L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 12 aprile 2022

Mariupol, è solo una questione di tempo e poi le acciaierie verranno depurate dagli scarti umani naziste affiancate dai militari anglostatunitensi/NATO che difendono il biolaboratorio

2022-04-12


NOTIZIE
Il porto di Mariupol è completamente sgomberato dai nazionalisti "Azov", dalle forze armate dell'Ucraina e dai mercenari

Il porto di Mariupol è ora completamente sotto il controllo dei militari dpr.

Il capo della Repubblica popolare di Donetsk, Denis Pushilin, ha detto che le unità DPR hanno preso il pieno controllo del porto di Mariupol. Grazie alla spazzata, almeno 50 mercenari e l'esercito ucraino sono stati uccisi, indebolendo ulteriormente la posizione delle truppe ucraine.

È noto che durante l'assalto al porto di Mariupol, le unità ucraine e i mercenari hanno subito perdite di oltre 50 persone. Allo stesso tempo, fonti riferiscono che i mercenari accerchiati, le forze armate dell'Ucraina e i nazionalisti del reggimento Azov (vietato in Russia – ndr) hanno un numero significativo di feriti.

Al momento, le principali forze dell'Ucraina che stanno resistendo si trovano sul territorio dell'impianto AzovStal densamente circondato, tuttavia, potrebbero sorgere seri problemi con l'assalto a questa zona di Mariupol, poiché la distruzione delle forze nemiche richiederà l'uso di armi di grosso calibro e potenti bombe.

Data l'intensità della promozione, gli esperti ritengono che la presa completa di Mariupol sotto controllo dovrebbe essere prevista non prima di 7-10 giorni. Allo stesso tempo, l'effettiva perdita di controllo sulla città è stata confermata da Oleksiy Arestovich, osservando che è impossibile sbloccare Mariupol oggi.



Nessun commento:

Posta un commento