L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 20 agosto 2022

Il Nord Stream 2 aspetta con pazienza in panchina. La guerra igiene del mondo sta dimostrando che Euroimbecilandia non è una entità politica

I prezzi del gas dell’UE sono sette volte superiori a quelli degli Stati Uniti – CNN

Maurizio Blondet 19 Agosto 2022

I prezzi del gas naturale europeo sono scambiati a livelli equivalenti a circa $ 70 per milione di unità termiche britanniche (BTU), che è circa sette volte superiore ai prezzi negli Stati Uniti, ha riferito la CNN mercoledì, citando Lipow Oil Associates.

Gli analisti hanno detto all’outlet che la crisi del gas naturale in Europa sta contribuendo all’aumento dei prezzi in America, notando tuttavia che non è il motore principale. I prezzi del gas naturale negli Stati Uniti sono saliti a livelli mai visti dal 2008, chiudendo martedì a $ 9,33 per milione di BTU.

“I prezzi globali più elevati stanno scendendo negli Stati Uniti. Il gas naturale è diventato una merce globale con l’emergere del GNL”, ha affermato Rob Thummel, senior portfolio manager di Tortoise Capital Advisors.

Gli Stati Uniti hanno intensificato le esportazioni di GNL in Europa nel tentativo di mitigare l’impatto del calo dei flussi provenienti dal principale fornitore di gas naturale del continente, la Russia.

“Ogni molecola di riserva che riusciamo a trovare, la spediamo nell’Eurozona”, ha affermato Robert Yawger, vicepresidente dei futures energetici di Mizuho Securities.

I prezzi del gas in Europa sono quadruplicati dall’inizio dell’anno a causa del calo dei flussi russi. Questa settimana, per la prima volta da marzo, il costo dei future sul gas sull’hub TTF nei Paesi Bassi ha superato i 2.600 dollari per mille metri cubi. Si prevede che i prezzi saliranno del 60% questo inverno, superando i 4.000 dollari per mille metri cubi.

La siccità sta spingendo i mercati energetici europei verso il disastro

I mercati dell’energia e la natura sembrano avercela con l’Europa. Prezzi record del gas, aumento dei prezzi del carbone e siccità che interferiscono con la produzione di elettricità in alcuni mercati chiave si sono combinati per spingere i contratti di elettricità nell’UE a livelli record mentre l’incertezza sul prossimo inverno aumenta.

Reuters ha riferito all’inizio di questa settimana che un certo numero di contratti a termine scambiati nell’UE ha raggiunto livelli massimi a causa di quella che sembra sempre più una tempesta di energia perfetta, che colpisce ogni fonte di energia in un modo o nell’altro.

“Un certo numero di fattori si stanno sommando: il mercato è incerto sul fatto che l’EDF aumenterà la disponibilità nucleare abbastanza per l’inverno, il che spiega le differenze di prezzo tra i due paesi [Francia e Germania]”, ha detto l’analista di Rystad Energy Fabian Ronningen Reuters.

EDF ha dovuto ridurre significativamente il tasso di utilizzo della capacità delle sue centrali nucleari perché la siccità in Francia ha ridotto la disponibilità di acqua per il raffreddamento dei reattori. Ma la siccità si è aggiunta ai problemi precedenti: la corrosione del reattore che ha spinto l’azienda a chiuderne alcuni all’inizio di quest’anno, riducendo di fatto la fornitura di elettricità disponibile per la vendita sul mercato nazionale o regionale.

Nel frattempo, in Germania, la produzione eolica è bassa, così come il livello dell’acqua del Reno, una via di trasporto chiave per cose come il carbone, per esempio. L’economia tedesca dipende abbastanza da questo cruciale corridoio marittimo , ma quando il livello dell’acqua è estremamente basso, i caricatori semplicemente non possono caricare il solito volume di carico, il che significa che il carbone e altre materie prime stanno raggiungendo le loro destinazioni in monti più piccoli e più lentamente.

La siccità sta influenzando anche la produzione idroelettrica, aumentando le preoccupazioni per l’approvvigionamento futuro. A causa della siccità, la Norvegia, che genera più di due terzi della sua elettricità dall’energia idroelettrica, ha annunciato che avrebbe frenato le esportazioni di elettricità, minacciando la fornitura di altri paesi europei nel peggior momento possibile. Nel Regno Unito si parla di blackout.

Nel frattempo, i flussi di gas di Gazprom verso l’Europa rimangono molto più bassi del solito, con lo stato russo che ha avvertito questa settimana che i prezzi del gas sul mercato europeo spot potrebbero superare i $ 4.000 per 1.000 metri cubi. Di recente, i prezzi spot hanno infranto la barriera dei 2.500 dollari.

“I prezzi spot del gas in Europa hanno raggiunto $ 2.500 (per 1.000 metri cubi). Secondo stime prudenti, se tale tendenza persiste, i prezzi supereranno i $ 4.000 per 1.000 metri cubi questo inverno”, ha affermato Gazprom .

L’Unione Europea è stata rapida nel passare dal gas russo al GNL statunitense durante la crisi ucraina, ma la velocità non è stata sufficiente: la capacità di esportazione di GNL degli Stati Uniti non è illimitata e i produttori hanno anche altri clienti in Asia. Con l’avvicinarsi della stagione invernale, gli acquirenti asiatici sono diventati più disposti a pagare premi elevati per qualsiasi GNL, il che ha intensificato la concorrenza per un numero limitato di navi cisterna.

Non c’è da stupirsi, quindi, che i prezzi dell’elettricità in alcune parti d’Europa abbiano raggiunto dei record. Ancora meno meraviglia che le industrie stiano iniziando a cedere, secondo un recente rapporto di Bloomberg . Il rapporto rileva che il contratto elettrico della Germania è salito a oltre 530 euro per MWh all’inizio di questa settimana, il che ha rappresentato un aumento del 500% negli ultimi 12 mesi. Nessuna industria può assorbire indenne un tale shock di prezzo, e l’industria tedesca no.

La Germania ha dovuto pagare l’equivalente di oltre 15 miliardi di dollari per salvare una delle sue maggiori società di servizi di gas, Uniper, all’inizio di quest’anno. Il gigante della chimica BASF ha avvertito che una carenza di gas potrebbe devastare l’industria. Le fonderie di alluminio e zinco stanno chiudendo, così come gli impianti di fertilizzanti, tutto a causa dei prezzi record di gas ed elettricità.

Il sollievo non è in vista a meno che non si consideri il riempimento delle caverne di stoccaggio del gas in Europa una forma di sollievo. La CE aveva fissato un obiettivo dell’80% per i tassi di riempimento dello stoccaggio entro il 1° ottobre. Gli Stati membri sono sulla buona strada per raggiungere questo obiettivo prima del previsto, ma ciò ha avuto un costo: la bolletta del gas dell’UE quest’anno è dieci volte superiore a quella normalmente lo è, a oltre $ 51 miliardi.

Inoltre, lo stoccaggio da solo non sarà sufficiente per mantenere in vita le economie europee durante i mesi invernali. L’UE avrà bisogno di più gas come fornitura regolare. Oltre agli Stati Uniti, ci sono pochi altri posti in cui può ottenerlo. Potrebbe essere il motivo per cui il capo dell’autorità di regolamentazione dell’energia tedesca ha avvertito che la più grande economia dell’UE dovrebbe ridurre il consumo di gas di un quinto per evitare carenze e razionamento in inverno.

“Più a lungo questi aumenti dei prezzi salgono, più questo si farà sentire in tutta l’economia”, ha detto a Bloomberg questa settimana Daniel Kral, economista senior di Oxford Economics. “L’entità dell’aumento e dell’entità della crisi non è paragonabile a nulla negli ultimi decenni”.

È un peccato che l’Europa stia attraversando una crisi senza precedenti dopo l’altra. E potrebbe ancora peggiorare quando l’embargo petrolifero contro la Russia entrerà in vigore alla fine dell’anno.

Gli analisti hanno avvertito che ciò potrebbe portare a un aumento dei prezzi del petrolio. Ciò, a sua volta, aumenterà la pressione al rialzo sui prezzi dell’elettricità a causa del passaggio dal gas al petrolio che alcune utility in Europa hanno implementato per proteggersi dai prezzi proibitivi del gas.

Le forniture di gas alla Germania durano meno di tre mesi

La Germania dovrà affrontare difficoltà di approvvigionamento di gas naturale il prossimo inverno, anche se le riserve verranno reintegrate in linea con gli obiettivi del governo federale. Rimane un rischio elevato di razionamento dell’allocazione dell’energia.

Il ripristino delle scorte di gas al 95% entro novembre coprirebbe solo circa due mesi e mezzo di fabbisogno di riscaldamento, industria ed elettricità se la Russia interrompesse completamente le forniture, ha affermato in un’intervista martedì Klaus Mueller, presidente della Bundesnetzagentur.

Le riserve di gas tedesche sono già piene al 77%, questo traguardo era in realtà previsto solo per due settimane. Ma mentre il rifornimento delle riserve in preparazione all’inverno sembra procedere rapidamente, la Germania è fortemente dipendente dal gas russo.

“Siamo un po’ più veloci di prima quando si tratta di riempire il deposito, ma questo non è segno che possiamo rilassarci”, ha affermato da Bloomberg il capo della Bundesnetzagentur Klaus Müller . “Dovrebbe essere visto piuttosto come un incoraggiamento. Continuiamo.”

La Russia ha drasticamente ridotto le forniture attraverso il vitale gasdotto Nord Stream, aggravando la peggiore crisi energetica europea degli ultimi decenni, che dovrebbe durare fino al prossimo anno. Il governo federale invita i cittadini a risparmiare e questa settimana ha introdotto una tassa sul consumo di gas.

Come risultato di questa tassa statale sul gas , i consumatori in Germania dovranno affrontare notevoli costi aggiuntivi dall’autunno. L’importo del supplemento sarà di 2,4 centesimi per kilowattora. A ciò si aggiunge l’imposta sul valore aggiunto, perché Bruxelles ha respinto la richiesta del ministro delle Finanze Christian Lindner di poter introdurre il prelievo senza imposta sul valore aggiunto

Nessun commento:

Posta un commento