L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 15 ottobre 2022

Vinta la GUERRA FINANZIARIA con Euroimbecilandia in piena RECESSIONE gli Stati Uniti potrebbero pensare di portare i NAZISTI ucraini sul tavolo delle trattative

Se Pepe Escobar annuncia al mondo che il Grande Reset è Europeo e passa per la deindustrializzazione EU…
Nel mentre Elon Musk annuncia, di fatto, la fine della guerra in Ucraina. Il piano del Reset forse non andrà come da attese iniziali, ma ci sarà una costante: la fine dell'EU e dell'euro (e la nascita di un nuovo nazismo restaurativo per le vecchie aristocrazie, come dopo il 1848)



Pepe Escobar ci ha dato una pillola interessante, in un suo interessante essay degli scorsi giorni: il grande reset, fenomeno prettamente EUropeo (determinato dal fallimento dei sistemi previdenziali, in primis, che poi si portano dietro la fine della competitività EU, ndr), passa per la deindustrializzazione dell’EUropa.

Un pillola di somma grandezza.

Tale deindustrializzazione viene generata da prezzi energetici ai massimi, che deindustrializzano e poi fracassano la società.

Fa specie per altro che i prezzi elevati dell’energia inizialmente furono voluti alti dall’EU, stoccaggi non riempiti, stop al nucleare EU ecc., per far passare in emergenza in North Stream, d’accordo coi russi (come furono d’accordo, russi e tedeschi, per il NS1, “fottendo” Varoufakis e il suo referendum per l’uscita dall’euro, ndr).

Questa volta gli anglo hanno mangiato la foglia e, per salvare prima di tutto Londra, hanno fatto degenerare la guerra in Ucraina in una guerra senza fine. Poi il North Stream bombardato, opera di professionisti, che lascia aperta solo una piccola dorsale, sufficiente a far litigare famiglie e fabbriche in Germania per chi dovrà sopravvivere.

Che poi oggi gli UK siano attaccati dalla finanza EUropea è solo una normale contro-conseguenza.

*****
Ora qualcuno vorrebbe la guerra con la Russia, ma non ci sarà…

Poi è stata la guerra con la Russia, in fieri, ben sapendo che non sarà comunque necessaria, lato USA: infatti se l’EUropa implode anche la Russia verrà degradata economicamente, a termine. Un bel piano, non c’è che dire.

Se però vi aspettate che chi scrive stia con l’EU vi sbagliate di grosso. La battaglia col comunismo si vinse infatti perché l’alternativa di vita migliore era quella non comunista.

Oggi l’EU ci mette sul piatto della bilancia tornare a sieri non testati, lockdown, dirigismo, simil piano Aktion T4, imposizioni regolatorie da Bruxelles che sembrano la DDR, asimmetria in EU a favore dei paesi ex Vichy. Ed élite al potere, vedasi il film visionario ed iper-realistico Ready Player One. Con annessa punizione (eventuale) per i mavercick antiprogetto del Reset tipo “Troika greca“, che poi si tradusse in esplosione della mortalità infantile post 2010 ad Atene, via EU e – appunto – Troika (Lagarde a capo dell’FMI e Cottarelli come emissario in Grecia, dice qualcosa?).

Dunque, fatta tale considerazione, non si può che considerare l’EU, questa EU, come il male assoluto, parlo a nome/a favore della gente che non è né nobile né elitaria, ossia come classe media/la gallina da spolpare (…)

Come capite, non è possibile tifare contemporaneamente per partiti come la Lega dichiaratamente pro Germania e dirsi sovranisti allo stesso tempo.

Oggi la sfida è tra gente comune e élite che si auto-rigenerano. Chiaramente, giunti a questo punto, con il sistema economico prima di tutto italiano, il vero canarino nella miniera EU, prossimo all’implosione, saranno necessarie azioni drastiche. Ossia non tasse, che sarebbero confische e trasformerebbero il governo in un regime, non si è ancora pronti. Ma con qualcosa di più sottile: eliminare il dissenso, a 360 gradi.

->Salvare le cadreghe e i privilegi storici è la base di tutto, oggi..

Dunque, da una parte abbiamo la censura, che vedete ovunque. Dall’altra la necessità di depopolare, vedremo gli effetti che i sieri inoculati avranno nel medio termine (…).

Lascio perdere le prossime mosse finanziarie ed economiche degli USA, che porteranno tassi mondiali e dollaro dove vogliono a Washington, fracassando l’EU con mosse inconsulte. Le analisi economiche restano argomento che discuteremo solo ex post, sempre, nessuna previsione anticipata è gratis, dove ci sono soldi da fare (…).

In soldoni possiamo riassumere: futuro EU in mano delle aristocrazie/élite, come sempre, i Don Rodrigos reloaded in veste azzurra e stelline d’oro a cerchio. Ma con l’euro che inopinatamente morirà, per mano anglo prima di tutto (aiutati in modo sostanziale dall’incapacità delle élite politiche EU).

*****
Caso Elon Musk

Il tycoon USA, che acquisterà Twitter ma solo in prossimità delle Midterm, per quello che verrà dopo (…), ha già annunciato che:

– vuole la pace in Ucraina

– non darà più i servizi Starlink all’Ucraina, o si paga o nulla (praticamente, nulla)

Stante che Musk è l’uomo dei militari USA nell’imprenditoria, il loro seeding diciamo, ciò significa che la guerra in Ucraina è prossima alla fine.

Ed i boiardi ucraini, che perdono così potere e soldi, sbraitano…

Nessun commento:

Posta un commento