L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 2 aprile 2022

Putin è statista di spessore che ama la sua patria e la difende con ogni mezzo che il suo paese ha ma nel contempo la rilancia sul piano interno con disponibilità di beni e servizi, qualità della vita

Putin, il discorso dal nuovo mondo



Ecco cosa ha detto Putin dopo aver firmato il decreto che prevede il pagamento del gas in rubli. Trascrivo il discorso innanzitutto perché esso è ovviamente censurato dai miserabili ometti dell’informazione – propaganda e poi perché esso è molto chiaro riguardo non solo alla questione specifica, ma mette ben in luce la malafede occidentale che pretende di rubare il denaro altrui per poi attaccarsi alla lettera dei contratti. Spiega bene cosa vuole la Russia e cosa invece vogliono impedirle di fare e di essere. Spiega cosa avverrà e per quali motivi. Mostra la differenza tra un uomo di stato nel bene e nel male e gli impiegatucci di banca che ormai formano il milieu politico occidentale. Si tratta a leggerlo di un discorso da un nuovo mondo che apre nuove prospettive e rende evidente la pochezza e meschinità del discorso pubblico in occidente.

“Oggi ho firmato un ordine esecutivo che stabilisce le regole per il commercio del gas naturale russo con i cosiddetti stati ostili. Offriamo alle controparti di tali paesi uno schema chiaro e trasparente. Per acquistare gas naturale russo, devono aprire conti in rubli nelle banche russe. È da questi conti che verrà effettuato il pagamento del gas consegnato a partire dal 1° aprile di quest’anno. Se tali pagamenti non verranno effettuati, lo considereremo un inadempimento da parte degli acquirenti – con tutte le conseguenze che ne conseguono . Nessuno ci vende niente gratuitamente e noi non faremo beneficenza. Cioè, i contratti esistenti verranno interrotti.

Vorrei sottolineare ancora una volta che in una situazione in cui il sistema finanziario dei paesi occidentali viene utilizzato come un’arma, quando le società di questi stati si rifiutano di adempiere ai contratti con banche, imprese, individui russi, quando i beni in dollari ed euro vengono congelati, non ha senso usare le valute di questi paesi.

In effetti, cosa sta succedendo, cosa è già successo? Abbiamo fornito ai consumatori europei le nostre risorse, in questo caso il gas, e loro l’hanno ricevuto, ci hanno pagato in euro, che poi sono stati congelati. A questo proposito, ci sono tutte le ragioni per ritenere che abbiamo fornito parte del gas fornito all’Europa praticamente a titolo gratuito. Questo, ovviamente, non può continuare. Inoltre, in caso di ulteriori forniture di gas e del loro pagamento secondo lo schema tradizionale, possono essere bloccate anche nuove entrate finanziarie in euro o dollari. Un tale sviluppo della situazione è del tutto prevedibile, soprattutto perché alcuni politici in occidente ne parlano pubblicamente. Inoltre, è in questo senso che si esprimono i capi di governo dei paesi dell’UE. I rischi dell’attuale stato di cose sono, ovviamente, per noi inaccettabili.

E se si guarda alla questione nel suo insieme, il trasferimento dei pagamenti per la fornitura di gas russo ai rubli russi è un passo importante verso il rafforzamento della nostra sovranità finanziaria ed economica. Continueremo a muoverci in questa direzione in modo coerente e sistematico nell'ambito del piano a lungo termine, per aumentare la quota di transazioni nel commercio estero nella valuta nazionale e nelle valute di quei paesi che agiscono come partner affidabili. A proposito, probabilmente avrete sentito dire che molti fornitori tradizionali di risorse energetiche nel mercato mondiale parlano anche di diversificare le valute di regolamento.

Lasciatemelo ripetere ancora una volta: la Russia ha a cuore la sua reputazione commerciale. Rispettiamo e continueremo a rispettare i nostri obblighi derivanti da tutti i contratti, compresi i contratti del gas, e continueremo a fornire gas nei volumi stabiliti, voglio sottolinearlo, e ai prezzi specificati nei contratti a lungo termine esistenti. Sottolineo che questi prezzi sono parecchie volte inferiori alle quotazioni attuali del mercato spot. Questo significa in poche parole? Significa energia, calore, luce nelle case degli europei, fertilizzanti per gli agricoltori europei e, alla fine, cibo a un prezzo accessibile. E significa infine competitività per le imprese europee, quindi stipendi ai cittadini europei.

Tuttavia, a giudicare dalle dichiarazioni di alcuni politici, sono pronti a trascurare gli interessi dei loro cittadini, se non altro per compiacere il loro padrone d’oltremare. Una sorta di populismo al rovescio: le persone sono incoraggiate a mangiare di meno, a vestirsi di più per risparmiare sul riscaldamento, a rifiutarsi di viaggiare – e tutto questo presumibilmente a beneficio di quelle persone a cui queste privazioni volontarie sono richieste per amore dell’astratta solidarietà del Nord Atlantico. Tali discutibili approcci e azioni di politica economica, energetica e alimentare da parte dei paesi occidentali sono stati osservati per più di un anno. A proposito, la crisi alimentare sarà seguita da un’altra inevitabile, un’altra ondata migratoria, anche in primis verso i paesi europei. Tuttavia, passo dopo passo, si prendono decisioni che spingono l’economia mondiale alla crisi, portano alla rottura dei legami produttivi e logistici, portano ad un aumento dell’inflazione globale e ad una maggiore disuguaglianza, ad una diminuzione del benessere di milioni di persone delle persone, e nei paesi più poveri – l’ho già detto – al dramma della fame.

È chiaro che gli Stati Uniti cercheranno ancora una volta di risolvere i propri problemi a spese di qualcun altro e prevedono il lancio di una nuova ondata di emissioni e di deficit di bilancio già cresciuto a dismisura sia nelle principali economie europee che negli Stati Uniti. E allo stesso tempo cercano di incolpare noi dei loro errori di politica economica, cercano sempre qualcuno da incolpare. È abbastanza ovvio, lo stiamo vedendo. Vorrei aggiungere che gli Stati Uniti cercheranno di capitalizzare l’attuale instabilità globale, come hanno fatto durante la prima e la seconda guerra mondiale, durante le aggressioni contro la Jugoslavia, l’Iraq, la Siria e così via. I mercati globali stanno crollando mentre il valore delle azioni delle società del complesso militare-industriale americano sta crescendo. Il capitale sta fluendo negli Stati Uniti, privando altre regioni del mondo di risorse per lo sviluppo.

Di conseguenza, gli europei non solo sono costretti a sborsare, ma anche, di fatto, a minare con le loro stesse mani la competitività delle loro aziende e a rimuoverle dal mercato globale. Per l’Europa, ciò significa deindustrializzazione su larga scala e la perdita di milioni di posti di lavoro, e sullo sfondo dell’aumento dei prezzi di cibo, benzina, elettricità, alloggi e servizi pubblici, c’è anche un radicale declino del tenore di vita dei cittadini. Questo è il prezzo che le élite occidentali al potere vogliono far pagare alle persone per le loro ambizioni e azioni miopi sia in politica che in economia, compresa la guerra economica che stanno cercando di scatenare contro la Russia , o anzi che hanno già scatenato.

Non è iniziato ora, non è iniziato nell'ultimo mese. Sanzioni e restrizioni illegittime sono state imposte costantemente, per molti anni, contro il nostro Paese. Il loro obiettivo è frenare lo sviluppo della Russia, minare la nostra sovranità e indebolire il nostro potenziale nella produzione, nella finanza e nella tecnologia. Ribadisco che tutte queste sanzioni sono state preparate in anticipo, sarebbero state comunque introdotte, lo voglio sottolineare. In realtà, queste sono sanzioni contro il nostro diritto alla libertà, contro il diritto all'indipendenza, contro il diritto ad essere la Russia. Per il fatto che non vogliamo ballare sulla musica di qualcun altro e non vogliamo sacrificare i nostri interessi nazionali e valori tradizionali.

L’Occidente collettivo non abbandonerà la politica di pressione economica sulla Russia. Inoltre, naturalmente, cercherà nuove ragioni per le sanzioni, vale a dire i pretesti. Pertanto, non vale la pena contare sul cambiamento di questi approcci, almeno nel prossimo futuro.

A questo proposito, vorrei chiedere al Governo, alla Banca di Russia e alle Regioni di garantire che la pressione sanzionatoria sul nostro Paese, come nei decenni precedenti, sia di stimolo nell'organizzare un lavoro sistematico per lo sviluppo dell’economia e dei suoi singoli settori . Considerando la situazione in ogni settore specifico, ambito, è necessario concentrarsi non solo sul superamento delle sfide dell’anno in corso, ma anche sulla costruzione di piani di sviluppo a lungo termine basati sulle capacità interne della nostra economia, della scienza e del sistema educativo russo. Dobbiamo fare affidamento principalmente sull'iniziativa imprenditoriale privata e su una sana concorrenza, sforzarci di massimizzare il carico delle nostre imprese, creare nuove competenze e aumentare la competitività globale della Russia nel suo insieme.

Allo stesso tempo, gli indicatori chiave dell’efficacia della politica economica per noi dovrebbero essere la conservazione e la creazione di posti di lavoro, la riduzione della povertà e delle disuguaglianze, il miglioramento della qualità della vita delle persone, la disponibilità di beni e servizi.

Nessun commento:

Posta un commento