L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 27 giugno 2022

C'è la volontà ci sono i soldi ma gli Stati Uniti impediscono che questi affluiscano nelle tasche degli obbligazionisti e lo chiamano default prendendosi in giro da soli

La Russia è inadempiente sul debito sovrano in valuta estera per la prima volta dal 1918
- 27 Giugno 2022

La Russia è andata in default per la prima volta in un secolo sul suo debito sovrano in valuta estera, il culmine delle sanzioni occidentali sempre più severe che hanno chiuso le vie di pagamento ai creditori esteri.

Per mesi il Paese ha trovato strade intorno alle sanzioni imposte dopo l’invasione dell’Ucraina da parte del Cremlino. Ma alla fine della giornata di domenica, il periodo di grazia su circa $ 100 milioni di pagamenti di interessi intrappolati dovuti il ​​27 maggio è scaduto, una scadenza considerata un evento di inadempimento se mancato.

È un triste indicatore della rapida trasformazione del paese in un emarginato economico, finanziario e politico. Gli eurobond della nazione sono stati scambiati a livelli distressed dall’inizio di marzo, le riserve estere della banca centrale rimangono congelate e le banche più grandi sono state separate dal sistema finanziario globale.

Leggi anche: Regno Unito, Stati Uniti, Giappone e Canada vieteranno le importazioni di oro dalla Russia durante la guerra in Ucraina

Ma dato il danno già arrecato all’economia e ai mercati, il default è anche per lo più simbolico per ora, e poco importa ai russi alle prese con un’inflazione a due cifre e la peggiore contrazione economica degli ultimi anni.


La Russia ha respinto la designazione predefinita, affermando di avere i fondi per coprire eventuali fatture ed è stata costretta al mancato pagamento. Mentre cercava di uscirne, la scorsa settimana ha annunciato che sarebbe passato al servizio dei suoi 40 miliardi di dollari di debito sovrano in essere in rubli, criticando una situazione di “forza maggiore” che secondo lui era stata fabbricata artificialmente dall’Occidente.

“È una cosa molto, molto rara, in cui un governo che altrimenti ha i mezzi è costretto da un governo esterno all’insolvenza”, ha affermato Hassan Malik, analista sovrano senior di Loomis Sayles & Company LP. “Sarà uno dei più grandi default spartiacque della storia”.

Una dichiarazione formale di solito proveniva dalle società di rating, ma le sanzioni europee hanno portato loro a ritirare i rating sulle entità russe. Secondo i documenti per le banconote il cui periodo di grazia è scaduto domenica, i detentori possono chiamarne uno loro stessi se i proprietari del 25% delle obbligazioni in circolazione concordano sul fatto che si è verificato un “Event of Default”.

Una volta superata la scadenza finale, l’attenzione si sposta su ciò che gli investitori faranno dopo.

Non hanno bisogno di agire immediatamente e possono scegliere di monitorare l’andamento della guerra nella speranza che le sanzioni alla fine vengano attenuate. Il tempo può essere dalla loro parte: i crediti decadono solo tre anni dopo la data di pagamento, secondo i documenti del vincolo.

“La maggior parte degli obbligazionisti manterrà l’approccio attendista”, Takahide Kiuchi, economista presso il Nomura Research Institute di Tokyo.

La battaglia per default della Russia con gli obbligazionisti è appena iniziata

Durante la crisi finanziaria russa e il crollo del rublo del 1998, il governo del presidente Boris Eltsin è andato in default su 40 miliardi di dollari del suo debito locale.

L’ultima volta che la Russia è caduta in default nei confronti dei suoi creditori esteri è stata più di un secolo fa, quando i bolscevichi sotto Vladimir Lenin ripudiarono l’incredibile carico di debiti dell’era zarista della nazione nel 1918.

Con alcune misure si è avvicinato a un trilione di dollari in denaro di oggi, secondo Malik di Loomis Sayles, che è anche autore di “Bankers and Bolsheviks: International Finance and the Russian Revolution”.

In confronto, all’inizio di aprile gli stranieri detenevano l’equivalente di quasi 20 miliardi di dollari di eurobond russi.

Debito russo detenuto all’estero al di sotto del 50%, prima volta dal 2018: grafico

“È una scusa giustificabile per dire: ‘Vabbè, le sanzioni mi hanno impedito di effettuare i pagamenti, quindi non è colpa mia’?” disse Malik.

“La questione più ampia è che le sanzioni stesse erano una risposta a un’azione da parte dell’entità sovrana”, ha detto, riferendosi all’invasione dell’Ucraina. “E penso che la storia giudicherà questo in quest’ultima luce.”


Il ministro delle finanze Anton Siluanov ha liquidato la situazione giovedì definendola una “farsa”.

Con miliardi di dollari a settimana che continuano a riversarsi nelle casse statali dalle esportazioni di energia, nonostante il terribile conflitto nell’est dell’Ucraina, ha ribadito che il paese ha i mezzi e la volontà per pagare.

“Chiunque può dichiarare quello che vuole”, ha detto Siluanov. “Ma chiunque capisca cosa sta succedendo sa che non si tratta in alcun modo di un’impostazione predefinita”.

I suoi commenti sono stati spinti dal periodo di grazia terminato domenica. La finestra di 30 giorni è stata attivata quando gli investitori non hanno ricevuto i pagamenti delle cedole dovute su obbligazioni denominate in dollari e in euro il 27 maggio.

Il denaro è rimasto intrappolato dopo che il Tesoro degli Stati Uniti ha lasciato scadere una scappatoia per le sanzioni, rimuovendo un’esenzione che aveva consentito agli obbligazionisti statunitensi di ricevere pagamenti dal sovrano russo. Una settimana dopo, anche l’agente pagatore russo, il National Settlement Depository, è stato sanzionato dall’Unione Europea.

In risposta, Vladimir Putin ha introdotto nuove regole che affermano che gli obblighi della Russia sulle obbligazioni in valuta estera vengono adempiuti una volta che l’importo appropriato in rubli è stato trasferito all’agente pagatore locale.

Il ministero delle Finanze ha effettuato i suoi ultimi pagamenti di interessi, equivalenti a circa $ 400 milioni, in base a tali regole giovedì e venerdì. Tuttavia, nessuna delle obbligazioni sottostanti ha termini che consentono il regolamento nella valuta locale.

Finora, non è chiaro se gli investitori utilizzeranno il nuovo strumento e se le sanzioni esistenti consentirebbero loro di rimpatriare il denaro.

Secondo Siluanov, non ha molto senso per i creditori chiedere una dichiarazione di inadempimento attraverso i tribunali perché la Russia non ha rinunciato alla sua immunità sovrana e nessun tribunale straniero avrebbe giurisdizione.

“Se alla fine arriviamo al punto in cui vengono rivendicati i beni diplomatici, ciò equivale a recidere i legami diplomatici ed entrare in conflitto diretto”, ha affermato. “E questo ci metterebbe in un mondo diverso con regole completamente diverse. Dovremmo reagire in modo diverso in questo caso, e non attraverso canali legali”.

Nessun commento:

Posta un commento