L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 15 luglio 2022

Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem, non si devono moltiplicare gli elementi più del necessario. Solo degli euroimbecilli creduloni e inetti potevano/possono pensare ad una banca centrale capace di fare una politica monetaria che vada bene per diciannove paesi con interessi divergenti e anche contrapposti

Il sesso degli angeli, il ballo del Titanic… e la spaccatura della UE

Maurizio Blondet 15 Luglio 2022

di Roberto PECCHIOLI

Narrano le storie che durante l’assedio di Bisanzio, i giorni del 1453 in cui si chiuse la vicenda millenaria dell’Impero Romano d’Oriente e iniziò la storia ottomana e mussulmana di Istanbul, filosofi e teologi di corte continuassero a discettare di questioni come il sesso degli angeli. Indifesa- rimase al suo fianco un piccolo contingente di ardimentosi veneziani e genovesi al comando di Giovanni Giustiniani – la nobile città capitolò e l’imperatore Costantino XI Paleologo con i suoi pallidi intellettuali furono passati a filo di scimitarra dai giannizzeri di Maometto II.

Finiva una civiltà gloriosa, un nuovo capitolo – che dura ancora- si apriva, nell’indifferenza del resto d’ Europa. Sedici secoli prima, i Cartaginesi, sbarcati in Spagna, assediavano la colonia romana di Sagunto. Roma non reagì, prigioniera di interminabili discussioni e la città venne rasa al suolo. Solo dopo molti mesi l’Urbe repubblicana comprese il pericolo ed iniziò la seconda guerra punica. Celebre, nel resoconto di Tito Livio, è la frase “dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur”, mentre a Roma ci si consulta, Sagunto è espugnata.

Nel 1912 il transatlantico Titanic, orgoglio dell’industria e dell’impero britannico, svolgeva il suo viaggio inaugurale. La nave che avrebbe dovuto sconfiggere il mare per merito della tecnica, affondò sbattendo contro un iceberg. Fino a un attimo prima, nel salone delle feste si danzava al suono dell’orchestra.

Tre esempi, tre momenti diversi della lunga vicenda umana in cui la fine, la sconfitta e la morte sembrano giungere inattese, uno scherzo del destino, un imprevedibile mossa sulla scacchiera della storia.

A questo pensavamo leggendo una cronaca relativa alla Chiesa d’Inghilterra. I prelati anglicani – malferme colonne spirituali di un impero in disfacimento- al termine dell’ultimo sinodo della confessione di cui è capo Sua Maestà britannica, hanno gettato la spugna. Alla domanda: qual è la definizione di donna della Chiesa d’Inghilterra? la risposta – ufficiale, scritta con tutti i crismi della dogmatica- è stata che “non esiste una definizione ufficiale che consideri […] le complessità associate all’identità di genere.”

Sagunto non è più assediata, ma conquistata senza colpo ferire, ed è emblematico che le chiavi dell’ex fortezza siano consegnate da un’istituzione britannica, ossia della nazione-impero che ha forgiato per secoli il destino di buona parte del mondo. Per di più da un’autorità spirituale fortemente legata al potere politico.

Sua Maestà – e con lei l’Europa e l’Occidente- concetto assurto a nome di una civilizzazione- ha perduto. Anzi no, ha sposato la causa nemica e i suoi dottori non sanno definire la donna. Di conseguenza, non sapranno districarsi con l’idea di uomo. Non sanno più chi sono e chi siamo. Non hanno perduto, sono morti di vecchiaia, di esaustione. Quando qualcuno ha un incidente o un malore, i medici pongono alcune domande elementari per capire se il paziente è orientato. Nel caso in questione, il paziente non solo non è più orientato, ma ha perduto del tutto i codici del giudizio. Non sa più definire l’esemplare femmina della specie umana – per gli animali si vedrà- annebbiato dall’identità di genere, concetto posticcio, assai simile alla fede degli amanti secondo il Metastasio, “come l’araba fenice, che vi sia, ciascun lo dice; dove sia, nessun lo sa. “

L’imbroglio dell’identità di genere penetra nelle antiche stanze di Canterbury e, anziché essere confutato con tutti gli argomenti della biologia, della filosofia, della sociologia e della cultura millenaria, diventa l’elemento destabilizzante, addirittura il virus, il trojan, la decostruzione finale, quella dell’identità personale e intima dell’essere umano. Le complessità dell’animo e della persona umana – non certo scoperte dalla cultura della cancellazione- inibiscono ormai anche ai reverendi padri (e madri, la parità di genere è cosa fatta tra gli anglicani) la proclamazione della verità della condizione umana.

Reagiscono le femministe – che un’idea di donna ce l’hanno – e scrittrici come Joanna K. Rowling, la madre (si potrà dire?) di Harry Potter, già invisa al carrozzone progressista per aver affermato principi biologici ed esistenziali normalissimi diventati idee proibite nella patria della democrazia, in cui il dissenso può soltanto essere “lealissima opposizione di Sua Maestà”.

Sempre in Inghilterra, virata ideologica dei dipartimenti universitari di lingua e cultura latina. Pare che l’idioma dei padri e la loro cultura debbano essere rivisitate alla luce della “prospettiva di genere” e revocate in dubbio per i soliti motivi: fu prodotta e imposta da maschi bianchi eterosessuali, era razzista, schiavista, eccetera eccetera. Esattamente come l’Impero britannico quando dominava il mondo; ma oggi è obbligatoria la volontà d’impotenza e i teologi anglicani non sono secondi a nessuno nella corsa forsennata verso il nulla, l’automobile di Thelma e Louise che precipitò nel burrone.

Poiché certo i chierici di Sua Maestà hanno dimestichezza con la filosofia medievale, rammentiamo loro un concetto che ben conoscono, il rasoio di Occam. Il francescano inglese del XIV secolo richiamava alla semplicità, al rigore, all’inutilità di disquisizioni astratte e dispute su questioni irrilevanti che perdevano di vista l’essenziale. Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem, non si devono moltiplicare gli elementi più del necessario. Il rasoio taglia le ipotesi più azzardate e riduce alla spiegazione più semplice, evidente. Occam agiva all’interno della tradizione di ascendenza classico-aristotelica. Per lui, dibattere sulla definizione di donna sarebbe stato impensabile: la risposta era sotto gli occhi di chiunque.

Certo, al tempo suo, non si parlava di prospettiva di genere, fluidità e orientamento sessuale: per questo la civiltà e l’umanità sono arrivate sino a oggi. La corsa è finita, il binario si è interrotto; resta l’inerzia di una velocità divenuta folle nell’ultimo mezzo secolo. Folle come pararsi dinanzi al treno che esaurisce la sua spinta. Aveva ragione Evola: non resta che tenersi in piedi tra le rovine- continuando a riconoscerle tali- e cavalcare la tigre, ossia restare in groppa alla fiera selvaggia come in un rodeo.

Il rasoio di Occam ci impone di disinteressarci di argomenti risibili e contingenti (il sesso degli angeli, la prospettiva di genere) e guardare dritto credendo ai nostri occhi. Un po’ di sano realismo, o di disincanto del mondo; non moltiplicare gli enti: un uomo è un uomo, una donna è una donna, i due poli sessualmente distinti della specie umana. Punto. Tutto il resto è ridondante, gioco di parole, inganno da tagliare con il rasoio. In questo caso, e in tutti gli altri in cui agisce la decostruzione, la distruzione programmata di ogni identità e certezza, l’essenziale è visibile agli occhi.

Con buona pace di spiriti non inquieti, ma disturbati, aveva ragione il franco disincanto del poeta di un secolo fa, agli albori della crisi. Nella sua lirica più famosa, Taci, anima stanca, Camillo Sbarbaro offre il suo personale rasoio di Occam. Al termine di tutte le illusioni e di tutti gli inganni, resta la nuda realtà. E allora “gli alberi son alberi, le case sono case, le donne che passano son donne, e tutto è quello che è, soltanto quel che è. “Non sarà entusiasmante, non darà conto dell’immensa complessità dell’essere, ma è molto meglio del nichilismo, della destituzione di ogni verità, perfino che la neve è bianca e l’erba verde in primavera. Per una chiesa cristiana, sia pure secolarizzata e dal rapporto costitutivo con il potere come quella anglicana, non dovrebbe essere difficile scorgere l’ombra del Creatore sulle cose e perfino sui nomi e le definizioni, che, come sapevano Confucio e Maometto, sono l’anima e il senso di ciò che viviamo, vediamo, giudichiamo.

Un disincanto che è in realtà un reincanto, un ritorno all’origine, come la saggezza antica dei nostri nonni, che avevano le idee chiare sull’essenziale e insieme una sincera apertura al trascendente. Per loro non avevano senso le domande oziose e sapevano assai bene chi è una donna e chi è un uomo. Ma la modernità, inaugurata dai Lumi, ha finito per accecare. Troppo sole può dare alla testa, produrre febbre. Troppo sole può fare morire: non lo ha detto un filosofo, ma una canzone (Un uomo, ma chi è? Non dire che assomiglia a me). La nostra civiltà muore divorando se stessa, come nel mito greco Saturno divorava i suoi figli per timore di essere soppiantato da loro.

A quale domanda sappiamo rispondere- eccetto i quesiti tecno scientifici-se un’autorità morale e spirituale non sa più dirci chi è un uomo e chi è una donna, confusa da un impianto ideologico il cui scopo era ed è seminare dubbi, abbattere certezze consolidate e indiscusse. La luce eccessiva acceca e chi contempla per troppo tempo l’abisso finisce per precipitarvi. Privati di ogni certezza, non resta che l’amniotico buio della caverna, che ci fa prigionieri ma ci protegge. Impaurito, ostaggio dei dubbi sparsi ad arte per destabilizzarlo, l’uomo occidentale postmoderno rinuncia a qualsiasi prospettiva storica, qualunque eredità. La soluzione è un presente ossessivo, che nega “prima” senza credere a “dopo”.

Deprivato di ogni identità, l’uomo perde se stesso e l’unica cosa che conta è la volontà, indiscutibile, ma revocabile, a termine. Novello Proteo condannato a mutare, Dio di se stesso schiavo di pulsioni, desideri, paure, incapace di sapere chi è perfino nell’intimo, addestrato a non credere a ciò che vede e sente – anche rispetto a se stesso- l’uomo figlio di una civiltà “normale” cercherebbe rifugio nelle certezze più grandi, nelle fedi profonde, mondane o trascendenti. I grandi apparati ideali dovrebbero essere pronti ad accoglierlo, avvolgerlo nelle certezze, ridare colore al grigio travestito da arcobaleno. Al contrario, alimentano nuovi dubbi, seminano altre incertezze, si addentrano nel nichilismo di cui erano gli antidoti.

Se uomini di fede non sanno più chi – anzi “che cosa” (un oggetto, un accidente) è la donna, l’essere umano, significa che non credono più alla verità cristiana, oltreché alle evidenze della biologia. Credenti del nulla, fortunatamente a loro volta non sono più creduti dal disperso popolo di Dio. Nessun’altra agenzia di senso- laica, politica o religiosa- sembra approssimarsi all’orizzonte, nessun fil di fumo appare in albe sempre più tempestose.

Esauriti i maestri di ieri, caduti in confusione i loro esanimi eredi, ci è toccato in sorte di essere maestri a noi stessi. Non ci resta che tornare ad ascoltare la voce del cuore – la stessa della ragione- e trascurare tutto il resto. Non ti curar di lor, ma guarda e passa, esortava Virgilio al corteo dei pusillanimi. A noi è richiesto di fare di più: tapparci le orecchie, tenere spalancati gli occhi e credere a ciò che vediamo. I concetti, come le parole, hanno sempre dei padroni che determinano i significati e innanzitutto la percezione. Confucio voleva rettificare le denominazioni. Se le denominazioni non sono corrette, se non corrispondono alla realtà, il linguaggio diventa senza oggetto, per cui l’azione diventa impossibile.

La verità confuciana è evidente in un mondo che alimenta una confusione insopportabile. Non esiste più la concordanza tra la parola e la cosa, la verità che altro non può essere che coincidenza della realtà con l’intelletto, adaequatio rei et intellectus. I padri anglicani- neo avanguardie del nichilismo- dovrebbero saperlo e non sarebbe male se tornassero alla lezione più semplice: una mela è una mela, un uomo è un uomo, una donna è una donna. Gli enti non devono essere moltiplicati (e confusi, e capovolti) senza necessità.

Altrimenti, siamo a Bisanzio: il sesso degli angeli mentre volteggiano le scimitarre. Oppure a Sagunto, espugnata mentre si discuteva di sottigliezze giuridiche. O sul Titanic, il superbo manufatto spezzato dall’antica, primordiale forza della natura. E l’orchestra suonava, e i passeggeri di prima classe erano allegri un attimo prima dell’impatto. Morirono gai, confusi e sbigottiti: la nostra metafora.

Le dimissioni di Mario Draghi sono l’inizio del crollo dell’Unione Europea.

Questo processo potrebbe richiedere un anno o due, ma ora questo processo accelererà.

Il debito pubblico italiano è del 155% del PIL (una cifra pazzesca), il deficit di bilancio dello Stato è del 7,2% del PIL e ora anche la bilancia dei pagamenti è negativa.

Cioè, l’Italia è in bancarotta, che non ha dichiarato bancarotta solo perché la Banca Centrale Europea ha stampato denaro chirografario e lo ha prestato al governo italiano a un tasso di interesse prossimo allo zero. Grazie a ciò, gli interessi pagati erano bassi, ma l’Italia non avrebbe potuto farli senza nuovi sussidi dalla banca centrale europea.

Dopo la notizia delle dimissioni di Mario Draghi, l’interesse sui bond italiani è balzato al 3,51% (un anno fa era molto meno dell’1%), ovvero il problema del debito e del suo finanziamento è peggiorato molto.

Ora in Europa l’inflazione è fuori controllo e sta distruggendo le economie di tutti i suoi membri. Il nord Europa potrebbe ora avere un’inflazione molto più bassa se non fosse per il sud Europa.

I tedeschi soffrono immeritatamente per l’inflazione e cresce l’insoddisfazione per Olaf Scholz. È probabile che presto Olaf Scholz affronterà la crisi del governo di coalizione e dovrà dimettersi. Forse una situazione simile si svilupperà in altri paesi europei.

L’inflazione e la lotta contro di essa è il principale argomento politico in Germania e il compito principale dell’attuale e futuro governo tedesco fino a quando l’assenza di gas russo durante l’inverno non diventa l’argomento principale.

Non appena inizierà una crisi di governo in Germania, inizierà una battaglia mortale tra il sud e il nord dell’Eurozona per il diritto di determinare la politica finanziaria.

Gli interessi del nord e del sud dell’Europa sono opposti. La Germania insisterà affinché la Banca centrale europea fermi il quantitative easing e aumenti i tassi di interesse. Ma l’inasprimento della politica fiscale farà fallire istantaneamente l’Italia, la Grecia e altri membri deboli dell’Eurozona. Il Sud insisterà per continuare e aumentare il volume della stampa di denaro, anche se ciò significherà ancora più inflazione in Europa.

Questa contraddizione non può essere risolta. Di conseguenza, l’eurozona andrà in pezzi, credo che sia vissuta nell’ultimo anno. Allora l’Unione Europea crollerà.

E qui gli europei devono ancora decidere quale dei loro leader, individualmente o nel suo insieme, si metterà in ginocchio davanti a Putin affinché non spenga il gas in inverno, nel mezzo di una crisi europea su larga scala .

Mi sembra che sarà Macron, visto che è già riuscito a tenere le elezioni e in Francia almeno ci saranno un governo e un capo di Stato…

Nessun commento:

Posta un commento