L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 3 maggio 2022

Il Regno Unito è stato avvisato più volte di non giocare con la Russia, MA questi imbecilli fanno orecchie da mercanti. Per capire i mandanti non servono prove non ci troviamo in tribunale

La TV russa avverte che la Gran Bretagna può essere "annegata nello tsunami radioattivo" da un singolo attacco nucleare

DI TYLER DURDEN
MARTEDÌ 3 MAGGIO 2022 - 01:33

Un recente programma televisivo di stato russo ha suscitato indignazione e ha fatto notizia in tutto il Regno Unito dopo che un presentatore televisivo ha presentato una dimostrazione simulata di come i sottomarini nucleari della marina russa avrebbero eliminato il Regno Unito con facilità.

Il segmento è andato in onda alla fine della scorsa settimana sull'emittente pubblica "Channel One" e ha visto la partecipazione del presidente del partito politico nazionalista Rodina, Aleksey Zhuravlyov, che ha dichiarato che "un missile Sarmat e le isole britanniche non ci saranno più".



In particolare è stato discusso il sostegno militare del Regno Unito all'Ucraina. Londra è stata la prima a uscire dal cancello a pubblicizzare i suoi ripetuti aerei carichi di armi, compresi sistemi anticarro e munizioni, volati in Ucraina.

Fu allora che il segmento passò al conduttore di notizie Dmitry Kiselyov descrivendo quanto segue come una grafica di un sottomarino giocato dietro di lui:


"Si avvicina al suo obiettivo a una profondità di 1 km a una velocità di 200 km / h. Non c'è modo di fermare questo drone subacqueo. La testata su di essa ha una resa fino a 100 megatoni."

"L'esplosione di questo siluro termonucleare dalla costa britannica causerà una gigantesca onda di tsunami alta fino a 500 metri.."

La clip del segmento, che ora è ampiamente condivisa in Occidente ...

Ha poi detto che il Regno Unito potrebbe essere trasformato in "un deserto radioattivo" nel momento più provocatorio del programma.:

"Un tale sbarramento da solo trasporta anche dosi estreme di radiazioni. Dopo aver superato le isole britanniche, trasformerà ciò che potrebbe rimanere di loro in un deserto radioattivo".

Il panel aveva iniziato reagendo ai recenti commenti del ministro delle forze armate del Regno Unito, che sembrava in precedenza dare l'approvazione per l'Ucraina che colpisce il suolo russo utilizzando armi fornite dal Regno Unito, se necessario..

Il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace ha rilasciato le osservazioni giovedì scorso descrivendo il diritto dell'Ucraina di difendersi.

"Parte della difesa in questo tipo di invasione è ovviamente dove l'Ucraina andrà dietro alle linee di rifornimento dell'esercito russo perché senza carburante, cibo e munizioni, l'esercito russo si ferma e non può più continuare la sua invasione", ha detto alla BBC TV.

Ma ha notato l'avvertimento che rimane improbabile. "Attualmente non hanno armi britanniche in grado di farlo, quindi è improbabile che siano le nostre armi", ha detto, e ha aggiunto: "È molto improbabile che lo forniamo a qualcuno semplicemente a causa della tecnologia e anche della scarsità che abbiamo di quelle capacità. Quindi è molto improbabile".

Nessun commento:

Posta un commento