L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 25 giugno 2022

Gli anglostatunitensi fanno di tutto per buttare benzina sul fuoco ucraino, trovando anche servitori sciocchi, i governanti della Lituania, a farlo per essi

Blocco di Kaliningrad. UE, “interpretazione lituana” delle sanzioni

Ricordiamo che questo casus belli è sorto  durante la settimana a causa del fatto che le autorità lituane hanno imposto il divieto di transito su rotaia e per i camion su strada per una serie di tipi di prodotti. Sotto il divieto di transito attraverso il territorio della Lituania c’erano metalli, materiali da costruzione, energia e molto altro.

Allo stesso tempo, Vilnius ha affermato che  si limita “solo” a seguire le direttive della Commissione Europea per mantenere il regime sanzionatorio contro la Federazione Russa. Ma  la Commissione europea ha affermato che si trattava di “un’interpretazione della stessa Lituania”.

Le autorità russe hanno sottolineato che se non verrà revocato il divieto di transito di merci da una regione russa all’altra e viceversa, la risposta potrebbe essere la più dura possibile. A titolo di proposta, ad esempio, l’idea era quella di avviare esercitazioni militari a lungo termine della Marina russa nel Baltico con la chiusura alle navi civili (per la loro incolumità, ovviamente…) degli avvicinamenti al porto di Klaipeda e ad altri porti in Lituania.

Oggi, il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha affermato che l’Unione europea “rivedrà una serie di direttive sulle sanzioni che limitano il transito nella regione di Kaliningrad. Si può parlare del fatto che la Lituania è stata comunque additata da funzionari europei, consigliando di non aggravare la situazione. »

Il fatto è che se Stati Uniti e Gran Bretagna hanno aperto volentieri  un secondo fronte anti-russo, allora i paesi dell’UE chiaramente non sarebbero pronti per questo, rendendosi conto che potrebbe semplicemente far saltare in aria l’intera Europa.

Borrell, il cosiddetto ministro degli esteri di Bruxelles: L’UE riesaminerà una serie di direttive sulle sanzioni che limitano il transito nella regione di Kaliningrad.

Insomma, salvo imprevisti, per ora il casus belli sembra rientrato. Che la Lituania abbia avuto, per azzardare una così irresponsabile provocazione, un suggeritore di peso dalle parti di Londra, è un sospetto più che fondato.

Da settimane la stampa britannica tuona che “bisogna vincere la Russia sul campo di battaglia”. e adesso

La Gran Bretagna ha rifiutato di rilasciare visti per i membri della delegazione russa, che dovrebbero partecipare alla riunione dell’Assemblea Parlamentare dell’OSCE a Birmingham.

Dal 2 al 6 luglio si terrà in Gran Bretagna la riunione dell’Assemblea Parlamentare dell’OSCE. L’OSCE è una struttura, creata a seguito degli Accordi di Helsinki nel 1975 durante la Guerra Fredda, per prevenire i conflitti nel continente europeo e per promuovere il dialogo tra Oriente e Occidente e il cui nome attuale risale al 1995. Gli Stati Uniti, il Canada, il sono inclusi l’area post-sovietica e i paesi europei.

Nell’ambito di questa organizzazione, i paesi che ospitano gli eventi devono consentire l’accesso alle delegazioni dei paesi membri, al di là dei conflitti che possono esistere tra di loro. Il che sembra abbastanza logico, se proprio si tratta di una struttura di dialogo, che dovrebbe consentire di risolvere i conflitti.

Invece, la Gran Bretagna ha rifiutato di rilasciare visti ai membri della delegazione russa, privando così la Russia del suo diritto di partecipare all’Assemblea parlamentare. Il motivo dato è: i membri di questa delegazione sono parlamentari russi, poiché questa è la riunione dell’Assemblea Parlamentare dell’OSCE. Tuttavia, tutti i parlamentari russi sono sanzionati dai vari paesi atlantisti, compresa la Gran Bretagna. Dal canto suo, la Gran Bretagna ha semplicemente dichiarato che i deputati russi essendo sotto sanzione, ritiene di non poter con nessun pretesto rilasciare loro visti.

Tuttavia, i parlamentari russi non sono soggetti alle sanzioni dell’OSCE. E la Gran Bretagna è solo il paese ospitante. Pertanto viola i suoi obblighi internazionali. L’analogia con la provocazione della Lituania su Kaliningrad è evidente.

Il deputato russo Pyotr Tolstoj, che è anche presidente della delegazione russa, afferma che privando la Russia del diritto di partecipare ai dibattiti dell’Assemblea parlamentare dell’OSCE, le decisioni ivi prese saranno private di legittimità e quindi non saranno riconosciute da Russia. È vero che si vocifera che la questione di privare la Russia dei suoi diritti di partecipare a questa organizzazione, sul modello di quanto fatto in Consiglio d’Europa e che ha portato alla decisione presa dalla Russia di lasciare questa organizzazione, sia nuovamente in discussione agenda, ma questa volta per l’OSCE.

Questa grave violazione da parte della Gran Bretagna dei suoi obblighi internazionali richiama il comportamento degli Stati Uniti, che si rifiutano di rilasciare visti ai membri delle delegazioni russe per partecipare ai lavori delle Nazioni Unite. Come se l’ONU fosse un’istituzione americana e non internazionale. È esattamente lo stesso principio con l’OSCE. Questi organismi non sono più istituzioni internazionali, soggette al diritto internazionale, ma organismi atlantisti, soggetti alla buona volontà dei loro proprietari (KArine Bechet-Golovko).

Aspettiamo la prossima provocazione. Perché, come scrive Paul Craig Roberts,

L’obiettivo di Washington è una guerra più ampia

Come ho scritto molte volte, l’operazione del Cremlino in Ucraina non può essere limitata. Washington non permetterà che sia così. Washington ha già allargato il conflitto e lo sta allargando ulteriormente. I dementi neoconservatori ebrei che controllano la politica estera degli Stati Uniti hanno convinto la piccola Lituania inerme a violare l’accordo con la Russia per la consegna di Kaliningrad e hanno ricevuto un ultimatum russo. Il portavoce del Dipartimento di Stato di Dopey Ned Price ha definito l’ultimatum “una vanteria”. L’idiota della Casa Bianca dice che Washington sostiene la Lituania. In altre parole, Washington sta incitando a una guerra più ampia.


https://www.blogger.com/blog/post/edit/7646457292364906677/3166650210796743256

Nessun commento:

Posta un commento