L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 1 luglio 2022

Il mondo multipolare affianco al Pakistan mentre l'Occidente guarda il suo ombelico

Spiegazione: come la Cina e gli Emirati Arabi Uniti aiutano il Pakistan a superare la sua crisi economica


Alla ricerca di modi per superare la sua attuale crisi economica, il Pakistan potrebbe considerare di cedere quote di minoranza nelle sue società di proprietà pubblica agli Emirati Arabi Uniti a un prezzo negoziato, secondo un quotidiano pakistano. Tribuna Espressa.

Anche la Cina, un altro alleato del Pakistan, è intervenuta per aiutare il Paese con un prestito di 2,3 miliardi di dollari.

Il ministro federale delle finanze e delle entrate del Pakistan, Muftah Ismail, ha twittato del prestito del consorzio cinese concesso alla State Bank of Pakistan il 24 giugno.

Con il deterioramento della situazione economica del Pakistan negli ultimi anni con il calo delle riserve valutarie, si è rivolto a vari tipi di accordi di prestito. Fonti hanno detto all’Express Tribune che gli Emirati Arabi Uniti questa volta non erano pronti a donare due miliardi di dollari, dopo che il Pakistan non è riuscito a rimborsare il prestito ottenuto a febbraio 2019 con lo stesso importo.

Chi ha aiutato il Pakistan ad affrontare la crisi?

L’Express Tribune ha citato fonti che affermano che il governo degli Emirati Arabi Uniti si è offerto di acquisire dal 10 al 12% delle azioni di società di proprietà del governo in Pakistan attraverso fondi sovrani.

Lo ha detto il ministro delle finanze Muftah Ismail parlando con Tribuna Espressa. Ciò significa che il Pakistan vuole riacquistare le sue azioni nelle sue società dopo un certo periodo.

Nel frattempo, la Cina ha anche fornito prestiti al Pakistan in passato come a marzo 2019, concedendo un prestito di 2,1 miliardi di dollari al paese dell’Asia meridionale. È stato riferito che nello stesso anno il paese ha ricevuto 1 miliardo di dollari sia dall’Arabia Saudita che dagli Emirati Arabi Uniti, come parte dei pacchetti di salvataggio offerti dai due stati del Golfo. I prestiti dell’Arabia Saudita facevano parte di un pacchetto di salvataggio da 6 miliardi di dollari, concordato nel 2018.

Oltre ai suoi tradizionali alleati, il Pakistan ha contattato i paesi che in passato gli hanno concesso prestiti per un aiuto temporaneo. Il 27 giugno, il Dipartimento degli Affari economici del paese ha twittato di aver firmato un “accordo di sospensione del servizio di debito con la Repubblica francese” che mette in attesa $ 107 milioni di prestiti. L’importo precedentemente dovuto tra luglio e dicembre 2021 verrà ora rimborsato in sei anni (incluso un periodo di grazia di un anno) in rate semestrali.

Allo stesso modo, ad aprile 2021 in vista del COVID-19 Il Giappone ha accettato di sospendere 370 milioni di dollari in prestiti al Pakistan, secondo Express Tribune.

Il Fondo Monetario Internazionale ha aiutato?

Attualmente, il Pakistan chiede un salvataggio dal Fondo monetario internazionale ma non ha ricevuto alcuna conferma in merito. L’Express Tribune ha riferito il 29 giugno che il Fondo Monetario Internazionale aveva stabilito quattro “dure precondizioni” che includono un aumento delle tariffe elettriche e l’imposizione di una tassa sul petrolio di 50 rupie/litro. Sebbene ciò non faccia parte dei termini precedenti, l’FMI ha anche chiesto la creazione di un organismo anticorruzione per indagare sulla corruzione del governo.

Una volta fatto ciò, l’FMI presenterà la domanda del Pakistan per l’approvazione al suo comitato esecutivo. In definitiva, l’approvazione potrebbe aiutare il paese a ottenere un prestito di 2 miliardi di dollari.

Perché l’errore nell’economia pakistana?

Negli ultimi anni, a causa di molteplici fattori, il Pakistan ha assistito a un deterioramento dei problemi economici inflazione e esaurimento delle sue riserve valutarie. Secondo le proiezioni della Banca Mondiale per il Paese ad aprile di quest’anno, ciò è dovuto alla “debolezza strutturale a lungo termine dell’economia e alla bassa crescita della produttività”.

Anche il “contesto esterno meno favorevole per le esportazioni” ha contribuito a un disavanzo commerciale record, che ha colpito la rupia pachistana.

Non è la prima volta che il Paese vive una crisi finanziaria. Tuttavia, questa volta le organizzazioni internazionali non concedono prestiti al paese alle stesse condizioni di prima, ad eccezione della Cina. L’investimento cinese in Pakistan è significativo, ma non si limita al corridoio economico Cina-Pakistan, un progetto infrastrutturale che fa parte dell’ambiziosa Belt and Road Initiative cinese.

Il Pakistan ha assistito a un cambio di leadership da quando molti di questi accordi sono stati negoziati e le prospettive future per la sua economia rimangono incerte. La Banca Mondiale ha affermato che le prospettive sembrano buone in alcune aree come la coltivazione del riso e della canna da zucchero e la crescita positiva dei consumi privati ​​ha preso piede durante il picco del Covid.

La FTAF ha anche recentemente riconosciuto i miglioramenti apportati dal Pakistan per contrastare il finanziamento del terrorismo e potrebbe uscire dalla sua lista grigia, il che potrebbe invitare maggiori investimenti e aumentare la capacità di prestito da parte delle organizzazioni internazionali.

Tuttavia, la Banca mondiale ha avvertito che “a livello nazionale, le tensioni politiche e lo slittamento delle politiche possono portare a squilibri macroeconomici prolungati”.

La carenza di carburante ed elettricità, l’inflazione e le ondate di calore prolungate che colpiscono l’agricoltura, come quella sperimentata nel subcontinente indiano quest’anno, sono alcune delle principali preoccupazioni a breve termine.

Nessun commento:

Posta un commento