L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 15 agosto 2022

L'Ivermectina ha sconfitto il covid. Usato su 231 milioni di indiani. Costa poco e allora gli si è fatta la guerra

Il miracolo ignorato in tutto il mondo: Il successo dell’Uttar Pradesh nella lotta alla COVID – 1° Parte


Lo stato dell’India settentrionale, che conta 231 milioni di abitanti, ha sradicato il COVID con un trattamento a base di IVERMECTINA, realizzando uno dei più grandi successi della storia nel campo della sanità pubblica. È stato tenuto segreto a livello mondiale.

Articolo di Pierre Kory, MD, MPA, pubblicato sulla sua pagina Substack, che vi proponiamo nella nostra traduzione.

Yogi Adityanath, Primo Ministero dello Uttar Pradesh (Stato dell’India)

L’Uttar Pradesh (UP) è uno Stato del nord dell’India con una popolazione di 231 milioni di abitanti. È la patria del Taj Mahal. Se fosse un Paese, sarebbe il sesto più grande del mondo.
A mio avviso, le fondamenta dello storico risultato dell’UP poggiano sull’integrità del suo Primo Ministro (CM) Yogi Adityanath. E’ un monaco indù ed è noto per la sua politica di tolleranza zero contro la corruzione. L’importanza di questa qualità non può essere sottovalutata, soprattutto alla luce degli ultimi due anni di incessante corruzione della scienza medica e delle politiche di salute pubblica che emergono continuamente ogni giorno.
Altre notizie su Yogi: innanzitutto, a 26 anni è diventato il più giovane membro del Parlamento nella storia dell’India. E anche se a volte si è scontrato con i leader del suo partito politico (BJP), questi lo lasciano in pace perché è considerato una “star delle campagne elettorali” (e in più, a volte, ha aiutato con successo a ottenere la carica i candidati che i leader non volevano).

Da quando è entrato in carica come Premier più di tre anni e mezzo fa, ha intrapreso azioni contro 775 funzionari corrotti del Servizio Amministrativo Indiano e del Servizio di Polizia Indiano in UP. La sua leadership durante il COVID dovrebbe essere un esempio di ispirazione storica per i politici. Dovrebbero prendere nota di come politiche oneste e schiette, concepite con l’unico obiettivo di servire e proteggere il bene pubblico, possano avere successo in politica. Per esempio, nelle elezioni di inizio 2022 in Uttar Pradesh, Yogi Adityanath è stato rieletto con il suo partito che ha ottenuto 255 dei 403 seggi. Si confronti questo dato con quello del successivo partito di opposizione di maggior successo (INC), che ha ottenuto solo 5 seggi.
Inoltre, Yogi Adityanath è l’unico primo ministro dello Stato con un mandato di cinque anni a vincere le elezioni successive e a mantenerle. Persino il Ministro dell’Unione per gli Affari interni e la Cooperazione lo ha elogiato, affermando che Yogi Adityanath ha portato l’Uttar Pradesh fuori dalla strada della corruzione e sulla via dello sviluppo. Questo mi ricorda i tre sindaci brasiliani che hanno vinto elezioni schiaccianti dopo aver creato iniziative di terapia precoce a livello cittadino con farmaci “inefficaci” come l’HCQ, l’IVM e così via (come si può apprendere da questo articolo di successo su tutti e tre i sindaci).
Credo che l’enfasi posta da Yogi Adityanath sulla dissuasione della corruzione sia stato l’ingrediente chiave di una delle campagne di salute pubblica di maggior successo della storia. I risultati ottenuti da Yogi Adityanath nella lotta al COVID sono il frutto dell’enorme quantità di risorse umane e istituzionali che ha mobilitato, insieme alla scelta di funzionari della sanità pubblica di grande talento e dedizione. La sua supervisione di questi funzionari ha garantito che potessero svolgere i loro compiti senza l’influenza di Big Pharma. Dalla documentazione che segue emerge chiaramente che il suo scopo principale era fare ciò che riteneva fosse meglio per i cittadini dell’UP.
Un esempio notevole dei primi sforzi di Yogi Adityanath come primo ministro è stato il suo lancio di un call center per i cittadini dell’UP, a cui potevano esprimere le loro rimostranze per problemi nella loro vita quotidiana o per i malfunzionamenti dei servizi governativi. Il call center ha ricevuto una media di 37.000 chiamate al giorno e ha risolto il 95% di un totale di 2,1 milioni di chiamate nel primo anno del programma.


Ora immaginate questo. Per il COVID, il governo stesso effettuava 10.000 chiamate al giorno per seguire i cittadini malati di COVID. Anche i cittadini ricoverati ricevevano telefonate per assicurarsi che stessero bene e ricevessero le cure necessarie. Un esempio assolutamente stimolante di ciò che pensavo fosse ancora possibile in questo Paese, ovvero il “buon governo”.



** Breve intermezzo: Questo post sull’UP si basa non solo sul lavoro di TrialSite News (l’unica pubblicazione al mondo che copre in modo coerente e accurato il programma dell’UP), ma anche sull’incredibile lavoro dell’analista della FLCCC Juan Chamie. Juan, per me, è una figura storica perché attribuisco al suo articolo di pre-stampa dell’ottobre 2020 – in cui descriveva gli incredibili successi del programma di distribuzione massiccia di ivermectina in Perù (l’Operazione Tayta, che considero quasi un prototipo del programma TTT di UP) l’ultimo dato necessario affinché la FLCCC concludesse che l’ivermectina dovrebbe essere distribuita in modo globale e sistematico nella prevenzione e nel trattamento della COVID. Il suo articolo ha anche ispirato la mia testimonianza al Senato. Di seguito è riportata una breve biografia di Juan, scritta da Mike Capuzzo sul suo Substack “Rescue” relativo al COVID. Curiosità: Mike è l’autore di due best-seller del New York Times ed è il co-autore del mio libro di prossima pubblicazione “The War on Ivermectin(La guerra all’Ivermectina). È anche l’autore del sorprendente e premiato articolo della rivista: “The Drug that Cracked Covid” (Il farmaco che ha compromesso il Covid) (da leggere assolutamente).

Juan è un analista dati indipendente di Cambridge, Massachusetts, che lavora per importanti clienti aziendali. Originario della Colombia, ha sentito parlare dell’efficacia dell’ivermectina in Sud America all’inizio della pandemia e ha iniziato a fare ricerche approfondite sui dati della sanità pubblica in tutto il mondo. Ha creato grafici sorprendenti che mostrano la diminuzione dei casi e dei decessi di COVID in numerose regioni, città e Paesi dopo l’introduzione dell’IVM. Chamie ha pubblicato ampiamente il suo lavoro e ha collaborato con il dottor Pierre Kory della FLCCC Alliance, secondo il quale il data scientist sta producendo analisi epidemiologiche storiche che hanno influenzato i medici e salvato vite in tutto il mondo.
Vediamo ora cosa è successo nell’Uttar Pradesh.

La prima ondata di COVID

Nel marzo del 2020 Yogi Adityanath ha convocato (e presieduto per intero) un comitato di 11 alti funzionari governativi incaricati di gestire diversi aspetti come la sorveglianza e la rintracciabilità dei contatti, i test e i trattamenti, la sanificazione, il contenimento, l’applicazione della legge, la consegna a domicilio, i problemi dei migranti, la strategia di comunicazione, ecc. Il comitato era ampiamente conosciuto come “Team 11”. La complessità e la completezza del programma “Test, Track, and Treat” (TTT) dell’UP sono state superbamente descritte in questo rapporto di 132 pagine dell’ottobre 2021, redatto da un professore di una delle migliori università indiane (l’Indian Institute of Technology – Kanpur).

In una sorta di prefigurazione dell’obiettivo centrale di questo post, uno degli aspetti più notevoli di questo denso rapporto è che è stato pubblicato un mese dopo il quasi completo sradicamento del COVID avvenuto in UP nel settembre del 2021. La parola ivermectina compare solo una volta nel rapporto, alla fine di un elenco di farmaci “di cui monitorano la fornitura”, nonostante il fatto che quasi l’intero successo del programma TTT si sia basato sulla distribuzione massiccia di IVM a 97.000 villaggi con l’impiego di 400.000 operatori sanitari che hanno lavorato in team e hanno eseguito il maggior numero di test in tutta l’India (l’UP è stato anche tra i primi 5 Paesi al mondo per i test). Scioccante, lo so…

Ma si noti che l’UP è partita forte fin dall’inizio. All’inizio della pandemia, nel marzo 2020, prendendo spunto dal protocollo nazionale indiano, l’UP ha immediatamente adottato l’idrossiclorochina per la prevenzione del COVID per tutti gli operatori sanitari e per i contatti familiari di tutti i casi confermati in laboratorio (per accedere al protocollo del 2020, è necessario impostare il VPN sull’India).

Ricordiamo che la promessa terapeutica dell’HCQ era nota fin dalla prima pandemia di SARS, un fatto evidenziato da tempo da Anthony Fauci. Tuttavia, nel caso del COVID, quando la sua minaccia alle case farmaceutiche come trattamento efficace è diventata realtà, Fauci ha essenzialmente condotto la prima campagna di Disinformazione contro un farmaco riproposto nella pandemia. La sua campagna è descritta nel libro di RFK Jr, “The Real Anthony Fauci“, nella prima sezione del capitolo 1, intitolata “Killing Hydroxychloroquine”.

Poi, nell’agosto 2020 l’UP ha rotto con i federali ed è passato al protocollo con l’ivermectina dopo un “esperimento” ad Agra, una città di 1,6 milioni di abitanti. Il dottor Anshul Pareek, capo delle unità di pronto intervento dello Stato, aveva deciso di condurre uno studio sull’ivermectina come agente preventivo sulla base di un rapporto di un veterinario (a dire il vero, si basava anche su altri rapporti clinici promettenti nell’uomo).

“Sono venuto a sapere che questo virus si trova anche nelle mucche-bufale e in altri animali. Poi un mio amico veterinario mi ha detto che in queste situazioni gli animali vengono curati con dosi massicce di ivermectina. All’inizio abbiamo iniziato con una pillola ogni 15 giorni. Nella mia squadra c’erano 10 membri. Tutti la mangiavano ogni 15-15 giorni; l’esperimento ebbe successo. I membri del team non si sono infettati nemmeno dopo essere entrati in contatto con gli infetti. La carica virale è risultata molto bassa nei soggetti infetti. Poi è stato utilizzato per gli operatori sanitari e altri operatori in prima linea.

Il funzionario di sorveglianza dello Stato dell’Uttar Pradesh, Vikssendu Agrawal, ha dichiarato in seguito a TrialSite News:

“L’Uttar Pradesh è stato il primo Stato della nazione a introdurre l’uso profilattico e terapeutico su larga scala dell’ivermectina”. Agrawal ha raccontato che all’inizio il dottor Pareek ha somministrato l’ivermectina ai membri del personale sanitario locale, scoprendo che “nessuno di loro ha sviluppato il COVID-19 nonostante il contatto quotidiano con malati che erano risultati positivi al virus. Questo ha dato loro risultati positivi. Abbiamo preso nota della situazione presso la sede centrale dello Stato e abbiamo chiesto a un team tecnico di esaminarla. Il gruppo ha raccomandato di sperimentare la profilassi in tutto lo Stato. Riconoscendo il carattere di urgenza, abbiamo deciso di procedere.

Così l’UP ha iniziato immediatamente a somministrare l’ivermectina ai contatti stretti dei casi positivi nel distretto e ha notato risultati profondamente positivi. Sulla base di queste osservazioni, le autorità sanitarie statali hanno dato il via libera all’uso off-label dell’ivermectina non solo per la prevenzione… ma anche per il trattamento. Questo era il loro protocollo per l’uso dell’ivermectina:

1) Contatti stretti di pazienti con COVID-19

2) Operatori sanitari

3) Assistenza generale ai pazienti COVID-19

L’Indian Express ha annunciato il grande passaggio dall’HCQ all’IVM in questo articolo dell’inizio di agosto 2020:


Si noti che il governo dell’UP ha fatto ciò che io e i miei colleghi avevamo chiesto fin dall’inizio della pandemia. Utilizzare un’analisi decisionale dei rischi e dei benefici in caso di emergenza. Come si fa in guerra. Anche se l’opinione era che le prove degli studi clinici per l’HCQ o l’IVM fossero “insufficienti”, le prove dei danni erano quasi nulle, mentre le prove dei danni di un COVID diffuso e non trattato erano ovviamente catastrofiche. Basta chiedere all’Australia in questo momento, nell’estate del 2022, dopo anni di chiusure, campagne di vaccinazione di massa e messa al bando dell’ivermectina:


Ora confrontiamo la risposta dell’UP con quella di alcuni altri Stati dell’India. Tenete presente che la scelta degli Stati indiani con cui fare il confronto è difficile, perché molti Stati indiani hanno iniziato a usare l’ivermectina in modo diffuso una volta che il Ministero federale della Sanità indiano l’ha inserita nel protocollo nazionale durante l’Onda Delta dell’aprile 2021 (descriverò nel dettaglio questa guerra nella terza parte di questo post). Nonostante questa mossa coraggiosa da parte dei federali indiani, gli stati del Kerala e del Tamil Nadu non hanno seguito il loro esempio. L’aspetto interessante è che al momento del lancio del programma “Test, Track, and Treat” (con ivermectina) dell’UP, nell’agosto 2020, UP e Kerala presentavano tassi di mortalità per COVID identici e bassi rispetto ad altri 28 Stati indiani.
TASSI DI MORTE DEGLI STATI nel 2020 – INDIA

La notizia dell’avvio del programma di TTT con l’utilizzo dell’ivermectina viene diffusa da numerosi organi di informazione dello Stato e anche sui canali dei social media.



Vorrei sottolineare che, subito dopo, le menzioni “ufficiali” dell’uso dell’ivermectina sono diventate sempre più rare. Sebbene questo importante articolo abbia sottolineato in modo specifico l’importanza dell’ivermectina, è stato uno degli ultimi a farlo prima dell’ondata Delta dell’aprile 2021. È stato pubblicato nel dicembre 2020, 9 giorni dopo la mia testimonianza in Senato sull’ivermectina nelle audizioni del senatore Ron Johnson (anch’esso storico) presso il Dipartimento di Sicurezza Nazionale. Voglio ricordare a tutti che il senatore è stato l’unico legislatore federale abbastanza preveggente e coraggioso da affrontare pubblicamente il fatto che c’era qualcosa di molto sbagliato nella nostra risposta iniziale federale alla pandemia di COVID.

In quello che in seguito sarebbe diventato per me un momento di “trasformazione della vita”, il video della mia testimonianza all’udienza del senatore Johnson è diventato “virale” (la definizione di “video virale” è quella di un video che supera le 40.000 visualizzazioni in 4 ore, e/o supera 1 milione di visualizzazioni in totale). A quanto pare quel video ha superato entrambi i parametri. Tanto che ho ricevuto un messaggio dal mio team FLCCC che mi diceva che Fox News voleva intervistarmi mentre ero ancora in sala udienze. Quindi, sebbene il professor Paul Marik e il FLCCC siano accreditati per l’identificazione più pubblica dell’efficacia dell’ivermectina contro la SARS-CoV-2, va ricordato che il 6° “Paese” più grande del mondo aveva già adottato il suo uso diffuso nella prevenzione e nel trattamento 4 mesi prima della mia (nostra) testimonianza.

Dopo pochi giorni dalla diffusione del video, ricercatori, cittadini profondamente interessati e gruppi di difesa hanno contattato me e la FLCCC da tutto il mondo. Tutti ci dicevano di aver sottotitolato e pubblicato il video su numerosi canali.

Abbiamo iniziato a sapere che il video della testimonianza era diventato virale anche in Brasile, Olanda, Francia, Filippine, Indonesia e davvero ovunque. Impressionante! Paul Marik e io abbiamo iniziato a tenere conferenze a distanza in diversi Paesi, in particolare in Sudafrica, dove le nostre conferenze hanno dato il via a una sorta di guerra civile: i sostenitori dell’ivermectina contro il governo e i suoi medici accademici (che nel complesso hanno fallito in quasi tutti gli aspetti di contrasto al COVID in tutto il mondo, attuando misure idiote come l’uso eccessivo di maschere standard, il distanziamento “sociale” e le chiusure, e non riuscendo a identificare quelle che oggi sono quasi tre dozzine di farmaci efficaci riproposti contro il COVID.

Questi fallimenti sono stati poi superati dall’intervento più catastrofico della storia della medicina. Sapete, quello in cui si sono imbarcati in una frenesia globale di vaccinazione contro un maledetto virus respiratorio altamente mutageno con proteine spike rapidamente superate e altamente letali… il tutto ignorando l’immunità naturale. Geniale. Folle.

Comunque, il governo sudafricano ha risposto a questo sviluppo criminalizzando l’importazione di ivermectina (non me lo sto inventando). I sostenitori sudafricani dell’ivermectina (molti dei quali sono ora miei amici e colleghi) alla fine ottennero una designazione di “uso compassionevole” che consentiva ai medici di prescriverla senza sanzioni. Ma non è stato facile. O veloce. Molti sono morti inutilmente in quel periodo. L’apice della frenesia dell’ivermectina in Sudafrica è stato raggiunto quando gli allevatori sudafricani hanno riferito che non c’erano più scorte di ivermectina disponibili per i loro animali. Impressionante, ancora.

Questa ondata di interesse e sostegno è avvenuta prima che i mostri dei social media e dei media aziendali iniziassero la loro strategia di censura globale attraverso lo sviluppo più atroce della storia del giornalismo, la “Trusted News Initiative. La mia vita e quella di tutti i miei colleghi della FLCCC stava per diventare molto, molto difficile, anche se allora non lo sapevamo (ne parleremo nei prossimi post e nel mio libro). In questo post presenterò l’assurda lunghezza della censura impiegata per sopprimere la notizia di ciò che UP ha realizzato con il suo programma TTT.

Sebbene le conseguenze del mio video virale negli Stati Uniti non abbiano avuto lo stesso impatto del lancio coordinato e sofisticato dell’ivermectina da parte di UP, hanno avuto comunque un effetto importante. Guardate la seguente analisi di Juan Chamie. Dopo che il mio video è diventato virale, ha monitorato il numero successivo di prescrizioni di ivermectina negli Stati Uniti con i decessi nelle case di cura. Ecco cosa ha scoperto: la percentuale di cittadini statunitensi morti di COVID che risiedevano in case di cura è scesa dal 30% al 5%… e da allora è rimasta invariata. Ancora una volta, impressionante.


Fatto curioso: le case di cura non devono rivolgersi alle farmacie al dettaglio per ottenere l’ivermectina. Il trattamento con cui trattano i loro residenti è quindi relativamente “sottobanco”. Fatto meno divertente: le case di cura perdono denaro quando un residente muore e lascia un letto vuoto e non pagante. A quanto pare, è sempre una questione di soldi.

Un altro fatto divertente: praticamente la prima relazione sull’efficacia dell’ivermectina contro il COVID è nata dall’osservazione dell’impatto dell’uso dell’ivermectina nelle case di cura. Un gruppo di case di cura in Francia, all’inizio del 2020, ha notato che nell’unica casa di cura che aveva un’epidemia di scabbia e che, secondo il protocollo, era stata trattata con ivermectina per tutti i residenti e il personale, quella casa di cura aveva un tasso di ospedalizzazione e di morte per COVID notevolmente basso rispetto alle altre case di cura della zona. Eppure eccoci qui, più di due anni dopo, a cercare ancora di “dimostrare” che l’ivermectina funziona contro il COVID.

Torniamo all’UP. Il 28 agosto 2020, il governo di UP comunica con un tweet che il Dipartimento della Salute fornirà sia l’HCQ che l’ivermectina!


Hanno iniziato a trattare i casi positivi con l’ivermectina a dosi di 12 mg per 3 giorni e poi avrebbero rivalutato la risposta il 4° e il 5° giorno. Un vero e proprio lavoro da medici. Hanno utilizzato il farmaco anche nelle carceri, dove hanno riferito che ha ridotto il tasso di infezione da COVID-19 in modo “straordinario”.

Poi, in febbraio e marzo del 2021, poco prima della disastrosa ondata Delta – il cui impatto è stato riportato dai giornali di tutto il mondo – si è registrato solo un numero esiguo di casi in UP, nonostante i test massicci (hanno fatto il maggior numero di test rispetto a qualsiasi altro Stato dell’India, in parte attribuibili alle dimensioni di UP, ma non ai suoi soldi – è uno degli Stati più poveri dell’India). Inoltre, nonostante i social media e i media aziendali di Big Pharma deridano e respingano i dati provenienti dall’India a causa di una presunta mancanza di test e relazioni, questo studio ha rilevato che l’India si è classificata al 5° posto nel mondo per quanto riguarda i test! Inoltre, si può verificare la performance dell’UP rispetto al resto dell’India su statista.com:


Quindi, l’UP era al primo posto nel Paese, tra i 5 Paesi più testati al mondo, non solo per il numero di test effettuati, ma anche per il “tasso di positività”, che è la vera misura della quantità di test. Più basso è il numero di positività, maggiore è il numero di test effettuati rispetto alla prevalenza del COVID. Solo un altro Stato (Madhya Pradesh) si avvicina (UP è l’ultima riga della tabella):


Nel primo segnale davvero inquietante del dispiegamento delle forze globali della censura, un mese dopo il lancio del nuovo programma COVID basato sull’ivermectina, l’OMS ha pubblicato un documento intitolato “Learnings from the State of Uttar Pradesh”.


L’OMS ha illustrato con dovizia di particolari la completezza, l’accuratezza e le risorse investite da UP nel programma TTT. Nel documento dell’OMS non vengono menzionate né le parole ivermectina né trattamento. Nemmeno una volta. Ecco cosa ha scritto invece l’OMS:

Per la Vishesh Surveillance Abhiyaan Initiative (VSAI), un team di due membri ha visitato le famiglie, comunicando le migliori pratiche sulla prevenzione e il controllo delle infezioni, identificando gli individui che presentano ILI/SARI e le co-morbilità. Se il team ha trovato persone che presentavano sintomi di ILI/SARI, i loro casi sono stati inviati per il campionamento. L’équipe ha anche affisso adesivi di notifica con le informazioni di contatto per le linee di assistenza e ha assicurato la sensibilizzazione della comunità sulle misure di prevenzione di base del COVID-19 durante le visite (dire di più?).

Nonostante l’assurda descrizione di ciò che UP stava effettivamente facendo, dopo il lancio del programma TTT il 6 agosto 2020, i tassi di mortalità COVID di UP hanno iniziato a scendere nei due mesi successivi e a novembre avevano il 6° tasso di mortalità più basso dell’India (il giorno del lancio del programma, ad agosto, erano al 16° posto).

Ricordate che vi avevo detto di tenere d’occhio lo stato del Kerala? Ebbene, quando UP ha lanciato TTT, il Kerala aveva il terzo tasso di mortalità più basso tra i 30 stati indiani. Come si può vedere nel grafico sottostante, a novembre il tasso di mortalità dell’UP era appena inferiore a quello del Kerala. Poi, a gennaio del 2021, quasi tutti gli Stati indiani sono rimasti “in silenzio” con il COVID per mesi, e anche se l’UP aveva alcuni dei tassi più bassi di casi e decessi del Paese, le differenze tra gli Stati non erano impressionanti (ma lo sarebbero state presto).


Fine della Prima Parte

Nella seconda parte, illustro lo storico risultato dell’Uttar Pradesh e la massiccia censura e propaganda che ne è seguita in seguito alla risposta all’onda Delta dell’India.

Nella terza parte, parlo della risposta nazionale dell’India all’onda Delta (anch’essa censurata e propagandata) e degli eventi che hanno portato alla rimozione dell’ivermectina dalle linee guida nazionali nel settembre 2021 (suggerimento: Bill Gates è andato a trovare il Primo Ministro Modi).

1 commento:

  1. Buon giorno,
    esiste un video in italiano dove vengono esposte queste informazioni?
    Marco

    RispondiElimina