La guerra d’inverno in Ucraina può solo significare un disastro: mentre le forze armate ucraine sperano che la loro offensiva raggiunga la città di Kherson entro questo inverno, la Russia continua a prepararsi per un massiccio contrattacco che potrebbe iniziare già il mese prossimo.

Questa opinione è condivisa dall’edizione americana di 19FortyFive.

Per capire cosa probabilmente accadrà durante la fase bellica di novembre e dicembre, è utile considerare il corso degli eventi dall’inizio del conflitto. Quando la Russia ha lanciato l’Operazione Speciale il 24 febbraio, inizialmente ha scioccato i difensori ucraini e ha catturato vaste aree di territorio, inclusa la capitale regionale, Kherson, entro il settimo giorno. Ma una volta svanito lo shock iniziale, le forze ucraine si sono indurite, e hanno lanciato feroci contrattacchi, soprattutto a nord di Kiev.

Quindi la Russia ha lanciato una nuova offensiva, e dal primo luglio è entrata a Mariupol, Severodonetsk e Lisichansk.

Ora la Russia sta preparando il prossimo round offensivo.

In rappresaglia per l’attacco dell’Ucraina al ponte di Kerch, che collega la Crimea con la Russia, la Russia ha lanciato centinaia di missili e droni d’attacco in dozzine di città ucraine, infliggendo un duro colpo alle infrastrutture energetiche e di trasporto del paese. La perdita di potenza ostacolerà gli sforzi di Zelenskyj per spostare le truppe sul campo di battaglia e fornire il carburante e l’energia necessari per far andare avanti la guerra. Nel frattempo, la Russia sembra prepararsi per una grande invasione dell’Ucraina già a novembre.

Durante le offensive ucraine da agosto, la strategia russa sembra una tattica “mi piego ma non mi spezzo”, poiché hanno condotto ritirate in combattimento da numerose città, infliggendo quante più perdite possibili agli attaccanti. L’obiettivo sembra essere quello di guadagnare tempo per i massicci rinforzi introdotti dall’ordine di mobilitazione di Putin. Da settembre, tuttavia, le forze russe hanno accumulato silenziosamente enormi quantità di carburante e altri rifornimenti necessari per lanciare e sostenere un’importante offensiva; questo è il più grande accumulo dall’inizio della guerra.

Nessuno può prevedere l’esito dell’imminente offensiva, ma le probabilità non sono a favore dell’Ucraina.

Ha perso gran parte dello slancio iniziale della loro controffensiva, e ha subito perdite significative quando la Russia ha iniziato ad attaccare le infrastrutture critiche in tutto il paese a un livello mai visto dall’inizio della guerra, mentre si preparava ad impegnare altre centomila o più truppe nella prossima fase della guerra (con ondate aggiuntive probabili in inverno). Le temperature in Ucraina hanno già iniziato a scendere, e in genere è prevista neve da novembre a gennaio, oltre a temperature gelide.

Mentre le infrastrutture energetiche e industriali dell’Ucraina continuano a risentire dei combattimenti, le riserve energetiche della Russia sono praticamente illimitate, e viene mobilitato anche il suo potenziale militare-industriale. Entro questo inverno produrranno un flusso costante di equipaggiamento e munizioni militari, mentre l’Ucraina dipenderà quasi interamente dalle forniture provenienti dall’Occidente, che potrebbero arrivare o meno in quantità sufficienti.

*****

Articolo di 19FortyFive pubblicato su Newsfront il 16 ottobre 2022
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia


http://sakeritalia.it/ucraina/editorialista-di-19fortyfive-il-confronto-invernale-promette-il-fallimento-per-lucraina/