L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 2 ottobre 2022

“Non puoi stampare petrolio!”. Stati Uniti pianificano altri atti di terrorismo? Certamente

Gli USA lanciano sul mercato la loro riserva strategica di petrolio

DWN:

Le riserve strategiche di petrolio greggio del paese sono immagazzinate in un totale di quattro caverne di sale  nella regione della costa del Golfo degli Stati Uniti. Per arginare l’aumento dell’inflazione, gli Stati Uniti stanno scaricando sul mercato grandi quantità delle loro riserve strategiche di petrolio. Questo innescherà un nuovo shock del prezzo del petrolio?

I tassi di inflazione galoppanti in tutto il mondo stanno costringendo le banche centrali e i governi ad adottare misure drastiche nella lotta contro la caduta del valore del denaro da qualche tempo. Uno degli strumenti sono gli aumenti dei tassi jumbo, che la Federal Reserve continua a guidare. I forti rialzi dei tassi di interesse hanno un effetto frenante sul lato della domanda, ma un approccio troppo coraggioso in questo caso rischia di schiacciare finalmente un’economia su cui si è già fatto affidamento. Soprattutto quando le banche centrali che agiscono insieme nella stessa direzione sul fronte dei tassi di interesse si spingono complessivamente troppo oltre. Allo stesso tempo, da maggio di quest’anno, anche gli USA sono attivi dal lato dell’offerta. Il settore energetico è un fattore chiave dell’inflazione. Per intervenire a questo punto, gli Stati Uniti stanno scaricando sul mercato grandi quantità della loro riserva strategica di petrolio. Il programma è terminato a breve.

La riserva petrolifera strategica degli Stati Uniti (SPR).

 

Le riserve strategiche di petrolio greggio del paese sono immagazzinate in un totale di quattro caverne di sale sotterranee nella regione della costa del Golfo degli Stati Uniti. I quattro giacimenti in Texas e Louisiana contengono circa 714 milioni di barili di greggio, rendendo l’SPR statunitense la più grande fornitura di emergenza pubblicamente nota al mondo. I giacimenti sono inoltre strategicamente collegati a vari sistemi di oleodotti, con accesso a diversi centri di raffineria, oleodotti interstatali e terminali marittimi per la distribuzione del greggio. L’SPR è stato avviato e istituito nel 1975, dopodiché le forniture di petrolio erano state temporaneamente interrotte durante l’embargo petrolifero avvenuto poco prima, con l’obiettivo di poter attutire eventuali interruzioni di approvvigionamento in futuro. È vero che gli Stati Uniti non possono coprire il proprio fabbisogno dagli impianti di stoccaggio di emergenza senza altri afflussi, poiché la loro capacità di prelievo giornaliera è circa cinque volte inferiore alla domanda interna a causa di restrizioni tecniche. Tuttavia, i 4,4 milioni di barili estraibili al giorno sono stati finora più che sufficienti per far fronte a strozzature temporanee. La riserva strategica di petrolio è principalmente una riserva di petrolio greggio e non una scorta di combustibili petroliferi raffinati come benzina, diesel e cherosene.

L’inflazione come emergenza

 

Non è un segreto che gli Stati Uniti utilizzino effettivamente questa riserva. Questo rimedio è stato utilizzato durante la prima Guerra del Golfo, e successivamente anche durante i disastri naturali (uragano Katrina) o durante i disordini della cosiddetta Primavera Araba. Oltre ai prelievi diretti in questi casi, viene sempre prestato olio di riserva. Se le aziende del settore, siano esse produttrici, raffinerie o gestori di gasdotti, si trovano ad affrontare interruzioni di fornitura, è abbastanza comune fornire loro un “credito” dall’SPR. Quindi, quando le condizioni tornano alla normalità, il petrolio precedentemente ricevuto viene restituito alla riserva strategica, integrato da petrolio aggiuntivo, di fatto a titolo di interessi. Inoltre, la legislazione americana consente anche l’utilizzo della riserva strategica, per finanziare il disavanzo di bilancio. È interessante notare che le vendite effettuate a questo scopo rimangono inedite.

Da novembre 2021 l’SPR è considerato una panacea contro la spirale inflazionistica. Consapevoli che i prezzi galoppanti dell’energia sono il principale motore di questo sviluppo e anche perché i paesi arabi produttori di petrolio non hanno mostrato né la volontà né la capacità di aumentare la propria produzione in misura tale da contrastare efficacemente la pressione sui prezzi, gli Stati Uniti hanno aperto i suoi carri armati. I primi 50 milioni di barili sono stati seguiti da altri 30 milioni il 1 marzo di quest’anno a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina e dell’aggravarsi della crisi energetica . Solo quattro settimane dopo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha rilasciato un altro milione di barili. Al giorno, per un periodo di sei mesi, a partire dal 1 maggio.

La pubblicazione del piano per liberare dalle riserve strategiche fino a 180 milioni di barili di greggio, l’importo più grande fino ad oggi, è stato sufficiente per abbassare notevolmente il prezzo dell’oro nero. Il giorno dell’annuncio, è immediatamente sceso del 7% e nei successivi sette giorni di negoziazione è sceso di un altro quasi l’8%. L’obiettivo del piano di Biden era quello di fornire un ponte per l’indebolimento dell’offerta statunitense fino all’autunno, in previsione della ripresa della produzione interna. Tuttavia, l’effetto desiderato è difficile da misurare. In vista dell’escalation senza precedenti della crisi energetica, ma anche perché Arabia Saudita & Co. non stavano tirando nella stessa direzione degli Stati Uniti, il prezzo del petrolio ha inizialmente continuato a salire. Giochi di potere in tempo di crisi. Tuttavia, si può presumere che questa misura abbia certamente contribuito ai prezzi del petrolio attualmente “basso”, che hanno accelerato e continuano a sostenere il raffreddamento, trainato principalmente dal timore di una recessione. La scorsa settimana, ad esempio, 8,4 milioni di barili del solo SPR sono confluiti negli impianti di stoccaggio del petrolio commerciale per essere commercializzati da lì. Tuttavia, le scorte in questi depositi sono aumentate solo di 2,4 milioni di barili in questo periodo, ovvero sei milioni di barili – che corrispondono quasi al volume aggiuntivo giornaliero – il mercato assorbe prontamente, “sopra”. L’effetto prezzo non è stato osservato . La domanda di petrolio è enorme nonostante le minacce di recessione e lo zero Covid hara-kiri economico cinese. In uno scenario senza i volumi aggiuntivi americani, ciò sarebbe senza dubbio evidente, sia nel prezzo che nello stoccaggio commerciale significativamente esaurito. Nonostante l’aumento dell’SPR, i loro livelli di riempimento sono al di sotto della media a lungo termine.

Deviazione dal piano?

 

Naturalmente, la scelta del periodo di tempo durante il quale Joe Biden ha voluto ridurre massicciamente l’inflazione, il petrolio e, soprattutto, i prezzi dei carburanti non è stata subordinata solo a considerazioni puramente economiche. Le elezioni americane di medio termine si terranno l’8 novembre e la posta in gioco per Biden è alta. Sarebbe bello poter riportare dei successi sul fronte dei prezzi. La fine del programma era quindi prevista per la fine di ottobre, dopo che le elezioni di novembre avrebbero dovuto essere riacquistate. Secondo gli ultimi annunci, a questa componente temporale viene ora aggiunta una componente di prezzo. La Casa Bianca prevede di aumentare la riserva solo quando il prezzo del greggio scenderà nuovamente sotto gli 80 dollari. Ciò è ipotizzabile, visti i tempi economici difficili che si profilano. Tuttavia, l’effetto prezzo non è da sottovalutare, le sanzioni dell’UE contro le forniture petrolifere russe che entreranno in vigore a dicembre avrebbero potuto, a maggior ragione se in questa fase critica fossero mancate le precedenti quantità statunitensi. Se, oltre all’offerta in Occidente, che quasi certamente sarà notevolmente ridotta – anche Vladimir Putin dovrebbe essere preso sul serio qui – ci fosse ancora ulteriore domanda perché Joe Biden voleva riempire i suoi magazzini in quel momento, l’effetto sui prezzi sarebbe essere fatale. Secondo gli addetti ai lavori della scena politica di Washington, c’è già un dibattito dietro le quinte sull’approccio esattamente opposto. Sempre più decisori sembrano prendere in considerazione ulteriori rilasci dalla riserva strategica di petrolio a novembre, dicembre o gennaio, sebbene l’importo previsto non sia ancora trapelato.

“Non puoi stampare petrolio!”

 

I recenti dati sull’inflazione, sia negli Stati Uniti che nell’Eurozona, rimangono disastrosi, con il settore energetico che continua a essere la forza trainante. Sebbene l’impatto della vendita dell’SPR non possa essere valutato in dettaglio, è ragionevole presumere che sia uno dei driver dell’attuale tendenza al ribasso dei prezzi del greggio. E se è vero, certo, che la Fed non stampa petroliopossibile, il governo degli Stati Uniti ha, in un certo senso, “stampato” più barili attraverso il veicolo dell’SPR. Tuttavia, questa capacità è limitata, a lungo termine questa grande forza deflazionistica è insostenibile. Da un lato, poiché le scorte a un certo punto vengono semplicemente esaurite, la riserva di emergenza contiene attualmente quasi 440 milioni di barili, che è il livello più basso dal 1984, ma dall’altro, perché un continuo calo dei prezzi metterebbe la produzione interna sotto pressione. Uno sguardo alla curva dei futures, ovvero il confronto tra i prezzi a breve e quelli futuri, mostra un’interessante possibilità per risolvere il dilemma: in teoria, il governo statunitense può vendere il proprio petrolio giornalmente sul mercato spot e al allo stesso tempo continuare a venderlo nella stessa misura nei contratti future di acquisto. A causa della struttura inversa della curva, nota anche come “backwardation”, questi sono più economici dei futures sul petrolio a più breve scadenza. Ciò abbasserebbe sia il prezzo del petrolio che i prezzi alla pompa, ci si aspetterebbe nel complesso un effetto deflazionistico, i produttori si atterrebbero alle loro armi e sarebbe assicurato anche il riempimento della riserva strategica.

Per inciso, la strategia statunitense ha sicuramente dato i suoi frutti sotto un aspetto: secondo il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, il prezzo medio che il governo statunitense ha pagato per le sue riserve di petrolio è di 29,70 dollari al barile. Il prezzo medio della varietà di riferimento WTI tra maggio e metà settembre di quest’anno è di 101,50 dollari USA.

Mai più gas russo –

[…]

Grazie alle sanzioni propagandate, è risaputo che l’UE ha tagliato il suo cavo dall’energia russa (direttamente proveniente) e, tra le altre cose, fa affidamento sul gas di fracking americano, dannoso per l’ambiente e troppo caro. Ma il fatto che l’Unione così affine alla protezione del clima voglia passare ad essa è completamente nuovo. Nonostante non sia stato ancora deciso un embargo sul gas, tutto sembra andare per il verso giusto. Gli USA stanno cercando di aiutare l’Europa. L’atto più o meno evidente di sabotaggio ha lo scopo di sollevare l’UE dalla sua decisione. Che importa agli americani se il nostro continente precipita in una catastrofe economica? Al contrario, non devi preoccuparti di un concorrente sul mercato mondiale.

Il portavoce della politica estera liberale Axel Kassegger chiede quindi all’Ue chiarimenti completi e un impegno per gli interessi europei: “Non può essere nell’interesse dell’Europa essere tagliati fuori dal gas russo. È giunto il momento che l’UE faccia pressione sulle due parti in guerra affinché entrino finalmente in seri negoziati per porre fine alla guerra il prima possibile”.

Ha anche fatto appello alla ragione: “L’Europa è lontana dal poter fare a meno del gas russo in questo momento. Con i difetti tecnici nelle tubazioni, la fornitura è appesa a un filo. Le recenti dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti Biden sono altamente degne di esame. Un ripensamento deve finalmente aver luogo!” Non c’è altro da aggiungere.

USA pianificano ulteriori sabotaggi

ZurZeit (Austria)

 

Nessun commento:

Posta un commento