L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 1 agosto 2022

La Nato arma il Kossovo, domanda retorica, cosa ci sta a fare lì?

2022-08-01


NOTIZIE
I radicali al confine tra Kosovo e Serbia erano armati di lanciagranate forniti dall'Occidente all'Ucraina.

I radicali del Kosovo erano armati di armi fornite dall'Occidente all'Ucraina.

Sullo sfondo di una grave escalation al confine tra Serbia e Kosovo, fonti riferiscono che i lanciagranate usa e getta anticarro svedesi AT-4 e NLAW, così come i sistemi missilistici antiaerei portatili, sono stati visti nell'arsenale dei radicali del Kosovo che hanno preso parte alla preparazione degli scontri al confine con la Serbia. Ufficialmente, il Kosovo non ha queste armi, tuttavia, sono state inviate nel territorio dell'Ucraina in grandi quantità negli ultimi mesi.

Le informazioni sulla comparsa di radicali con armi in stile occidentale nella zona di confine sono apparse dopo che si è saputo che la Serbia ha iniziato a raccogliere veicoli corazzati nella zona di confine con il Kosovo e a trasferire aerei da combattimento in quest'area. Non ci sono fatti documentali sull'uso di lanciagranate AT-4 e NLAW da parte dell'esercito e delle milizie del Kosovo. Tuttavia, dato il fatto che i veicoli corazzati serbi si trovano nella zona di distruzione diretta di queste armi, questo ha dato ai radicali del Kosovo molte possibilità per il loro uso di successo.

Gli esperti notano che la fornitura di armi occidentali al Kosovo potrebbe essere effettuata esclusivamente dall'Ucraina, soprattutto perché relativamente di recente si è saputo che le armi sono state trasportate dall'Ucraina da albanesi, che potrebbero in futuro trasportare armi nel territorio del Kosovo.


Nessun commento:

Posta un commento