L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 30 giugno 2022

MAI fidarsi degli statunitensi

 

Massacro razziale di Tulsa del 1921

Massacro razziale di Tulsa del 1921

Il Massacro razziale di Tulsa del 1921, chiamato anche tumulto razziale di Tulsa del 1921, fu uno dei più gravi episodi di violenza razziale nella storia degli Stati Uniti. Si verificò a Tulsa, in Oklahoma, a partire dal 31 maggio 1921 e durò due giorni. Il massacro provocò tra le 30 e le 300 vittime, per lo più afroamericani, e distrusse il prospero quartiere nero di Tulsa.

Greenwood, conosciuta come la "Black Wall Street
Greenwood, conosciuta come la “Black Wall Street

Greenwood, conosciuta come la “Black Wall Street” era un agglomerato di più di 1.400 case e attività commerciali. Queste vennero bruciate nei tumulti e quasi 10.000 persone rimasero senza casa. Nonostante la sua gravità e i gravi danni causati a cose e persone, il massacro razziale di Tulsa è stato “dimenticato” dai libri di storia americani fino alla fine degli anni ’90, quando fu costituita una commissione statale per documentare l’accaduto.

Gli antefatti del massacro

Il 30 maggio 1921, Dick Rowland, un giovane lustrascarpe afroamericano, venne accusato di aver aggredito un’inserviente, bianca, Sarah Page nell’ascensore di un edificio nel centro di Tulsa. Il giorno successivo il Tulsa Tribune pubblicò un articolo in cui si diceva che Rowland aveva tentato di violentare la Page, con un editoriale di accompagnamento in cui si affermava che per quella notte era previsto un linciaggio. La Tulsa Race Riot Commission nel 1997 ha offerto una ricompensa per una copia dell’editoriale, che non è stata però mai trovata. Altri giornali dell’epoca come The Black Dispatch e Tulsa World non richiamarono l’attenzione su alcun editoriale del genere dopo l’evento. Quindi l’esatto contenuto dell’articolo – e se è esistito o meno – rimane controverso. Tuttavia, il capo degli investigatori James Patton ha attribuito la causa dei disordini interamente al resoconto del giornale e ha dichiarato: “Se i fatti della storia fossero stati pubblicati correttamente, non credo che ci sarebbe stata alcuna rivolta“.

Quella sera, in ogni caso, folle di afroamericani e bianchi scesero davanti al tribunale dove era detenuto Rowland. Molti bianchi volevano farsi giustizia sommaria, mentre altri afroamericani erano davanti al Tribunale per impedire azioni violente.

Uno scontro tra un afroamericano che era lì per proteggere Rowland, e un manifestante bianco è degenerato fino a provocare la morte di quest’ultimo, la folla di bianchi quindi prese l’occasione e iniziò violenze sempre più elevate.

Gli spari hanno innescato una risposta quasi immediata, con entrambe le parti che hanno cercato di colpire l’altra. Si è acclarato che la prima “battaglia” sia durata pochi secondi circa, ma ha avuto un salato costo in vite umane, poiché dieci bianchi e due neri giacevano morti o morenti per strada. Gli uomini di colore che si erano offerti di fornire sicurezza si ritirarono verso Greenwood. Ne seguì uno scontro a fuoco continuo.

La folla bianca armata ha inseguito il contingente nero verso Greenwood, con molti che si sono fermati a saccheggiare i negozi per prendere armi e munizioni. Come accade in queste situazioni, ci sono stti episodi che nulla c’entravano con la rivolta: lungo la strada, ad esempio, molta gente stava lasciando un cinema dopo uno spettacolo, sono stati colti alla sprovvista dalla folla e sono fuggiti. Il panico si è scatenato quando la folla di bianchi ha iniziato a sparare su tutti i neri ovunque essi fossero. La folla di bianchi ha anche sparato e ucciso almeno un loro uomo nella confusione. Secondo l’Oklahoma Historical Society, alcuni membri della mafia sono stati incaricati dalla polizia e hanno ricevuto l’ordine di “prendere una pistola e far fuori un negro”.

Nei due giorni successivi, folle di bianchi hanno saccheggiato e dato fuoco alle aziende e alle case di proprietà di cittadini neri in tutta la città. Molti erano membri recentemente ritornati dalla prima guerra mondiale, erano addestrati all’uso delle armi da fuoco e si dice che abbiano sparato a vista agli afroamericani. Alcuni sopravvissuti hanno persino affermato che le persone attraverso dei piccoli aeroplani hanno lanciato bombe incendiarie.

Quando il massacro si concluse, il 1 giugno, il bilancio ufficiale delle vittime è stato registrato in 10 bianchi e 26 neri uccisi, anche se molti esperti ora ritengono che almeno 300 persone siano state uccise complessivamente. Poco dopo la strage ci fu una breve inchiesta ufficiale, ma i documenti relativi ai fatti scomparvero poco dopo. L’evento non ha mai ricevuto un’attenzione diffusa ed è stato a lungo completamente assente dai libri di storia usati per insegnare agli scolari dell’Oklahoma.

Il mattino del 1 giugno

Durante le prime ore del mattino, gruppi di bianchi e neri armati si sono confrontati in scontri a fuoco. I combattimenti si concentrarono lungo tratti dei binari del Frisco, linea di demarcazione tra i quartieri commerciali bianchi e neri. Circolò una voce secondo cui altri neri sarebbero arrivati ​​in treno da Muskogee per aiutare i combattenti di Tulsa. A un certo punto, i passeggeri di un treno in arrivo sono stati costretti a mettersi al riparo sul pavimento dei vagoni, poiché erano arrivati ​​nel mezzo del fuoco incrociato, con il treno che continuava ad essere colpito su entrambi i lati. Piccoli gruppi di bianchi fecero brevi incursioni in auto a Greenwood, sparando indiscriminatamente contro aziende e residenze. Spesso ricevevano fuoco di risposta. Nel frattempo, i rivoltosi bianchi hanno lanciato stracci intrisi di petrolio accesi in diversi edifici lungo Archer Street, incendiandoli.

I vigili del Fuoco di Tulsa alle prime andarono verso quelle zone per spegnere gli incendi, ma la folla bianca, guidata anche dal Ku Klux Klan glielo impedì, in alcuni casi sparando sui Vigili che non ascoltavano i loro ordini. Un pompiere raccontò: “Significava perdere la vita di un pompiere se avessimo aperto un flusso d’acqua su uno di quegli edifici. Ci hanno sparato tutta la mattina quando stavamo cercando di fare qualcosa ma nessuno dei miei uomini è stato colpito. Non c’è alcuna possibilità al mondo di passare attraverso quella folla nel distretto“. Alle 4 del mattino, si stima che due dozzine di aziende di proprietà dei neri fossero state date alle fiamme.

Sopraffatti dall’enorme numero di aggressori bianchi, i residenti neri si ritirarono a nord su Greenwood Avenue, ai margini della città. Il caos è seguito quando i residenti terrorizzati sono fuggiti. I rivoltosi hanno sparato indiscriminatamente e ucciso molti residenti lungo la strada. Divisi in piccoli gruppi, iniziarono a irrompere in case ed edifici, saccheggiando. Diversi residenti in seguito hanno testimoniato che i rivoltosi bianchi hanno fatto irruzione nelle case occupate e hanno ordinato ai residenti di uscire in strada, dove potevano essere guidati o costretti a camminare verso i centri di detenzione. Tra i rivoltosi si sparse la voce che la nuova chiesa battista del monte Sion fosse usata come fortezza e arsenale.

Attacchi aerei sui neri

Resoconti di testimoni oculari, come la testimonianza dei sopravvissuti durante le udienze della Commissione di Tulsa e un manoscritto del testimone oculare e avvocato Buck Colbert Franklin, scoperto nel 2015, hanno affermato che la mattina del 1 giugno almeno “una dozzina o più” di aerei hanno fatto il giro del quartiere e sono state lanciate “palle di trementina in fiamme” su un edificio di uffici, un hotel, una stazione di servizio e molti altri edifici. Gli uomini hanno anche sparato con i fucili ai residenti neri, uccidendoli per strada.

Arrivo delle truppe della Guardia Nazionale

L’aiutante generale Charles Barrett della Guardia Nazionale dell’Oklahoma arrivò con un treno speciale verso le 9:15, con 109 soldati da Oklahoma City. Inviato dal governatore, non poteva agire legalmente finché non avesse contattato tutte le autorità locali competenti, compreso il sindaco TD Evans, lo sceriffo e il capo della polizia. Nel frattempo, le sue truppe si sono fermate. Barrett ha convocato rinforzi da diverse altre città dell’Oklahoma e dichiarò la legge marziale alle 11:49 a mezzogiorno le truppe erano riuscite a reprimere la maggior parte della violenza rimanente.

Migliaia di residenti neri erano fuggiti dalla città; altre 4.000 persone furono arrestate e detenute in vari centri. Secondo la legge marziale, i detenuti erano tenuti a portare con sé carte d’identità. Ben 6.000 residenti di Black Greenwood furono internati in tre strutture locali: Convention Hall, ora noto come Tulsa Theatre, Tulsa County Fairgrounds, allora situato a circa un miglio a nord-est di Greenwood e McNulty Park, uno stadio di baseball.

La lettera di un ufficiale

Una lettera del 1921 di un ufficiale della Service Company, Third Infantry, Oklahoma National Guard, arrivato il 31 maggio 1921, riportava numerosi eventi legati alla repressione della rivolta:

  • prendere in custodia circa 30-40 residenti neri;
  • mettere una mitragliatrice su un camion e portarlo di pattuglia, sebbene non fosse funzionante e molto meno utile di “un normale fucile”;
  • siamo stati colpiti dai cecchini neri della “chiesa” e abbiamo risposto al fuoco;
  • uomini bianchi ci hanno sparato;
  • consegnato i prigionieri agli agenti per portarli in questura;
  • altri colpi di nuovo da residenti neri armati e due sottufficiali leggermente feriti;
  • siamo alla ricerca di cecchini neri e armi da fuoco;
  • dobbiamo portare 170 residenti neri alle autorità civili; e consegnare altri 150 residenti neri alla Convention Hall.
  • Il capitano John W. McCune ha riferito che le munizioni immagazzinate all’interno delle strutture in fiamme hanno iniziato a esplodere, il che potrebbe aver ulteriormente contribuito alle vittime.
  • La legge marziale è stata ritirata il 4 giugno, in base all’ordine di campo n. 7.

Subito dopo le violenze

La Croce Rossa, nella sua panoramica preliminare, ha menzionato stime esterne ad ampio raggio da 55 a 300 morti; tuttavia, a causa della natura frettolosa delle sepolture prive di documenti, hanno rifiutato di presentare una stima ufficiale, affermando: “Il numero dei morti è una questione di congettura“.

La Croce Rossa ha registrato 8.624 persone; 183 persone sono state ricoverate in ospedale, per lo più per ferite da arma da fuoco o ustioni, sono differenziate nelle loro cartelle in base alla categoria di triage non al tipo di ferita, mentre altre 531 hanno richiesto pronto soccorso o cure chirurgiche; otto aborti sono stati attribuiti al risultato della tragedia; 19 morirono in cura tra il 1 giugno e il 30 dicembre 1921.

Le quasi 100.000 persone a Greenwood che sono state colpite hanno fatto affidamento, in gran parte, sui soccorsi della Croce Rossa. Importanti per la sopravvivenza futura di questo distretto, hanno lavorato per creare “un piano su larga scala al fine di fornire sicurezza, cibo, riparo, formazione e collocamento, copertura sanitaria e supporto legale per tutti i sopravvissuti“. La ​​Croce Rossa stava operando all’indomani di una tragedia, le cui vittime «avevano tutte le caratteristiche di prigionieri di guerra: senzatetto e indifesi, abbandonati dal loro paese d’origine, confinati in aree specifiche, privati ​​dei diritti umani fondamentali, curati senza rispetto e privati ​​dei loro beni”.

In meno di un anno a Tulsa, la Croce Rossa aveva allestito un ospedale per pazienti neri, il primo nella storia dell’Oklahoma; eseguiva vaccinazioni di massa per malattie che avrebbero potuto essere facilmente diffuse nei campi in cui si trovavano i sopravvissuti, oltre a costruire infrastrutture per fornire acqua fresca, cibo adeguato e alloggi sufficienti a coloro che non avevano più un luogo di residenza. Grazie al loro lavoro, la Croce Rossa ha salvato la vita ai feriti e ha contribuito a mantenere in città migliaia di neri che altrimenti avrebbero dovuto andarsene.

Le indagini successive

Nel 1997 lo stato dell’Oklahoma ha formato una Commissione di Tulsa per indagare sul massacro e documentare formalmente l’accaduto. I membri della commissione hanno raccolto resoconti di alcuni sopravvissuti, documenti di persone che hanno assistito al massacro e altre prove storiche.

Gli studiosi hanno utilizzato i resoconti dei testimoni e anche un radar per individuare una potenziale fossa comune appena fuori dal cimitero di Oaklawn di Tulsa, questo ha fatto capire che il bilancio delle vittime potrebbe essere molto più alto di quanto indicato dai registri originali.

Nelle sue raccomandazioni preliminari, la commissione ha suggerito che lo stato dell’Oklahoma pagasse 33 milioni di dollari per i danni, parte dei quali alle 121 vittime sopravvissute che erano state localizzate. Tuttavia, nessuna azione legislativa è mai stata intrapresa sulla raccomandazione e la commissione non aveva il potere di imporre il pagamento.

Il rapporto finale della commissione è stato pubblicato il 28 febbraio 2001. Nell’aprile 2002 un ente di beneficenza religioso privato, il Tulsa Metropolitan Ministry, ha pagato un totale di 28.000 dollari ai sopravvissuti, poco più di 200 dollari ciascuno, utilizzando i fondi raccolti da donazioni private.

Nel 2010 il John Hope Franklin Reconciliation Park è stato aperto nel distretto di Greenwood per commemorare il massacro. Prende il nome dallo storico e sostenitore dei diritti civili John Hope Franklin, il cui padre è sopravvissuto al massacro, il parco ospita la Torre della Riconciliazione, una scultura alta 7,5 metri che commemora la lotta afroamericana. Greenwood Rising, un centro in onore di Black Wall Street, che commemora le vittime del massacro e ne racconta la storia, è stato istituito nel 2021 dalla Tulsa Race Massacre Centennial Commission del 1921, fondata nel 2015.

https://scriptamanentitalia.it/massacro-razziale-tulsa-1921/?utm_source=Scripta+Manent&utm_campaign=52e0c238dc-EMAIL_CAMPAIGN_4_28_2021_8_52_COPY_01&utm_medium=email&utm_term=0_49e6506e3f-52e0c238dc-596950248

Nessun commento:

Posta un commento