L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 13 ottobre 2022

Chiunque si oppone alla dittatura feroce degli anglosionististatunitensi viene assassinato. Ieri è toccato al vicedirettore della Procura svedese che stava indagando su chi ha sabotato i Nord Stream

Api assassine in Svezia. E vespe britanniche.

 

Il vicedirettore della Procura svedese è stato trovato morto in casa per puntura d’ape. Cremato poche ore dopo. Erik Olsen era l’incaricato delle indagini sul sabotaggio del Nord Stream

Così suona il twit che postiamo, di un giornalista svedese.  Questa frase contiene già una audacia: la parola “sabotaggio”. Per giorni e giorni, mentre il suo mare ribolliva del metano prorompente dallo squarcio della tubatura russa, il governo svedese e i suoi inquirenti non riuscivano nemmeno a scrivere questa parola come causa dello squarcio. E sì che i sismografi  della Svezia avevano registrato  le enormi esplosioni subacquee, pari a  piccoli terremoti; e  un ex ministro polacco di nome Radek Sikorski, sposato alla neocon giudo-americana Anne Applebaum, aveva  postato un “grazie USA” grande grande  sopra la foto del ribollio marino.  Di più: tutto gridava “sono statigli Usa”; anzi persino il segretario di Stato Blinken (j)  aveva  salutato il danneggiamento del Nord Stream come una “tremendous opportunity”  per liberare l’Europa, e anzitutto la Germania, dalla orribile dipendenza energetica di Mosca: insomma Washington praticamente aveva firmato il sabotaggio, e ancora la Svezia ufficiale nemmeno riusciva a dire la parola “sabotaggio”.

Il motivo è evidente: se era sabotaggio, bisognava indicare un sabotatore. La morte  improvvisa  del viceprocuratore Erik Olsen incaricato delle indagini spiega il motivo della  reticenza: prova a  dire  a mezza bocca  un nome, e vieni punto da  un’ape, così malamente che devono subito cremarti.

In Svezia  ronzano le terribili api assassine.  Tanto che la prima ministra svedese, Magdalena Anderson, ha dichiarato con apposito comunicato che “non condividerà con le autorità russe i risultati delle indagini sulle esplosioni dei gasdotti Nord Stream”, come  pure  Mosca e Gazprom  hanno chiesto.

Reuters

Che poi ci fate caso, anche in Germania non c’è stato un politico di governo che abbia detto, a proposito della distruzione dei gasdotti, abbia  anche solo lasciato intendere,  anche  a  mezza bocca qualcosa come “sono stati gli americani”.  E’ che anche a Berlino ronzano  api assassine, e  non c’è niente da guadagnare a  dire una parola incauta.  Né se   è per questo  nessun politico europeo, italiani, francese – né alcun giornalista di grido;  prima di giudicarli male, pensate che non hanno alcuna voglia di mettere  in gioco una bella carriera per  la puntura di un’ape. Non ci guadagni che una cremazione immediata. Sono le api assassine della democrazia.

Ché poi, che ne sappiamo in fondo. Per esempio, a far saltare il ponte di Crimea sono stati i servizi ucraini, ma –   ha scoperto  il blog Grayzone –  su indicazione  e progettazione di agenti britannici, di cui uno molto noto nell’ambiente:  Chris Donnelly , un alto agente dell’intelligence dell’esercito britannico e veterano di alto rango consigliere della NATO.

 Far saltare il ponte è una idea inglese

Il bello è che Donnelly, oltre che organizzare attentati,  fa anche un lavoro, diciamo, giornalistico. Egli è infatti il direttore e condirettore, rispettivamente, di due ONG britanniche,  The Institute for Statecraft e fondatore della sua diramazione Integrity Initiative .  Entrambe le ONG hanno la missione di di “Difendere la democrazia dalla disinformazione”.

L’Integrity Initiative fa questo diffondendo disinformazione sulla presunta influenza russa attraverso “cluster” di giornalisti in tutta Europa e negli Stati Uniti.

L’ Integrity Initiative finanziata dal governo britannico ha il compito di diffondere la propaganda anti-russa e quindi di influenzare l’opinione pubblica, l’esercito e i governi di un certo numero di paesi.

Entrambi, l’Istituto e l’Iniziativa, affermano di essere organizzazioni non governative indipendenti. Entrambi sono finanziati dal governo britannico, dalla NATO e da altri donatori statali.

Tra i documenti prelevati da qualche anonimo dai server dell’Istituto troviamo diverse carte su Donnelly e alcune note da lui scritte.

C’è anche un file (pdf) con una copia del suo passaporto:

donnelly

 

Dal suo curriculum vitae (pdf) apprendiamo che Donnelly è un soldato di lunga data nel British Army Intelligence Corps, dove ha fondato e guidato il Soviet Studies Research Center presso RMA Sandhurst. Successivamente è stato coinvolto nella creazione del Foreign Military Studies Office (FMSO) dell’esercito americano a Ft. Leavenworth.

Ha lavorato presso il Ministero della Difesa britannico e come consigliere di diversi Segretari generali della NATO. È direttore dell’Institute for Statecraft dal 2010. Donnelly è anche consulente del ministro degli Esteri della Lituania.

È un “Security and Justice Senior Mentor” dell’Unità di stabilizzazione del Regno Unito che ha il compito di destabilizzare vari paesi. È colonnello onorario dello Specialist Group Military Intelligence (SGMI).

Durante il suo periodo come analista dell’intelligence militare negli anni ’80 Donnelly ha scritto diversi libri e articoli sull’Unione Sovietica e sui suoi militari.

Donnelly  è personalmente  ossessionato dalla “minaccia russa”. La sua paranoia è evidente in un rapporto “privato – confidenziale” dello Statecraft Institute su The Challenge of Brexit al Regno Unito: Case study – The Foreign and Commonwealth Offices (pdf):

Il nostro problema è che, negli ultimi 70 anni circa, nel Regno Unito e in Europa abbiamo vissuto in un sistema sicuro e basato su regole che ci ha permesso di goderci una vacanza dalla storia.

Sfortunatamente, questo stato di cose è ora messo in discussione. Un nuovo paradigma di conflitto sta sostituendo il paradigma del 19° e 20° secolo.

In questo nuovo paradigma, la chiara distinzione che la maggior parte delle persone è stata in grado di tracciare tra guerra e pace, la loro aspettativa di stabilità e un grado di prevedibilità nella vita, vengono sostituite da un’imprevedibilità volatile, uno stato permanente di instabilità nella quale guerra e pace diventano sempre più difficili da districare. La comprensione “classica” del conflitto tra due distinti giocatori o gruppi di giocatori sta lasciando il posto a un mondo di competizione darwiniana in cui tutti i giocatori – stati nazione, attori substatali, grandi società, gruppi etnici o religiosi e così via – sono costantemente in lotta tra loro in una “guerra di tutti contro tutti”. Il sistema occidentale basato su regole, che la maggior parte degli occidentali dà per scontato e crede che sia “normale”, è sotto attacco da parte di paesi e organizzazioni che desiderano sostituire il nostro sistema con il loro. Questa non è una crisi che dobbiamo affrontare; è una sfida strategica, e da più direzioni contemporaneamente.

In realtà il “sistema occidentale basato sulle regole”, pienamente attuato dopo la fine dell’Unione Sovietica, è un concetto in base al quale “l’Occidente” inventa arbitrariamente delle regole e minaccia di uccidere chiunque non le segua.  Vedansi le guerre contro la Serbia, alla guerra in Iraq, alla distruzione della Libia, al colpo di stato guidato dall’Occidente in Ucraina e alla guerra dei delegati jihadisti contro il popolo della Siria e dell’Iraq. Nessuna di queste azioni era legale ai sensi del diritto internazionale. Chiedere un ritorno alla stretta aderenza allo stato del diritto internazionale, come fanno ora Russia, Cina e altri, non è un tentativo di sostituire “il nostro sistema con il loro”. È un ritorno allo stato normale della diplomazia globale. Non è certo una “competizione darwiniana”.

 

Scriveva Moon of Alabama nel novembre 2018:

La ” Integrity Initiative ” crea “cluster” o gruppi di contatto di giornalisti fidati, personale militare, accademici e lobbisti all’interno di paesi stranieri. Queste persone ricevono avvisi tramite i social media per agire quando il centro britannico percepisce un bisogno.

Il 7 giugno al cluster spagnolo sono bastate poche ore per far deragliare la nomina di Perto Banos a Direttore del Dipartimento di Sicurezza Nazionale in Spagna. Il gruppo ha stabilito che aveva una visione troppo positiva della Russia e ha lanciato una campagna coordinata di diffamazione sui social media (pdf) contro di lui.

più grande


L’iniziativa è nominalmente gestita nell’ambito dell’organizzazione non governativa (finanziata dal governo) The Institute For Statecraft . Il suo manuale interno (pdf) ne descrive lo scopo:

L’Integrity Initiative è stata istituita nell’autunno 2015 dall’Institute for Statecraft in collaborazione con la Libera Università di Bruxelles (VUB) per portare all’attenzione di politici, decisori politici, opinion leader e altre parti interessate la minaccia rappresentata dalla Russia alla democrazia istituzioni nel Regno Unito, in Europa e Nord America.

Elenca Bellingcat e il Consiglio Atlantico come “organizzazioni partner” e promette che:

I membri del cluster saranno inviati a sessioni educative all’estero per migliorare la competenza tecnica del cluster per affrontare la disinformazione e rafforzare i legami nella comunità del cluster. […] (Eventi con DFR Digital Sherlocks, Bellingcat, EuVsDisinfo, Buzzfeed, Irex, Detector Media, Stopfake, LT MOD Stratcom – aggiungi più nomi e proponi partecipanti al cluster come desideri).

Lo slogan orwelliano di Initiatives è “Difendere la democrazia dalla disinformazione”. Copre i paesi europei, il Regno Unito, gli Stati Uniti e il Canada e sembra voler espandersi in Medio Oriente.

Nella sua pagina Informazioni afferma:

Non siamo un ente governativo, ma collaboriamo con dipartimenti e agenzie governative che condividono i nostri obiettivi.

I piani di budget ora pubblicati mostrano che oltre il 95% dei finanziamenti dell’Iniziativa proviene direttamente dal governo britannico, dalla NATO e dal Dipartimento di Stato americano. Tutte le “persone di contatto” per la creazione di “cluster” in paesi stranieri sono ufficiali dell’ambasciata britannica. Si tratta di una campagna di influenza straniera da parte del governo britannico che si nasconde dietro una pseudo-ONG della “società civile”.

L’organizzazione è guidata da Chris N. Donnelly che riceve (pdf) £ 8.100 al mese per la creazione della rete della campagna diffamatoria.

Chris Donnelly – Foto via Euromaidanpress

Dalla sua domanda di bilancio 2017/18 (pdf) apprendiamo come funziona l’Iniziativa:

Contrastare la disinformazione russa e l’influenza maligna in Europa: ampliando la base di conoscenze; sfruttare le competenze esistenti e; istituire una rete di reti di esperti, opinionisti e responsabili politici, per educare il pubblico nazionale alla minaccia e per contribuire a costruire le capacità nazionali per contrastarla .

L’Iniziativa non è l’unica operazione del genere. Le sue domande cercano finanziamenti da un più ampio “Programma di comunicazione strategica in lingua russa” gestito dal Ministero degli Esteri. Cos’altro viene finanziato attraverso il budget di quel programma?

La richiesta di budget 2017/18 richiedeva un finanziamento FCO di £ 480.635. Ha ricevuto 102.000 sterline in cofinanziamento dalla NATO e dal Ministero della Difesa lituano. L’applicazione del bilancio 2018/19 mostra una spesa pianificata (pdf) di £ 1.961.000,00. I co-sponsor quest’anno sono ancora la NATO e il Ministero della Difesa lituano, ma includono anche (pdf) il Dipartimento di Stato americano con £ 250.000 e Facebook con £ 100.000. Il bilancio prevede una forte cooperazione con le forze armate locali di ogni paese. Rileva che la NATO è anche generosa nel finanziare i cluster locali.

Uno dei documenti liberati dall’Iniziativa è un memo di discussione etichettato come Top 3 Deliverable per FCO (pdf):

  • Sviluppare e dimostrare il concetto e la metodologia di cluster, istituendo cluster in una serie di paesi con circostanze diverse
  • Far vedere alle persone (nel governo, nei gruppi di riflessione, nell’esercito, ai giornalisti) il quadro generale, far riconoscere alla gente che siamo sotto attacco ibrido deliberato e concertato da parte della Russia
  • Aumentare la velocità di risposta, mobilitare la rete all’attivismo alla ricerca del “minuto d’oro”

Nella parte superiore 1, la configurazione dei cluster, un elemento secondario recita:

– Collega i media con il mondo accademico con i responsabili politici e i professionisti in un paese per avere un impatto sulla politica e sulla società: ( Jelena Milic che mette a tacere le voci pro-cremlino sulla TV serba )

Difendere la democrazia mettendo a tacere alcune voci della TV pubblica….

Un altro sottopunto rileva come l’Iniziativa influenzi segretamente i governi stranieri:

Ci impegniamo solo in modo molto discreto con i governi, basandoci interamente su contatti personali fidati, in particolare per garantire che non arrivino a vedere il nostro lavoro come un problema e per cercare di influenzarli delicatamente, come si addice a un’operazione di ONG indipendente come la nostra, vale a dire;
– Germania, tramite il Zentrum Liberale Moderne all’Ufficio del Cancelliere e MOD
– Paesi Bassi, tramite l’HCSS al MOD
– Polonia e Romania, a livello di desk nelle loro AMF tramite i loro rappresentanti della NATO
– Spagna, tramite consulenti speciali, nel MOD e nei PM ufficio (NB questo potrebbe cambiare molto presto con il nuovo governo)
– Norvegia, tramite contatti personali nel MOD
– HQ NATO, tramite l’Unità di pianificazione politica nell’ufficio della Sec Gen.
Abbiamo contatti latenti con altri governi che attiveremo in base alle necessità man mano che i cluster si svilupperanno.

Uno sguardo ai “cluster” costituiti negli Stati Uniti e nel Regno Unito mostra alcuni nomi di spicco.

più grande

I membri del Consiglio Atlantico, che ha un contratto per censurare i post di Facebook , compaiono in diversi elenchi di cluster. Il cluster principale del Regno Unito comprende anche alcuni nomi di spicco come il truffatore fiscale William Browder , lo sciocco dell’Atlantic Council Ben Nimmo e l’editorialista neoconservatore del Washington Post Anne Applebaum. Una persona di interesse è Andrew Wood che ha consegnato il “dossier sporco” di Steele al senatore John McCain per diffamare Donald Trump sulle presunte relazioni con la Russia. Un sottogruppo separato di cosiddetti giornalisti nomina Deborah Haynes, David Aaronovitch del London Times, Neil Buckley del FT e Jonathan Marcus della BBC.

più grande – più grande

Un ‘ Cluster Roundup ‘ (pdf) di luglio 2018 dettaglia le sue attività in almeno 35 paesi. Un altro file rivela (pdf) le istituzioni partner locali e le persone coinvolte nei programmi”.

https://www.moonofalabama.org/2018/11/british-government-behind-secret-anti-russian-disinformation-campaign.html

Cercate voi nei cluster i nomi italiani. Io mi astengo, perché ronzano le api assassine.

https://www.maurizioblondet.it/api-assassine-in-svezia-e-vespe-britanniche/

Nessun commento:

Posta un commento