L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 20 maggio 2022

L'Occidente (comprensivo dei sionisti ebrei) uccide ma fa la vittima quando sono gli altri a farlo

L’Occidente è complice dell’omicidio di Shireen Abu Akleh

Mentre Israele si affretta a giustificare le sue azioni, gli Stati Uniti e il Regno Unito rimangono vergognosamente in silenzio.

Da mesi ormai, nella Cisgiordania occupata si sta preparando una rivolta. L’Autorità Palestinese ha perso il controllo su Jenin, dove la resistenza alle incursioni armate israeliane notturne unisce tutte le fazioni.

Anche lo Shin Bet, il servizio di intelligence israeliano interno, è perplesso. Gli attacchi con armi da fuoco agli israeliani sono opera di palestinesi che hanno pochi o nessun legame tra loro, per non parlare dei gruppi armati.

Né ci sono prove che questi attacchi siano organizzati o coordinati. Il denominatore comune sembra essere un crescente rifiuto di tollerare l’occupazione.

Questo non è il ciclo standard di combattimenti che si esaurisce quando una battaglia si finisce, o quando gli israeliani rilasciano più permessi di lavoro per i lavoratori migranti, e la vita torna a ciò che è normale in questa parte del mondo.

Gli israeliani conoscendo l’illegittimità delle loro azioni, vogliono uccidere qualsiasi versione degli eventi che contrasti con la loro

Questa volta è diverso. Una nuova generazione di palestinesi, molti dei quali non erano nemmeno nati quando è scoppiata la prima o la seconda Intifada, è pronta a farsi avanti nella lotta. Sono senza paura e senza leader.

Ma fino ad oggi, questa generazione non aveva nome, volto o icona a guidarla. Ora ce l’hanno. È quello di una donna palestinese di nome Shireen Abu Akleh.

Abu Akleh, un corrispondente senior di Al Jazeera, si trovava con un gruppo di giornalisti vicino a una rotonda fuori dal campo profughi di Jenin mercoledì. Si erano radunati, come facevano quasi tutti i giorni, per seguire un raid nel campo di Jenin e un successivo scontro a fuoco nei vicoli del campo tra le forze israeliane e i combattenti palestinesi.

Il luogo in cui è avvenuta la sparatoria è importante. I giornalisti si trovavano in una rotatoria in cui i combattenti palestinesi non osano avventurarsi, perché sarebbero all’aperto e privi di copertura. Diversi testimoni affermano che lo scontro a fuoco nei vicoli è avvenuto a una certa distanza da dove si erano radunati i giornalisti.

Resoconto di un testimone oculare

Come è stato chiarito dal resoconto reso a MEE dalla giornalista Shatha Hanaysha, che era accanto alla Abu Akleh quando le hanno sparato, il gruppo di giornalisti ha reso nota la propria presenza alle forze israeliane per 10 minuti prima di risalire verso il campo. Non sono stati sparati colpi di avvertimento. Il suo collega, il produttore di Al Jazeera Ali al-Samoudi, è stato colpito per primo alla schiena. Abu Akleh e Hanaysha erano intrappolati dall’altra parte della strada, con le spalle al muro per ripararsi.

“Proprio in quel momento, un altro proiettile ha trafitto il collo di Shireen e lei è caduta a terra proprio accanto a me”, ha detto Hanaysha. “Ho urlato il suo nome ma non si è mossa. Quando ho cercato di allungare il braccio per raggiungerla, è stato sparato un altro proiettile e sono dovuto rimanere nascosta dietro un albero. Quell’albero mi ha salvato la vita, perché era l’unica cosa che mi nascondeva dai soldati”.

L’esercito israeliano ha riconosciuto che i soldati stavano conducendo un’operazione nell’area in quel momento e ha rapidamente cercato di attribuire l’omicidio ai combattenti palestinesi. Ha detto che c’è stato uno scontro a fuoco tra le sue truppe e i combattenti palestinesi e che stava indagando se “i giornalisti sono stati feriti, forse da colpi di arma da fuoco palestinesi”.

Per dimostrare questo punto, sia l’esercito che l’ambasciata statunitense hanno twittato un video di uomini armati palestinesi a Jenin che sparavano in un vicolo, suggerendo che fossero responsabili. L’ONG israeliana B’Tselem ha visitato la scena in cui è stato girato il filmato e ha affermato che era impossibile che Abu Akleh fosse stato colpita da lì.

Significativa è anche la corsa a capofitto dell’ambasciata statunitense nel sostenere la versione degli eventi data dall’esercito israeliano.

Il giornalista saudita Jamal Khashoggi, assassinato in Turchia da una squadra di sicari inviata da Riyadh, era residente in Virginia ma non era cittadino americano. La Abu Akleh, una palestinese americana, era cittadina statunitense. L’omicidio di Khashoggi ha portato a una grande spaccatura diplomatica tra Washington e Riyadh che è durata più di tre anni e rimane irrisolta. In seguito all’uccisione di Shireen Abu Akleh invece è partita un’operazione congiunta con l’esercito israeliano per contestare i fatti noti, prima ancora che il suo corpo sia stato sepolto.

“Non c’è bisogno di scusarsi”

Non che gli israeliani pensino di avere qualcosa di cui scusarsi. Il portavoce dell’esercito israeliano Ran Kochav ha detto a Army Radio che “anche se i soldati hanno sparato – o, Dio non voglia, ferito – qualcuno che non era coinvolto, questo è successo in battaglia, durante uno scontro a fuoco, e la vittima si trovava dalla parte degli assalitori. Quindi è una cosa che può succedere”.

Kochav ha detto che la Abu Akleh stava “filmando e lavorando per un media in mezzo a palestinesi armati”. Sono armati di macchine fotografiche, se mi permettete di dirlo.

I colleghi di Kochav sono d’accordo. L’ex portavoce dell’esercito israeliano Avi Benayahu ha dichiarato: “Supponiamo che Shireen Abu Akleh sia stato uccisa dai proiettili dell’esercito. Non c’è bisogno di scusarsi per questo”.

Il membro di estrema destra della Knesset israeliana Itamar Ben-Gvir è stato ancora meno diplomatico, twittando: “Appoggio pienamente i soldati israeliani, poiché i corrispondenti di Al Jazeera hanno spesso ostacolato il loro lavoro stando intenzionalmente in mezzo al campo di battaglia”.

Quindi, a quanto pare, la risposta è: “Anche se è stato un cecchino israeliano ad ucciderla, qual è il problema?” Una risposta non dissimile da quella data dal principe ereditario saudita Mohammed bin Salman sull’omicidio di Khashoggi.

Abu Akleh non è la prima giornalista uccisa dal fuoco dei cecchini israeliani. Solo due settimane fa sono state presentate alla Corte penale internazionale denunce legali relative al sistematico attacco ai giornalisti che lavorano in Palestina. Sono stati archiviati dalla Federazione internazionale dei giornalisti, dal Sindacato dei giornalisti palestinesi (PJS) e dal Centro internazionale di giustizia per i palestinesi, per conto di quattro giornalisti – Ahmed Abu Hussein, Yaser Murtaja, Muath Amarneh e Nedal Eshtayeh – che sono stati uccisi o mutilati mentre coprivano le manifestazioni a Gaza.

Il PJS ha affermato nel 2020 che almeno 46 giornalisti sono stati uccisi in Palestina dal 2000 e nessun soldato o ufficiale israeliano è stato ritenuto responsabile. Questi incidenti, sostiene il deposito legale, potrebbero equivalere a crimini di guerra.

Martire della causa palestinese

Possiamo essere sicuri di una cosa: da parte degli stessi paesi che denunciano così fermamente i crimini di guerra russi in Ucraina, ci sarà un silenzio totale su questa morte, come come su tutte le altre.

Ma non ci sarà il silenzio totale da parte palestinese. Pochi minuti dopo la sua morte in ospedale, il corpo della Abu Akleh è stato portato da ogni fazione palestinese per le strade di Jenin. La religione qui non ha importanza. Combattenti musulmani hanno pregato per lei in una cerimonia cristiana.

Cristiana palestinese e di Gerusalemme, Shireeen Abu Akleh è oggi diventata un martire per la causa palestinese. Era nota da tempo a milioni di palestinesi in tutto il mondo come il volto della Seconda Intifada. Giornalista esperta, svincolata da legami con qualsiasi fazione politica, da allora ha seguito ogni evento con la stessa professionalità che l’ha portata a trovarsi in quella rotonda di Jenin mercoledì mattina.

In un video in occasione del suo 25° anniversario di Al Jazeera Shireeen Abu Akleh, ha spiegato la sua motivazione per andare avanti: “Non dimenticherò mai la quantità di distruzione o la sensazione che la morte fosse così vicina a noi. Vedevamo a malapena le nostre case portavamo le nostre macchine fotografiche e attraversavamo i checkpoint militari e le strade irregolari. Trascorrevamo le nostre notti in ospedale o con persone che non conoscevamo. E nonostante i pericoli, siamo stati irremovibili nel continuare il nostro lavoro.”

“Era l’anno 2002, quando la Cisgiordania fu testimone di un’invasione che non si vedeva dall’occupazione nel 1967”, ha continuato. “Nei momenti difficili ho vinto la mia paura perché ho scelto il giornalismo per essere vicino alla gente. Forse non è facile per me cambiare la realtà, ma almeno sono stata in grado di trasmettere quel suono al mondo”.

L’esercito israeliano è motivato dallo stesso desiderio dell’esercito russo in Ucraina o dell’esercito egiziano nel Sinai di sopprimere i racconti indipendenti di ciò che stanno facendo. Conoscendo l’illegittimità delle loro azioni, vogliono uccidere qualsiasi versione degli eventi che contrasti con la loro.

In questo modo, da operazioni come quella di Jenin emerge una sola verità: la loro. E sono sempre più determinati a mantenere le cosè in questo modo. La presenza di Abu Akleh stava ostacolando i loro piani, quindi l’hanno uccisa.

Silenzio cinico

Ma Israele ha bisogno di una copertura internazionale per continuare a farlo, ed è volontariamente fornita dagli stessi paesi che combattono la Russia con tale certezza morale nella rettitudine delle loro azioni.

Questi includono gli Stati Uniti e il Regno Unito, che solo 24 ore fa ha annunciato la sua intenzione durante il discorso della Regina di approvare una legislazione che vieta ai consigli locali e ad altri enti pubblici di partecipare a campagne di boicottaggio e disinvestimento, il cui obiettivo principale è il movimento palestinese BDS.

Quindi vietiamo i boicottaggi, vietiamo le azioni non violente e forniamo copertura quando i cecchini israeliani uccidono deliberatamente i giornalisti. Non potrebbe esserci luce verde più brillante data a Israele per continuare ciò che sta facendo.

E questo è. Una settimana fa, l’Alta corte israeliana ha stabilito che 1.000 palestinesi potrebbero essere sfrattati da un’area della Cisgiordania occupata e la terra riutilizzata per uso militare – una delle più grandi espulsioni di palestinesi dall’inizio dell’occupazione nel 1967.

Abu Akleh ha sacrificato la sua vita per mostrare al mondo cosa sta realmente accadendo e non è affatto sola. Ci sono altre coraggiose donne palestinesi che fanno la stessa cosa. Il loro lavoro è una macchia sulla coscienza di un mondo occidentale che scimmiotta i valori morali quando gli fa comodo e li scarta in un’unità di smaltimento dei rifiuti collettiva quando non lo fa.

Afferma di difendere la democrazia e la libertà di parola nelle sue lotte con i nemici e tace cinicamente sulle trasgressioni dei suoi alleati.

Ma la macchia che apapre guardando dall’altra parte non verrà lavata via con il tempo. È indelebile.

Un segretario di Stato americano dopo l’altro, che si tratti di uno di destra o di un liberale, è colpevole nell’omicidio di Abu Akleh tanto quanto il cecchino il cui dito era sul grilletto.

Nessun commento:

Posta un commento