L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 13 giugno 2022

I sionisti ebrei rubano il gas al Libano e poi lo rivendono all'Italia. Modus vivendi dell'Occidente non cambia rapina delle materie prime a chi non ha le armi per difendersi

Israele ci fornirà il gas al posto dei russi. Con l’aiutino USA.
Maurizio Blondet 13 Giugno 2022

Nel mare fra Israele e il Libano è stato da tempo scoperto un ricchissimo giacimento di gas, che Israele vuole accaparrarsi quanto più può, per divenire anche grande esportatore energetico: difatti subito Draghi si precipita in Sion per stipulare il contratto con Israele che deve soppiantare il gas russo, dopo un macchinoso processo di liquefazione e rigassificazione (mancando un gasdotto).

Così, una nuova piattaforma di perforazione israeliana è arrivata domenica scorsa al giacimento di gas di Karish, che si trova nell’area contesa col Libano. Il Libano ha protestato: il giacimento potrebbe contenere abbastanza gas per aiutare Beirut a uscire dalla sua crisi economica.

Israele afferma che il sito fa parte della sua zona economica esclusiva riconosciuta dalle Nazioni Unite e che Beirut insiste si trova nell’area contesa. I paesi hanno tenuto colloqui rari per risolvere la controversia sotto la mediazione degli Stati Uniti.

Per risolvere la disputa, Biden ha nominato un diplomatico speciale –special envoy che si appresta a fare da mediatore fra Sion e il Libano. Il diplomatico si chiama Amos Hochstein, ed è come si capisce un ebreo americano, e non solo: ha anche servito nell’esercito israeliano. Un mediatore della cui neutralità si può ovviamente garantire. Qualcosa ci dice che il Libano perderà il suo giacimento e la sua speranza di ricostituire la disastrata economia, e Israele raddoppierà il suo, onde possa divenire il ricco fornitore privilegiato dell’Italia, anzi dell’Europa – altri capi di governo stanno andando in Israele per firmare i contratti – e sostiuire completamente il gas russo.

Qui di seguito un artico lodi Times of ISRaele, che illustra la questione secondo la parte israeliana, e tace della etnia ebraica del “Diplomatico americano”.

Inviato USA diretto a Beirut per mediare la disputa marittima sul gas tra Israele e Libano

Il presidente libanese Michel Aoun, a destra, incontra l’inviato degli Stati Uniti per gli affari energetici Amos Hochstein (ebreo ed ex militare delle forze arrmate israeliane), al centro, e l’ambasciatore degli Stati Uniti in Libano Dorothy Shea, a sinistra, presso il palazzo presidenziale di Baabda, Libano, 9 febbraio 2022. (Dalati Nohra /Governo ufficiale libanese tramite AP)

L’inviato statunitense Amos Hochstein si recherà in Libano la prossima settimana nel tentativo di mediare una disputa sul confine marittimo tra Libano e Israele che sta ostacolando le esplorazioni di petrolio e gas, ha affermato venerdì la Casa Bianca.

La visita di Hochstein arriva tra le crescenti tensioni sui siti contesi, con Israele che si muove per installare una nuova piattaforma di perforazione nel sito di Karish e il gruppo terroristico di Hezbollah che minaccia di attaccarlo.

Hochstein sarà in Libano dal 13 al 14 giugno “per discutere di soluzioni sostenibili alla crisi energetica libanese”, ha affermato la Casa Bianca.

“Durante la sua visita, il signor Hochstein sottolineerà la speranza dell’amministrazione Biden che Libano e Israele possano prendere una decisione sulla delimitazione del confine marittimo”, afferma la dichiarazione.

“L’amministrazione accoglie con favore lo spirito consultivo e aperto delle parti per raggiungere una decisione finale, che ha il potenziale per produrre maggiore stabilità, sicurezza e prosperità sia per il Libano che per Israele, nonché per la regione”, ha affermato.

I dirigenti israeliani hanno insistito all’inizio di questa settimana sul fatto che il nuovo impianto non verrà pompato da un’area contesa con il Libano e hanno sollecitato la ripresa dei colloqui per risolvere il problema.

In un discorso televisivo, Nasrallah ha affermato che Israele non dovrebbe iniziare le trivellazioni fino al completamento dei colloqui, ma sembra anche aumentare le recenti minacce che suggeriscono piani per attaccare l’impianto di perforazione del gas, che dovrebbe diventare operativo nei prossimi mesi.

“La resistenza non può restare inerte di fronte al consumo di risorse del Libano e all’unica speranza per il Libano. Non può restare a guardare, né lo farà, con la volontà di Dio”, ha detto.

“Ci impegniamo con il popolo libanese: la resistenza è materialmente e militarmente in grado di impedire al nemico di estrarre gas dal conteso campo di Karish. Nessun passo preso dal nemico può proteggere questo velivolo o questa operazione di estrazione.

Il commento era un evidente riferimento ai piani israeliani di stazionare un sistema di difesa missilistica marittimo sull’impianto di perforazione per proteggerlo da potenziali attacchi.

Il capo del terrorismo ha descritto la questione come non meno importante della guerra di Hezbollah per cacciare Israele dal Libano meridionale alla fine del secolo scorso.

Il nostro obiettivo principale deve essere impedire al nemico di estrarre gas dal campo di Karish e impedire qualsiasi attività che inizierà lì”, ha affermato.

“La resistenza ha le capacità logistiche, di sicurezza, di intelligence, umane e materiali per impedire al nemico di rimuovere gas e carburante da Karish”, ha aggiunto.

Illustrativo: Energean che lavora nel giacimento petrolifero di Karish, al largo di Israele, nel 2020. (Screenshot tramite YouTube)

Rispondendo ai commenti del capo del terrore, il ministro delle finanze Avigdor Liberman ha affermato che “nessuno ci detterà se estrarre o meno gas dalle acque economiche dello Stato di Israele”.

“Israele è uno Stato sovrano e continuerà a prendere decisioni esclusivamente in accordo con i suoi interessi, senza tener conto delle minacce dei terroristi. Suggerisco a Nasrallah di continuare a nascondersi nel bunker, i suoi video da lì non impressionano nessuno”, ha detto.

Un rapporto dell’IDF pubblicato domenica afferma che i militari si stanno preparando per un attacco di Hezbollah all’impianto di perforazione e stanno pianificando di schierare forze navali sul sito, inclusa una forma adattata alla marina del sistema di difesa missilistica Iron Dome.

Martedì un alto generale dell’IDF ha anche minacciato le infrastrutture militari di Hezbollah al confine con il Libano.

Libano e Israele, che non hanno relazioni diplomatiche e si considerano Stati nemici, hanno intrattenuto colloqui indiretti mediati dagli Stati Uniti per quasi due anni per risolvere la disputa sul confine marittimo.

I colloqui sul territorio conteso sono iniziati alla fine del 2020, ma sono stati sospesi da quando il Libano ha chiesto il controllo di ulteriori 1.430 chilometri quadrati (552 miglia quadrate) di territorio marittimo attualmente sotto il controllo israeliano. I due paesi stavano originariamente negoziando la demarcazione di 860 chilometri quadrati (332 miglia quadrate) di territorio marittimo, che sono ufficialmente registrati come contesi secondo una mappa del 2011 depositata presso le Nazioni Unite.

ia Israele che Libano hanno interessi economici nel territorio, che contiene gas naturale redditizio. Il Libano, che è stato impantanato in una crisi economica dalla fine del 2019, vede le risorse come una potenziale via d’uscita.

Hochstein è stato nominato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden per facilitare i negoziati tra i due paesi lo scorso anno. A novembre ha minacciato di porre fine ai colloqui se i paesi non fossero riusciti a trovare una soluzione, ea febbraio ha affermato che il tempo stava finendo per concludere un accordo.

Inoltre, venerdì gli Stati Uniti hanno dichiarato che avrebbero inviato un diplomatico di alto livello in Israele e in Cisgiordania per colloqui.

“L’assistente del Segretario di Stato per gli affari del Vicino Oriente Barbara A. Leaf si recherà in Israele e in Cisgiordania dall’11 al 14 giugno per consultarsi con i partner israeliani e palestinesi su una serie di priorità, incluso l’approfondimento della cooperazione bilaterale degli Stati Uniti con Israele e l’Autorità Palestinese , le relazioni israelo-palestinesi e il sostegno degli Stati Uniti per una soluzione a due stati, scoraggiando le attività regionali aggressive dell’Iran e il sostegno all’integrazione di Israele nella più ampia regione del Medio Oriente”, ha affermato il Dipartimento di Stato americano.

Leaf sarà accompagnato dal vicesegretario aggiunto per gli affari israeliani e palestinesi Hady Amr e dal direttore del NSC per Israele e gli affari palestinesi Cynthia Cook.

Qui l’articolo di Repubblica su Draghhi in Israele:

Draghi vola da Bennett: Subito gas israeliano per il fabbisogno dell’Italia

dal nostro inviato Tommaso Ciriaco
TEL AVIV – Gas e futuro. Gas, perché Israele è capace di contribuire all’autonomia energetica di Roma attraverso nuove imponenti forniture, che potrebbe far transitare dall’Egitto e poi trasportare in Italia dopo un processo di liquefazione e successiva rigassificazione. E futuro, visto che l’obiettivo è collaborare sui dossier decisivi dei prossimi anni: tecnologie all’avanguardia, agroalimentare, sanità e biomedicina, farmaceutica, sicurezza cibernetica, aerospazio. Con questo spirito nasce la visita di Mario Draghi in Israele. Tra oggi e domani, il premier sarà ricevuto a Gerusalemme dalle massime cariche politiche e istituzionali del Paese.

L’antefatto, innanzitutto. L’idea della visita nasce da un incontro fra Draghi e l’ambasciatore israeliano in Italia, Dror Eydar, meno di due mesi fa. “Ma visto che avete bisogno di così tanto gas – è stato il ragionamento di Eydar – perché non prendere anche quello israeliano?”. “Guardo l’agenda – ha colto l’opportunità il premier – e decidiamo la data della mia visita”. La tempistica, in questa storia, non è irrilevante: la missione apre infatti un tour internazionale che porterà Draghi prima al Consiglio europeo, poi al G7 e al vertice Nato, infine da Erdogan ad Ankara.

Il gas, allora. Priorità di Roma, opportunità per ridurre la drammatica dipendenza dall’energia di Mosca. Esistono tre opzioni per trasportare quello israeliano nel nostro Paese. La prima scommette sul futuro gasdotto EastMed. La seconda prevede di utilizzare il flusso di gas che da Israele giunge fino in Egitto. La terza sfrutta lo snodo della Turchia per arrivare nel nostro Paese attraverso il Tap. Tra i tre potenziali schemi di approvvigionamento, uno soltanto è capace di dare frutti in tempi brevi: quello che coinvolge il “gasdotto della pace” che unisce Israele ad Egitto, alimentato dal mega giacimento off-shore Leviathan. La tratta è di cento chilometri che porta da Ashkelon al terminale egiziano di Al-Arish. Lì il gas verrebbe reso liquido e spedito in Italia per nave. Infine rigassificato. In questa fase appare l’opzione più veloce. Quella che eviterebbe di “sprecare” un’infrastruttura permanente come può essere un nuovo gasdotto, se l’obiettivo finale è comunque quello di lasciare spazio alle rinnovabili.

www.repstatic.it/content/nazionale/img/2022/06/12/212808999-75a19620-2421-4f51-a365-0aa165e7f284.jpg?webp" type="image/webp" media="(max-width: 767px)" />www.repstatic.it/content/nazionale/img/2022/06/12/212807833-b2c8be77-346c-4e98-9bbd-77d1a505620a.jpg?webp" type="image/webp" />www.repstatic.it/content/nazionale/img/2022/06/12/212808999-75a19620-2421-4f51-a365-0aa165e7f284.jpg" media="(max-width: 767px)" />

Il premier Mario Draghi
(ansa)

La visita del premier ha come obiettivo interrompere la dipendenza da Mosca. Poi tappa a Ramallah. Roma e Gerusalemme intendono collaborare su tutti i dossier decisivi: dalle tecnologie alla sanit

Nessun commento:

Posta un commento