L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 22 settembre 2022

e la Russia vola in aiuto al Pakistan

Gli aiuti umanitari potrebbero rafforzare le relazioni Russia-Pakistan?

20 settembre 2022 

Il Centro russo di scienza e cultura a Karachi, in Pakistan (Crediti: A.Savin, FAL, tramite Wikimedia Commons)

L'aiuto umanitario della Federazione Russa al Pakistan potrebbe rafforzare le relazioni politiche ed economiche tra Mosca e Islamabad e sostenere il desiderio russo di espandere la propria influenza e presenza nell'Asia centrale e sudorientale.

Un volo speciale del Ministero per le situazioni di emergenza della Russia con aiuti umanitari è volato nella Repubblica islamica del Pakistan . Il governo russo consegnerà un carico umanitario con un peso totale di circa 35 tonnellate alla città di Karachi per garantire la vita dei cittadini colpiti dall'alluvione, comprese tende e impianti di depurazione dell'acqua ( MChS Rossij ).

Da giugno, le piogge monsoniche hanno colpito pesantemente il Pakistan e portato a gravi inondazioni e smottamenti, causando la morte di oltre 1.400 persone. Pertanto, a causa della grave inondazione, il governo pakistano ha dichiarato lo stato di emergenza nel Paese e si è rivolto alle Nazioni Unite e ad altre organizzazioni internazionali per un'assistenza umanitaria urgente. Nell'ambito dello sforzo globale, in Pakistan sono arrivati ​​113 voli di soccorso.

Perchè importa?

Il sostegno umanitario russo al Pakistan rientra nella politica estera del Cremlino per rafforzare le relazioni diplomatiche ed economiche con Islamabad. In effetti, il Pakistan svolge un ruolo fondamentale nel sud-est asiatico , principalmente per la sua posizione strategica. Il Paese confina con l'Afghanistan, che dall'agosto 2021 è sotto il dominio talebano a causa del ritiro delle truppe statunitensi dal Paese, e si affaccia sul Mar Arabico, dove si trovano i porti strategici di Gwadar e Karachi.

Mosca e Islamabad hanno rafforzato la loro partnership lo scorso febbraio 2022 , quando l'ex primo ministro pakistano Imran Khan ha visitato la capitale russa e ha firmato un accordo bilaterale che consentirà al Pakistan di importare circa 2 milioni di tonnellate di grano dalla Russia e acquistare gas naturale. La comunità internazionale e alcuni osservatori occidentali hanno criticato aspramente il primo ministro pakistano perché ha firmato l'accordo poche ore dopo l'invasione militare russa dell'Ucraina.

Considerando che nell'aprile 2022 il parlamento pakistano ha eletto Shehbaz Sharif come nuovo Primo Ministro del Paese in seguito alla rimozione di Imran Khan nel fine settimana con un voto di sfiducia, la Federazione Russa deve creare un legame con il nuovo leader pakistano del governo utilizzando aiuti umanitari aiuti e investimenti economici .

L'interesse del Cremlino per il mercato pakistano e le dinamiche interne fanno parte della posizione strategica del Paese poiché Islamabad ha sviluppato corridoi economici con la Cina e l'Asia centrale e rappresenta una porta verso l'Oceano Indiano . Inoltre, il Pakistan è uno dei principali attori della finanza islamica e potrebbe supportare l'autorità centrale russa nell'adattare il suo sistema bancario per ospitare servizi finanziari e attirare più investimenti dal mondo arabo-musulmano.

Nel contesto afghano, il Pakistan potrebbe anche sostenere la strategia russa in Afghanistan basata sulla limitazione della presenza degli Stati Uniti e dell'Occidente sul terreno e sulla prevenzione della diffusione di organizzazioni terroristiche nella regione, in particolare nelle vicine repubbliche dell'Asia centrale come il Tagikistan, il Turkmenistan e l'Uzbekistan, che il Cremlino considera parte della sua blizhnee zarubezhe (vicino all'estero).

D'altra parte, il coinvolgimento russo nel mercato pakistano potrebbe diversificare i partner economici e politici esteri di Islamabad e sostenere l'autorità centrale pachistana nei problemi di confine con l'India. Dal momento che il Pakistan condivide i confini con Iran e India e si affaccia sul Mar Arabico, Islamabad potrebbe beneficiare del forte desiderio russo di istituire il Corridoio internazionale di trasporto nord-sud (INSTC) e ampliare i suoi settori logistici e di trasporto, soprattutto dopo le sanzioni occidentali contro Mosca e la necessità del Cremlino di aprire nuove vie di transito e mercati.

Nessun commento:

Posta un commento