L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 13 luglio 2022

Ora si accaniscono con gli agricoltori, questi imbecilli oligarchi passano da una teorizzazione all'altra fregandosene della gente

Speranze di Rivolta (all’estero)
Maurizio Blondet 12 Luglio 2022

Il governo olandese vuole ridurre le emissioni di azoto nel paese fino al 70%, il che significa tagliare i concimi azotati (nitrati) di altrettanto . Per ecologismo fanatico coniugato al Gran Reset . Un passo che era già stato annunciato nel 2019, quando il Raad van Staate, il più alto tribunale amministrativo dei Paesi Bassi, aveva bocciato il sistema di rilascio delle licenze di emissioni azoto fino a quel momento in vigore – e che i critici hanno definito inefficace – e obbligato il autorità del paese al rispetto dei valori limite della Direttiva UE sulla conservazione della natura in futuro. Nonostante gli avvertimenti degli agricoltori su una possibile escalation, i politici stanno ora rispettando il verdetto e obbligano gli agricoltori olandesi a ridurre massicciamente le emissioni di azoto entro un anno.

La regolamentazione potrebbe significare per il 30% delle aziende agricole olandesi

In generale si parla di riduzione delle emissioni del 50 per cento, ma nelle riserve naturali speciali si sta valutando addirittura una riduzione del 70 per cento. Secondo il governo, il regolamento potrebbe significare la fine del 30 per cento delle aziende agricole del paese. Gli ambientalisti sostengono la necessità della decisione con riferimento alle riserve naturali sofferenti e alla biodiversità in declino da decenni, mentre l’agricoltura olandese esporta in gran parte i suoi beni. Già nel 2019, gli agricoltori olandesi sono scesi in piazza quando un politico ha chiesto una massiccia riduzione del bestiame nel paese a seguito del verdetto sull’azoto.

Non era solo prevedibile che la decisione del governo olandese di martedì abbia innescato una feroce opposizione. Solo pochi giorni fa, Bart Kemp, un attivista agricolo della cosiddetta “Farmers Defense Force”, ha inviato un videomessaggio al ministro dell’Ambiente avvertendo di un’ulteriore escalation. “Esci da questi piani disastrosi, parlaci di una politica fondamentalmente diversa, non continuare sulla strada che hai intrapreso”, ha affermato Kemp dal “tagesschau” . “Non lasciare che le azioni pacifiche dei contadini si trasformino in una rivolta contadina”.

Gli agricoltori hanno svuotato serbatoi di liquame davanti alla casa del ministro dell’Ambiente

Quando martedì sera sono aumentate le proteste contro le nuove regole sui fertilizzanti, la polizia olandese ha parlato di una situazione minacciosa e inaccettabile. Anche il primo ministro olandese Mark Rutte ha condannato le proteste, che alla fine sono culminate con gli agricoltori che si sono radunati davanti alla casa del ministro dell’Ambiente Christianne van der Wal, facendo esplodere fuochi d’artificio e svuotando un serbatoio di liquame. “Puoi manifestare, ma in modo civile”, ha detto Rutte mercoledì. Si dice che i suoi due figli fossero presenti nella casa del ministro dell’ambiente e, secondo Rutte, avrebbero spaventato le proteste.

Inoltre, un furgone della polizia è stato danneggiato e riempito di fieno, le strade sono state barricate, balle di paglia sono state date alle fiamme e gli agenti sono stati aggrediti e molestati. La polizia olandese ha finalmente stabilito che le proteste hanno attraversato i confini. La politica Caroline van der Plas, che rappresenta gli agricoltori olandesi in parlamento con il suo partito Boer Burger Beweging, ha sottolineato al “tagesschau” che si sentivano sotto pressione. Le tue uniche scelte sono passare all’agricoltura biologica, trasferirti o rinunciare.

In solidarietà coi colleghi olandesi, protestano anche gli agricoltori tedeschi

Per solidarietà con gli agricoltori olandesi: dopo le proteste degli agricoltori olandesi contro la prevista ordinanza sull’azoto, anche gli agricoltori tedeschi sono scesi in piazza a livello nazionale con i loro trattori durante il fine settimana per protestare pacificamente e in questo modo per sostenere le proteste dei loro colleghi olandesi. Le proteste sono destinate a continuare e ad espandersi oggi.

Circa una dozzina di agricoltori della Renania settentrionale-Vestfalia hanno attraversato il confine durante il fine settimana e hanno unito le forze con i loro colleghi olandesi e hanno bloccato le strade. Gli agricoltori tedeschi hanno protestato non solo negli stati federali della Renania settentrionale-Vestfalia e della Bassa Sassonia, al confine con l’Olanda, ma anche in Baviera, Amburgo e Sassonia.

Presente anche Markus Blömer. Possiede una fattoria a Rhede, nel Münsterland occidentale, vicino al confine olandese, e teme che in futuro accada qualcosa di simile a quanto accaduto nei Paesi Bassi in Germania. Si lamenta del fatto che anche qui in Germania le numerose regole imposte dallo Stato in materia di zootecnia e fertilizzazione stanno portando gli agricoltori in difficoltà esistenziali.

Molti dei contadini tedeschi che hanno preso parte alle proteste olandesi, occupando ponti autostradali o bloccando rotonde, si sentono abbandonati come gruppo professionale dallo stato. Si lamentano già dell’ampliamento delle zone rosse o delle condizioni fitosanitarie nelle riserve naturali. Le aree rosse sono aree in cui il contenuto di nitrati nelle acque sotterranee è superiore a 50 mg per litro. La fecondazione con azoto è quindi più limitata lì.

Il contesto: venerdì il Consiglio federale ha approvato un regolamento amministrativo per la designazione delle aree inquinate da nitrati (AVV), che prevede anche modifiche alle ordinanze sui concimi. Questo è il motivo per cui molti agricoltori sono preoccupati. Si aspettano un lungo periodo di incertezza giuridica.

Si rifiutano inoltre di assumersi la responsabilità esclusiva per l’inquinamento da nitrati. Pertanto, manifestazioni e blocchi come nei Paesi Bassi potrebbero essere in attesa anche in Germania in futuro.
In Francia, il 14 luglio, alla Bastiglia!

Nessun commento:

Posta un commento