L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 31 luglio 2022

Gli Stati Uniti fuori di testa, vedono il LORO mondo crollare e adottano strategie perdenti. Sta vincendo il mondo che considera il denaro e le banche come utilità pubblica, da creare spendere e prestare per scopi che aiutano ad aumentare la produttività e il tenore di vita (e sempre più a preservare l'ambiente)

La diplomazia americana come dramma tragico

 Giovedì 28 luglio 2022

Come in una tragedia greca il cui protagonista provoca proprio il destino che ha cercato di evitare, il confronto USA/NATO con la Russia in Ucraina sta ottenendo esattamente l'opposto dell'obiettivo americano di impedire a Cina, Russia e ai loro alleati di agire indipendentemente dal controllo statunitense sulla loro politica commerciale e di investimento. Nominando la Cina come il principale avversario a lungo termine dell'America, il piano dell'amministrazione Biden era di dividere la Russia dalla Cina e quindi paralizzare la stessa vitalità militare ed economica della Cina. Ma l'effetto della diplomazia americana è stato quello di unire Russia e Cina, unendosi a Iran, India e altri alleati. Per la prima volta dalla Conferenza delle nazioni non allineate di Bandung nel 1955, una massa critica è in grado di essere reciprocamente autosufficiente per avviare il processo di raggiungimento dell'indipendenza dalla diplomazia del dollaro.

Di fronte alla prosperità industriale cinese basata su investimenti pubblici autofinanziati nei mercati socializzati, i funzionari statunitensi riconoscono che la risoluzione di questa lotta richiederà un certo numero di decenni per svolgersi. 

Armare un regime ucraino per procura è semplicemente una mossa di apertura per trasformare la Seconda Guerra Fredda (e potenzialmente/o addirittura la Terza Guerra Mondiale) in una lotta per dividere il mondo in alleati e nemici in merito al fatto che i governi o il settore finanziario pianificheranno l'economia mondiale e la società.

Ciò che viene eufemizzato come democrazia in stile americano è un'oligarchia finanziaria che privatizza le infrastrutture di base, la salute e l'istruzione.

L'alternativa è quella che il presidente Biden chiama autocrazia, un'etichetta ostile per i governi abbastanza forti da impedire a un'oligarchia globale in cerca di rendita di prendere il controllo. La Cina è considerata autocratica nel provvedere ai bisogni primari a prezzi sovvenzionati invece di addebitare tutto ciò che il mercato può sopportare. Rendere la sua economia mista a basso costo è chiamata "manipolazione del mercato", come se fosse una cosa negativa che non è stata fatta da Stati Uniti, Germania e ogni altra nazione industriale durante il loro decollo economico nel 19° e all'inizio del 20° secolo.

Clausewitz ha reso popolare l'assioma secondo cui la guerra è un'estensione degli interessi nazionali, principalmente economici. 

Gli Stati Uniti ritengono che il loro interesse economico stia nel cercare di diffondere la loro ideologia neoliberista a livello globale. L'obiettivo evangelistico è quello di finanziarizzare e privatizzare le economie spostando la pianificazione dai governi nazionali a un settore finanziario cosmopolita. Ci sarebbe poco bisogno di politica in un mondo del genere. La pianificazione economica si sposterebbe dalle capitali politiche ai centri finanziari, da Washington a Wall Street, con satelliti nella City di Londra, Parigi Bourse, Francoforte e Tokyo. Le riunioni del consiglio per la nuova oligarchia si terranno al World Economic Forum di Davos. Finora i servizi di infrastruttura pubblica sarebbero stati privatizzati e con un prezzo sufficientemente alto da includere i profitti (e in effetti, le rendite di monopolio), finanziamento del debito e commissioni di gestione piuttosto che essere sovvenzionato pubblicamente. Il servizio del debito e l'affitto diventerebbero i maggiori costi generali per famiglie, industria e governi.

La spinta degli Stati Uniti a mantenere il loro potere unipolare di imporre politiche finanziarie, commerciali e militari "America First" al mondo implica un'ostilità intrinseca verso tutti i paesi che cercano di seguire i propri interessi nazionali. Avendo sempre meno da offrire sotto forma di guadagni economici reciproci, la politica statunitense minaccia sanzioni e si intromette di nascosto nella politica estera. Il sogno degli Stati Uniti prevede una versione cinese di Boris Eltsin che sostituisce la leadership del Partito Comunista della nazione e vende il suo dominio pubblico al miglior offerente, presumibilmente dopo che una crisi monetaria ha spazzato via il potere d'acquisto interno proprio come è accaduto nella Russia post-sovietica, lasciando la finanza internazionale comunità come acquirenti.

La Russia e il presidente Putin non possono essere perdonati per aver reagito alle “riforme” degli Harvard Boys. 

Questo è il motivo per cui i funzionari statunitensi hanno pianificato come creare un'interruzione economica russa per (loro sperano) orchestrare una "rivoluzione colorata" per riconquistare la Russia per il campo neoliberista mondiale. Questo è il carattere della "democrazia" e del "libero mercato" giustapposti all'"autocrazia" della crescita sovvenzionata dallo stato. Come ha spiegato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in una conferenza stampa il 20 luglio 2022 in merito al violento colpo di stato dell'Ucraina nel 2014, gli Stati Uniti e altri funzionari occidentali definiscono democratici i colpi di stato militari se sponsorizzati dagli Stati Uniti nella speranza di promuovere politiche neoliberiste.

Ricordi come si sono sviluppati gli eventi dopo il colpo di stato? I golpisti hanno sputato in faccia a Germania, Francia e Polonia che erano i garanti dell'accordo con Viktor Yanukovich. È stato calpestato il mattino successivo. Questi paesi europei non hanno fatto capolino, si sono riconciliati con questo. Un paio di anni fa ho chiesto a tedeschi e francesi cosa ne pensassero del colpo di stato. Di cosa si trattava se non pretendevano che i golpisti rispettassero gli accordi? Hanno risposto: “Questo è il costo del processo democratico”. Non sto scherzando. Incredibile: erano adulti che ricoprivano la carica di ministro degli Esteri.

Questo vocabolario del doppio pensiero riflette fino a che punto l'ideologia tradizionale si sia evoluta dalla descrizione di Rosa Luxemburg di un secolo fa della scelta di civiltà posta: barbarie o socialismo.

I contraddittori interessi e oneri statunitensi ed europei della guerra in Ucraina

Per tornare alla visione di Clausewitz della guerra come estensione della politica nazionale, gli interessi nazionali degli USA divergono nettamente da quelli dei suoi satelliti della NATO. Il complesso militare-industriale americano, i settori petrolifero e agricolo ne stanno beneficiando, mentre gli interessi industriali europei stanno soffrendo. Questo è particolarmente vero in Germania e Italia a causa del blocco delle importazioni di gas North Stream 2 e di altre materie prime russe da parte dei loro governi.

L'interruzione delle catene di approvvigionamento mondiale di energia, cibo e minerali e la conseguente inflazione dei prezzi (che fornisce un ombrello per gli affitti monopolistici da parte di fornitori non russi) ha imposto enormi tensioni economiche agli alleati degli Stati Uniti in Europa e nel Sud del mondo. Eppure l'economia statunitense ne sta beneficiando, o almeno settori specifici dell'economia statunitense ne stanno beneficiando. Come ha sottolineato Sergey Lavrov nella conferenza stampa sopra citata: “L'economia europea è colpita più di ogni altra cosa. Le statistiche mostrano che il 40 per cento dei danni causati dalle sanzioni è a carico dell'UE, mentre il danno per gli Stati Uniti è inferiore all'1 per cento". Il tasso di cambio del dollaro è salito alle stelle rispetto all'euro, che è precipitato alla parità con il dollaro e sembra destinato a scendere ulteriormente verso gli 0,80 dollari di una generazione fa. NOI il predominio sull'Europa è ulteriormente rafforzato dalle sanzioni commerciali contro petrolio e gas russi. 

Gli Stati Uniti sono un esportatore di GNL, le società statunitensi controllano il commercio mondiale di petrolio e le aziende statunitensi sono i principali distributori ed esportatori di grano del mondo ora che la Russia è esclusa da molti mercati esteri.

Un rilancio della spesa militare europea: per l'offesa, non per la difesa

I produttori di armi statunitensi non vedono l'ora di trarre profitto dalle vendite di armi all'Europa occidentale, che si è quasi letteralmente disarmata inviando i suoi carri armati e obici, munizioni e missili in Ucraina. I politici statunitensi sostengono una politica estera bellicosa per promuovere le fabbriche di armi che impiegano manodopera nei loro distretti elettorali. E i neocon che dominano il Dipartimento di Stato e la CIA vedono la guerra come un mezzo per affermare il dominio americano sull'economia mondiale, a cominciare dai propri partner della NATO.

Il problema con questo punto di vista è che, sebbene i monopoli militari-industriali, petroliferi e agricoli americani ne traggano vantaggio, il resto dell'economia statunitense è schiacciata dalle pressioni inflazionistiche derivanti dal boicottaggio delle esportazioni russe di gas, grano e altre materie prime, e dall'enorme l'aumento del budget militare sarà usato come scusa per tagliare i programmi di spesa sociale. Anche questo è un problema per i membri dell'Eurozona. Hanno promesso alla NATO di aumentare le loro spese militari al 2% stabilito del loro PIL, e gli americani stanno sollecitando livelli molto più alti per passare alla più recente serie di armi. Quasi dimenticato è il dividendo per la pace che era stato promesso nel 1991 quando l'Unione Sovietica ha sciolto l'alleanza del Patto di Varsavia, aspettandosi che anche la NATO avrebbe poche ragioni di esistere.

La Russia non ha alcun interesse economico distinguibile a organizzare una nuova occupazione dell'Europa centrale. Ciò non avrebbe offerto alcun guadagno alla Russia, come i suoi leader si sono resi conto quando hanno sciolto la vecchia Unione Sovietica. In effetti, nessun paese industriale nel mondo di oggi può permettersi di schierare una fanteria per occupare un nemico. Tutto ciò che la NATO può fare è bombardare a distanza. Può distruggere, ma non occupare. Gli Stati Uniti lo hanno scoperto in Serbia, Iraq, Libia, Siria e Afghanistan. E proprio come l'assassinio dell'arciduca Ferdinando a Sarajevo (l'attuale Bosnia-Erzegovina) scatenò la prima guerra mondiale nel 1914, il bombardamento della vicina Serbia da parte della NATO può essere visto come una sfida per trasformare la seconda guerra fredda in una vera e propria terza guerra mondiale. 

Questo ha segnato il punto in cui la NATO è diventata un'alleanza offensiva, non difensiva.

In che modo questo riflette gli interessi europei? Perché l'Europa dovrebbe riarmarsi, se l'unico effetto è di farne un bersaglio di ritorsioni in caso di ulteriori attacchi alla Russia? Che cosa ha da guadagnare l'Europa nel diventare un cliente più grande per il complesso militare-industriale americano?

Deviare le spese per ricostruire un esercito offensivo – che non potrà mai essere utilizzato senza innescare una risposta atomica che spazzerebbe via l'Europa – limiterà la spesa sociale necessaria per far fronte ai problemi del Covid di oggi e alla recessione economica.

L'unica leva duratura che una nazione può offrire nel mondo di oggi è il commercio e il trasferimento di tecnologia. 

L'Europa ha molto di più da offrire rispetto agli Stati Uniti. Eppure l'unica opposizione alla rinnovata spesa militare viene dai partiti di destra e dal partito tedesco Linke. I partiti socialdemocratici, socialisti e laburisti europei condividono l'ideologia neoliberista americana. Le sanzioni contro il gas russo rendono il carbone “il combustibile del futuro”

L'impronta di carbonio dei bombardamenti, della produzione di armi e delle basi militari è sorprendentemente assente dalla discussione odierna sul riscaldamento globale e sulla necessità di ridurre le emissioni di carbonio. Il partito tedesco che si fa chiamare Green sta guidando la campagna per le sanzioni contro l'importazione di petrolio e gas russi, che le società elettriche stanno sostituendo con carbone polacco e persino lignite tedesca. Il carbone sta diventando il "carburante del futuro". Il suo prezzo è in aumento anche negli Stati Uniti, a vantaggio delle compagnie carbonifere americane.

In contrasto con gli accordi del Club di Parigi per ridurre le emissioni di carbonio, gli Stati Uniti non hanno né la capacità politica né l'intenzione di unirsi allo sforzo di conservazione. La Corte Suprema ha recentemente stabilito che il ramo esecutivo non ha l'autorità di emanare regole energetiche a livello nazionale; solo i singoli stati possono farlo, a meno che il Congresso non approvi una legge nazionale per ridurre i combustibili fossili.

Ciò sembra improbabile in considerazione del fatto che diventare capo di un Senato Democratico e di una commissione del Congresso richiede di essere un leader nella raccolta di contributi elettorali per il partito. Joe Manchin, un miliardario della compagnia del carbone, guida tutti i senatori nel sostegno alla campagna delle industrie petrolifere e del carbone, consentendogli di vincere l'asta del suo partito per la presidenza della commissione per l'energia e le risorse naturali del Senato e bloccare qualsiasi legislazione ambientale seriamente restrittiva.

Oltre al petrolio, l'agricoltura è un importante contributo alla bilancia dei pagamenti statunitense. Il blocco della spedizione russa di cereali e fertilizzanti minaccia di creare una crisi alimentare globale nel sud e una crisi europea poiché il gas non è disponibile per produrre fertilizzanti domestici. La Russia è il più grande esportatore mondiale di grano e anche di fertilizzanti e le sue esportazioni di questi prodotti sono state esentate dalle sanzioni NATO. Ma la navigazione russa è stata bloccata dall'Ucraina che ha piazzato mine nelle rotte marittime attraverso il Mar Nero per chiudere l'accesso al porto di Odessa, sperando che il mondo avrebbe incolpato la Russia dell'imminente crisi mondiale di grano ed energia invece delle sanzioni commerciali USA/NATO imposte su Russia. Nella sua conferenza stampa del 20 luglio 2022 Sergey Lavrov ha mostrato l'ipocrisia del tentativo di pubbliche relazioni di distorcere le cose: Per molti mesi ci hanno detto che la colpa della crisi alimentare era la Russia perché le sanzioni non riguardano cibo e fertilizzanti. Pertanto, la Russia non ha bisogno di trovare modi per evitare le sanzioni e quindi dovrebbe commerciare perché nessuno si frappone sulla sua strada. Ci è voluto molto tempo per spiegare loro che, sebbene cibo e fertilizzanti non siano soggetti a sanzioni, il primo e il secondo pacchetto di restrizioni occidentali hanno influito sui costi di trasporto, sui premi assicurativi, sui permessi per le navi russe che trasportano queste merci di attraccare nei porti stranieri e quelli per le navi straniere che imbarcano le stesse spedizioni nei porti russi. Ci stanno mentendo apertamente sul fatto che questo non è vero e che dipende solo dalla Russia. Questo è un gioco scorretto.

Il trasporto di grano del Mar Nero ha iniziato a riprendere, ma i paesi della NATO hanno bloccato i pagamenti alla Russia in dollari, euro o valute di altri paesi nell'orbita degli Stati Uniti. I paesi con deficit alimentare che non possono permettersi di pagare i prezzi dei generi alimentari a un livello di emergenza devono far fronte a carenze drastiche, che saranno esacerbate quando saranno obbligate a pagare i loro debiti esteri denominati nell'apprezzamento del dollaro USA. L'incombente crisi del carburante e del cibo promette di guidare una nuova ondata di immigrati in Europa in cerca di sopravvivenza. L'Europa è già stata inondata di rifugiati dai bombardamenti della NATO e dal sostegno degli attacchi jihadisti alla Libia e ai paesi produttori di petrolio del Vicino Oriente. La guerra per procura di quest'anno in Ucraina e l'imposizione di sanzioni anti-russe sono un perfetto esempio della battuta di Henry Kissinger: "Può essere pericoloso essere il nemico dell'America, ma essere amico dell'America è fatale".

Contraccolpo degli errori di calcolo USA/NATO

La diplomazia internazionale americana mira a dettare politiche finanziarie, commerciali e militari che bloccheranno altri paesi nel debito del dollaro e nella dipendenza commerciale, impedendo loro di sviluppare alternative. Se questo fallisce, l'America cerca di isolare i recalcitranti dalla sfera occidentale incentrata sugli Stati Uniti.

La diplomazia estera americana non si basa più sull'offerta di guadagni reciproci. Tale potrebbe essere rivendicato all'indomani della seconda guerra mondiale, quando gli Stati Uniti erano in grado di offrire prestiti, aiuti esteri e protezione militare contro l'occupazione - così come manufatti per ricostruire economie dilaniate dalla guerra - ai governi in cambio della loro accettazione politiche commerciali e monetarie favorevoli agli esportatori e agli investitori americani. Ma oggi c'è solo la diplomazia bellicosa di minacciare di danneggiare le nazioni i cui governi socialisti rifiutano la spinta neoliberista americana a privatizzare e svendere le loro risorse naturali e infrastrutture pubbliche.

Il primo obiettivo è impedire a Russia e Cina di aiutarsi a vicenda. Questa è la vecchia strategia imperiale divide et impera. Ridurre al minimo la capacità della Russia di sostenere la Cina aprirebbe la strada agli Stati Uniti e alla NATO Europa per imporre nuove sanzioni commerciali alla Cina e per inviare jihadisti nella sua regione occidentale dello Xinjiang Uighur. L'obiettivo è dissanguare l'inventario degli armamenti della Russia, uccidere un numero sufficiente di suoi soldati e creare abbastanza carenze e sofferenze russe non solo per indebolire la sua capacità di aiutare la Cina, ma anche per spronare la sua popolazione a sostenere un cambio di regime, una "rivoluzione colorata" sponsorizzata dagli americani .” Il sogno è promuovere un leader simile a Eltsin amico della "terapia" neoliberista che ha smantellato l'economia russa negli anni '90.

Per quanto sorprendente possa sembrare, gli strateghi statunitensi non hanno previsto l'ovvia risposta dei paesi che si trovano insieme nel mirino delle minacce economiche e militari USA/NATO. Il 19 luglio 2022 i presidenti di Russia e Iran si sono incontrati per annunciare la loro cooperazione di fronte alla guerra delle sanzioni contro di loro. Ciò ha fatto seguito al precedente incontro della Russia con il primo ministro indiano Modi. In quello che è stato definito come "si spara con i suoi stessi piedi", la diplomazia statunitense sta spingendo insieme Russia, Cina, India e Iran, e in effetti a raggiungere l'Argentina e altri paesi per unirsi alla banca BRICS-plus per proteggersi.

Gli stessi Stati Uniti stanno ponendo fine al Dollar Standard della finanza internazionale

L'amministrazione Trump ha compiuto un importante passo avanti per far uscire i paesi dall'orbita del dollaro nel novembre 2018, confiscando quasi 2 miliardi di dollari delle scorte auree ufficiali del Venezuela detenute a Londra. La Banca d'Inghilterra ha messo queste riserve a disposizione di Juan Guaidó, il politico marginale di destra scelto dagli Stati Uniti per sostituire il presidente eletto del Venezuela come capo di stato. Questo è stato definito come democratico, perché il cambio di regime ha promesso di introdurre il "libero mercato" neoliberista che è considerato l'essenza della definizione americana di democrazia per il mondo di oggi.

Questo furto d'oro in realtà non è stata la prima confisca di questo tipo. Il 14 novembre 1979, l'amministrazione Carter paralizzò i depositi bancari iraniani a New York dopo che lo Scià fu rovesciato. Questo atto ha impedito all'Iran di pagare il suo servizio di debito estero programmato, costringendolo al default. Questa è stata vista come un'azione eccezionale una tantum per quanto riguarda tutti gli altri mercati finanziari. Ma ora che gli Stati Uniti sono l'autoproclamata "nazione eccezionale", tali confische stanno diventando una nuova norma nella diplomazia statunitense. Nessuno sa ancora cosa sia successo alle riserve auree libiche che Muammar Ghedafi intendeva utilizzare per sostenere un'alternativa africana al dollaro. E l'oro e le altre riserve dell'Afghanistan sono state semplicemente prese da Washington come pagamento per il costo della “liberazione” di quel paese dal controllo russo appoggiando i talebani. Ma quando nel marzo 2022 l'amministrazione Biden e i suoi alleati della NATO hanno fatto una presa di beni molto più ampia di circa 300 miliardi di dollari delle riserve bancarie estere russe e degli averi in valuta, ha ufficializzato una nuova era radicale nella diplomazia del dollaro.

Qualsiasi nazione che segua politiche non ritenute nell'interesse del governo degli Stati Uniti corre il rischio che le autorità statunitensi confischino le sue riserve di valuta estera in banche o titoli statunitensi.

Questa è stata una bandiera rossa che ha portato i paesi a temere di denominare il proprio commercio, risparmio e debito estero in dollari e ad evitare di utilizzare depositi e titoli bancari in dollari o euro come mezzo di pagamento.

Spingendo altri paesi a pensare a come liberarsi dal sistema monetario e commerciale mondiale incentrato sugli Stati Uniti che è stato istituito nel 1945 con il FMI, la Banca mondiale e successivamente l'Organizzazione mondiale del commercio, le confische statunitensi hanno accelerato la fine del Tesoro statunitense - Bill standard che ha governato la finanza mondiale da quando gli Stati Uniti hanno abbandonato l'oro nel 1971.

Da quando la convertibilità del dollaro in oro è terminata nell'agosto 1971, la dollarizzazione del commercio e degli investimenti mondiali ha creato la necessità che altri paesi detengano la maggior parte delle loro nuove riserve monetarie internazionali in titoli del Tesoro USA e depositi bancari. Come già notato, ciò consente agli Stati Uniti di sequestrare depositi bancari e obbligazioni estere denominati in dollari USA.

Ancora più importante, gli Stati Uniti possono creare e spendere pagherò in dollari nell'economia mondiale a piacimento, senza limiti. Non deve guadagnare potere di spesa internazionale eseguendo un surplus commerciale, come devono fare altri paesi. Il Tesoro degli Stati Uniti può semplicemente stampare dollari elettronicamente per finanziare le sue spese militari estere e gli acquisti di risorse e società estere. Ed essendo il "paese eccezionale", non deve pagare questi debiti, che sono riconosciuti come troppo grandi per essere pagati. Le disponibilità in dollari esteri sono crediti statunitensi gratuiti verso gli Stati Uniti, che non richiedono il rimborso più di quanto ci si aspetta che i dollari cartacei nei nostri portafogli vengano pagati (ritirandoli dalla circolazione).

Contraccolpo derivante dall'isolamento dei loro sistemi economici e monetari da parte degli Stati Uniti e della NATO

È difficile vedere come l'allontanamento dei paesi dall'orbita economica degli Stati Uniti serva agli interessi nazionali statunitensi a lungo termine. Dividere il mondo in due blocchi monetari limiterà la diplomazia del dollaro ai suoi alleati e satelliti della NATO.

Il contraccolpo che ora si sta verificando sulla scia della diplomazia statunitense inizia con la sua politica anti-russa. Ci si aspettava che l'imposizione di sanzioni commerciali e monetarie impedisse ai consumatori e alle imprese russe di acquistare le importazioni USA/NATO a cui erano abituati. La confisca delle riserve di valuta estera della Russia avrebbe dovuto far crollare il rublo, "trasformandolo in macerie", come promesso dal presidente Biden. L'imposizione di sanzioni contro l'importazione di petrolio e gas russo in Europa avrebbe dovuto privare la Russia dei proventi delle esportazioni, provocando il crollo del rublo e aumentando i prezzi all'importazione (e quindi il costo della vita) per il pubblico russo. Invece, il blocco delle esportazioni russe ha creato un'inflazione mondiale dei prezzi di petrolio e gas, aumentando notevolmente i proventi delle esportazioni russe. Ha esportato meno gas ma ha guadagnato di più – e con dollari ed euro bloccati. 

La Russia ha chiesto il pagamento delle sue esportazioni in rubli. Il suo tasso di cambio è salito alle stelle invece di crollare, consentendo alla Russia di ridurre i suoi tassi di interesse.

Spingere la Russia a inviare i suoi soldati nell'Ucraina orientale per difendere i russofoni sotto attacco a Luhansk e Donetsk, insieme al previsto impatto delle conseguenti sanzioni occidentali, avrebbe dovuto indurre gli elettori russi a premere per un cambio di regime. Ma come quasi sempre accade quando un paese o un'etnia viene attaccato, i russi sono rimasti sconvolti dall'odio ucraino per i parlanti di lingua russa e la cultura russa, e dalla russofobia dell'Occidente.

L'effetto dei paesi occidentali che hanno bandito la musica di compositori russi e i romanzi russi dalle biblioteche - con l'Inghilterra che ha bandito i tennisti russi dal torneo di Wimbledon - è stato quello di far sentire i russi sotto attacco semplicemente per essere russi. Si sono radunati attorno al presidente Putin.

Le sanzioni commerciali della NATO hanno catalizzato l'aiuto dell'agricoltura e dell'industria russe a diventare più autosufficienti obbligando la Russia a investire nella sostituzione delle importazioni. Un successo agricolo ben pubblicizzato è stato quello di sviluppare la propria produzione di formaggio per sostituire quella della Lituania e di altri fornitori europei. La sua produzione automobilistica e industriale è costretta ad abbandonare i marchi tedeschi e altri europei ai propri produttori e a quelli cinesi. Il risultato è una perdita di mercato per gli esportatori occidentali.

Nel campo dei servizi finanziari, l'esclusione della Russia da parte della NATO dal sistema di compensazione bancaria SWIFT non è riuscita a creare il caos previsto per i pagamenti. La minaccia era stata così forte per così tanto tempo che Russia e Cina avevano tutto il tempo per sviluppare il proprio sistema di pagamento. Ciò ha fornito loro una delle precondizioni per i loro piani di dividere le loro economie da quelle dell'Occidente USA/NATO.

A quanto pare, le sanzioni commerciali e monetarie contro la Russia stanno imponendo i costi più pesanti all'Europa occidentale e probabilmente si estenderanno al Sud del mondo, spingendoli a pensare se i loro interessi economici risiedono nell'unirsi alla conflittuale diplomazia del dollaro statunitense.

L'interruzione si fa sentire più seriamente in Germania, causando la chiusura di molte aziende a causa della carenza di gas e altre materie prime. Il rifiuto della Germania di autorizzare il gasdotto North Stream 2 ha spinto la sua crisi energetica al culmine. Ciò ha sollevato la questione di quanto a lungo i partiti politici tedeschi possano rimanere subordinati alle politiche della NATO della Guerra Fredda a spese dell'industria e delle famiglie tedesche che devono far fronte a forti aumenti dei costi del riscaldamento e dell'elettricità.

Più tempo ci vorrà per ripristinare il commercio con la Russia, più le economie europee soffriranno, insieme alla cittadinanza in generale, e più il tasso di cambio dell'euro cadrà, stimolando l'inflazione in tutti i suoi paesi membri. I paesi europei della NATO stanno perdendo non solo i loro mercati di esportazione, ma anche le loro opportunità di investimento per trarre vantaggio dalla crescita molto più rapida dei paesi eurasiatici la cui pianificazione del governo e la cui resistenza alla finanziarizzazione si è dimostrata molto più produttiva del modello neoliberista USA/NATO.

È difficile vedere come una qualsiasi strategia diplomatica possa fare di più che giocare con il tempo.

Ciò implica vivere nel breve periodo, non nel lungo periodo. Il tempo sembra essere dalla parte di Russia, Cina e delle alleanze commerciali e di investimento che stanno negoziando per sostituire l'ordine economico neoliberista occidentale.

Il problema ultimo dell'America è la sua economia postindustriale neoliberista

Il fallimento e i contraccolpi della diplomazia statunitense sono il risultato di problemi che vanno oltre la diplomazia stessa. Il problema di fondo è l'impegno dell'Occidente per il neoliberismo, la finanziarizzazione e la privatizzazione. Invece del sussidio governativo per il costo della vita di base necessario al lavoro, tutta la vita sociale viene resa parte del "mercato" - un mercato "Chicago Boys" deregolamentato unicamente dalla Thatcherite in cui l'industria, l'agricoltura, l'edilizia abitativa e il finanziamento sono deregolamentati e sempre più predatori, mentre sovvenzionando pesantemente la valutazione delle attività finanziarie e in cerca di rendita, principalmente la ricchezza dell'uno per cento più ricco. Il reddito è ottenuto sempre più dalla ricerca di rendite finanziarie e monopolistiche e le fortune sono fatte da guadagni di "capitale" indebitati per azioni, obbligazioni e immobili.

Le società industriali statunitensi hanno puntato maggiormente a "creare ricchezza" aumentando il prezzo delle loro azioni utilizzando oltre il 90% dei loro profitti per riacquisti di azioni e dividendi invece di investire in nuovi impianti di produzione e assumere più manodopera. Il risultato di un investimento di capitale più lento è smantellare e cannibalizzare finanziariamente l'industria aziendale al fine di produrre guadagni finanziari. E nella misura in cui le aziende impiegano manodopera e avviano nuova produzione, ciò avviene all'estero, dove la manodopera è più economica.

La maggior parte dei lavoratori asiatici può permettersi di lavorare con salari più bassi perché ha costi abitativi molto più bassi e non deve pagare il debito scolastico. L'assistenza sanitaria è un diritto pubblico, non una transazione di mercato finanziarizzata, e le pensioni non sono pagate in anticipo dai salariati e dai datori di lavoro, ma sono pubbliche. L'obiettivo in Cina, in particolare, è quello di evitare che il settore finanziario, assicurativo e immobiliare (FIRE) del rentier diventi un oneroso sovraccarico i cui interessi economici differiscono da quelli di un governo socialista.

La Cina considera il denaro e le banche come un'utilità pubblica, da creare, spendere e prestare per scopi che aiutano ad aumentare la produttività e il tenore di vita (e sempre più per preservare l'ambiente).

Rifiuta il modello neoliberista sponsorizzato dagli USA e imposto dal FMI, dalla Banca Mondiale e dall'Organizzazione Mondiale del Commercio.

La frattura economica globale va ben oltre il conflitto della NATO con la Russia in Ucraina. Quando l'amministrazione Biden è entrata in carica all'inizio del 2021, Russia e Cina avevano già discusso della necessità di de-dollarizzare il commercio estero e gli investimenti, utilizzando le proprie valute. Ciò comporta il salto di qualità nell'organizzazione di un nuovo istituto di compensazione dei pagamenti. La pianificazione non era andata oltre le linee generali di come avrebbe funzionato un tale sistema, ma la confisca da parte degli Stati Uniti delle riserve estere russe ha reso urgente tale pianificazione, a cominciare da una banca BRICS-plus. Un'alternativa eurasiatica al FMI rimuoverà la sua capacità di imporre "condizionalità" di austerità neoliberista per costringere i paesi a ridurre i pagamenti per il lavoro e dare la priorità al pagamento dei propri creditori stranieri piuttosto che al nutrimento di se stessi e allo sviluppo delle proprie economie. Invece di estendere il nuovo credito internazionale principalmente per pagare i debiti in dollari, farà parte di un processo di nuovi investimenti reciproci in infrastrutture di base progettate per accelerare la crescita economica e il tenore di vita. Altre istituzioni sono state progettate in quanto Cina, Russia, Iran, India e i loro potenziali alleati rappresentano una massa critica abbastanza grande da "farcela da soli", basata sulla propria ricchezza mineraria e potere manifatturiero.

La politica di base degli Stati Uniti è stata quella di minacciare di destabilizzare i paesi e forse di bombardarli finché non accettano di adottare politiche neoliberiste e di privatizzare il loro dominio pubblico. Ma affrontare Russia, Cina e Iran è un ordine di grandezza molto più alto. La NATO si è disarmata della capacità di condurre una guerra convenzionale consegnando la sua fornitura di armi - certamente in gran parte obsolete - da divorare in Ucraina. In ogni caso, nessuna democrazia nel mondo di oggi può imporre una leva militare per condurre una guerra di terra convenzionale contro un avversario significativo/importante. Le proteste contro la guerra del Vietnam alla fine degli anni '60 posero fine alla leva militare statunitense e l'unico modo per conquistare davvero un paese è occuparlo in una guerra di terra.

Ciò lascia alle democrazie occidentali la possibilità di combattere un solo tipo di guerra: la guerra atomica – o almeno, i bombardamenti a distanza, come è stato fatto in Afghanistan e nel Vicino Oriente, senza richiedere manodopera occidentale. Questa non è affatto diplomazia. Sta semplicemente recitando il ruolo di demolitore. Ma questa è l'unica tattica che rimane a disposizione degli Stati Uniti e della NATO Europa. È sorprendentemente simile alla dinamica della tragedia greca, dove il potere porta a un'arroganza che è dannosa per gli altri e quindi in definitiva antisociale e alla fine autodistruttiva.

Come possono allora gli Stati Uniti mantenere il loro dominio mondiale? Ha deindustrializzato e accumulato debito pubblico estero ben oltre ogni modo prevedibile di essere pagato. Nel frattempo, le sue banche e gli obbligazionisti chiedono che il Sud del mondo e altri paesi paghino gli obbligazionisti esteri in dollari di fronte alla loro stessa crisi commerciale derivante dall'impennata dei prezzi dell'energia e dei generi alimentari causata dalla belligeranza americana anti-russa e anti-cinese. Questo doppio standard è una contraddizione interna di base che va al centro dell'odierna visione neoliberista del mondo occidentale.

Nessun commento:

Posta un commento