L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 14 giugno 2022

Dilettanti allo sbaraglio se questa è la Bce, Euroimbecilandia alla frutta ci penserà lo spread a fare giustizia. In merito ai milioni di dosi di farmaci sperimentali che la Commissione europea ha comprato adesso se li possono dare sui denti, come la farsa che basta una circolare e i farmaci sperimentali scaduti diventano validi

 

C’E’ arrivato perfino GIAVAZZI : ALZARE I TASSI È L’APPROCCIO SBAGLIATO PER COMBATTERE L’INFLAZIONE.

Francesco Giavazzi, oggi consigliere economico del primo ministro italiano Mario Draghi, ha affermato oggi che aumentare i tassi di interesse della Banca centrale europea non è il modo giusto per frenare l’impennata dei prezzi.
La scorsa settimana la BCE ha suggerito l’intenzione di aumentare il tasso di interesse di 25 punti base a luglio e ha affermato che potrebbe essere necessario un aumento maggiore a settembre, poiché le pressioni inflazionistiche stavano aumentando e si stanno ampliando.
“La Bce promette di aumentare i tassi in risposta all’aumento dell’inflazione con lo strumento sbagliato”, ha detto Giavazzi a una conferenza di Roma. “Non abbiamo inflazione derivante dalla domanda interna come negli Stati Uniti, abbiamo inflazione legata al (aumento) dei prezzi del gas”.
Giavazzi ha poi detto a Reuters che non era sua intenzione criticare la Bce, che “sta usando lo strumento a sua disposizione per cercare di frenare i prezzi”, ma ha ribadito che era lo strumento sbagliato nelle circostanze attuali e rallenterà l’economia. Piuttosto, “i governi dovrebbero imporre limiti al prezzo del gas”, ha affermato, un approccio per cui l’Italia ha spinto a livello dell’UE. (Fonte: Reuters (https://www.reuters.com/markets/europe/ecb-hikes-are-wrong-way-curb-inflation-says-draghis-right-hand-man-2022-06-13/))

Per una volta nella vita Giavazzi ne dice una giusta. C’è solo un problema: la Germania da quell’orecchio non ci sente. Il ministro delle finanze Lindner ha appena detto che l’elevata inflazione è figlia dell’Euro debole, suggerendo che auspica una politica di rialzo dei tassi da parte della BCE.
C’è poco da fare, prima o poi le asimmetrie e gli squilibri dell’Eurozona vengono a galla. Buona fortuna a tutti i migliori. Ne hanno bisogno!

🟥 Segui Giubbe Rosse (http://t.me/rossobruni) e Giubbe Rosse News (http://www.giubberosse.news/)

Reuters (https://www.reuters.com/markets/europe/ecb-hikes-are-wrong-way-curb-inflation-says-draghis-right-hand-man-2022-06-13/)
ECB hikes are wrong way to curb inflation, says Draghi’s right-hand man
Francesco Giavazzi, the closest economic adviser to Italian Prime Minister Mario Draghi, said on Monday that European Central Bank

https://www.maurizioblondet.it/ce-arrivato-perfino-giavazzi-alzare-i-tassi-e-lapproccio-sbagliato-per-combattere-linflazione/

Nessun commento:

Posta un commento