L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 23 luglio 2022

Crollo climatico avanza

Il monopattino elettrico riduce davvero l’impatto ambientale?

Sommario: In seguito alla pandemia da COVID-19, si è diffuso velocemente l’utilizzo dei monopattini elettrici, che ha permesso ai cittadini di spostarsi liberamente ed indipendentemente dai mezzi di trasporto pubblico. Ma è davvero una soluzione sostenibile per l’ambiente?Ad oggi, l’utilizzo del monopattino elettrico è entrato a far parte della vita di tutti i giorni e sorge dunque spontaneo chiedersi quale sia il suo impatto a livello ambientale.



Come calcolare l’emissione dei monopattini elettrici?

Non utilizzando combustibili fossili, l’emissione di anidride carbonica è minima durante il loro utilizzo, tuttavia dobbiamo guardare a quanto è inquinante tutto il ciclo di vita di un monopattino elettrico. In particolare, per calcolare l’impatto di un dispositivo elettrico sulle emissioni di gas serra, è necessario considerare:Le emissioni dirette (durante l’uso quotidiano)
Le emissioni emesse durante il ciclo di produzione, trasporto e smaltimento dell’oggetto.

Prima di saltare a conclusioni è dunque necessario porsi una serie di domande che possono aiutare ad arrivare ad una risposta esaustiva.

A quanto ammonta l’anidride carbonica emessa durante i processi di produzione, trasporto e smaltimento?
Quanto è lunga l’aspettativa di vita di un monopattino elettrico?
Quali sono le sue alternative?

Cercheremo di rispondere a queste domande nei prossimi paragrafi.

Quale è l’impatto ambientale del ciclo di vita dei monopattini elettrici?

Innanzitutto, la fase di produzione e assemblamento dei monopattini elettrici avviene in Estremo Oriente dove non sono presenti particolari norme a tutela dell’ambiente. Infatti, le aziende non sono obbligate a rispettare criteri di sostenibilità, a partire dalla scelta dei materiali utilizzati per la produzione.

Per quanto riguarda il trasporto intercontinentale, bisogna considerare la distanza necessaria da percorrere per portare il prodotto finito sul mercato italiano ed europeo. Il trasporto marittimo è infatti uno dei settori che inquina di più a livello globale.

Dal punto di vista della CO2 emessa nella fase di utilizzo del monopattino elettrico, questa è molto bassa, pari a solo 2,5 g/km. Questo rappresenta un grande vantaggio rispetto ai mezzi di trasporto tradizionale che in media emettono dai 20 ai 50 g/km. Tuttavia, se da una parte l’automobile ha un’aspettativa di vita che va dai 300.000km per una macchina a benzina fino ai 500.000km per una a diesel, il monopattino elettrico dura non più di 24 mesi.

In aggiunta, se si tiene conto anche delle emissioni necessarie per le operazioni di ricarica dei monopattini, l’impatto ambientale si aggrava. Infatti, spesso le aziende che si occupano del recupero e ricarica dei monopattini in sharing, utilizzano veicoli tradizionali per il trasporto.

In aggiunta, si è notato che l’utilizzo dei monopattini elettrici sostituisce maggiormente i pedoni e le biciclette elettriche piuttosto che le automobili e i motorini il che, anziché ridurre l’impatto dell’anidride carbonica per gli spostamenti, potrebbe portare addirittura ad un aumento dell’effetto serra.

Ma quanto inquinano i monopattini elettrici?

Secondo diverse ricerche effettuate negli ultimi anni, tenendo conto di tutte le fasi che compongono il ciclo di vita dei monopattini elettrici in sharing, i dati dello studio di Arcadis confermano che l’ammontare di anidride carbonica emessa equivale a circa 105,5 g/km. Se paragoniamo questo dato a quello relativo ad un’automobile tradizionale che trasporta 3 passeggeri (111 g/km per persona), notiamo che la differenza è minima. Al contrario, i monopattini elettrici in sharing emettono più CO2 rispetto ad un’automobile elettrica con una persona a bordo (103 g/km).

Se diamo un’occhiata al grafico di seguito, è possibile confrontare l’impatto ambientale di mezzi di trasporto diversi tra loro.



È evidente come in termini di emissioni di CO2, i mezzi più sostenibili siano quelli pubblici quali treni, tram e metro con emissioni di circa 6 g/km per persona, seguiti da autobus elettrici e tradizionali che sono rispettivamente 21 g/km e 74 g/km.

Quale sarà il futuro dei monopattini elettrici? Continueranno la loro scalata nel settore dei trasporti urbani o verranno abbandonati e sostituiti in un paio di anni?

Secondo alcuni ricercatori, questo sarà possibile solo se le compagnie di monopattini in sharing (Lime, Tier, Helbiz e Dott) implementeranno strategie più sostenibili. Partendo da un sistema diverso di raccolta dei monopattini, di ricarica e smaltimento, si potrà finalmente trovare una soluzione sostenibile che renda più vivibili le nostre città.

Aggiornato su 21 Lug, 2022

La redazione di Energia-Luce.it
Alice Cazzulini

Nessun commento:

Posta un commento