L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 28 luglio 2022

l’Occidente politico è intervenuto nel 2014 e ha insediato un governo fantoccio composto da un mix instabile di oligarchi corrotti e organizzazioni apertamente neonaziste, facendo precipitare il Paese in una guerra con la sua stessa popolazione e ponendo le basi per un conflitto con la Russia, una superpotenza militare in possesso del più potente arsenale nucleare del mondo

L’Occidente ha sottratto all’Ucraina 12 miliardi di dollari in oro da febbraio
Maurizio Blondet 27 Luglio 2022

Il saccheggio dell’Ucraina va avanti da oltre 3 decenni. Dagli sfortunati eventi della fine degli anni ’80 e dell’inizio degli anni ’90, il Paese è stato il bersaglio di varie entità dell’Occidente politico.

L’economia, il potenziale scientifico, le risorse naturali e lo stesso popolo ucraino sono stati sottoposti a uno dei peggiori casi di sfruttamento della storia recente.

L’economia è stata saccheggiata dagli oligarchi corrotti, mentre il Paese ha subito una grave fuga di cervelli, che ha portato al completo degrado del suo potenziale scientifico, un tempo di prim’ordine, nonostante le istituzioni scientifiche del Paese fossero essenziali in imprese come l’esplorazione spaziale, di primaria importanza per l’intera umanità.

Le vaste risorse naturali dell’Ucraina vengono rubate ancora oggi, mentre la popolazione del Paese ha sofferto enormemente, subendo varie forme di sfruttamento brutale. Milioni di ragazze e donne ucraine sono state costrette a prostituirsi, fornendo una fornitura costante di schiavi del sesso per decenni.

Tutto ciò ha portato a un catastrofico declino della popolazione, che è passata da 52 milioni nel 1991 a 41 milioni nel 2021, un calo sconcertante del 21% in soli 30 anni. E proprio quando sembrava che le cose non potessero peggiorare, l’Occidente politico è intervenuto nel 2014 e ha insediato un governo fantoccio composto da un mix instabile di oligarchi corrotti e organizzazioni apertamente neonaziste, facendo precipitare il Paese in una guerra con la sua stessa popolazione e ponendo le basi per un conflitto con la Russia, una superpotenza militare in possesso del più potente arsenale nucleare del mondo.

Attualmente, poiché all’Ucraina rimane ben poco da saccheggiare, il regime di Kiev ha deciso di cedere le ultime vestigia di ricchezza nazionale del Paese: le sue riserve d’oro. Secondo Gold Seek, il regime di Kiev ha recentemente consegnato agli Stati Uniti almeno 12 miliardi di dollari di riserve auree ucraine. Sembra che queste potrebbero essere le ultime riserve auree rimaste al Paese.

Da quando la Russia ha iniziato la sua operazione militare speciale a febbraio, l’Occidente politico, guidato dagli Stati Uniti, si è appropriato di decine di miliardi di dollari di valuta estera e riserve auree dell’Ucraina. Dopo aver ricevuto decine di miliardi di dollari in cosiddetti “aiuti militari”, nonché finanziamenti per le istituzioni governative, il regime di Kiev è stato costretto a rinunciare alle sue riserve d’oro come condizione per tutta l'”assistenza” statunitense e dell’UE.

L’autore del rapporto, Chris Powell, Segretario/Tesoriere del Gold Anti-Trust Action Committee Inc, ha dichiarato: “Da quando, a febbraio, la Russia ha iniziato l’attacco al territorio ucraino non crimeano, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno stanziato decine di miliardi di dollari in aiuti militari e umanitari all’Ucraina.

Quindi, perché l’Ucraina avrebbe dovuto vendere le sue riserve d’oro, a meno che ciò non fosse una condizione per l’assistenza statunitense ed europea, soprattutto perché gli Stati Uniti avevano già preso in custodia l’oro ucraino?

Spogliare i feriti dei loro oggetti di valore in tempo di guerra fa sempre pensare all’avidità o alla disperazione – come la disperazione di mantenere basso il prezzo dell’oro per sostenere il dollaro americano e le altre valute occidentali…”.

La settimana scorsa, anche la Reuters ha riferito che il regime di Kiev ha consegnato l’oro del Paese. Secondo il rapporto, la Banca centrale ucraina ha venduto 12,4 miliardi di dollari di riserve d’oro dall’inizio dell’operazione militare speciale della Russia il 24 febbraio, ha detto il vice capo della banca il 17 luglio.

“Stiamo vendendo (questo oro) in modo che i nostri importatori siano in grado di acquistare i beni necessari per il Paese”, ha dichiarato il vice governatore Kateryna Rozhkova alla televisione nazionale. Ha dichiarato che l’oro non è stato venduto per sostenere la valuta ucraina, la grivna.

Il regime di Kiev è da anni in “supporto vitale” finanziario (e non solo), poiché da quasi un decennio sta gestendo male l’economia. L’Occidente politico ha ovviamente voluto assicurarsi di prosciugare l’ultima goccia di linfa vitale dello sfortunato Paese, oltre a predisporre una sorta di polizza assicurativa per garantire che i suoi cosiddetti “aiuti” non fossero forniti gratuitamente.

Con la costante avanzata delle forze russe e della DNR/LNR nel Donbass, è altamente improbabile che il regime sopravviva oltre il 2022, per non parlare di prevalere, soprattutto perché i cosiddetti “aiuti militari” ricevuti si sono dimostrati efficaci solo nella guerra di propaganda.

Nonostante gli sforzi del regime di Kiev e dei media statali occidentali di dipingere le armi fornite come presunti cambiamenti di gioco, al di là di alcuni successi tattici, si sono dimostrati in gran parte irrilevanti.

Secondo vari rapporti, l’esercito russo ha già distrutto la maggior parte delle armi inviate dall’Occidente politico e dai suoi numerosi Stati satelliti. Oltre a sbarazzarsi di hardware vecchio e arrugginito, di cui beneficiano direttamente i complessi militari industriali della NATO (in primo luogo gli Stati Uniti), l’Occidente politico guadagna anche l’opportunità di vendere armi più nuove, in particolare jet da combattimento, per sostituire le piattaforme più vecchie, oltre ad accaparrarsi una quota maggiore dell’immensamente redditizio mercato globale delle armi.

Ed è proprio il regime di Kiev a pagare con il denaro, le risorse e ora l’oro guadagnato da innumerevoli generazioni di ucraini. Peggio ancora, la popolazione stessa sta pagando con il sangue, dato che gli uomini ucraini vengono essenzialmente rapiti e mandati a morte quasi certa in una lotta che non possono sperare di vincere.

Drago Bosnic, analista geopolitico e militare indipendente.

È possibile partecipare agli sforzi globali per paralizzare la capacità di genocidio della cabala criminale organizzata dello Stato profondo, godendo allo stesso tempo della libertà sanitaria, boicottando definitivamente Big Pharma.

Nessun commento:

Posta un commento