valuta, BW3 o meno – e BW3 sostiene che aumenterà.

Tuttavia, dobbiamo immergerci in quei dati di $ 4,6 trilioni / 12% per mostrare perché CNY non sta andando meglio, e probabilmente non farà molto meglio anche con un BW3 proposto.

(La Figura 12 mostra la ripartizione commerciale della Cina per regione e separa la Russia dal continente europeo per ovvi motivi.)

In primo luogo, il commercio della Cina con Hong Kong (561 miliardi di dollari) è considerato esterno. Lo coloriamo di rosso per mostrare che fa parte dell'economia nazionale. La Cina potrebbe passare al CNY, ma minerebbe il ruolo di Hong Kong e l'ancoraggio all'USD dell'HKD.

Poi abbiamo la Russia (111 miliardi di dollari); il Medio Oriente (263 miliardi di dollari); Africa (208 miliardi di dollari); Asia escluso Giappone, India e Corea del Sud (728 miliardi di dollari); e America Latina ($ 315 miliardi) aggiungendo un ulteriore totale di $ 1,6 trilioni. Tutti sono mostrati nei toni dell'arancione per indicare che sono aperti a fare trading in CNY.

Tuttavia, più della metà del commercio totale, ad es. Hong Kong è con il Nord America, l'Europa, l'Oceania o parti dell'Asia che per ragioni geopolitiche non commerciano in CNY. Inoltre, i modelli commerciali della Cina (Figura 13) mostrano quanto si basi sui surplus con il Nord America e l'Europa: il rischio è che più la Cina sostiene BW3, meno l'Occidente commercia con essa, minando il suo surplus commerciale totale.

In breve, la quota massima del commercio globale CNY della Cina è del 4,3% rispetto alla sua attuale quota del 2,6% delle riserve CNY a livello globale.

Gli obiettivi primari per un importante cambio CNY > USD sono in Asia, ad eccezione di Giappone, India e Corea del Sud (Figura 13). Tuttavia, i paesi "arancioni" potrebbero spostare solo una parte del commercio verso il CNY, non tutto: la logica commerciale dice che sarà così.

La Cina ha importato 211 miliardi di dollari di beni dall'Asia* nel 2019, metà beni/risorse primarie, dove presumiamo che potrebbe essere l'ancora BW3, metà manufatti (Figura 14). Ha esportato 517 miliardi di dollari di articoli a bassa, media e alta tecnologia come parte delle catene di approvvigionamento dell'elettronica.

Ciò ha lasciato un ampio surplus commerciale per la Cina. Se il commercio bilaterale fosse tutto in CNY, l'Asia * avrebbe bisogno di IDE o prestiti cinesi per coprire il suo deficit commerciale, senza mezzi di guadagno netto CNY. Inoltre, molti dei beni elettronici importati dalla Cina vengono riesportati nei mercati occidentali, guadagnando USD.

Pertanto, i paesi asiatici massimi che vorrebbero passare al CNY sarebbero uguali alle loro esportazioni cinesi, come compensazione delle loro importazioni dalla Cina (l'area rossa nella Figura 14). Quindi, lo spostamento totale nel commercio non è costituito da importazioni ed esportazioni ($ 728 miliardi), ma le esportazioni asiatiche * verso la Cina ($ 211 miliardi) sono raddoppiate, che è $ 422 miliardi.

Eppure il numero è probabilmente ancora più basso data la complessità della gestione del commercio CNY equilibrato in così tante categorie di prodotti. Potremmo forse vedere il totale delle esportazioni di materie prime asiatiche verso la Cina spostarsi verso CNY, quindi solo $ 120 miliardi. Pertanto, il commercio totale di CNY potrebbe essere solo di $ 240 miliardi da un totale di $ 728 miliardi. E presumibilmente queste materie prime avrebbero ancora un prezzo in USD – almeno fino a quando il Medio Oriente, da cui l'Asia * acquista energia, non cambierà il suo ancoraggio valutario.

Allo stesso modo, il commercio della Cina con il Medio Oriente / ha visto l'importazione di $ 146 miliardi di beni / risorse principalmente primarie, mentre l'esportazione di $ 116 miliardi di una vasta gamma di beni (Figura 16).

La Cina ovviamente vuole acquistare tutte le sue materie prime in CNY. Tuttavia, come già notato, il Medio Oriente, con le valute principalmente ancorate all'USD, prenderebbe in considerazione solo il passaggio del commercio a CNY al totale della loro fattura di importazione dalla Cina, che è inferiore a quel totale.

In breve, $ 116 miliardi di vendite di materie prime del Medio Oriente potrebbero passare a CNY ed essere raddoppiati con $ 116 miliardi di CNY che tornano nella direzione opposta per i beni di consumo. Questo è il massimo spostamento del CNY a meno che la Cina non venda molto di più alla regione, che probabilmente dovrebbe essere attrezzatura militare. I rischi geopolitici dovrebbero essere chiari!

Se il petrolio e il gas hanno ancora un prezzo in USD, questo sarebbe di fatto baratto o controcommerciato che evita l'USD più del commercio reale in CNY.

Guardando all'America Latina (Figura 17), la regione ha esportato 149 miliardi di dollari di materie prime in Cina e la Cina le ha venduto 151 miliardi di dollari di beni di ogni tipo. Qui vediamo un argomento genuino per un maggiore commercio CNY rispetto al commercio bilaterale totale in corso.

Il quadro è simile per l'Africa (Figura 18), dove le esportazioni totali verso la Cina sono state di 95 miliardi di dollari, di cui 85 miliardi di dollari erano materie prime, mentre la Cina le ha venduto 113 miliardi di dollari di beni.

Dovremmo anche aggiungere la Russia (Figura 19), dove i cinesi hanno esportato $ 53 miliardi e importato $ 57 miliardi, con la Russia che ha registrato un leggero surplus commerciale. Per ovvie ragioni geopolitiche, la Russia sta rapidamente abbracciando il CNY, ma le principali aziende cinesi, dalle SOE a Huawei, sono ancora diffidenti nei confronti delle sanzioni statunitensi e dell'UE finora.

Utilizzando questo approccio metodologico per ogni regione/economia con cui la Cina commercia, possiamo riassumere il cambiamento CNY globale totale che ci aspettiamo di vedere (Figura 20).

  • Lo spostamento CNY teorico totale è se tutto il commercio si sposta su di esso sotto BW3. Tuttavia, solo alcuni paesi lo farebbero e non tutti i paesi faranno tutto il commercio in esso: le aree grigie indicano dove non lo faranno.

  • Il principale spostamento del CNY (in arancione chiaro) è se tutti i potenziali paesi pro-BW3 massimizzano il loro commercio CNY al livello delle loro importazioni o esportazioni totali, a seconda di quale sia inferiore.

  • Il probabile spostamento del CNY presuppone un passaggio inferiore al CNY con un coefficiente presunto guidato dalla geopolitica.

Nel caso della Russia assumiamo che sia 0,8 (cioè l'80% dei passaggi massimi a CNY). Per il Medio Oriente, assumiamo 0,25 a causa dei peg usd; per l'Africa, 0,30 data la concorrenza geopolitica per le sue esportazioni di materie prime da Europa, Giappone, Stati Uniti e India; e per l'Asia* e l'America Latina 0,25 a causa della concorrenza economica e/o dei legami con il Giappone o gli Stati Uniti.

I risultati non sono certo uno spostamento paradigmatico dall'USD:

Il principale spostamento commerciale del CNY vale 1.254 miliardi di dollari, pari al 3,3% del commercio globale rispetto a una riserva globale CNY attuale pari al 2,6% del totale globale. Come tale, le partecipazioni CNY aumenterebbero di circa un terzo in Africa, America Latina, Medio Oriente e Russia, ma da nessun'altra parte. (Figura 21.)

Il probabile spostamento commerciale del CNY vale 381 miliardi di dollari, pari all'1% del commercio globale. Questo è inferiore alle attuali riserve CNY: mentre alcune economie ne aggiungerebbero di più, le economie occidentali potrebbero detenere meno. (Figura 21.)

In termini di trading FX, il cambiamento principale vale solo $ 4,8 miliardi al giorno lavorativo, una goccia nell'oceano per i mercati FX globali da $ 6,6 trilioni, e gran parte di ciò sarebbe il trading compensato, non la vendita di USD per CNY. Nel caso più probabile, si tratta solo di $ 1,5 miliardi al giorno, che difficilmente verrebbe notato.

In breve, BW3 non sembra un'alternativa globale all'USD solo un cluster di scambi offset / baratto cinesi hub-and-spokes che cercano di evitare l'USD come intermediario.

WBW3WW 6: geoeconomia

Le prospettive di BW3 sarebbero aumentate se il CNY fosse adottato da terze parti a livello globale: eppure abbiamo già spiegato perché questo è strutturalmente molto difficile da raggiungere.

Due paesi che hanno entrambi surplus commerciali con la Cina, ad esempio Brasile e Russia, potrebbero decidere di utilizzare il CNY per regolare alcuni scambi bilaterali. Tuttavia, dato che il CNY rimarrebbe strutturalmente escluso dal più ampio ruolo globale dell'USD, ciò potrebbe probabilmente verificarsi meglio all'interno dei settori specifici che guadagnano CNY: quanto commercio intra-commodity Brasile-Russia vediamo? Non molto a tutti.

Questa è la geografia economica al lavoro – e contro BW3.

I flussi commerciali globali significano che anche se più produttori di materie prime fossero a bordo con BW3, conterebbe poco perché BW3 non replica la struttura dei produttori di materie prime, dei produttori di beni e dei mercati di consumo finali che sono principalmente in Occidente.

I produttori di materie prime possono cercare di costringere l'Occidente a prendere la loro valuta, come la Russia, attraverso la coercizione economica. Eppure i paesi che hanno grandi surplus commerciali non permettono ad altri di guadagnare quella valuta per pagarla!

Inoltre, l'Occidente può andarsene – come si sta impegnando a fare dall'energia russa. A meno che ogni produttore di materie prime non sostenga BW3, ci sono alternative e / o innovazione tecnologica per ridurre l'intensità delle materie prime. E, per ribadire, se tutti i principali produttori di materie prime si allontanassero dall'Occidente, perderebbero quei mercati per le loro materie prime.

L'unico modo in cui BW3 potrebbe evitare questo problema sarebbe se l'economia globale si frammentasse in più catene del valore. L'Occidente ha ancora risorse chiave, tecnologia, alleati, un forte esercito e potrebbe anche produrre onshore se necessario: i produttori di materie prime BW3 (e la Cina come importatore) potrebbero replicare o sostenere catene del valore senza tecnologia occidentale e consumatori finali occidentali? Guardando indietro, alcuni paesi BW3 ci hanno provato durante l'ultima Guerra Fredda – e la sostituzione delle importazioni non ha funzionato bene per loro (Figura
22).

Inoltre, guardate la terribile demografia in Russia e in Cina, e i loro problemi economici strutturali. Potrebbe permettersi di andarsene in una realpolitik BW3 più isolata e combattiva?

Sembra altamente improbabile che l'autarchia russa funzioni questa volta dati i ripetuti fallimenti nel corso della storia. Quanto tempo ci vorrà prima che possa sostituire il suo capitale costruito all'estero, le auto, i camion e gli aerei progettati all'estero o i beni ad alta tecnologia?

La Cina potrebbe colmare il divario tecnologico BW3: ma se così fosse, perderebbe i mercati occidentali. Assisteremmo a una frammentazione geopolitica – non orizzontalmente, poiché i produttori di materie prime BW3 sostituiscono l'Occidente, ma con catene del valore parallele dai produttori di materie prime alla Cina e all'Occidente.

Tuttavia, guardate indietro alla Figura 13 e immaginate cosa farebbe la perdita di un afflusso netto di 430 miliardi di dollari in EUR e USD per la stabilità economica e valutaria della Cina. Questo è più di quanto la Cina possa sperare di compensare con un minore uso di USD sotto BW3.

E cosa significherebbe disaccoppiamento per la sua domanda di materie prime, che è dove dovrebbe essere l'ancora BW3? E non dimentichiamo che la Cina ha già problemi economici che mettono in discussione per quanto tempo rimarrà un gigantesco consumatore di materie prime (cioè il minerale di ferro).

Mappatura del problema

Per rendere questi punti economico-geografici in un altro modo, abbiamo creato mappe commerciali BW3 3D (Figure 23, 24) che mostrano il commercio intra-BW3 per regione, escludendo India, Giappone, Corea del Sud e Cina; e con la Cina e gli Stati Uniti.

La conclusione dovrebbe essere immediatamente ovvia: il commercio intra-BW3 esclusa la Cina è solo una frazione di quello tra ciascuna di queste regioni e la Cina,... o con il Nord America – che si può vedere è ancora un partner commerciale estremamente importante per la maggior parte di loro.

In breve, CNY non sarà adottato da terzi né all'interno né all'interno di BW3 né al di fuori di esso.

WBW3WW: conclusione

Accanto a drammatici eventi mondiali, 'Bretton Woods 3' ha una narrativa di mercato accattivante. In effetti, siamo d'accordo con molti dei suoi argomenti fondamentali, per quanto deprimenti.

Tuttavia, non è una novità. È vecchio. E non guardando abbastanza indietro, non riesce a guardare avanti a sufficienza.

Sostenere che assisteremo a cambiamenti verso la Guerra Fredda e le lotte globali delle Grandi Potenze, e un mondo in cui le materie prime, la logistica e l'esercito giocano tutti ruoli chiave accanto alla finanza e alla valuta, e con la necessità geopolitica di gestire grandi surplus commerciali, è sostenere un'antica filosofia economica: il mercantilismo..

Gli economisti moderni potrebbero aver dimenticato il vero significato di quel termine, ma ha regnato fino a quando le valute delle materie prime lo hanno fatto – e implica un ambiente globale altamente realpolitikPer essere onesti, BW3 implica lo stesso senza nominarlo direttamente.

Ma questo contesto è negativo per l'USD e positivo per BW3? No.

Un ambiente di realpolitik mercantilista è quello in cui l'insieme necessario di risorse e diverse fonti di potere, dopo alcuni cambiamenti politici (!), ancora più con gli Stati Uniti e i loro alleati e il loro esercito, soft power e potere finanziario, che con un gruppo di stati produttori di merci (e un importatore di materie prime).

Ciò è particolarmente vero se quel cluster vuole creare una struttura economica e finanziaria parallela da diverse politiche di esportatori netti, che non commerciano orizzontalmente insieme in larga misura, e pur continuando a esportare verso l'Occidente rivale!

In quanto tale, BW3 non funzionerà e l'USD manterrà il suo ruolo di leader globale, anche se forse con più bastoni e meno carote.

Se dovessimo vedere un minor numero di USD circolare a livello internazionale attraverso il commercio, il servizio del debito dell'eurodollaro diventerà più difficile – e questo manterrà un'offerta strutturale dietro l'USD. Al contrario, l'indebitamento in CNY sarà ancora poco attraente per quasi tutte le economie, dati i persistenti surplus commerciali della Cina e i controlli sui capitali.

Pertanto, su BW3 tutto ciò che vedremo nella migliore delle ipotesi, è un aumento marginale dell'uso "compensativo" di CNY in futuro - e un disaccoppiamento globale più rapido, probabilmente a suo danno finale.

https://www.zerohedge.com/markets/nice-narrative-no-why-one-strategist-thinks-zoltan-pozsars-bretton-woods-3-never-going?utm_source=&utm_medium=email&utm_campaign=603


Nessun commento:

Posta un commento