L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 18 settembre 2022

Promuovere l’odio nei confronti della Russia è il credo su cui si basa il NUOVO NAZISMO allevato e cresciuto in Ucraina, in Europa è il clero televisivo, il Circo Mediatico che si è assunto il compito di iniettare questo veleno in tutte le menti degli europei. La guerra igiene del mondo continua a macinare bugie e a far emergere verità

Operazione Z
The Postil Magazine intervista Jacques Baud
1 settembre 2022

Siamo lieti di presentarvi questa nuova intervista a Jacques Baud, in cui copriamo ciò che sta accadendo ora nella lotta geopolitica che è la guerra Ucraina-Russia. Come sempre, il signor Baud porta una visione profonda e un’analisi chiara alla conversazione


The Postil (TP): Hai appena pubblicato il tuo ultimo libro sulla guerra in Ucraina — Operazione Z , edito da Max Milo. Per favore, raccontaci qualcosa: cosa ti ha portato a scrivere questo libro e cosa desideri trasmettere ai lettori?

Jacques Baud (JB): Lo scopo di questo libro è mostrare come la disinformazione propagata dai nostri media abbia contribuito a spingere l’Ucraina nella direzione sbagliata. L’ho scritto sotto il motto “dal modo in cui comprendiamo le crisi deriva il modo in cui le risolviamo”.

Nascondendo molti aspetti di questo conflitto, i media occidentali ci hanno presentato un’immagine caricaturale e artificiale della situazione, che ha portato alla polarizzazione delle menti. Ciò ha portato a una mentalità diffusa che rende praticamente impossibile qualsiasi tentativo di negoziare.

La rappresentazione unilaterale e parziale fornita dai media mainstream non ha lo scopo di aiutarci a risolvere il problema, ma di promuovere l’odio nei confronti della Russia. Così, l’esclusione dalle competizioni di atleti disabili, gatti , persino alberi russi , il licenziamento dei direttori d’orchestra, il de-platforming di artisti russi, come Dostoevskij , o anche la ridenominazione dei dipinti mira ad escludere la popolazione russa dalla società! In Francia, i conti bancari di persone con nomi che suonavano in russo sono stati persino bloccati. I social network Facebook e Twitter hanno sistematicamente bloccato la divulgazione dei crimini ucraini con il pretesto di “incitamento all’odio”, ma consentono l’appello alla violenza contro i russi.

Nessuna di queste azioni ha avuto alcun effetto sul conflitto, se non per stimolare l’odio e la violenza contro i russi nei nostri paesi. Questa manipolazione è così grave che preferiremmo vedere la morte degli ucraini piuttosto che cercare una soluzione diplomatica. Come ha recentemente affermato il senatore repubblicano Lindsey Graham , si tratta di lasciare che gli ucraini combattano fino all’ultimo uomo.

Si presume comunemente che i giornalisti lavorino secondo standard di qualità ed etica per informarci nel modo più onesto possibile. Questi standard sono stabiliti dalla Carta di Monaco del 1971. Mentre scrivevo il mio libro ho scoperto che nessun media mainstream di lingua francese in Europa rispetta questa Carta per quanto riguarda Russia e Cina. In effetti, sostengono spudoratamente una politica immorale nei confronti dell’Ucraina, descritta da Andrés Manuel López Obrador, presidente del Messico, come “Noi forniamo le armi, tu fornisci i cadaveri!”

Per evidenziare questa disinformazione, volevo mostrare che le informazioni che permettevano di fornire un quadro realistico della situazione erano disponibili già a febbraio, ma che i nostri media non le hanno divulgate al pubblico. Il mio obiettivo era mostrare questa contraddizione.

Per evitare di diventare io stesso un propagandista a favore di una parte o dell’altra, mi sono affidato esclusivamente a fonti dell’opposizione occidentale, ucraina (di Kiev) e russa. Non ho preso alcuna informazione dai media russi.

TP: Si dice comunemente in Occidente che questa guerra ha “dimostrato” che l’esercito russo è debole e che il suo equipaggiamento è inutile. Sono vere queste affermazioni?

JB: No. Dopo più di sei mesi di guerra, si può dire che l’esercito russo è efficace ed efficiente e che la qualità del suo comando e controllo supera di gran lunga quella che vediamo in Occidente. Ma la nostra percezione è influenzata da una cronaca focalizzata sulla parte ucraina e dalle distorsioni della realtà.

In primo luogo, c’è la realtà sul campo. Va ricordato che quella che i media chiamano “russi” è in realtà una coalizione di lingua russa, composta da combattenti russi professionisti e soldati delle milizie popolari del Donbass. Le operazioni nel Donbass sono svolte principalmente da queste milizie, che combattono sul “loro” terreno, nelle città e nei villaggi che conoscono e dove hanno amici e familiari. Stanno quindi avanzando con cautela per se stessi, ma anche per evitare vittime civili. Così, nonostante le pretese della propaganda occidentale, la coalizione gode di un ottimo appoggio popolare nelle aree che occupa.

Quindi, solo guardando una mappa, puoi vedere che il Donbass è una regione con molte aree edificate e abitate, il che significa un vantaggio per il difensore e una velocità di avanzamento ridotta per l’attaccante in ogni circostanza.

In secondo luogo, c’è il modo in cui i nostri media descrivono l’evoluzione del conflitto. L’Ucraina è un paese enorme e le mappe su piccola scala difficilmente mostrano le differenze da un giorno all’altro. Inoltre, ciascuna parte ha la propria percezione del progresso del nemico. Se prendiamo l’esempio della situazione del 25 marzo 2022, possiamo vedere che la mappa del quotidiano francese Ouest-France (a) non mostra quasi nessun anticipo della Russia, così come il sito svizzero RTS (b). La mappa del sito web russo RIAFAN (c) può essere propaganda, ma se la confrontiamo con la mappa della Direzione dei servizi segreti militari francesi(DRM) (d), vediamo che i media russi sono probabilmente più vicini alla verità. Tutte queste mappe sono state pubblicate lo stesso giorno, ma il quotidiano francese e i media statali svizzeri non hanno scelto di utilizzare la mappa DRM e hanno preferito utilizzare una mappa ucraina. Questo dimostra che i nostri media funzionano come mezzi di propaganda.

Figura 1 – Confronto delle mappe presentate sui nostri media il 25 marzo 2022. È questo modo di presentare l’offensiva russa che ha portato ad affermare che l’esercito russo è debole. Mostra anche che le informazioni fornite dai media russi sembrano più vicine alla realtà di quelle fornite dall’Ucraina.

In terzo luogo, i nostri “esperti” hanno determinato gli obiettivi dell’offensiva russa. Affermando che la Russia voleva impadronirsi dell’Ucraina e delle sue risorse, conquistare Kiev in due giorni, ecc., i nostri esperti hanno letteralmente inventato e attribuito ai russi obiettivi che Putin non ha mai menzionato. Nel maggio 2022, Claude Wild, l’ambasciatore svizzero a Kiev, ha dichiarato su RTS che i russi avevano ” perso la battaglia per Kiev “. Ma in realtà, non c’è mai stata una “battaglia per Kiev”. È ovviamente facile affermare che i russi non hanno raggiunto i loro obiettivi, se non hanno mai cercato di raggiungerli!

In quarto luogo, l’Occidente e l’Ucraina hanno creato un’immagine fuorviante del loro avversario. In Francia, Svizzera e Belgio, nessuno degli esperti militari in televisione ha alcuna conoscenza delle operazioni militari e di come i russi conducono le loro. La loro “competenza” deriva dalle voci sulla guerra in Afghanistan o in Siria, che spesso sono solo propaganda occidentale. Questi esperti hanno letteralmente falsificato la presentazione delle operazioni russe.

Così, gli obiettivi annunciati già il 24 febbraio dalla Russia erano la “smilitarizzazione” e la “denazificazione” della minaccia alle popolazioni del Donbass. Questi obiettivi sono legati alla neutralizzazione delle capacità, non al sequestro di terre o risorse. Per dirla senza mezzi termini, in teoria, per raggiungere i loro obiettivi i russi non hanno bisogno di avanzare: sarebbe sufficiente se gli stessi ucraini venissero e venissero uccisi.

In altre parole, i nostri politici e media hanno spinto l’Ucraina a difendere il terreno come in Francia durante la prima guerra mondiale. Hanno spinto le truppe ucraine a difendere ogni metro quadrato di terreno in situazioni di “ultima resistenza”. Ironia della sorte, l’Occidente ha solo facilitato il lavoro dei russi.

Infatti, come per la guerra al terrore, gli occidentali vedono il nemico come vorrebbero che fosse, non come è. Come disse Sun Tzu 2.500 anni fa, questa è la migliore ricetta per perdere una guerra.

Un esempio è la cosiddetta “guerra ibrida” che la Russia sta presumibilmente conducendo contro l’Occidente. Nel giugno 2014, mentre l’Occidente cercava di spiegare l’intervento (immaginario) della Russia nel conflitto del Donbass, l’esperto di Russia Mark Galeotti “rivelò” l’esistenza di una dottrina che illustrerebbe il concetto russo di guerra ibrida . Conosciuta come la “Dottrina Gerasimov”, non è mai stata definita dall’Occidente per quanto riguarda in cosa consiste e come potrebbe garantire il successo militare. Ma è usato per spiegare come la Russia faccia la guerra nel Donbass senza inviare truppe lì e perché l’Ucraina perde costantemente le sue battaglie contro i ribelli. Nel 2018, rendendosi conto di aver sbagliato, Galeotti si è scusato, con coraggio e intelligenza, in un articolo intitolato “Mi dispiace per aver creato la dottrina Gerasimov” pubblicato suRivista di politica estera .

Nonostante ciò, e senza sapere cosa significasse, i nostri media e politici hanno continuato a fingere che la Russia stesse conducendo una guerra ibrida contro l’Ucraina e l’Occidente. In altre parole, abbiamo immaginato un tipo di guerra che non esiste e abbiamo preparato l’Ucraina ad essa. Questo è anche ciò che spiega la sfida per l’Ucraina di avere una strategia coerente per contrastare le operazioni russe.

L’Occidente non vuole vedere la situazione come è realmente. La coalizione di lingua russa ha lanciato la sua offensiva con una forza complessiva inferiore a quella degli ucraini in un rapporto di 1-2:1. Per avere successo quando sei in inferiorità numerica, devi creare superiorità locali e temporanee spostando rapidamente le tue forze sul campo di battaglia.

Questo è ciò che i russi chiamano “arte operativa” (operativnoe iskoustvo). Questa nozione è poco conosciuta in Occidente. Il termine “operativo” utilizzato nella NATO ha due traduzioni in russo: “operativo” (che si riferisce a un livello di comando) e “operativo” (che definisce una condizione). È l’arte di manovrare formazioni militari, proprio come una partita a scacchi, per sconfiggere un avversario superiore.

Ad esempio, l’operazione intorno a Kiev non aveva lo scopo di “ingannare” gli ucraini (e l’Occidente) sulle loro intenzioni, ma costringere l’esercito ucraino a mantenere grandi forze intorno alla capitale e quindi “bloccarle”. In termini tecnici, questa è quella che viene chiamata “operazione di modellatura”. Contrariamente all’analisi di alcuni “esperti”, non si trattava di una “operazione di inganno”, che sarebbe stata concepita in modo molto diverso e avrebbe coinvolto forze molto più grandi. L’obiettivo era impedire un rafforzamento del corpo principale delle forze ucraine nel Donbass.

La lezione principale di questa guerra in questa fase conferma ciò che sappiamo dalla seconda guerra mondiale: i russi padroneggiano l’arte operativa.

TP: Le domande sull’esercito russo sollevano l’ovvia domanda: quanto è buono l’esercito ucraino oggi? E, soprattutto, perché non sentiamo così tanto parlare dell’esercito ucraino?

JB: I militari ucraini sono certamente soldati coraggiosi che svolgono il loro dovere coscienziosamente e con coraggio. Ma la mia esperienza personale mostra che in quasi ogni crisi il problema è alla testa. L’incapacità di comprendere l’avversario e la sua logica e di avere un quadro chiaro della situazione reale è la ragione principale dei fallimenti.

Dall’inizio dell’offensiva russa, possiamo distinguere due modi di condurre la guerra. Da parte ucraina, la guerra è condotta negli spazi politici e informativi, mentre da parte russa la guerra è condotta nello spazio fisico e operativo. Le due parti non stanno combattendo negli stessi spazi. Questa è una situazione che ho descritto nel 2003 nel mio libro, La guerre asymétrique ou la défaite du vainqueur ( Guerra asimmetrica, o la sconfitta del vincitore ). Il guaio è che alla fine della giornata prevale la realtà del terreno.

Da parte russa le decisioni vengono prese dai militari, mentre da parte ucraina Zelensky è onnipresente e l’elemento centrale nella conduzione della guerra. Prende decisioni operative, apparentemente spesso contro il parere dei militari. Questo spiega le crescenti tensioni tra Zelensky e i militari. Secondo i media ucraini, Zelensky potrebbe licenziare il generale Valery Zoluzhny nominandolo ministro della Difesa.

L’esercito ucraino è stato ampiamente addestrato da ufficiali americani, britannici e canadesi dal 2014. Il problema è che per oltre 20 anni gli occidentali hanno combattuto gruppi armati e avversari dispersi e hanno ingaggiato interi eserciti contro individui. Combattono guerre a livello tattico e in qualche modo hanno perso la capacità di combattere a livello strategico e operativo. Questo spiega in parte perché l’Ucraina sta conducendo la sua guerra a questo livello.

Ma c’è una dimensione più concettuale. Zelensky e l’Occidente vedono la guerra come un equilibrio di forze numerico e tecnologico. Per questo, dal 2014, gli ucraini non hanno mai cercato di sedurre i ribelli e ora pensano che la soluzione verrà dalle armi fornite dall’Occidente. L’Occidente ha fornito all’Ucraina alcune dozzine di cannoni M777 e lanciamissili HIMARS e MLRS, mentre l’Ucraina ha avuto diverse migliaia di pezzi di artiglieria equivalenti a febbraio. Il concetto russo di “correlazione delle forze” tiene conto di molti più fattori ed è più olistico dell’approccio occidentale. Ecco perché stanno vincendo i russi.

Per rispettare politiche sconsiderate, i nostri media hanno costruito una realtà virtuale che attribuisce alla Russia un ruolo negativo. Per coloro che osservano attentamente l’andamento della crisi, potremmo quasi dire che hanno presentato la Russia come un’“immagine speculare” della situazione in Ucraina. Così, quando è iniziato il discorso sulle perdite ucraine, la comunicazione occidentale si è rivolta alle perdite russe (con dati forniti dall’Ucraina).

Le cosiddette “contro-offensive” proclamate dall’Ucraina e dall’Occidente a Kharkov e Kherson in aprile-maggio sono state semplicemente “contrattacchi”. La differenza tra i due è che la controffensiva è una nozione operativa, mentre il contrattacco è una nozione tattica, che ha una portata molto più limitata. Questi contrattacchi furono possibili perché la densità delle truppe russe in questi settori era allora di 1 Battle Group (BTG) per 20 km di fronte. In confronto, nel settore del Donbass, che era l’obiettivo principale, la coalizione russa aveva 1-3 BTG per km. Per quanto riguarda la grande offensiva di agosto su Kherson, che avrebbe dovuto conquistare il sud del paese, sembra non essere stato altro che un mito mantenere il sostegno occidentale.

Oggi vediamo che i presunti successi ucraini sono stati in realtà dei fallimenti. Le perdite umane e materiali attribuite alla Russia erano infatti più in linea con quelle dell’Ucraina. A metà giugno, David Arakhamia, capo negoziatore e stretto consigliere di Zelensky, ha parlato di 200-500 morti al giorno e ha menzionato le vittime (morti, feriti, catturati, disertori) di 1.000 uomini al giorno . Se a questo aggiungiamo le rinnovate richieste di armi da parte di Zelensky, possiamo vedere che l’idea di una vittoria per l’Ucraina appare piuttosto illusoria.

Poiché si pensava che l’economia russa fosse paragonabile a quella italiana , si presumeva che sarebbe stata ugualmente vulnerabile. Pertanto, l’Occidente – e gli ucraini – pensavano che le sanzioni economiche e l’isolamento politico della Russia ne avrebbero rapidamente causato il crollo, senza passare per una sconfitta militare. In effetti, questo è ciò che capiamo dall’intervista di Oleksei Arestovich, consigliere e portavoce di Zelensky, a marzo 2019. Questo spiega anche perché Zelensky non ha lanciato l’allarme all’inizio del 2022, come dice nella sua intervista al Washington Post . Penso che sapesse che la Russia avrebbe risposto all’offensiva che l’Ucraina stava preparando nel Donbass (ecco perché il grosso delle sue truppe si trovava in quella zona) e pensava che le sanzioni avrebbero portato rapidamente al collasso e alla sconfitta della Russia. Questo è ciò che Bruno Le Maire , il ministro dell’Economia francese, aveva “previsto”. Chiaramente, gli occidentali hanno preso decisioni senza conoscere il loro avversario.

Come ha detto Arestovich, l’idea era che la sconfitta della Russia sarebbe stata il biglietto d’ingresso dell’Ucraina alla NATO . Così, gli ucraini furono spinti a preparare un’offensiva nel Donbass per far reagire la Russia e ottenere così una facile sconfitta attraverso sanzioni devastanti. Questo è cinico e mostra quanto l’Occidente, guidato dagli americani, abbia abusato dell’Ucraina per i propri obiettivi.

Il risultato è che gli ucraini non hanno cercato la vittoria dell’Ucraina, ma la sconfitta della Russia . Questo è molto diverso e spiega la narrativa occidentale dei primi giorni dell’offensiva russa, che profetizzava questa sconfitta.

Ma la realtà è che le sanzioni non hanno funzionato come previsto e l’Ucraina si è trovata coinvolta in combattimenti che aveva provocato, ma per i quali non era disposta a combattere per così tanto tempo.

Questo è il motivo per cui, fin dall’inizio, la narrativa occidentale ha presentato una discrepanza tra i media riportati e la realtà sul campo. Ciò ha avuto un effetto perverso: ha incoraggiato l’Ucraina a ripetere i suoi errori e le ha impedito di migliorare la sua conduzione delle operazioni. Con il pretesto di combattere Vladimir Putin, abbiamo spinto l’Ucraina a sacrificare inutilmente migliaia di vite umane.

Fin dall’inizio, era ovvio che gli ucraini ripetevano costantemente i loro errori (e anche gli stessi errori del 2014-2015) e che i soldati morivano sul campo di battaglia. Da parte sua, Volodymyr Zelensky chiedeva sempre più sanzioni, anche le più assurde, perché indotto a ritenerle decisive.

Non sono l’unico ad aver notato questi errori e i paesi occidentali avrebbero sicuramente potuto fermare questo disastro. Ma i loro leader, eccitati dai resoconti (fantasiosi) delle perdite russe e pensando di aprire la strada al cambio di regime, hanno aggiunto sanzioni alle sanzioni, rifiutando ogni possibilità di negoziazione. Come ha affermato il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire, l’obiettivo era provocare il collasso dell’economia russa e far soffrire il popolo russo. Questa è una forma di terrorismo di Stato: l’idea è quella di far soffrire la popolazione per spingerla alla rivolta contro i suoi leader (qui Putin). Non sto inventando. Questo meccanismo è descritto in dettaglio da Richard Nephew, capo delle sanzioni presso il Dipartimento di Stato sotto Obama e attualmente Coordinatore per la lotta alla corruzione globale, nel suo libro intitolato The Art of Sanctions . Ironia della sorte, questa è esattamente la stessa logica che lo Stato Islamico ha invocato per spiegare i suoi attacchi in Francia nel 2015-2016. La Francia probabilmente non incoraggia il terrorismo, ma lo pratica.

I media mainstream non presentano la guerra così com’è, ma come vorrebbero che fosse. Questo è puro pio desiderio. L’apparente sostegno pubblico alle autorità ucraine, nonostante le enormi perdite (alcuni menzionano 70.000-80.000 vittime), si ottiene mettendo al bando l’opposizione , una caccia spietata ai funzionari che non sono d’accordo con la linea del governo e una propaganda “speculare” che attribuisce ai russi gli stessi fallimenti degli ucraini. Tutto questo con il consapevole sostegno dell’Occidente.

TP: Cosa dobbiamo pensare dell’esplosione alla base aerea di Saki in Crimea?

JB: Non conosco i dettagli dell’attuale situazione della sicurezza in Crimea. . Sappiamo che prima di febbraio c’erano cellule di combattenti volontari di Praviy Sektor (una milizia neonazista) in Crimea, pronte a compiere attentati di tipo terroristico. Queste cellule sono state neutralizzate? Non lo so; ma si può presumere di sì, poiché apparentemente c’è pochissima attività di sabotaggio in Crimea. Detto questo, non dimentichiamo che ucraini e russi convivono da molti decenni e ci sono sicuramente dei filo-kieviani nelle zone occupate dai russi. È quindi realistico pensare che potrebbero esserci cellule dormienti in queste aree.

Più probabilmente si tratta di una campagna condotta dal servizio di sicurezza ucraino (SBU) nei territori occupati dalla coalizione di lingua russa. Questa è una campagna terroristica che prende di mira personalità e funzionari ucraini filorussi. Segue importanti cambiamenti nella leadership della SBU , a Kiev , e nelle regioni, tra cui Lvov, Ternopol da luglio. È probabilmente nel contesto di questa stessa campagna che Darya Dugina è stata assassinata il 21 agosto. L’obiettivo di questa nuova campagna potrebbe essere quello di trasmettere l’illusione che ci sia una resistenza in corso nelle aree occupate dai russi e quindi rilanciare gli aiuti occidentali, che comincia a stancare.

Queste attività di sabotaggio non hanno realmente un impatto operativo e sembrano più legate a un’operazione psicologica. Può darsi che si tratti di azioni come quella a Snake Island all’inizio di maggio, intesa a dimostrare al pubblico internazionale che l’Ucraina sta agendo.

Ciò che gli incidenti in Crimea mostrano indirettamente è che la resistenza popolare rivendicata dall’Occidente a febbraio non esiste. È molto probabilmente l’azione di agenti clandestini ucraini e occidentali (probabilmente britannici). Al di là delle azioni tattiche, ciò dimostra l’incapacità degli ucraini di attivare un movimento di resistenza significativo nelle aree occupate dalla coalizione di lingua russa.

TP: Zelensky ha detto notoriamente: “La Crimea è ucraina e non la molleremo mai”. È retorica o c’è un piano per attaccare la Crimea? Ci sono agenti ucraini in Crimea?

JB: Prima di tutto, Zelensky cambia opinione molto spesso. Nel marzo 2022 ha fatto una proposta alla Russia, affermando di essere pronto a discutere un riconoscimento della sovranità russa sulla penisola. È stato su intervento dell’Unione Europea e di Boris Johnson il 2 aprile e il 9 aprile che ha ritirato la sua proposta, nonostante l’interesse favorevole della Russia.

È necessario ricordare alcuni fatti storici. La cessione della Crimea all’Ucraina nel 1954 non è mai stata formalmente convalidata dai parlamenti dell’URSS, della Russia e dell’Ucraina durante l’era comunista. Inoltre, il popolo della Crimea ha accettato di essere soggetto all’autorità di Mosca e non più di Kiev già nel gennaio 1991. In altre parole, la Crimea era indipendente da Kiev anche prima che l’Ucraina diventasse indipendente da Mosca nel dicembre 1991.

A luglio, Aleksei Reznikov, il ministro della Difesa ucraino, ha parlato ad alta voce di una grande controffensiva contro Kherson che ha coinvolto un milione di uomini per ripristinare l’ integrità territoriale dell’Ucraina . In realtà, l’Ucraina non è riuscita a raccogliere le truppe, le armature e la copertura aerea necessarie per questa inverosimile offensiva. Le azioni di sabotaggio in Crimea possono sostituire questa “controffensiva”. Sembrano essere più un esercizio di comunicazione che una vera azione militare. Queste azioni sembrano mirare piuttosto a rassicurare i paesi occidentali che mettono in dubbio l’importanza del loro sostegno incondizionato all’Ucraina.

TP: Ci parli della situazione intorno all’impianto nucleare di Zaporizhzhia?

JB: Ad Energodar, la centrale nucleare di Zaporizhzhia (ZNPP), è stata bersaglio di numerosi attacchi di artiglieria, che ucraini e russi attribuiscono alla parte avversaria.

Quello che sappiamo è che le forze della coalizione russa hanno occupato il sito ZNPP dall’inizio di marzo. L’obiettivo in quel momento era mettere al sicuro la ZNPP in modo rapido, in modo da evitare che venisse coinvolta nei combattimenti e quindi evitare un incidente nucleare. Il personale ucraino che ne era responsabile è rimasto sul posto e continua a lavorare sotto la supervisione della società ucraina Energoatom e dell’Agenzia ucraina per la sicurezza nucleare (SNRIU). Non ci sono quindi combattimenti intorno alla pianta.

È difficile capire perché i russi dovrebbero bombardare una centrale nucleare che è sotto il loro controllo . Questa affermazione è ancora più peculiare dal momento che gli stessi ucraini affermano che ci sono truppe russe nei locali del sito . Secondo un “esperto” francese, i russi attaccherebbero la centrale elettrica che controllano per interrompere il flusso di elettricità in Ucraina . Non solo ci sarebbero modi più semplici per interrompere l’elettricità all’Ucraina (un interruttore, forse?), ma la Russia non ha interrotto la fornitura di elettricità agli ucraini da marzo. Inoltre, vi ricordo che la Russia non ha interrotto il flusso di gas naturale verso l’Ucraina e ha continuato a pagare all’Ucraina le tasse di transito per il gas verso l’Europa. È Zelensky che ha deciso di chiudere l’oleodotto Soyuza maggio.

Inoltre, va ricordato che i russi si trovano in una zona in cui la popolazione è generalmente favorevole a loro ed è difficile capire perché rischierebbero una contaminazione nucleare della regione.

In realtà, gli ucraini hanno motivazioni più credibili dei russi che potrebbero spiegare tali attacchi contro lo ZNPP. , che non si escludono a vicenda: un’alternativa alla grande controffensiva su Kherson, che non sono in grado di attuare, e per prevenire i referendum in programma nella regione. Inoltre, gli appelli di Zelensky a smilitarizzare l’area della centrale elettrica e persino a restituirla all’Ucraina sarebbero per lui un successo politico e operativo. Si potrebbe anche immaginare che cerchino di provocare deliberatamente un incidente nucleare per creare una “terra di nessuno” e rendere così l’area inutilizzabile per i russi.

Bombardando l’impianto, l’Ucraina potrebbe anche cercare di fare pressione sull’Occidente affinché intervenga nel conflitto , con il pretesto che la Russia sta cercando di scollegare l’impianto dalla rete elettrica ucraina prima della caduta. Questo comportamento suicida, come affermato dal segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, sarebbe in linea con la guerra condotta dall’Ucraina dal 2014.

Ci sono prove evidenti che gli attacchi a Energodar siano ucraini. I frammenti di proiettili sparati sul sito dall’altra parte del Dnepr sono di origine occidentale . Sembra che provengano dai missili BRIMSTONE britannici , che sono missili di precisione, il cui utilizzo è monitorato dagli inglesi. Apparentemente, l’Occidente è a conoscenza degli attacchi ucraini alla ZNPP. Questo potrebbe spiegare perché l’Ucraina non sostiene molto una commissione d’inchiesta internazionale e perché i paesi occidentali stanno ponendo condizioni irrealistiche per l’invio di investigatori dall’AIEA, un’agenzia che finora non ha mostrato molta integrità.

TP: È stato riferito che Zelensky sta liberando i criminali per combattere in questa guerra? Questo significa che l’esercito ucraino non è così forte come comunemente si pensa?

JB: Zelensky deve affrontare lo stesso problema delle autorità emerse da Euromaidan nel 2014. A quel tempo, i militari non volevano combattere perché non volevano confrontarsi con i loro compatrioti di lingua russa. Secondo un rapporto del Ministero dell’Interno britannico, i riservisti si rifiutano in modo schiacciante di partecipare alle sessioni di reclutamento. In ottobre-novembre 2017, il 70% dei coscritti non si presenta per il richiamo. Il suicidio è diventato un problema . Secondo il procuratore capo militare ucraino Anatoly Matios, dopo quattro anni di guerra nel Donbass, 615 militari si erano suicidati . Le diserzioni sono aumentate e hanno raggiunto fino al 30% delle forze in alcune aree operative, spesso a favore dei ribelli.

Per questo motivo, è diventato necessario integrare combattenti più motivati, altamente politicizzati, ultranazionalisti e fanatici nelle forze armate per combattere nel Donbass. Molti di loro sono neonazisti. È per eliminare questi combattenti fanatici che Vladimir Putin ha menzionato l’obiettivo della “denazificazione”.

Oggi il problema è leggermente diverso. I russi hanno attaccato l’Ucraina e i soldati ucraini non sono contrari a priori a combatterli. Ma si rendono conto che gli ordini che ricevono non sono coerenti con la situazione sul campo di battaglia. Hanno capito che le decisioni che li riguardano non sono legate a fattori militari, ma a considerazioni politiche. Le unità ucraine si stanno ammutinando in massa e si rifiutano sempre più di combattere. Dicono di sentirsi abbandonati dai loro comandanti e che gli vengono affidate missioni senza le risorse necessarie per eseguirle.

Ecco perché diventa necessario mandare uomini pronti a tutto . Poiché sono condannati, possono essere tenuti sotto pressione. Questo è lo stesso principio del maresciallo Konstantin Rokossovki, condannato a morte da Stalin, ma rilasciato dalla prigione nel 1941 per combattere contro i tedeschi. La sua condanna a morte fu revocata solo dopo la morte di Stalin nel 1956.

Per mettere in ombra l’uso di criminali nelle forze armate, i russi sono accusati di fare la stessa cosa. Gli ucraini e gli occidentali usano costantemente la propaganda dello “specchio”. Come in tutti i conflitti recenti, l’influenza occidentale non ha portato a una moralizzazione del conflitto.

TP: Tutti parlano di quanto sia corrotto Putin? Ma che dire di Zelensky? È lui il “santo eroico” che tutti ci dicono di ammirare?

JB: Nell’ottobre 2021, i Pandora Papers hanno mostrato che l’Ucraina e Zelensky erano i più corrotti d’Europa e praticavano l’evasione fiscale su larga scala. È interessante notare che questi documenti sono stati apparentemente pubblicati con l’aiuto di un’agenzia di intelligence americana e Vladimir Putin non è menzionato. Più precisamente, i documenti menzionano individui “associati” a lui, che si dice abbiano legami con beni non divulgati, che potrebbero appartenere a una donna, che si ritiene abbia avuto un figlio con lui.

Tuttavia, quando i nostri media riferiscono di questi documenti, mettono regolarmente una foto di Vladimir Putin, ma non di Volodymyr Zelensky.

Non sono in grado di valutare quanto sia corrotto Zelensky. Ma non c’è dubbio che la società ucraina e il suo governo lo siano. Ho contribuito modestamente a un programma NATO “Costruire l’integrità” in Ucraina e ho scoperto che nessuno dei paesi contributori si faceva illusioni sulla sua efficacia, e tutti vedevano il programma come una sorta di “velina” per giustificare il sostegno occidentale.

È improbabile che i miliardi pagati dall’Occidente all’Ucraina raggiungano il popolo ucraino. Un recente rapporto di CBS News ha affermato che solo il 30-40% delle armi fornite dall’Occidente arriva sul campo di battaglia. Il resto arricchisce le mafie e altri corrotti. Apparentemente, alcune armi occidentali ad alta tecnologia sono state vendute ai russi, come il sistema francese CAESAR e presumibilmente l’americano HIMARS. Il rapporto di CBS News è stato censurato per evitare di minare gli aiuti occidentali, ma resta il fatto che gli Stati Uniti si sono rifiutati di fornire droni MQ-1C all’Ucraina per questo motivo.

L’Ucraina è un paese ricco, eppure oggi è l’unico paese dell’ex URSS con un PIL inferiore a quello che aveva al crollo dell’Unione Sovietica. Il problema quindi non è Zelensky stesso, ma l’intero sistema, che è profondamente corrotto, e che l’Occidente mantiene al solo scopo di combattere la Russia.

Zelensky è stato eletto nell’aprile 2019 con il programma di raggiungere un accordo con la Russia. Ma nessuno gli ha permesso di portare a termine il suo programma. Tedeschi e francesi gli hanno deliberatamente impedito di attuare gli accordi di Minsk. La trascrizione della conversazione telefonica del 20 febbraio 2022 tra Emmanuel Macron e Vladimir Putin mostra che la Francia ha deliberatamente tenuto l’Ucraina lontana dalla soluzione. Inoltre, in Ucraina, le forze politiche di estrema destra e neonaziste lo hanno minacciato pubblicamente di morte. Dmitry Yarosh, comandante dell’esercito volontario ucraino, ha dichiarato nel maggio 2019 che Zelensky sarebbe stato impiccato se ha eseguito il suo programma. In altre parole, Zelensky è intrappolato tra la sua idea di raggiungere un accordo con la Russia e le richieste dell’Occidente. Inoltre, l’Occidente si rende conto che la sua strategia di guerra attraverso le sanzioni è fallita. Con l’aumentare dei problemi economici e sociali, l’Occidente avrà più difficoltà a fare marcia indietro senza perdere la faccia. Una via d’uscita per la Gran Bretagna, gli Stati Uniti, l’UE o la Francia sarebbe rimuovere Zelensky. Ecco perché, con il deterioramento della situazione in Ucraina, penso che Zelensky inizi a rendersi conto che la sua vita è minacciata.

Alla fine, Zelensky è un povero ragazzo, perché i suoi migliori nemici sono quelli da cui dipende: il mondo occidentale.

TP: Ci sono molti video (raccapriccianti) sui social media di soldati ucraini coinvolti in gravi crimini di guerra? Perché c’è un “punto cieco” in Occidente per tali atrocità?

JB: Prima di tutto, dobbiamo essere chiari: in ogni guerra, ogni belligerante commette crimini di guerra. Il personale militare che commette deliberatamente tali crimini disonora la propria uniforme e deve essere punito.

Il problema sorge quando i crimini di guerra fanno parte di un piano o risultano da ordini impartiti dal comando superiore. Questo è stato il caso quando i Paesi Bassi hanno permesso ai suoi militari di consentire il massacro di Srebrenica nel 1995; le torture in Afghanistan da parte delle truppe canadesi e britanniche, per non parlare delle innumerevoli violazioni del diritto internazionale umanitario da parte degli Stati Uniti in Afghanistan, Iraq, Guantanamo e altrove con la complicità di Polonia, Lituania o Estonia. Se questi sono valori occidentali, l’Ucraina è nella scuola giusta.

In Ucraina, la criminalità politica è diventata un luogo comune, con la complicità dell’Occidente. Così vengono eliminati coloro che sono favorevoli a una trattativa. È il caso di Denis Kireyev, uno dei negoziatori ucraini, assassinato il 5 marzo dal servizio di sicurezza ucraino (SBU) perché ritenuto troppo favorevole alla Russia e come un traditore . La stessa cosa è successa a Dmitry Demyanenko, ufficiale della Sbu, assassinato il 10 marzo, anche perché troppo favorevole a un accordo con la Russia. Ricorda che questo è un paese che considera ” collaboratorio ” ricevere o dare aiuti umanitari russi.

Il 16 marzo 2022, un giornalista del canale televisivo Ucraina 24 ha fatto riferimento al criminale di guerra nazista Adolf Eichmann e ha chiesto il massacro dei bambini di lingua russa. Il 21 marzo, il medico militare Gennadiy Druzenko ha dichiarato sullo stesso canale di aver ordinato ai suoi medici di castrare i prigionieri di guerra russi. Sui social queste affermazioni sono diventate subito propaganda per i russi e i due ucraini si sono scusati per averlo detto, ma non per la sostanza. I crimini ucraini stavano iniziando a essere rivelati sui social network e il 27 marzo Zelensky temeva che ciò avrebbe messo a repentaglio il sostegno occidentale. Questo è stato seguito, piuttosto opportunamente, dal massacro di Bucha il 3 aprile, le cui circostanze rimangono poco chiare.

La Gran Bretagna, che allora aveva la presidenza del Consiglio di sicurezza dell’ONU, rifiutò per tre volte la richiesta russa di istituire una commissione internazionale d’inchiesta sui crimini di Bucha. Il deputato socialista ucraino Ilya Kiva ha rivelato su Telegram che la tragedia di Bucha è stata pianificata dai servizi speciali britannici dell’MI6 e attuata dalla SBU.

Il problema fondamentale è che gli ucraini hanno sostituito “l’arte operativa” con la brutalità. Dal 2014, per combattere gli autonomisti, il governo ucraino non ha mai cercato di applicare strategie basate su “cuori e menti”, che gli inglesi usarono negli anni ’50 e ’60 nel sud-est asiatico, che erano molto meno brutali ma molto più efficace e di lunga durata. Kiev ha preferito condurre un’operazione antiterrorismo (ATO) nel Donbass e utilizzare le stesse strategie degli americani in Iraq e Afghanistan. Combattere i terroristi autorizza ogni tipo di brutalità. È la mancanza di un approccio olistico al conflitto che ha portato al fallimento dell’Occidente in Afghanistan, Iraq e Mali.

Counter-Insurgency Operation (COIN) richiede un approccio più sofisticato e olistico. Ma la NATO non è in grado di sviluppare strategie come quelle che ho visto in prima persona in Afghanistan. La guerra nel Donbass è stata brutale per 8 anni e ha provocato la morte di 10.000 cittadini ucraini più 4.000 militari ucraini. In confronto, in 30 anni, il conflitto in Irlanda del Nord ha provocato 3.700 morti. Per giustificare questa brutalità, gli ucraini hanno dovuto inventare il mito di un intervento russo nel Donbass.

Il problema è che la filosofia dei nuovi leader Maidan era quella di avere un’Ucraina razzialmente pura . In altre parole, l’unità del popolo ucraino non doveva essere raggiunta attraverso l’integrazione delle comunità, ma attraverso l’esclusione delle comunità di “razze inferiori”. Un’idea che senza dubbio sarebbe piaciuta ai nonni di Ursula von der Leyen e Chrystia Freeland! Questo spiega perché gli ucraini provano poca empatia per le minoranze di lingua russa, magiara e rumena del paese. Questo a sua volta spiega perché l’Ungheria e la Romania non vogliono che i loro territori siano usati per la fornitura di armi all’Ucraina.

Ecco perché sparare ai propri cittadini per intimidirli non è un problema per gli ucraini. Questo spiega l’irrorazione di migliaia di mine antiuomo PFM-1 (“farfalla”), che sembrano giocattoli, nella città di lingua russa di Donetsk nel luglio 2022. Questo tipo di mine è utilizzato da un difensore, non da un attaccante nella sua principale area di attività. Inoltre, in questa zona, le milizie del Donbass stanno combattendo “in casa”, con popolazioni che conoscono personalmente.

Penso che crimini di guerra siano stati commessi da entrambe le parti, ma che la loro copertura mediatica sia stata molto diversa. I nostri media hanno ampiamente riferito di crimini (veri o falsi) attribuiti alla Russia. D’altra parte, sono stati estremamente silenziosi sui crimini ucraini. Non sappiamo tutta la verità sul massacro di Bucha, ma le prove disponibili supportano l’ipotesi che l’Ucraina abbia inscenato l’evento per insabbiare i propri crimini. Mantenendo silenziosi questi crimini, i nostri media ne sono stati complici e hanno creato un senso di impunità che ha incoraggiato gli ucraini a commettere altri crimini.

TP: La Lettonia vuole che l’Occidente (America) designi la Russia come “stato terrorista”. Cosa ne pensi di questo? Questo significa che la guerra è effettivamente finita e che la Russia ha vinto?

JB: Le richieste estoni e lettoni rispondono all’appello di Zelensky a designare la Russia come stato terrorista. È interessante notare che vengono nello stesso momento in cui viene scatenata una campagna terroristica ucraina in Crimea, nella zona occupata dell’Ucraina e nel resto del territorio russo. È anche interessante notare che l’Estonia è stata apparentemente complice dell’attacco a Darya Dugina nell’agosto 2022.

Sembra che gli ucraini comunichino in un’immagine speculare dei crimini che commettono o dei problemi che hanno, per nasconderli. Ad esempio, alla fine di maggio 2022, quando la resa dell’Azovstal a Mariupol ha mostrato combattenti neonazisti, hanno iniziato a sostenere che ci sono neonazisti nell’esercito russo. Nell’agosto 2022, quando Kiev stava compiendo azioni di natura terroristica contro la centrale di Energodar in Crimea e in territorio russo, Zelensky ha chiesto che la Russia fosse considerata uno stato terrorista.

Zelensky, infatti, continua a credere di poter risolvere il suo problema solo sconfiggendo la Russia e che questa sconfitta dipenda dalle sanzioni contro la Russia. Dichiarare la Russia uno stato terrorista porterebbe a un ulteriore isolamento. Ecco perché sta facendo questo appello. Ciò dimostra che l’etichetta “terrorista” è più politica che operativa e che coloro che fanno tali proposte non hanno una visione molto chiara del problema. Il problema è che ha implicazioni per le relazioni internazionali. Questo è il motivo per cui il Dipartimento di Stato americano è preoccupato che la richiesta di Zelensky venga attuata dal Congresso.

TP: Uno degli esiti più tristi di questo conflitto Ucraina-Russia è il modo in cui l’Occidente ha mostrato il peggio di sé. Dove pensi che andremo da qui? Più o meno lo stesso, o ci saranno cambiamenti che dovranno essere fatti per quanto riguarda la NATO, i paesi neutrali che non sono più neutrali e il modo in cui l’Occidente cerca di “governare” il mondo?

JB: Questa crisi rivela diverse cose. Primo, che la NATO e l’Unione Europea sono solo strumenti della politica estera statunitense. Queste istituzioni non agiscono più nell'interesse dei loro membri, ma nell'interesse degli Stati Uniti. Le sanzioni adottate sotto la pressione americana si ritorcono contro l’Europa, che è la grande sconfitta di tutta questa crisi: subisce le proprie sanzioni e deve fare i conti con le tensioni derivanti dalle proprie decisioni.

Le decisioni prese dai governi occidentali rivelano una generazione di leader giovani e inesperti (come il primo ministro finlandese Sanna Marin); ignoranti, eppure credendo di essere intelligenti (come il presidente francese Emmanuel Macron); dottrinario (come la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen); e fanatici (come i leader degli Stati baltici). Tutti condividono alcune delle stesse debolezze, non ultima la loro incapacità di gestire una crisi complessa.

Quando la testa non è in grado di comprendere la complessità di una crisi, rispondiamo con coraggio e dogmatismo. Questo è ciò che vediamo accadere in Europa. I paesi dell’Europa orientale, in particolare gli Stati baltici e la Polonia, si sono dimostrati fedeli servitori della politica americana. Hanno anche mostrato una governance immatura, conflittuale e miope. Sono paesi che non hanno mai integrato i valori occidentali, che continuano a celebrare le forze del Terzo Reich e a discriminare la propria popolazione di lingua russa.

Non parlo nemmeno dell’Unione europea, che si è opposta con veemenza a qualsiasi soluzione diplomatica e ha solo aggiunto benzina sul fuoco.

Più sei coinvolto in un conflitto, più sei coinvolto nel suo esito. Se vinci, va tutto bene. Ma se il conflitto è un fallimento, sopporterai il peso. Questo è ciò che è successo agli Stati Uniti nei recenti conflitti e ciò che sta accadendo in Ucraina. La sconfitta dell’Ucraina sta diventando la sconfitta dell’Occidente.

Un altro grande perdente in questo conflitto è chiaramente la Svizzera. Il suo status neutrale ha improvvisamente perso ogni credibilità. All’inizio di agosto, Svizzera e Ucraina hanno concluso un accordo che consentirebbe all’ambasciata svizzera a Mosca di offrire protezione ai cittadini ucraini in Russia. Tuttavia, per entrare in vigore, deve essere riconosciuto dalla Russia. Logicamente, la Russia rifiutò e dichiarò che “la Svizzera aveva purtroppo perso il suo status di Stato neutrale e non poteva agire come intermediario o rappresentante. ”

Questo è uno sviluppo molto serio perché la neutralità non è semplicemente una dichiarazione unilaterale. Deve essere accettato e riconosciuto da tutti per essere efficace. Eppure la Svizzera non solo si è allineata con i paesi occidentali, ma è stata anche più estrema di loro. Si può dire che in poche settimane la Svizzera ha rovinato una politica riconosciuta da quasi 170 anni. Questo è un problema per la Svizzera, ma può anche essere un problema per altri paesi. Uno stato neutrale può offrire una via d’uscita da una crisi. Oggi i Paesi occidentali cercano una via d’uscita che permetta loro di avvicinarsi alla Russia nella prospettiva di una crisi energetica senza perdere la faccia. La Turchia ha assunto questo ruolo, ma è limitato, in quanto fa parte della NATO.

Figura 2 – Paesi e organizzazioni che hanno applicato sanzioni alla Russia. Sebbene la Svizzera sia un paese neutrale, si trova al primo posto. Secondo le stesse fonti, ciò è stato fatto sotto la pressione e il ricatto degli Stati Uniti. Tuttavia, questo è un duro colpo al principio stesso della neutralità che avrà conseguenze in altri conflitti futuri.

L’Occidente ha creato una cortina di ferro 2.0 che influenzerà le relazioni internazionali negli anni a venire. La mancanza di visione strategica dell’Occidente è sorprendente. Mentre la NATO si allinea alla politica estera statunitense e si riorienta verso la Cina, la strategia occidentale ha solo rafforzato l’asse Mosca-Pechino.

TP: Cosa pensi che questa guerra significhi in definitiva per l’Europa, gli Stati Uniti e la Cina?

JB: Per rispondere a questa domanda, dobbiamo prima rispondere a un’altra domanda: “Perché questo conflitto è più condannabile e sanzionabile dei precedenti conflitti iniziati dall’Occidente?”

Dopo i disastri in Afghanistan, Iraq, Libia e Mali, il resto del mondo si aspettava che l’Occidente aiutasse a risolvere questa crisi con il buon senso. L’Occidente ha risposto esattamente in modo opposto a queste aspettative. Non solo nessuno è stato in grado di spiegare perché questo conflitto fosse più riprovevole dei precedenti, ma la differenza di trattamento tra Russia e Stati Uniti ha mostrato che si attribuisce più importanza all’aggressore che alle vittime. Gli sforzi per realizzare il collasso della Russia contrastano con la totale impunità dei paesi che hanno mentito al Consiglio di sicurezza dell’ONU, praticato torture, causato la morte di oltre un milione di persone e creato 37 milioni di rifugiati.

Questa differenza di trattamento è passata inosservata in Occidente. Ma il “resto del mondo” ha capito che siamo passati da un “ordine internazionale basato sul diritto” a un “ordine internazionale basato su regole” determinato dall’Occidente.

A un livello più materiale, la confisca dell’oro venezuelano da parte degli inglesi nel 2020, dei fondi sovrani dell’Afghanistan nel 2021 e poi dei fondi sovrani russi nel 2022 da parte degli Stati Uniti, ha sollevato la sfiducia degli alleati occidentali. Ciò dimostra che il mondo non occidentale non è più protetto dalla legge e dipende dalla buona volontà dell’Occidente.

Questo conflitto è probabilmente il punto di partenza per un nuovo ordine mondiale. Il mondo non cambierà tutto in una volta, ma il conflitto ha sollevato l’attenzione del resto del mondo. Perché quando diciamo che la “comunità internazionale” condanna la Russia, parliamo in realtà del 18% della popolazione mondiale.

Alcuni attori tradizionalmente vicini all’Occidente se ne stanno gradualmente allontanando. Il 15 luglio 2022 Joe Biden ha visitato Mohammed bin Salman (MbS) con due obiettivi: impedire all’Arabia Saudita di avvicinarsi alla Russia e alla Cina e chiedergli di aumentare la produzione di petrolio. Ma quattro giorni prima, MbS ha fatto una richiesta ufficiale per diventare un membro dei BRICS e una settimana dopo, il 21 luglio, MbS ha chiamato Vladimir Putin per confermare che avrebbe sostenuto la decisione dell’OPEC+. In altre parole: nessun aumento della produzione di petrolio. Fu uno schiaffo in faccia all’Occidente e al suo rappresentante più potente.

L’Arabia Saudita ha ora deciso di accettare la valuta cinese come pagamento per il suo petrolio. Questo è un evento importante, che tende a indicare una perdita di fiducia nel dollaro. Le conseguenze sono potenzialmente enormi. Il petrodollaro è stato istituito dagli Stati Uniti negli anni ’70 per finanziare il proprio deficit. Costringendo altri paesi ad acquistare dollari, consente agli Stati Uniti di stampare dollari senza essere coinvolti in un ciclo inflazionistico. Grazie al petrodollaro, l’economia statunitense, che è essenzialmente un’economia di consumo, è sostenuta dalle economie di altri paesi del mondo. La scomparsa del petrodollaro potrebbe avere conseguenze disastrose per l’economia statunitense, come afferma l’ex senatore repubblicano Ron Paul.

Inoltre, le sanzioni hanno avvicinato Cina e Russia, entrambe prese di mira dall’Occidente. Ciò ha accelerato la formazione di un blocco eurasiatico e rafforzato la posizione di entrambi i paesi nel mondo. L’India, che gli Stati Uniti hanno disprezzato come partner di “seconda classe” del “Quad”, si è avvicinata alla Russia e alla Cina, nonostante le controversie con quest’ultima.

Oggi la Cina è il principale fornitore di infrastrutture nel Terzo Mondo. In particolare, il suo modo di interagire con i Paesi africani è più in linea con le aspettative di questi Paesi. La collaborazione con ex potenze coloniali come la Francia e il paternalismo imperialista americano non è più gradita. Ad esempio, Repubblica Centrafricana e Mali hanno chiesto alla Francia di lasciare i loro Paesi e si sono rivolti alla Russia.

Al vertice dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN), gli Stati Uniti hanno annunciato con orgoglio un contributo di 150 milioni di dollari per “rafforzare la loro posizione nella più ampia competizione geopolitica con la Cina”. Ma nel novembre 2021, il presidente Xi Jinping ha offerto 1,5 miliardi di dollari agli stessi paesi per combattere la pandemia e promuovere la ripresa economica. Usando i loro soldi per fare la guerra, gli Stati Uniti non hanno più soldi per stringere e consolidare alleanze.

La perdita di influenza dell’Occidente deriva dal fatto che continua a trattare il “resto del mondo” come “bambini” e trascura l’utilità di una buona diplomazia.

La guerra in Ucraina non è l’innesco di questi fenomeni, iniziati alcuni anni fa, ma è sicuramente un acceleratore e una rivelazione.

TP: I media occidentali hanno spinto affinché Putin potesse essere gravemente malato. Se Putin muore improvvisamente, questo farebbe alcuna differenza per la guerra?

JB: Sembra che Vladimir Putin sia un caso medico unico al mondo: ha un cancro allo stomaco, la leucemia , una malattia sconosciuta ma incurabile e in fase terminale , e secondo quanto riferito è già morto . Eppure, nel luglio 2022, all’Aspen Security Forum, il direttore della CIA William Burns ha affermato che Putin era ” troppo sano ” e che ” non c’erano informazioni che suggerissero che fosse in cattive condizioni di salute”. Questo mostra come lavorano quelli che si dicono giornalisti!

Questo è un pio desiderio e, nella fascia più alta dello spettro, fa eco agli appelli al terrorismo e all’eliminazione fisica di Vladimir Putin.

L’Occidente ha personalizzato la politica russa attraverso Putin, perché è lui che ha promosso la ricostruzione della Russia dopo gli anni di Eltsin. Agli americani piace essere campioni quando non ci sono concorrenti e vedono gli altri come nemici. È il caso di Germania, Europa, Russia e Cina.

Ma i nostri “esperti” sanno poco della politica russa. Perché in realtà Vladimir Putin è più una “colomba” nel panorama politico russo. Dato il clima che abbiamo creato con la Russia, non sarebbe impossibile che la sua scomparsa porti all’emergere di forze più aggressive. Non dobbiamo dimenticare che paesi come Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia o Georgia non hanno mai sviluppato valori democratici europei (quali?, divario tra la teoria e la pratica). Hanno ancora politiche discriminatorie nei confronti della loro etnia russa che sono lontane dai valori europei e si comportano come agenti provocatori immaturi. Penso che se Putin dovesse scomparire per qualche ragione, i conflitti con questi paesi assumerebbero una nuova dimensione.

TP: Quanto è unita la Russia al momento? La guerra ha creato un’opposizione più seria di quella che esisteva in precedenza in Russia?

JB: No, al contrario. I leader americani ed europei hanno una scarsa comprensione del loro nemico: il popolo russo è molto patriottico e coeso. L’ossessione occidentale di “punire” il popolo russo lo ha solo avvicinato ai suoi leader. In effetti, cercando di dividere la società russa nel tentativo di rovesciare il governo, le sanzioni occidentali, comprese quelle più stupide, hanno confermato ciò che il Cremlino ha affermato da anni: che l’Occidente nutre un profondo odio per i russi. Quella che una volta si diceva essere una bugia è ora confermata dall'opinione pubblica russa. La conseguenza è che la fiducia della gente nel governo si è rafforzata.

I gradi di approvazione forniti dal Centro Levada (considerato dalle autorità russe come un “agente straniero”) mostrano che l’opinione pubblica si è irrigidita attorno a Vladimir Putin e al governo russo. Nel gennaio 2022, il tasso di approvazione di Vladimir Putin era del 69% e quello del governo del 53%. Oggi, il tasso di approvazione di Putin è rimasto stabile intorno all’83% da marzo e quello del governo è al 71%. A gennaio il 29% non approvava le decisioni di Vladimir Putin, a luglio era solo il 15%.

Secondo il Centro Levada, anche l’operazione russa in Ucraina gode della maggioranza dei pareri favorevoli. A marzo, l’81% dei russi era favorevole all'operazione; questa cifra è scesa al 74%, probabilmente per l’impatto delle sanzioni di fine marzo, per poi risalire. Nel luglio 2022, l’operazione ha avuto il 76% di sostegno popolare.

Figura 3 – Non tutti i russi sostengono l’operazione speciale in Ucraina, ma tre quarti della popolazione lo fanno. I crimini di guerra ucraini, le sanzioni occidentali e la buona gestione dell’economia da parte delle autorità russe spiegano questo sostegno. [ Fonte ]

Il problema è che i nostri giornalisti non hanno né cultura né disciplina giornalistica e li sostituiscono con le proprie convinzioni. È una forma di complotto che mira a creare una falsa realtà basata su ciò in cui si crede e non sui fatti. Ad esempio, pochi sanno (o vogliono sapere) che Aleksey Navalny ha detto che non avrebbe restituito la Crimea all’Ucraina . Le azioni dell’Occidente hanno completamente spazzato via l’opposizione, non a causa della “repressione di Putin”, ma perché in Russia la resistenza all’interferenza straniera e il profondo disprezzo dell’Occidente per i russi è una causa bipartisan. Esattamente come l’odio dei russi in Occidente. Questo è il motivo per cui personalità come Aleksey Navalny, che non hanno mai avuto una popolarità molto elevata, sono completamente scomparse dal panorama dei media popolari.

Inoltre, anche se le sanzioni hanno avuto un impatto negativo sull’economia russa, il modo in cui il governo ha gestito le cose dal 2014 mostra una grande padronanza dei meccanismi economici e un grande realismo nel valutare la situazione. C’è un aumento dei prezzi in Russia, ma è molto più basso che in Europa, e mentre le economie occidentali stanno alzando i loro tassi di interesse chiave, la Russia sta abbassando i propri.

La giornalista russa Marina Ovsyannikova è stata esemplificata come espressione dell’opposizione in Russia. Il suo caso è interessante perché, come al solito, non diciamo tutto.

Il 14 marzo 2022 ha provocato un applauso internazionale interrompendo il telegiornale russo del Primo Canale con un poster che chiedeva di porre fine alla guerra in Ucraina . È stata arrestata e multata di $ 280.

A maggio, il quotidiano tedesco Die Welt le ha offerto un lavoro in Germania , ma a Berlino attivisti filoucraini hanno manifestato per convincere il giornale a porre fine alla sua collaborazione con lei . Il mediatico Politico ha persino suggerito che potrebbe essere un’agente del Cremlino !

Di conseguenza, nel giugno 2022, ha lasciato la Germania per vivere a Odessa, la sua città natale. Ma invece di essere grati, gli ucraini l’ hanno inserita nella lista nera di Mirotvorets dove è accusata di tradimento, “partecipazione alle operazioni speciali di informazione e propaganda del Cremlino” e “complicità con gli invasori”.

Il sito web di Mirotvorets è una “lista dei risultati” per politici, giornalisti o personalità che non condividono l’opinione del governo ucraino. Molte delle persone sulla lista sono state uccise. Nell’ottobre 2019 l’ONU ha chiesto la chiusura del sito, ma questa è stata rifiutata dalla Rada . Va notato che nessuno dei nostri media mainstream ha condannato questa pratica, che è molto lontana dai valori che affermano di difendere. In altre parole, i nostri media supportano queste pratiche che venivano attribuite ai regimi sudamericani.

Ovsyannikova è poi tornata in Russia, dove ha manifestato contro la guerra , definendo Putin un “assassino”, ed è stata arrestata dalla polizia e posta agli arresti domiciliari per tre mesi. A questo punto, i nostri media hanno protestato.

Vale la pena notare che la giornalista russa Darya Dugina, vittima di un attentato dinamitardo a Mosca il 21 agosto 2022, era nell’elenco di Mirotvorets e il suo fascicolo era contrassegnato come ” liquidato “. Naturalmente, nessun media occidentale ha menzionato di essere stata presa di mira dal sito web Mirotvorets, che è considerato collegato alla SBU, poiché ciò tenderebbe a sostenere le accuse della Russia.

La giornalista tedesca Alina Lipp, le cui rivelazioni sui crimini ucraini e occidentali nel Donbass sono inquietanti, è stata pubblicata sul sito web Mirotvorets . Inoltre, Alina Lipp è stata condannata in contumacia a tre anni di carcere da un tribunale tedesco per aver affermato che le truppe russe avevano “liberato” aree in Ucraina e quindi “glorificato attività criminali”. Come si può vedere, le autorità tedesche funzionano come gli elementi neonazisti in Ucraina. I politici di oggi sono un vanto per i loro nonni!

Si può concludere che anche se ci sono alcune persone che si oppongono alla guerra, l’opinione pubblica russa è in modo schiacciante dietro il suo governo. Le sanzioni occidentali hanno solo rafforzato la credibilità del presidente russo.

In definitiva, il mio punto non è adottare lo stesso approccio dei nostri media e sostituire l’odio per la Russia con quello per l’Ucraina. Al contrario, è per dimostrare che il mondo non è né bianco né nero e che i paesi occidentali hanno portato la situazione troppo oltre. Coloro che sono compassionevoli per l’Ucraina avrebbero dovuto spingere i nostri governi ad attuare le soluzioni politiche concordate nel 2014 e nel 2015. Non hanno fatto nulla e ora stanno spingendo l’Ucraina a combattere. Ma non siamo più nel 2021. Oggi dobbiamo accettare le conseguenze delle nostre non decisioni e aiutare l’Ucraina a riprendersi. Ma questo non deve essere fatto a spese della sua popolazione di lingua russa, come abbiamo fatto finora, ma con la popolazione di lingua russa, in modo inclusivo. Se guardo ai media in Francia, Svizzera e Belgio, siamo ancora molto lontani dall'obiettivo.

TP: Grazie mille, signor Baud, per questa discussione molto illuminante.

Nessun commento:

Posta un commento