L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 16 maggio 2022

Okinawa un pezzettino di Giappone che gli statunitensi si sono appropriati di fronte alle coste cinesi. 70 anni di usurpazione

50 anni fa la fine dell'occupazione Usa, ma a Okinawa il malcontento è forte

Pesa una presenza militare americana ancora importante, contro uno sfondo di crescenti tensioni regionali

aggiornato alle 14:4215 maggio 2022

© DAISUKE URAKAMI / YOMIURI / THE YOMIURI SHIMBUN VIA AFP

AGI - Il Giappone commemora il 50° anniversario della restituzione dell'arcipelago di Okinawa, occupato dagli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale, ma resta forte il malcontento contro una presenza militare americana ancora importante, contro uno sfondo di crescenti tensioni regionali.

Se l'occupazione americana in Giappone terminò nel 1952, ci vollero altri vent'anni prima che le isole di Okinawa (sudovest), teatro di una sanguinosa battaglia dall'aprile al giugno 1945, tornassero a Tokyo. Sullo sfondo delle cerimonie ufficiali di domenica alla presenza del primo ministro giapponese Fumio Kishida, è all'attenzione l'ostilità di lunga data della popolazione locale contro le basi americane sul loro suolo e la minaccia di uno scontro militare che coinvolga la Cina.

Questo cinquantesimo anniversario è già stato segnato dalle proteste degli abitanti di Okinawa e dei loro sostenitori che criticano fortemente il “fardello” delle basi americane, mentre le isole ospitano la maggior parte dei 55.000 soldati americani presenti in Giappone.

"Non sono dell'umore giusto per celebrare" l'anniversario, ha detto questa settimana all'AFP Jinshiro Motoyama, uno studente di dottorato di 30 anni di Okinawa che era in sciopero della fame, davanti a un edificio governativo a Tokyo.

La prefettura di Okinawa è solo lo 0,6% della superficie terrestre del Giappone, ma oltre il 70% dell'area totale delle installazioni militari statunitensi nel paese si trova sul suo suolo.

Il risentimento contro le basi lì è stato a lungo alimentato da molteplici incidenti: rumore e inquinamento ambientale, incidenti in elicottero e aggressioni sessuali, incluso lo stupro di una ragazza di 12 anni da parte di militari statunitensi nel 1995. In cantiere c'è il progetto di trasferimento della base aerea di Futenma, soprannominata la "base più pericolosa del mondo" per via della sua presenza in una zona residenziale dell'isola principale di Okinawa, verso Henoko, un luogo meno densamente popolato più a nord.

https://www.agi.it/estero/news/2022-05-15/okinawa-anniversario-fine-occupazione-usa-proteste-16739328/

Nessun commento:

Posta un commento