L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 13 giugno 2022

“Chiediamo alla parte statunitense di smettere di diffamare e contenere la Cina. Smettila di interferire negli affari interni della Cina. Le relazioni bilaterali non possono migliorare a meno che la parte statunitense non possa farlo”

Wei Fenghe : le relazioni Cina-USA sono in un momento critico
Maurizio Blondet 12 Giugno 2022

La Cina “combatterà fino alla fine” per impedire a Taiwan di dichiarare l’indipendenza, ha promesso il ministro della Difesa del Paese in un discorso tra i suoi omologhi di altri paesi, compresi gli Stati Uniti.

Combatteremo a tutti i costi e lotteremo fino alla fine. Questa è l’unica scelta per la Cina ”, ha detto Wei Fenghe al vertice sulla sicurezza del Dialogo Shangri-La a Singapore, dove ha definito Taiwan “prima di tutto il Taiwan cinese”.

“Coloro che perseguono l’indipendenza di Taiwan nel tentativo di dividere la Cina non avranno sicuramente una buona fine. Nessuno dovrebbe mai sottovalutare la determinazione e la capacità delle forze armate cinesi di salvaguardare la propria integrità territoriale”.

Il discorso del ministro della Difesa cinese è arrivato il giorno dopo che il segretario alla Difesa americano, Lloyd Austin, ha accusato la Cina di attività militare “provocatoria e destabilizzante” nei pressi dell’isola.

Il ministero degli Esteri di Taiwan ha denunciato le affermazioni della Cina sulla sua sovranità come “assurde” e ha ringraziato gli Stati Uniti per il loro sostegno.

“Taiwan non è mai stata sotto la giurisdizione del governo cinese e il popolo di Taiwan non soccomberà alle minacce di forza del governo cinese”, ha affermato la portavoce del ministero Joanne Ou.

Il premier di Taiwan, Su Tseng-chang, ha affermato che il suo Paese non vuole chiudere le porte alla Cina ed è disposto a impegnarsi in uno spirito di buona volontà, ma su base di parità e senza precondizioni politiche.

Il segretario alla Difesa americano, Lloyd Austin, ascolta il discorso di Wei Fenghe. Fotografia: Roslan Rahman/AFP/Getty Images

Parlando a Taipei, Su ha detto che era la Cina a essere irragionevole.

“Finché ci sarà uguaglianza, reciprocità e nessuna precondizione politica, siamo disposti a impegnarci in buona volontà con la Cina”, ha detto, ribadendo una posizione che il presidente di Taiwan, Tsai Ing-wen, ha ripetutamente espresso in pubblico.

“Per quanto riguarda le molestie da parte della Cina nei confronti di Taiwan con aerei militari, navi da guerra, repressione irragionevole e azioni politiche, quella più irragionevole è la Cina”, ha aggiunto. “Taiwan non vuole chiudere le porte alla Cina. È la Cina che ha usato vari mezzi per opprimere e trattare Taiwan in modo irragionevole”.

Wei ha detto domenica che spetta agli Stati Uniti migliorare le relazioni bilaterali, affermando che i legami erano in un momento critico.

“Chiediamo alla parte statunitense di smettere di diffamare e contenere la Cina. Smettila di interferire negli affari interni della Cina. Le relazioni bilaterali non possono migliorare a meno che la parte statunitense non possa farlo”, ha detto ai delegati Wei, vestito con l’uniforme da generale dell’Esercito popolare di liberazione.

Wei ha accusato gli Stati Uniti di aver cercato di “dirottare” il sostegno di altre nazioni nella regione con il pretesto del multilateralismo.

Nel suo discorso, Austin aveva sottolineato la necessità di partnership multilaterali con le nazioni dell’Indo-Pacifico, che secondo Wei era un tentativo di mettere la Cina in un angolo.

“Nessun paese dovrebbe imporre la propria volontà agli altri o intimidire gli altri con il pretesto del multilateralismo”, ha affermato Wei. “La strategia è un tentativo di costruire un piccolo gruppo esclusivo nel nome di un Indo-Pacifico libero e aperto per dirottare i paesi della nostra regione e prendere di mira un paese specifico: è una strategia per creare conflitti e confronti per contenere e circondare gli altri. “

Ma in alcuni punti ha anche toccato un tono più conciliante, chiedendo una relazione “stabile” tra Cina e Stati Uniti, che ha detto essere “vitale per la pace globale”.

Durante il suo discorso, Austin ha anche affermato di volere che le “linee di comunicazione” con i funzionari cinesi rimangano aperte. La coppia ha tenuto i suoi primi colloqui faccia a faccia a margine del vertice di Singapore di venerdì, durante il quale si sono scontrati per Taiwan.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, durante una visita in Giappone il mese scorso, sembrava rompere decenni di politica statunitense quando, in risposta a una domanda, ha detto che Washington avrebbe difeso militarmente Taiwan se fosse stata attaccata dalla Cina.

Da allora la Casa Bianca ha insistito sulla sua politica di “ambiguità strategica” sul fatto che sarebbe intervenuta o meno non era cambiata.

La Cina ha rapidamente modernizzato le sue forze armate e ha cercato di espandere la sua influenza e le sue ambizioni nella regione, ha recentemente firmato un accordo di sicurezza con le Isole Salomone che molti temono possa portare a una base navale cinese nel Pacifico e aprendo la strada la scorsa settimana su un progetto di espansione del porto navale in Cambogia che potrebbe dare a Pechino un punto d’appoggio nel Golfo di Thailandia.

Nel 2021, i funzionari statunitensi hanno accusato la Cina di testare un missile ipersonico, un’arma più difficile da contrastare per i sistemi di difesa missilistica, ma la Cina ha insistito sul fatto che era stato un “test di routine di un veicolo spaziale”.

Rispondendo a una domanda sul test di domenica, Wei si è avvicinato di più a riconoscere che si trattava di un missile ipersonico: “Per quanto riguarda le armi ipersoniche, molti paesi stanno sviluppando armi e penso che non sorprende che la Cina lo stia facendo.

“La Cina svilupperà le sue forze armate”, ha aggiunto. “Penso che sia naturale.”

Parlando anche a Singapore domenica, il ministro della Difesa della Corea del Sud, Lee Jong-sup, ha affermato che il suo paese migliorerà notevolmente le sue capacità di difesa e lavorerà a stretto contatto con gli Stati Uniti per contrastare la minaccia nucleare e missilistica della Corea del Nord.

Lee ha affermato che la situazione nella penisola coreana rappresenta una minaccia globale e ha esortato la Corea del Nord a porre fine immediatamente ai suoi programmi di armi nucleari e missili.

“Il nostro governo rafforzerà le capacità per implementare meglio i deterrenti estesi degli Stati Uniti e migliorerà notevolmente le capacità di risposta”, ha affermato Lee.

La Corea del Nord ha promosso il suo principale negoziatore nucleare a ministro degli Esteri, hanno affermato sabato i media statali, mentre il leader Kim Jong-un ha promesso al suo partito al governo che avrebbe usato “potere per potere” per combattere le minacce alla sovranità del paese.

La Corea del Nord ha effettuato almeno 18 round di test sulle armi quest’anno, sottolineando i suoi arsenali nucleari e missilistici in evoluzione.

Con Reuters e Agence France-Presse

Nessun commento:

Posta un commento