L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 4 aprile 2022

Spagna, Italia, Germania razionalizzano oli da cucina e farina, ma qui da noi anche la pasta. Mentre gli Stati Uniti/Nato, il clero televisivo, il Circo mediatico spingono per la guerra

I rivenditori tedeschi aumenteranno i prezzi dei prodotti alimentari del 20-50% lunedì

DI TYLER DURDEN
LUNEDÌ 4 APRILE 2022 - 09:44

Pochi giorni dopo che la Germania ha riportato la più alta inflazione della generazione (con l'IPC principale di febbraio che è salito a un ritmo annuo del 7,6% e ha spazzato via tutte le aspettative), dando ai locali una sensazione di déjà vu decisamente spiacevole anche prima che l'invasione russa dell'Ucraina rompesse quelle poche catene di approvvigionamento rimaste e mandasse i prezzi ancora più in alto nella stratosfera ...


... Lunedì, la Germania farà un passo avanti verso un ritorno della temuta iperinflazione di Weimar, quando secondo la German Retail Association (HDE), i consumatori dovrebbero prepararsi a un'altra ondata di aumenti dei prezzi per beni di uso quotidiano e generi alimentari con Reuters che riferisce che i prezzi delle catene di vendita al dettaglio tedesche esploderanno tra il 20 e il 50%:
LE CATENE DI VENDITA AL DETTAGLIO TEDESCHE AUMENTERANNO I PREZZI DEI PRODOTTI ALIMENTARI DEL 20-50% DA LUNEDÌ

Anche prima dello scoppio della guerra in Ucraina, i prezzi erano aumentati di circa il cinque per cento "in tutta la gamma di prodotti" a seguito dell'aumento dei prezzi dell'energia, ha detto venerdì il presidente dell'HDE Josef Sanktjohanser alla Neue Osnabrücker Zeitung. Con l'invasione della Russia che colpisce le economie e la catena di approvvigionamento più duramente, un'altra serie di aumenti dei prezzi è all'orizzonte.

"La seconda ondata di aumenti dei prezzi sta arrivando, e sarà certamente a due cifre", ha avvertito Sanktjohanser, citato da The Local.

Secondo il presidente dell'associazione di categoria, le prime catene di vendita al dettaglio hanno già iniziato ad aumentare i loro prezzi in Germania – e il resto probabilmente seguirà.

"Presto saremo in grado di vedere l'impatto della guerra riflesso nelle etichette dei prezzi in tutti i supermercati", ha detto Sanktjohanser.

Recentemente, famose catene di vendita al dettaglio come Aldi, Edeka e Globus hanno annunciato che sarebbero state costrette ad aumentare i loro prezzi. Ad Aldi, carne e burro saranno "significativamente più costosi" da lunedì a causa degli aumenti dei prezzi da parte dei suoi fornitori.

"Dall'inizio della guerra in Ucraina, ci sono stati salti nei prezzi di acquisto che non abbiamo mai sperimentato prima", ha annunciato venerdì un portavoce di Aldi Nord.

Due settimane fa, Aldi ha aumentato i prezzi di circa 160 articoli e una settimana dopo altri 20 articoli sono diventati più costosi. Altri marchi di supermercati hanno rapidamente seguito l'esempio.


A febbraio, il costo della vita in Germania è aumentato al livello più alto dalla riunificazione, con i beni di uso quotidiano in aumento in media del 7,3%. L'agenzia federale di statistica Destatis ha detto che il balzo dalla cifra di gennaio del 5,1% al 7,3% di febbraio riflette l'impatto dell'invasione russa dell'Ucraina, che ha fatto salire alle stelle il prezzo del petrolio e del gas.

Secondo un sondaggio pubblicato di recente dall'Istituto Ifo, quasi tutte le aziende del settore della vendita al dettaglio di prodotti alimentari in Germania stanno pianificando aumenti dei prezzi.

Sebbene gli aumenti dei prezzi siano una preoccupazione per i consumatori tedeschi duramente colpiti, gli esperti del settore non si aspettano che ci sia una mancanza di prodotti sugli scaffali in qualsiasi momento presto. Il che, ovviamente, è prevedibile quando i prezzi salgono così in alto molto meno possono permettersi di acquistare prodotti.

Secondo Joachim Rukwied, presidente dell'associazione agricola, l'approvvigionamento alimentare in Germania è assicurato per almeno un altro anno, anche se dopo questo le previsioni sono meno certe. Con le voci di carenze che girano vorticosamente, tuttavia, i proprietari dei supermercati si sono lamentati del tipo di acquisto di panico che non si vedeva dai primi mesi di pandemia.

Come notato in precedenza, i supermercati tedeschi hanno persino iniziato a limitare l'acquisto di oli da cucina e farina in particolare per evitare una folle corsa a fare scorta di articoli che i clienti ritengono finiranno. In altre parole, limitare la vendita di quei prodotti che sono più richiesti, noti anche come "strategia brillante".

E ora che i prezzi dei prodotti alimentari di tutti i giorni stanno per salire fino al 50%, sarà interessante vedere per quanto tempo ancora la popolazione tedesca condonerà una posizione della NATO che ha cercato di alimentare e perpetuare la guerra in Ucraina.

Nessun commento:

Posta un commento